Archivio

Posts Tagged ‘Alpi Apuane’

Alpi Apuane: niente nuove cave o riattivazione delle dismesse nella zona di protezione speciale!


Tritone alpestre apuano (Ichthyosaura alpestris apuana)

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inviato (3 aprile 2019) una nuova specifica istanza di accesso civico, informazione ambientale e adozione degli opportuni provvedimenti (dopo quella del 18 ottobre 2018) riguardo i piani attuativi dei bacini estrattivi (P.A.B.E.) che, entro il giugno 2019, dovranno pianificare le attività estrattive in attuazione del Piano di indirizzo territoriale (P.I.T.) con valenza di piano paesaggistico e dellalegge regionale Toscana n. 65/2014 sul governo del territorio.

Leggi tutto…
Annunci

Chiuse temporaneamente sei cave con estrazioni di marmo abusive sulle Alpi Apuane.


Alpi Apuane

Sei cave che han visto estrazioni di marmo abusive superiori a mille metri cubi sono state temporaneamente chiuse nel territorio comunale di Carrara.

Leggi tutto…

La rettifica dei confini del parco naturale regionale delle Alpi Apuane è illegittima.


Tritone alpestre apuano (Ichthyosaura alpestris apuana)

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (27 novembre 2018) una motivata istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti con la specifica richiesta di annullamento in via di autotutela della deliberazione del Consiglio direttivo del Consorzio di gestione del Parco naturale regionale delle Alpi Apuane n. 50 del 15 novembre 2018, in quanto il Consiglio direttivo del Consorzio di gestione dell’Area naturale protetta appare aver palesemente ecceduto la delega attribuita dal Legislatore regionale Toscano.

Leggi tutto…

Che cosa si è fatto sulle estrazioni di marmo abusive sulle Alpi Apuane?


Alpi Apuane

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inviato una specifica istanza di accesso civico, informazione ambientale e adozione degli opportuni provvedimenti (12 novembre 2018) riguardo le attività che i Comuni devono porre in essere in riferimento alle estrazioni abusive di marmo superiori a 1.000 metri cubi rispetto a quanto autorizzato nei rispettivi siti estrattivi ai sensi dell’art. 58 bis della legge regionale Toscana n. 35/2015 e s.m.i., recentemente introdotto[1].  

Leggi tutto…

Il Ministero dell’Ambiente chiede chiarimenti riguardo la Cava Romana sulle Alpi Apuane.


SONY DSC

Alpi Apuane

Il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare – Direzione generale per la salvaguardia del territorio e delle acque ha chiesto (nota prot. n. 21194/STA del 23 ottobre 2018) alla Regione Toscana e al Comune di Massa chiarimenti in relazione ai lavori estrattivi abusivi effettuati alla Cava Romana e oggetto di provvedimenti di ripristino ambientale per verificare se “emergano profili di danno ambientale”. Leggi tutto…

Niente nuove cave o riattivazione delle dismesse nella zona di protezione speciale delle Alpi Apuane!


IT5120015_A4-vert - Copia

Zona di Protezione Speciale (Z.P.S.) “Praterie primarie e secondarie delle Apuane”

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inviato una specifica istanza di accesso civico, informazione ambientale e adozione degli opportuni provvedimenti riguardo i piani attuativi dei bacini estrattivi che, entro il giugno 2019, dovranno pianificare le attività estrattive in attuazione del Piano di indirizzo territoriale (P.I.T.) con valenza di piano paesaggistico e della legge regionale Toscana n. 65/2014 sul governo del territorio. Leggi tutto…

Le abnormi pretese del sindaco di Vagli Sotto e della sua amministrazione comunale saranno rispedite al mittente.


Alpi Apuane, il bivacco Aronte e Punta Carina

Alpi Apuane, il bivacco Aronte e Punta Carina

In relazione a quanto pubblicato nell’articolo “«Leverotti ci ha diffamati» Vagli chiede 5 milioni e mezzo” su Il Tirreno, edizione del 24 settembre 2018, notizia poi ripresa da altre Fonti di Informazione, il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus replica di essersi ritualmente costituito nel giudizio pendente nanti il Tribunale di Massa e di aver contestato, così come ancora contesta, fondatezza in fatto e in diritto dell’azione proposta dagli attori: Amministrazione comunale di Vagli Sotto e Sindaco Mario Puglia. Leggi tutto…