Archivio

Posts Tagged ‘Siria’

Ieri come oggi la libertà vien dal cielo, con le bombe.


Cagliari, quartiere Villanova (visto dal Bastione di St. Remy) dopo i bombardamenti del febbraio 1943

Cagliari, quartiere Villanova (visto dal Bastione di St. Remy) dopo i bombardamenti del febbraio 1943

Sono passati settantacinque anni, ma non è cambiato nulla. Leggi tutto…

Annunci

Gas sulla pelle dei bambini.


Pochi giorni dopo il vigliacco e sanguinario attentato alla metropolitana di San Pietroburgo (14 morti e decine di feriti), attribuito al fondamentalismo islamico, ecco un bombardamento con gas tossico, probabilmente il gas nervino sarin, su Idlib, nella Siria settentrionale vicino al confine con la Turchia, sotto il controllo di forze fondamentaliste islamiche. Leggi tutto…

Fino a quando?


Questi maledetti delinquenti dell’Isis, questi barbari assassini, dimostrano ogni giorno di che pasta sono fatti.

Fino a quando questi delinquenti e, soprattutto, chi li ha creati e li finanzia rimarranno impuniti? Leggi tutto…

Fuga dalla guerra, verso la morte.


Bodrum (Turchia), Aylan, bambino in fuga dalla guerra annegato

Bodrum (Turchia), Aylan, bambino in fuga dalla guerra annegato

Aylan aveva solo 3 anni.

E’ morto annegato in fuga da Kobane, massacrata da quei delinquenti sanguinari dell’I.S.I.S. Leggi tutto…

Barbari assassini.


Palmyra (foto Wikipedia)

Palmyra (foto Wikipedia)

C’è chi muore per difendere la propria cultura, i simboli della propria identità.

C’è chi continua a massacrare nel falso nome di una religione.

Nella Siria dilaniata dalla guerra feroce e sanguinaria, dove le donne festeggiano liberandosi dal velo nero quando riescono finalmente a sfuggire all’Isis, questi barbari assassini dimostrano ogni giorno di che pasta sono fatti.

Khaled Asaad, archeologo ottantaduenne, è stato decapitato e appeso a una colonna della sua Palmira per averla difesa, anche nascondendo centinaia di statue e reperti antichi dalla follìa distruttrice dei fondamentalisti islamici e, soprattutto, dalla loro avidità. Leggi tutto…

Il velo nella Siria dei fondamentalisti islamici.


Siria, Rojava, donna siriana si libera dal velo (giugno 2015)

Siria, Rojava, donna siriana si libera dal velo (giugno 2015)

Nella Siria dilaniata dalla guerra feroce e sanguinaria, il tradizionale velo nero imposto dai fondamentalisti islamici può esser strumento di gioia…quando vien lanciato via.

Le donne siriane festeggiano liberandosi dal velo nero quando riescono finalmente a entrare nella zona controllata dai Curdi a Rojava, sfuggendo all’Isis.

E il velo può essere anche strumento di morte. Leggi tutto…

Siamo in guerra, siamo ancora una volta in guerra senza che nessuno ci abbia chiesto niente.


Forse il barbaro assassinio del giornalista americano James Foley, freelance rapito in Siria nel 2012, da parte dei delinquenti dell’I.S.I.S., il preteso nuovo califfato islamico a cavallo fra Iraq e Siria, sta aprendo gli occhi a decine di milioni di persone nel mondo occidentale.

Per loro si tratta della risposta annunciata ai bombardamenti decisi dal Presidente U.S.A. Barak Obama sulle milizie islamiche in rapida avanzata.

Siamo in guerra, siamo ancora una volta in guerra. Leggi tutto…