Home > aree urbane, beni culturali, coste, difesa del territorio, mare, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > L’amministrazione comunale di Porto Venere non può vendere proprio nulla.

L’amministrazione comunale di Porto Venere non può vendere proprio nulla.


E’ pervenuta rapidamente la risposta della Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Genova (nota prot. n. 105 del 7 gennaio 2021) all’istanza inviata (2 gennaio 2021) dall’associazione ecologista Gruppo d’intervento Giuridico odv per inibire l’alienazione di centoquattro metri quadri di Piazza Spallanzani, all’incrocio fra Via Vittoria e Via Colonna, nel centro storico di Porto Venere, inseriti nell’aggiornamento del piano delle alienazioni immobiliari e delle valorizzazioni 2021-2023,  approvato dal Consiglio comunale con la deliberazione n. 58 del 22 dicembre 2020.

L’affare salta, per ora.

La Soprintendenza genovese è stata chiarissima: “Trattandosi di immobili di proprietà pubblica aventi più di settanta anni, tali beni sono sottoposti ope legis alle disposizioni di tutela del D. Lgs. 42/2004 Parte Seconda ‘Beni Culturali’.

Infatti secondo il combinato disposto degli articoli 10 c. 1 e 12 c.1 del D. Lgs. 42/2004, le cose immobili e mobili appartenenti allo Stato, alle Regioni, ad altri Enti pubblici territoriali nonché ad ogni altro ente ed istituto pubblico e a persone giuridiche private senza fine di lucro – che siano opera di autore non più vivente e la cui esecuzione risalga ad oltre settanta anni – sono sottoposte alle disposizioni di tutela del patrimonio culturale fino a quando non sia stata effettuata la verifica dell’interesse culturale di cui all’art. 12 c.2.

Fino alla conclusione del procedimento di verifica previsto dall’art. 12 i beni sono inalienabili.

Se il procedimento di verifica si conclude con esito negativo, gli immobili divengono liberamente alienabili ai fini del Codice dei beni culturali e del paesaggio. Al contrario, se la verifica si conclude con l’accertamento dell’interesse artistico, storico o etnoantropologico l’alienazione del bene è subordinata all’autorizzazione ministeriale disciplinata dall’art. 55 del D. Lgs. 42/2004. Nel caso, infine, venga accertato l’interesse archeologico permarrebbe l’inalienabilità del bene immobile”.

Non solo, “Nel caso … (il, n.d.r.) Comune intendesse procedere a verificare tali aree, la verifica dovrà essere estesa all’intera via o all’intero sistema viario del borgo, al fine di compiere un’unica valutazione ad una scala adeguata, evitando più verifiche dilazionate nel tempo di porzioni di per sé poco significative, in un’ottica di razionalizzazione dei procedimenti a carico delle amministrazioni coinvolte”.

L’acquirente dovrà attendere e, forse, invano.     Si tratta della Locanda di San Pietro, piccolo hotel a cinque stelle (28 camere, di cui 5 suites) attualmente in corso di ristrutturazione, così come forse non servirà nemmeno la stima di 46.800,00 euro, effettuata da una libera professionista incaricata.

Meno di 50 mila euro per un pezzetto di centro storico, tutelato con vincolo paesaggistico e vincolo culturale (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), rientrante dal 1997 nel sito Unesco di Porto Venere, delle Cinque Terre e delle Isole (Palmaria, Tino, Tinetto).

Un vero affare, però senza far i conti con l’oste.

Infatti, la Piazza Spallanzani con le sue pertinenze, così come l’intero centro storico, è un bene culturale (artt. 10 e ss. del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e, in assenza di dichiarazione di inesistenza del valore culturale da parte dei competenti organi del Ministero per i Beni e Attività Culturali e il Turismo, non può perdere l’utilizzo pubblico e subire variazioni d’uso, immediatamente conseguenti all’alienazione a un soggetto imprenditoriale privato.

L’associazione ecologista Gruppo d’intervento Giuridico odv, su segnalazione di residenti, aveva  inviato una specifica istanza finalizzata all’annullamento in via di autotutela della deliberazione consiliare finalizzata all’alienazione e all’adozione di provvedimenti di inibizione della perdita del valore di bene culturale al Ministero per i Beni e Attività Culturali e il Turismo, alla Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Genova, al Comune di Porto Venere e, per opportuna conoscenza, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di La Spezia.

Analoga situazione, “perchè tanto il Comune non avrebbe risorse adeguate per mantenerlo”, magari si verificherà in futuro anche per parti più o meno grandi dell’Isola Palmaria, acquisita in gran parte al Comune di Porto Venere dalla Marina Militare nel febbraio 2020 e tuttora a rischio speculazione.

Uno scenario da evitare assolutamente e ci sono gli strumenti per farlo, perché siamo in uno Stato di diritto, non in una repubblica delle banane.

Gruppo d’intervento Giuridico odv

Porto Venere, Piazza Spallanzani

(foto da Wikimedia Commons)

  1. gennaio 8, 2021 alle 10:19 am

    da Il Secolo XIX, 7 gennaio 2021
    Piazza in vendita a Porto Venere: nuovo stop della Soprintendenza. La risposta da Genova agli ambientalisti del gruppo di intervento giuridico. “L’alienazione è sospesa fino al termine della verifica di interesse culturale”. (Sondra Coggio): https://www.ilsecoloxix.it/la-spezia/2021/01/07/news/piazza-in-vendita-a-porto-venere-nuovo-stop-della-soprintendenza-1.39744626

    ____________________

    da Liguria Oggi, 7 gennaio 2021
    Portovenere – Il Comune non può vendere ai privati piazza Spallanzani: https://liguriaoggi.it/2021/01/07/portovenere-il-comune-non-puo-vendere-ai-privati-piazza-spallanzani/

    __________________

    da Levante News, 7 gennaio 2021
    Porto Venere: “Il Comune non può vendere proprio nulla”: http://www.levantenews.it/index.php/2021/01/07/porto-venere-il-comune-non-puo-vendere-proprio-nulla/

  2. donatella
    gennaio 8, 2021 alle 11:49 am

    Grazie GrIG !
    Forse con te non sarà Repubblica dell Banane……

  3. porico
    gennaio 8, 2021 alle 12:01 PM

    “E allora cosa mi candido a fare?” Così rispose un amministratore del mio Comune quando gli dissi che il lotto di terreno edificabile di proprietà Comunale ubicato in via Matteoti non era vendibile a trattativa privata ne con permuta mascherata. Però ,bisogna pur dire che il mio Comune è fuori dalla giurisdizione dello stato Italiano.

  4. febbraio 12, 2021 alle 12:22 PM

    tutto è bene quel che finisce bene 🙂

    da La Nazione, 22 gennaio 2021
    Piazza Spallanzani, retromarcia del Comune.
    Il sindaco trova la quadra nel confronto con la proprietà della Locanda. E annuncia il ritiro della manifestazione di interesse: https://www.lanazione.it/la-spezia/cronaca/piazza-spallanzani-retromarcia-del-comune-1.5938596

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: