Archivio

Posts Tagged ‘alienazione’

Non si possono sanare gli abusi edilizi sui terreni a uso civico per poi sdemanializzarli e venderli.


girasoli nel bosco

bosco e girasoli

anche sulla Rivista telematica di diritto ambientale Lexambiente (“Non si possono sanare gli abusi edilizi sui terreni a uso civico per poi sdemanializzarli e venderli“), 11 giugno 2018

 

Pronuncia di grande rilievo quella recentemente emessa dalla Corte costituzionale in materia di usi civici, sollecitata da un’ordinanza di remissione degli atti nel corso di un giudizio da parte del Commissario per gli usi civici di Roma. Leggi tutto…

Annunci

Difendiamo il demanio civico e il bosco di Rocca d’Evandro!


Rocca d'Evandro, demanio civico Feudo Vandra

Rocca d’Evandro, demanio civico Feudo Vandra

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (18 maggio 2018) un ricorso al Commissario per gli Usi Civici per la Campania e il Molise per mantenere più di 18 ettari di terreno nel demanio civico (legge n. 1766/1927 e s.m.i., regio decreto n. 332/1928 e s.m.i., legge regionale Campania n. 11/1981 e s.m.i.) del Feudo Vandra, a  Rocca d’Evandro (CE). Leggi tutto…

Demanio civico di Portoscuso e centrale eolica, arrestato il sindaco di Portoscuso.


 

Portoscuso, Capo Altano - Guroneddu

 

Clamorosi sviluppi delle indagini penali condotte dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari (dott. Daniele Caria) e dal Corpo forestale e di vigilanza ambientale: è stato arrestato il sindaco di Portoscuso Adriano Puddu. Le accuse sono di corruzione e concussione e si riferiscono alla progettata realizzazione di una centrale eolica sui 540 ettari di demanio civico di Portoscuso (Capo Altano-Guroneddu) da parte della Portovesme s.r.l., che ha già realizzato un’altra centrale eolica presso la zona industriale di Portovesme.

In merito alla vicenda dell’illegittima alienazione dei terreni appartenenti al demanio civico portoscusese le associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico avevano inoltrato specifico esposto (15 aprile 2011) alle amministrazioni pubbliche (in primo luogo proprio al Comune di Portoscuso) e alle magistrature competenti. Dall’Agenzia Argea era pervenuta conferma dell’assenza di autorizzazioni in proposito[1].  Dal Comune di Portoscuso nessuna comunicazione in merito al richiesto recupero dei terreni al demanio civico previsto per legge. Leggi tutto…