Sardegna piattaforma di produzione energetica.


centrale eolica off shore, Germania

Il 21 febbraio 2022 Terna s.p.a., la società pubblica di gestione della rete elettrica nazionale, ha svolto l’asta pubblica per il mercato delle capacità per l’anno di consegna 2024.

Il mercato delle capacità è “un meccanismo con cui Terna si approvvigiona di capacità attraverso contratti di approvvigionamento di lungo termine aggiudicati con aste competitive”. In parole povere, consente di avere forniture energetiche certe per un consistente periodo temporale.

L’esito della recente asta pubblica ha consentito di conoscere un nuovo tassello del futuro della Sardegna e della prossima servitù energetica.

Nel 2024 dovrebbero esser attivi un polo delle energie rinnovabili nel Nord Sardegna con batterie di accumulo per 247 MW e un analogo polo con batterie di accumulo per 253 MW nel Sud Sardegna. Si ipotizza, così, la contemporanea chiusura delle centrali a carbone di Fiume Santo (Porto Torres) e di Portoscuso, facendo così dedurre (i soggetti aggiudicatari non sono ancora pubblici) che abbia molto probabilmente vinto la gara il Gruppo ENEL s.p.a., titolare dell’impianto di Portoscuso (la E.P. Produzione, titolare dell’impianto di Fiume Santo non avrebbe partecipato).

Contemporaneamente sono stati predisposti e depositati presso gli uffici della Capitaneria di Porto di Cagliari (ma non sono stati ancora pubblicati per eventuali atti di opposizione al rilascio della concessione demaniale marittima) ben sei progetti di centrali eoliche offshore nei mari della Sardegna meridionale:

* Seawind Italia s.r.l., con sede a Portoscuso, progetto di due centrali eoliche offshore, la Del Toro 2 a 21 miglia marine a sud ovest dell’Isola di S. Pietro e la Del Toro 1 a 6 miglia marine al largo dell’Isola di S. Antioco;

* Ichnusa Wind Power s.r.l., con sede a Milano, 42 aerogeneratori galleggianti alti 265 metri a circa 35 chilometri dalla costa sulcitana, per una potenza complessiva di 504 MW. L’istanza di concessione demaniale marittima è stata sospesa (aprile 2021) dopo un atto di opposizione presentato dal Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG), mentre è stata svolta la fase di definizione dei contenuti dello studio di impatto ambientale (scoping) finalizzata alla successiva procedura di valutazione di impatto ambientale (V.I.A.);

* Repower Renewable s.p.a., dell’elvetico Gruppo Repower, un progetto di centrale eolica offshore al largo di Capo Teulada;

* Nora Ventu s.r.l., società milanese frutto dell’accordo tra Falck Renewables s.p.a. e BlueFloat Energy, due progetti di centrali eoliche galleggianti offshore con una novantina di aerogeneratori per una capacità complessiva di 1,4 GW a 18 miglia marine a sud est di Cagliari (Nora 2) e a 6 miglia marine a sud di Capo Teulada (Nora 1).  Fan balenare ben 4 mila posti di lavoro in fase di realizzazione e 300 in fase di gestione.

Qualche riflessione è d’obbligo.

L’abbiamo già detto e denunciato pubblicamente, ma lo facciamo di nuovo, visto il silenzio dei cosiddetti rappresentanti del popolo, a parte qualche rara eccezione virtuosa: la Sardegna sta diventando una piattaforma assoggettata a servitù energetica.

Questa la “fotografia” del sistema di produzione energetica sardo (energia richiesta in Sardegna: GWh 9.171,5 energia prodotta in più rispetto alla richiesta: GWh +3.491,5, dati TERNA 2019) è che oltre il 38% dell’energia oggi prodotta “non serve” all’Isola e viene esportato verso la Penisola grazie alle connessioni oggi esistenti ovvero viene disperso in quanto non utilizzato (i sistemi di accumulo e conservazione sono ancora in fase di studio o sperimentale).

In Sardegna, al 20 maggio 2021, risultavano presentate ben 21 istanze di pronuncia di compatibilità ambientale di competenza nazionale o regionale per altrettante centrali eoliche, per una potenza complessiva superiore a 1.600 MW, corrispondente a un assurdo incremento del 150% del già ingente comparto eolico isolano. 

Le istanze di connessione di nuovi impianti presentate a Terna s.p.a. (gestore della rete elettrica nazionale) al 31 agosto 2021 risultano complessivamente pari a 5.464 MW di energia eolica + altri 10.098 MW di energia solare fotovoltaica, cioè 15.561 MW di nuova potenza da fonte rinnovabile.  Otto volte i 1.926 MW esistenti (1.054 MW di energia eolica + 872 di energia solare fotovoltaica, dati Terna, 2021).

Mar di Sardegna, progetto di centrale eolica offshore (tratto da documentazione procedura di scoping)

Numerosi i progetti per centrali eoliche off shore.

A queste si somma un’ottantina di richieste di autorizzazioni per nuovi impianti fotovoltaici.

Complessivamente sarebbero interessati più di 10 mila ettari di boschi e terreni agricoli.

Ormai il quadro è chiaro, a mare e in terra la Sardegna sembra proprio destinata a diventare una piattaforma di produzione energetica, un’Isola destinata all’ennesima servitù, la servitù energetica.

U.S.A., consumo del suolo determinato da una centrale solare fotovoltaica (2013)

L’ha affermato chiaramente – e ha annuito l’attuale Ministro della Transizione Ecologica Antonio Cingolani – l’amministratore delegato del Gruppo ENEL Francesco Starace, secondo cui lo “scenario ipotizza l’installazione, a Thyrrenian link in esercizio, di un gigawatt di batterie e circa 4/5 gigawatt di potenza di rinnovabili in più rispetto a quanto abbiamo adesso. Oltre agli ovvi benefici ambientali, come la scomparsa di fatto dell’anidride carbonica prodotta dalle fonti fossili, un piano del genere svilupperebbe investimenti sull’intera filiera da qui al 2030 di 15 miliardi di euro, un indotto più che doppio e una occupazione tra i 10 e i 15mila addetti qualificati e specializzati”.

Qualsiasi nuova produzione energetica non sostitutiva di fonte già esistente (p. es. termoelettrica) può esser solo destinata all’esportazione verso la Penisola e verso la Corsica.

Il motivo del potenziamento della rete elettrica di interconnessione, rientrante negli obiettivi comunitari, è esplicitato chiaramente: “in Sicilia, in Sardegna e soprattutto in Campania c’è una forte produzione da fonti rinnovabili non programmabili, solare ed eolico, in costante aumento. Il Tyrrhenian Link migliorerà la capacità di scambio elettrico e quindi si potranno utilizzare al meglio i flussi di energia da fonti rinnovabili favorendone lo sviluppo”.

Con la realizzazione del Thyrrenian Link, il nuovo doppio cavo sottomarino di Terna s.p.a. con portata 1000 MW, 950 chilometri di lunghezza complessiva, da Torre Tuscia Magazzeno (Battipaglia – Eboli) a Termini Imerese, alla costa meridionale sarda.

Dovrebbe esser pronto nel 2027-2028, insieme al SA.CO.I. 3, l’ammodernamento e potenziamento del collegamento fra Sardegna, Corsica e Penisola con portata 400 MW, che rientra fra i progetti d’interesse europeo.

Al termine dei lavori, considerando l’altro collegamento già esistente, il SA.PE.I. con portata 1000 MW, la Sardegna avrà collegamenti con una portata complessiva di 2.400 MW. 

Non di più.      

Terna s.p.a., progetti centrali eoliche offshore (2021)

Visto che la realizzazione di impianti da fonte rinnovabile non comporta la sostituzione automatica degli impianti “tradizionali” (anzi), visto che attualmente non la si immagazzina, dell’energia prodotta in eccesso che ne facciamo?     

E in questa situazione dovremmo dar centinaia di milioni di euro di soldi pubblici sotto forma di finanziamenti e incentivi per centrali elettriche off shore la cui energia eventualmente prodotta che fine dovrebbe fare?

Allo stato attuale, è pura speculazione per ottenere fondi, incentivi pubblici e certificati verdi o no?

A chi serve questo enorme quantitativo di energia che sarebbe prodotta, considerato che l’energia prodotta in Italia ogni anno è di gran lunga superiore alla domanda?[1]

Questi non sono aspetti che meritano il minimo approfondimento solo perché vanno contro la narrazione prescelta?

Con l’art. 31 del decreto-legge n. 77/2021, convertito nella legge n. 108/2021 il divieto di accumulo per l’energia prodotta anche da fonte rinnovabile è superato e solo ora giungono i primi progetti in proposito.

piano paesaggistico regionale (P.P.R.), Baratz e Porto Ferro

La delega contenuta nell’art. 5 della legge 22 aprile 2021, n. 53 (legge di delegazione europea) sull’attuazione della direttiva n. 2018/2001/UE sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili prevede esplicitamente l’emanazione di una specifica  “disciplina per l’individuazione delle superfici e delle aree idonee e non idonee per l’installazione di impianti a  fonti  rinnovabili  nel rispetto delle esigenze di tutela  del  patrimonio  culturale  e  del paesaggio, delle aree agricole e forestali, della qualita’ dell’aria e dei corpi idrici, nonche’ delle specifiche competenze dei Ministeri per i beni e le attivita’ culturali e per il turismo, delle politiche agricole alimentari e forestali e dell’ambiente e  della  tutela  del territorio e del  mare,  privilegiando  l’utilizzo  di  superfici  di strutture edificate, quali capannoni industriali e parcheggi, e  aree non  utilizzabili   per   altri   scopi”.  

Disciplina a oggi non emanata, il che rende tutt’altro che semplice salvaguardare efficacemente ambiente, paesaggio, territorio e patrimonio naturalistico, sebbene alcune disposizioni precedenti siano recenti, come il Piano energetico regionale della Sardegna 2015-2030 – Individuazione delle aree non idonee all’installazione di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili (deliberazione Giunta regionale n. 59/90 del 27 novembre 2020).

Soprattutto una cosetta sfugge.

Portoscuso, centrale eolica

Il 10 febbraio 2021 il Parlamento europeo ha adottato la risoluzione legislativa sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un dispositivo per la ripresa e la resilienza chiudendo definitivamente l’iter per la disciplina dei Pnrr (Piani nazionali di ripresa e resilienza) avviato dalla Commissione europea lo scorso 27 maggio 2020, mettendo a disposizione dei Paesi Ue 672,5 miliardi di euro per la ripresa e la resilienza, dunque la parte più sostanziosa dei 750 miliardi del pacchetto Next Generation Eu.

La risoluzione è stata assunta in coerenza con l’accordo storico raggiunto dal Consiglio europeo del 17-21 luglio 2020 che, approvando la proposta della Commissione, ha deciso di assumersi il carico di un debito comune tra stati Ue in risposta alla crisi pandemica.

Il concetto fondante è netto: per ogni euro di spesa dev’essere dimostrato che non nuoce all’ambiente, pena la perdita dei fondi comunitari.

Eppure piovono progetti di centrali eoliche e fotovoltaiche, a terra e a mare, senza alcuna logica se non quella del profitto privato.

Lasciamo allora che a decidere sul futuro del territorio siano di fatto le società energetiche?

Ma lo vogliamo dire – senza ipocrisie, greenwashing e fumo negli occhi – che la Sardegna (con la Sicilia) sarà il prossimo “hub energetico del Mediterraneo” con la conseguente servitù energetica?

Gruppo d’Intervento Giuridico odv

Assemini, Macchiareddu, centrale eolica

[1] Gli ultimi dati disponibili (primo trimestre 2021, elaborazione QualEnergia su dati TERNA) vedono una domanda pari a 78 TWh, di cui 27,38 prodotti da fonti rinnovabili (il 34,8%).  Gli ultimi dati annui disponibili (TERNA, 2019) affermano che “nel 2019 in Italia la domanda di energia elettrica ha raggiunto i 319.622 GWh, con una flessione dello 0,6% rispetto all’anno precedente”, mentre “la potenza efficiente lorda si è attestata a 119,3 GW (+1,0 % rispetto al 2018 essenzialmente imputabile alle rinnovabili). Il parco di generazione termoelettrico si è mantenuto sostanzialmente stabile, mentre il parco di generazione delle fonti rinnovabili continua la sua crescita con un incremento generale pari al +2,2%  ed una potenza che rappresenta il 46,5% del totale installato in Italia (era 46% nel 2018)”.

La potenza efficiente lorda del “sistema energia” italiano è ampiamente sufficiente a sostenere la domanda, visto che “il valore della punta massima registrato nel 2019 è stato pari a 58,8 GW, e si è verificato il giorno 25 luglio alle 17. La punta 2019 è stata leggermente più alta (+1,8%) rispetto alla punta del 2018, determinando un trend di crescita che si protrae dal 2014. Si conferma la forte correlazione tra il carico e le temperature estive°.

qui il comunicato stampa congiunto della Falck Renewables e della BluFloat Energy (22 febbraio 2022)

Sardegna, progetti di centrali eoliche offshore (febb. 2022)

da La Nuova Sardegna, 22 febbraio 2022

L’eolico off-shore fa gola: definiti sei progetti nel sud Sardegna.

Anche multinazionali e banche d’affari tra i proponenti, ma mancano regole. (Giuseppe Centore)

CAGLIARI. Non si vedranno dalla terra ferma neppure con il binocolo, servirà un cannocchiale e tanta fantasia, per alcuni. Per altri invece l’impatto visivo sarà evidente. I campi eolici offshore previsti nel sud Sardegna a oggi sono sei, come riportato in dettaglio nella cartina qui sopra allegata.

Non sono ipotesi ma progetti definiti, e presentati agli uffici della Capitaneria di Porto di Cagliari nelle scorse settimane, regolarmente protocollati e studiati. Le società che li hanno presentati sono quattro. Due progetti hanno la stessa società per due distinte aree. La prima è la Seawind Italia srl che ha in mente di installare le pale a ovest dell’isola nel campo più grande a poco più di 21 miglia marine a sudovest di Carloforte, con l’impianto, molto esteso, denominato “Del Toro 2”, proponendo poi un impianto più piccolo, diviso in due sotto-campi a sei miglia al largo di Sant’Antioco.

Sulla società proponente si sa poco, se non che è una srl costituita di recente che ha come indirizzo la zona industriale di Portovesme. In assenza di comunicazioni ufficiali è plausibile che la srl sia stata creata da una delle società che operano da anni nella zona industriale, consumatrice di energia per le sue lavorazioni che già dispone di un piccolo parco eolico ma a terra. In questo caso il parco marino sarebbe ben più grande e fungerebbe da “polmone” finanziario ed energetico alla stessa società, che avrebbe sicuramente anche i mezzi propri per un investimento così impegnativo, ma che non è escluso in caso di autorizzazione riesca a costituire una cordata finanziario-industrale per realizzare un investimento vicino al miliardo di euro.

Investimento analogo è quello previsto più a nord, di fronte a Buggerru e proposto dalla Ichnusa Wind Power, srl nata nel 2019 a Milano con un capitale sociale contenuto, che vede tra i suoi azionisti il progettista Luigi Severini, ingegnere pugliese. Anche in questo caso il progetto della Ichnusa è gigantesco: 42 pale eoliche galleggianti alte 265 metri su una superficie marina di 49 mila metri quadri, a circa 35 chilometri da Cala Domestica e a nord del punto indicato per l’attracco del cavidotto: Portoscuso. La potenza prevista per ogni aerogeneratore è di 12 megawatt ciascuna, per complessivi 504 megawatt. In questo caso il proponente farebbe da apripista ad altri soggetti che rileverebbero progetto ed eventuale autorizzazione. Ha invece spalle larghe Repower Renewable società per azioni, affiliata dalla multinazionale elvetica Repower (gruppo internazionale che fattura oltre 1 miliardo di euro) che ha presentato un campo ben distante da capo Teulada, ma vicino ad altri due campi, presentati dalla società Nora Ventu srl e denominati Nora 1 e Nora 2.

In questo caso può essere la sede sociale della Nora Ventu srl a dare qualche indicazione su chi abbia deciso di scommettere sulla Sardegna. La sede di Nora Ventu srl è corso Venezia 16 a Milano, a palazzo Serbelloni, storico edificio neoclassico dove hanno sede gli uffici di Morgan Stanley Italia, una delle maggiori banche d’investimento al mondo, controllata da una serie di fondi e investitori istituzionali, oltre duemila. Anche in questo caso il progetto è consistente, con una novantina di pale eoliche distribuite a 18 miglia nautiche, quasi 60 chilometri a sud est di Cagliari, ben fuori dal golfo (Nora 2) e a 6 miglia nautiche a sud di Capo Teulada, oltre l’area militare interessata alle esercitazioni.

Questi progetti, per impatto dimensioni e investimenti (tutti miliardari) non hanno possibilità di arrivare tutti insieme al traguardo. Al sud dell’isola, insieme all’intervento previsto al largo di Olbia, c’è spazio per massimo due campi eolici. La competizione è aperta.

(foto)


  1. febbraio 24, 2022 alle 12:28 PM

    da Tiscali Ambiente, 23 febbraio 2022
    La Sardegna diventerà un hub energetico del Mediterraneo, scoppia la polemica.
    Molti, e per alcuni forse troppi, i progetti di centrali eoliche e fotovoltaiche, a terra e a mare, sviluppati senza alcuna logica, se non quella del profitto privato: https://ambiente.tiscali.it/greeneconomy/articoli/Sardegna-hub-energetico-mediterraneo/

    ______________________

    da Sardinia Post, 23 febbraio 2022
    Eolico in mare, 5 nuovi progetti: “Servitù energetica dopo quella militare”: https://www.sardiniapost.it/ambiente/eolico-in-mare-5-nuovi-progetti-servitu-energetica-dopo-quella-militare/

    ____________________

    da Alghero Live, 23 febbraio 2022
    Sardegna piattaforma di produzione energetica, oltre il 38% da esportare. Eolico incrementato di oltre il 150%: https://algherolive.it/2022/02/23/sardegna-piattaforma-di-produzione-energetica-oltre-il-38-da-esportare-eolico-incrementato-di-oltre-il-150/

    ____________________

    da Cagliaripad, 23 febbraio 2022
    Sardegna hub energetico del Mediterraneo | Chi ci guadagna?
    Sono stati presentati moltissimi progetti di centrali eoliche e fotovoltaiche. Stefano Deliperi del Gruppo di intervento giuridico: “Sviluppati senza alcuna logica, se non quella del profitto privato”: https://www.cagliaripad.it/558457/sardegna-hub-energetico-del-mediterraneo-chi-ci-guadagna/

  2. Porico
    febbraio 24, 2022 alle 1:54 PM

    In Sardegna, e dove se no?

  3. Giovanni Calvisi
  4. febbraio 24, 2022 alle 7:52 PM

    da La Nuova Sardegna, 23 febbraio 2022
    Energia, svolta in Sardegna: addio carbone e due impianti di rinnovabili entro il 2024.
    In attesa del metano, o forse contro di esso, nuovi e innovativi sistemi di accumulo pari alla capacità prodotta da una delle due centrali a carbone oggi accese nell’isola e funzionanti a pieno ritmo proprio in questi mesi. (Giuseppe Centore): https://www.lanuovasardegna.it/regione/2022/02/23/news/energia-svolta-in-sardegna-addio-carbone-e-due-impianti-di-rinnovabili-entro-il-2024-1.41252165

  5. MMC
    febbraio 24, 2022 alle 9:29 PM

    Caspita quanto sono affidabili quelli che ritenete vostri connazionali. I sardi hanno versato sangue – tanto – per difendere i sacri confini nella 15-18; la Sardegna ha perso tutto il patrimonio boschivo, si è vista rovinare irrimediabilmente le falde a causa dello scriteriato sfruttamento minerario; ospita il 75% delle servitù militari italiane. Le case al mare sono per il 64% di proprietà di non sardi. La Sardegna non è riconosciuta come isola nemmeno nella Costituzione italiana e di conseguenza non lo è nemmeno per l’Europa. Continuiamo così. Altro che Sardistan.

    • febbraio 24, 2022 alle 10:10 PM

      ..in mancanza di affermazione nella Costituzione, la Sardegna non potrà mai essere un’isola. Avanti, continuiamo così.
      Buona serata, anonimo.

      Stefano Deliperi

  6. sardo
    febbraio 25, 2022 alle 10:07 am

    Numerosi progetti scempio in ogni angolo della Sardegna, a partire da quelli apripista dei primi anni 2000, hanno reso possibile ogni altro successivo in barba ad ogni seria valutazione d’impatto ambientale.
    Scavando negli archivi di queste si possono ritrovare le valutazioni negative riguardo il rumore prodotto (che oggi viene definito addirittura intollerabile pure per i silenziosi laboratori avanzati di fisica nel sottosuolo), sull’ostacolo fisico e generato dalle turbolenze create all’operatività dei mezzi aerei nella lotta (già di per se difficilissima) agli incendi, i danni enormi al volo dei grandi rapaci (avvoltoi e aquile attualmente interessati da assai dispendiosi progetti di ripopolamento) e non ultima certo la disastrosa distruzione del paesaggio naturale (marino, costiero e di montagna), vero motore del turismo in Sardegna ma che tra breve se non si porrà davvero un argine serio e concreto all’invasione di queste gigantesche strutture industriali diventerà sempre meno sostenibile e quindi assai poco utile alla già disastrata economia di una Sardegna che alcune lobby hanno molto democraticamente eletto quale unico artefice dell’abbattimento della Co2 di tutte le terre emerse del globo.

  7. febbraio 28, 2022 alle 11:30 PM

    data l’imprevista gravissima situazione, si può sospendere l’abbandono del carbone.

    A.N.S.A., 28 febbraio 2022
    Ucraina: aiuti militari e piano sull’energia, il Cdm vara il decreto.
    Stato di emergenza fino al 31 dicembre. Possibili razionamenti del gas, ancora non necessari: https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2022/02/27/ucraina-oggi-il-cdm-su-energia-e-aiuti-militari-a-kiev_22f90df1-74c8-4d4f-b245-b74839582e90.html

    • marzo 8, 2022 alle 2:56 PM

      A.N.S.A., 8 marzo 2022
      Gas: Cingolani, in 24-30 mesi indipendenti dalla Russia.
      Non riapriremo centrali a carbone. A breve nuovo rigassificatore. (https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2022/03/08/gas-cingolani-in-24-30-mesi-indipendenti-dalla-russia_4a79139a-7865-4a08-92e6-b774e122f2e3.html)

      ROMA, 08 MAR – “Noi importiamo dalla Russia ogni anno circa 29 miliardi di metri cubi di gas, poco più del 40%.
      Questi vanno sostituiti.
      Abbiamo fatto un’operazione estremamente anticipata e rapida ed entro la primavera inoltrata circa 15-16 miliardi di metri cubi saranno rimpiazzati da altri fornitori”. Lo afferma il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ad Agorà extra su Rai 3. “Stiamo lavorando con impianti nuovi, rigassificazione e contratti a lungo termine, rinforzo delle nostre infrastrutture e ragionevolmente in 24-30 mesi dovrebbero consentirci di essere completamente indipendenti”, spiega il ministro.
      Cingolani rassicura che “se, per qualche motivo, dovesse cessare completamente la fornitura dalla Russia le nostre riserve attuali e il piano di emergenza ci darebbero un tempo sufficientemente lungo da arrivare alla stagione buona” e “dovremmo fare dei sacrifici ma non fermeremmo le macchine”.
      Quanto alle misure di emergenza è esclusa la riapertura delle centrali a carbone chiuse “la spesa non varrebbe l’impresa” ma, in caso di aggravamento, “si potrebbero mandare a pieno regime le due centrali principali ancora in funzione: Brindisi e Civitavecchia”, dice il ministro convinto che tutti possano capire questa necessità “se stacchiamo la luce”.
      Ci saranno poi nuove strutture per il gas naturale liquefatto (gnl). “Già per metà di quest’anno istalleremo un primo rigassificatore galleggiante”, anticipa Cingolani che parla anche del piano di aumentare l’efficienza dei tre rigassificatori attuali e costruire altre infrastrutture nei prossimi 12-24 mesi.
      “Dal punto di vista ambientale la quantità di gas è la stessa che bruciamo oggi, può cambiare il metodo o l’infrastruttura ma non ne bruceremo di più”, precisa Cingolani. Se la situazione rimarrà questa, aggiunge “noi consumeremo lo stesso gas di oggi, accelereremo le rinnovabili in tutte le forme e penso di poter dire con un ampio margine di certezza che noi garantiremo comunque il percorso di decarbonizzazione al 55%” entro il 2030.

  8. Mara machtub
    marzo 9, 2022 alle 5:28 PM

    Non ci resta che piangere?

  9. marzo 16, 2022 alle 2:42 PM

    da La Nuova Sardegna, 16 marzo 2022
    Intervista con Davide Tabarelli: «Situazione di emergenza: sull’energia decida lo Stato».
    Il fondatore di Nomisma Energia: «Il progetto dell’Enel? Buono per la finanza». (Giuseppe Centore): https://www.lanuovasardegna.it/regione/2022/03/15/news/situazione-di-emergenza-sull-energia-decida-lo-stato-1.41303903

  10. marzo 25, 2022 alle 2:46 PM

    incredibile, si sveglia.

    da La Nuova Sardegna, 24 marzo 2022
    Solinas a Draghi: “No al decreto energia”.
    In una lettera il Governatore della Sardegna spiega al premier il punto di vista della Regione. (Giuseppe Centore): https://www.lanuovasardegna.it/regione/2022/03/25/news/solinas-a-draghi-no-al-decreto-energia-1.41326145

  11. aprile 4, 2022 alle 2:48 PM

    A.N.S.A., 2 aprile 2022
    Energia:centro Sardegna non è colonia, flash mob contro Dpcm.
    Protesta Nuorese sui contenuti del provvedimento per transizione: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2022/04/02/energiacentro-sardegna-non-e-colonia-flash-mob-contro-dpcm_12a64b9f-263c-4569-90c9-513a3b9c9139.html

    ——————

    1 aprile 2022
    Sardegna: la Regione valuta l’impugnazione del Dpcm energia.
    Solinas, “atto imposto dall’alto con decisione unilaterale”: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2022/04/01/sardegna-la-regione-valuta-limpugnazione-del-dpcm-energia_6ab43cb7-f8ad-4132-bfe6-f845f8a8a897.html

  12. aprile 6, 2022 alle 5:40 PM

    Tyrrhenian Link.

    da Sardinia Post, 6 aprile 2022
    Un elettrodotto sottomarino porterà l’energia in Sardegna, Sicilia e Campania: https://www.sardiniapost.it/economia/un-elettrodotto-sottomarino-portera-lenergia-in-sardegna-sicilia-e-campania/

  13. aprile 8, 2022 alle 2:46 PM

    e c’era chi cianciava che in aree industriali non si potessero realizzare centrali solari…

    A.N.S.A., 7 aprile 2022
    Saras: parco fotovoltaico da 79 MW alle porte di Cagliari.
    Dopo via libera Regione a progetto controllata Sardeolica. (https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2022/04/07/saras-parco-fotovoltaico-da-79-mw-alle-porte-di-cagliari_5ec47dcd-ab62-4152-b492-077a567d1e44.html)

    Dopo il via libera dalla Regione Sardegna che ha deliberato l’autorizzazione Unica, a favore d Sardeolica, società operante nel settore delle energie rinnovabili e interamente controllata da Saras, si apre l’iter per la costruzione e l’esercizio di un impianto fotovoltaico di 79 MW nell’area industriale di Macchiareddu, nel comune di Uta (Cagliari).

    Si tratta di energia che non servirà all’autoproduzione ma sarà immessa nella rete.

    “L’impianto, denominato Helianto costituisce un significativo progresso nelle strategie del Gruppo Saras nel settore delle energie rinnovabili, aggiungendosi agli esistenti parchi eolici in Sardegna della potenza di 171 MW, e portando la potenza totale a 250 MW – fa sapere Saras -.

    Il parco Helianto presenta caratteristiche ottimali per insolazione e configurazione e si integrerà nelle modalità di gestione industriale di Sardeolica, in particolare sfruttando le sinergie con i parchi eolici contigui di Macchiareddu, acquisiti nel giugno 2021”.

    “La prossima realizzazione di un nuovo parco fotovoltaico costituisce un ulteriore passo verso il nostro obiettivo di 500 MW di energia rinnovabile entro il 2025 – dice Dario Scaffardi, amministratore delegato di Saras – e testimonia il nostro impegno ad affrontare la sfida della transizione energetica con lo sviluppo sostenibile del nostro gruppo. Continuiamo con responsabilità ad essere innovativo, sostenibile e un punto di riferimento tra i fornitori di energia”. Oltre allo sviluppo dei progetti di produzione di energia rinnovabile, Saras è anche impegnata in progetti dedicati al green hydrogen, alla carbon capture and storage, e alla bioraffinazione.

  14. Maggio 9, 2022 alle 6:42 PM

    da L’Unione Sarda, 9 maggio 2022
    Tyrrhenian Link, elettrodotto più vicino: Terna presenta richiesta d’autorizzazione al ministero.
    A metà 2023 dovrebbe prendere il via la realizzazione dell’opera: i cavi passeranno da Maracalagonis, Quartucciu, Quartu Sant’Elena, Selargius, Settimo San Pietro e Sinnai: https://www.unionesarda.it/economia/tyrrhenian-link-elettrodotto-piu-vicino-terna-presenza-richiesta-dautorizzazione-al-ministero-rrq4p5vs

  15. Maggio 31, 2022 alle 8:22 PM

    ecco qui.

    DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 29 marzo 2022 Individuazione delle opere e delle infrastrutture necessarie al phase out dell’utilizzo del carbone in Sardegna e alla decarbonizzazione dei settori industriali dell’Isola. (22A03239) (GU Serie Generale n.125 del 30-05-2022): https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2022-05-30&atto.codiceRedazionale=22A03239&elenco30giorni=true

    ______________________________________

    da L’Unione Sarda, 31 maggio 2022
    DPCM. Energia, in vigore il decreto Sardegna: cavo sottomarino e gnl.
    Il testo pubblicato in Gazzetta ufficiale, contestato dalla Regione: “Preoccupazione e disappunto”: https://www.unionesarda.it/economia/energia-in-vigore-il-decreto-sardegna-cavo-sottomarino-e-gnl-e6x4p2i8

  16. luglio 6, 2022 alle 2:44 PM

    A.N.S.A., 6 luglio 2022
    Terna: aggiornato progetto per cavo 400MW Toscana-Sardegna.
    Nuove siti stazioni Codrongianos (Sassari) e Suvereto (Livorno): https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2022/07/04/energia-aggiornato-progetto-per-cavo-400mw-toscana-sardegna_52fff9cb-495c-4bb4-98fc-c1e8da3cf1c9.html

  1. Maggio 16, 2022 alle 8:16 am
  2. agosto 30, 2022 alle 12:18 PM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: