Archivio

Archive for the ‘biodiversità’ Category

Scempi ambientali e bandiere blu sul Corriere della Sera.


Teulada, Tuerredda, “bandiera blu” (agosto 2018)

Le bandiere blù assegnate ogni anno dalla Fondazione per l’Educazione Ambientale (F.E.E.) spesso sono vere e proprie foglie di fico per tentare di nascondere veri e propri scempi ambientali.

Leggi tutto…
Annunci

Tagli boschivi di dubbia legittimità nella riserva naturale Farma.


L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (12 giugno 2019) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti riguardo l’intervento di taglio boschivo ceduo e fustaia di conifere per un’estensione di circa 30 ettari in località Poggio Volpaio – Belagaio, in Comune di Roccastrada (GR).

Leggi tutto…

I piani di controllo faunistico devono essere assoggettati alla procedura di valutazione ambientale strategica.


Cinghiale (Sus scrofa)

Rilevante pronuncia dei Giudici amministrativi napoletani in tema di gestione del patrimonio faunistico.

Leggi tutto…

Si prepara il consueto scempio estivo della spiaggia di Tuerredda, sulla costa di Teulada.


Teulada, spiaggia di Tuerredda (giugno 2019)

In tanti blaterano felici della bandiera blu sulla spiaggia di Tuerredda, lungo il litorale di Teulada SU).

Leggi tutto…

La speculazione energetica nella Tuscia.


Tuscia, acquedotto romano

Questa è la scheda consegnata dalla delegazione di esponenti delle associazioni ambientaliste Italia Nostra, Assotuscania, Forum Ambientalista, Legambiente, Lipu-BirdLife Italia e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel corso di un incontro tenutosi il 3 giugno 2019 in merito al progetto” di realizzazione di  un “Impianto  fotovoltaico  a  terra  della  potenza  di  circa 150 MWp connesso alla RTN”, proposto dalla società energetica romana DCS s.r.l., in  località Pian di Vico, nel Comune di Tuscania (VT).

Leggi tutto…

I Convegno Nazionale sui domini collettivi “Il cammino delle terre comuni”. Dalle leggi liquidatorie degli usi civici al riconoscimento costituzionale dei domini collettivi.


Tuscia, acquedotto romano

Con la legge n. 168 del 20 novembre 2017 è stata istituita la figura giuridica dei Domini collettivi con la quale viene finalmente riconosciuta dalla Costituzione italiana, accanto alla proprietà pubblica e privata, la proprietà collettiva quale patrimonio identitario delle comunità locali che su di essa hanno costruito nei secoli la loro storia.

Leggi tutto…

Requiem per Palmaria?


Palmaria è un’isoletta di nemmeno 2 chilometri quadrati.

Leggi tutto…