Un amministratore pubblico con idee cementate..e superate dalla realtà.


Aquila reale (Aquila chrysaetos)

Al Direttore responsabile de La Nuova Sardegna,

Gent.mo Direttore,

ho letto sull’edizione odierna del Quotidiano da Lei diretto l’intervento di Guido Tendas, già sindaco di Oristano, in replica alla mia intervista pubblicata su La Nuova di domenica 18 agosto scorso e Le chiedo ospitalità per alcune brevi precisazioni, vista le numerose “imprecisioni” e amnesie dell’Amministratore locale che riguardano direttamente il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, associazione ecologista che ho il grande onore (e ònere) di coordinare.

Airone bianco maggiore (Ardea alba)

Premesso che ancora non mi è capitato di conoscere un amministratore locale che cerchi di acquisire consenso elettorale chiudendo la Sardegna sotto la famosa “campana di vetro”, come afferma l’ex sindaco Tendas, desidero solo chiarire per punti quanto l’amministratore locale oristanese ha qualificato come esempi di “sviluppo ecosostenibile” rifiutati a priori dal “cattivo” ambientalismo di turno.

Cagliari, manifestazione contro il “progetto Eleonora” (29 luglio 2014)

* ricerca del gas naturale ad Arborea: qui la Saras ha trovato l’opposizione di un’intera collettività locale, che il GrIG ha sostenuto in tutte le sedi. Il procedimento di valutazione d’impatto ambientale (V.I.A.) si concluse negativamente per il pesante impatto su ambiente (zona umida di S’Ena Arrubia) e contesto economico-sociale (l’economia agricola di Arborea) e contrasto irrimediabile con le norme di tutela costiera e di pianificazione paesaggistica. Lo riconobbero proprio quel Servizio Valutazioni Ambientali della Regione a cui si riferisce l’ex sindaco Tendas, il T.A.R. Sardegna e il Consiglio di Stato a cui si rivolse invano la società energetica. Altro che “sviluppo ecosostenibile”…

Cagliari, manifestazione contro il “Progetto Eleonora” (29 luglio 2014)

* progetto immobiliare IVI Petrolifera a Torregrande: qui il procedimento di V.I.A. è tuttora in corso, con buona pace delle inesattezze e delle amnesie del già amministratore locale, evidentemente poco informato sulle cose di casa sua.  Il GrIG è intervenuto nel procedimento insieme a ben 500 Oristanesi, evidentemente tutt’altro che convinti della bontà dell’operazione.   La realizzazione di strutture immobiliari e campo da golf interessa anche la fascia costiera entro i 300 metri dalla battigia marina, in palese contrasto con norme e piano paesistico regionale, come già riconosciuto dal Servizio tutela paesaggistica della Regione fin dal 2014.  

Oristano, Torregrande, planimetria delle proprietà delle aree del proposto intervento immobiliare: in GIALLO i confini delle aree pubbliche, in NERO quelle di proprietà privata

La bonifica ambientale viene condotta in primo luogo perché proprio lì è andata avanti per decenni l’attività industriale inquinante del gruppo imprenditoriale che ora vorrebbe realizzare il progetto turistico-immobiliare. “Chi inquina paga” è un fondamentale principio giuridico oltre che di buon senso. La IVI Petrolifera non sta regalando nulla. Visto, poi, che all’ex sindaco Tendas interessa la rendita dei terreni pubblici, appare curioso che si dimentichi che buona parte della pineta costiera (più di 100 ettari) è stata generosamente offerta all’impresa industriale-immobiliare proprio dal Comune di Oristano e dal locale Consorzio di bonifica: a quanto ammonta il canone annuo per beneficiare di queste proprietà pubbliche di fatto privatizzate?

Oristano, pineta litoranea di Torregrande

* progetto centrale mista fotovoltaica-biomassa di San Quirico: qui l’ex sindaco Tendas prende proprio lucciole per lanterne, visto che è stato l’Assessorato regionale dell’industria a bloccare il progetto della società energetica “per la mancanza di idonei titoli di disponibilità di tutte le aree necessarie per costruire e gestire l’impianto in progetto e le relative opere ed infrastrutture connesse allo stesso” (determinazione n. 268 del 29 aprile 2019), vista la pronunciata decadenza (novembre 2018) da parte proprio del Comune di Oristano della relativa convenzione a suo tempo stipulata (alla convenzione relativa a terreni di proprietà A.S.L. “non è mai stato dato seguito con la sottoscrizione formale delle parti”).  Se il Comune di Oristano perde i favoleggiati introiti, dipende dal mancato rispetto dei termini pattuiti da parte della Società energetica. In ogni caso, visto che si tratta di un impianto industriale di produzione energetica, il GrIG ha esplicitato il suo favore per la realizzazione in area industriale, non su terreni agricoli, proprio per ragioni ambientali e per contrastare il folle consumo di suolo agricolo e naturale.  

quattro spighe nel campo di grano

La sostenibilità ambientale e il buon senso fanno andare lo sguardo un po’ più in là della patina di “verde” con cui vengono spesso e volentieri dipinti progetti immobiliari ed energetici.

Se ne faccia una ragione l’ex sindaco Tendas e tutti quelli propensi a “dimenticare” quanto non piace o non fa comodo.

Stefano Deliperi, Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

La Nuova Sardegna, 20 agosto 2019

da La Nuova Sardegna, 18 agosto 2019

Il paladino dell’ambiente: «Così difendo la mia isola».

Deliperi, responsabile del Grig, racconta le sue battaglie contro abusi e cemento «Arte, cultura, natura e paesaggio sono tesori da difendere e non da svendere». (Mauro Lissia)

CAGLIARI. Due passioni: l’ambiente e i soldatini di piombo. La prima è nata con lui («amo da sempre la natura, gli animali, la bellezza») l’altra l’ha affinata nel tempo, modellando guerrieri d’ogni epoca abbigliati come la storia insegna. Spauracchio trentennale di immobiliaristi d’azzardo e cacciatori compulsivi, Stefano Deliperi è il responsabile storico del Gruppo di intervento giuridico, un’associazione autofinanziata che difende il paesaggio e i suoi abitanti a colpi di norme amministrative e penali, denunce ed esposti stampati su carta rigorosamente riciclata, una sorta di sanscrito giuridico che negli anni i cronisti hanno imparato a decifrare non senza difficoltà. Diritto, puro diritto, come da ispirazione originaria e secondo i dettami di un’associazione che si rivolge direttamente a chi è deputato a controllare: «Davanti a certi progetti e a certi scempi annunciati la protesta è utile e doverosa – spiega Deliperi – ma per ottenere risultati concreti bisogna usare le leggi». E di risultati l’ormai citatissimo Grig – con sedi a Cagliari e in mezza Italia – ne ha raggiunto a bizzeffe: resort abusivi demoliti, altri fermati sul nascere, da Baccu Mandara a Baia delle Ginestre, da Piscina Rey a Porto Pino. I ricorsi regolarmente vinti contro il calendario della caccia. Ma senza veleno, con eleganza, una specie di nobile distacco dalle cose che ha reso Deliperi un’eminenza dell’ecologia di qualità costringendo persino i nemici a rispettarlo: «Le battaglie in difesa dell’ambiente non sono un hobby – avverte il capo del Grig – perché l’impegno è faticoso, se devo rilassarmi faccio altro». 

Maracalagonis, Baccu Mandara, cartello sequestro preventivo


A scorrere le agenzie di stampa quotidiane e il blog ufficiale dell’associazione, Deliperi non sembra avere molto tempo per il relax. Ma qualcosa resta, prima di tutto i soldatini («disegnarli e scolpirli sul piombo mi toglie dalla testa ogni pensiero») subito dopo l’equitazione: «Quando posso vado da Fantasy, la mia vecchia cavalla. Ha vent’anni ma se li porta bene e porta volentieri anche me». Non c’è da stupirsi, il rapporto diretto con gli animali è il filo conduttore della sua vita. Cani, gatti – ha un bellissimo tigrato – poi gli esseri selvatici che vivono in una natura antropizzata e abusata: «Da ragazzino volevo fare l’etologo – ricorda sorridendo Deliperi – meno male che ho vinto il concorso per la Corte dei Conti, avrei fatto la fame».

È una storia lunga e travagliata, la sua. Ma ventisette anni in una trincea ecologista ingombra di codici e pronunce di giudici amministrativi non hanno fiaccato la sua voglia di combattere: «Oggi la lotta dura è sugli usi civici della Sardegna, tra i 400 e i 500 mila ettari di terre pubbliche finite nelle mani di speculatori privati. Ma se devo richiamare soddisfazioni passate vado al 1998, quando la mia associazione riuscì a ottenere l’annullamento di tredici piani paesistici regionali su quattordici. Mi accusarono di lavorare per il partito del cemento, invece era il contrario. Quegli strumenti favorivano il sacco della Sardegna, che oggi sarebbe un’isola diversa».

Cagliari, Tuvixeddu, area archeologica


Negli anni il Grig ha combattuto contro la cementificazione del colle di Tuvixeddu, di recente l’ha spuntata contro il colosso Saras che voleva trivellare le campagne di Arborea alla ricerca di gas: «Grandi battaglie – ricorda Deliperi – ma quando ci chiamano per segnalare un chiosco su una spiaggia, un abuso minore su una collina, l’impegno è lo stesso. A Pisa volevano smontare un acquedotto mediceo del Seicento per far passare lo svincolo autostradale, siamo riusciti a bloccare tutto. Le leggi ci sono, bisogna usarle e saperle usare con la massima costanza. Altrimenti si fa solo chiasso e chi deve violentare il paesaggio va avanti indisturbato». C’è chi accusa Deliperi di voler chiudere la Sardegna nella classica campana di vetro, un’idea mummificatrice del paesaggio usata spesso dal partito dei costruttori, i suoi irriducibili avversari di sempre: «Esiste il buonsenso – ribatte il capo del Grig – esiste la consapevolezza di sé, che porta alla salvaguardia della nostra identità e produce anche ricchezza. Arte, cultura, natura e paesaggio sono carte vincenti da difendere, non da svendere. Per fortuna negli anni la sensibilità è cresciuta e con quella gli strumenti di pianificazione e le norme di tutela». Un’attenzione cresciuta ma non sempre condivisa dalla politica «che mira al consenso elettorale e di conseguenza ad alimentare certi interessi». Al punto che – come l’assessore regionale Gianni Chessa – si pensa a un’isola da “mettere a reddito”: «Chessa è un uomo intelligente – lo difende Deliperi – è uno che ascolta, speriamo che continui a farlo».

dune, ginepri, spiaggia, mare

D’altronde solo gli sprovveduti assecondano oggi un turismo di massa che sta ammazzando le città: «Penso a Venezia assediata e minacciata dalle grandi navi da crociera, penso a Barcellona dove i residenti chiedono ai turisti di stare alla larga. Penso a luoghi d’arte e di bellezza presi d’assalto, venduti come prodotti e usati senza la giusta misura e senza controllo. In Sardegna, ma sono soltanto esempi, penso a spiagge come la Pelosa, Liscia Ruja, Tuerredda, Punta Molentis ridotte a discariche di umanità. Serve vigilanza seria e limiti rigorosi agli accessi». Quei limiti che, nel loro campo, i cacciatori vorrebbero superare: ogni anno la Regione allunga la stagione venatoria di un mese, Deliperi ricorre ai tribunali amministrativi e quelli gli danno ragione. È come un gioco, dove l’importante è partecipare: «Noi andiamo avanti, prima o poi si accorgeranno che esistono norme europee insuperabili e la smetteranno». Anche se lo scopo è evidente: «Guadagnare consensi fra i cacciatori». Che Deliperi divide in categorie: «Ci parlo spesso, ci sono quelli ragionevoli che davanti a questi incendi spaventosi sospenderebbero volentieri l’attività per qualche anno e gli psicolabili, che sparerebbero a qualsiasi organismo in movimento. Ma la caccia così com’è non ha più senso». Così come – sostiene Deliperi – l’idea fissa di costruire: «Penso ai testi di Antonio Cederna, una fonte di ispirazione per intere generazioni, un’opera ancora attualissima di cui bisognerebbe tener conto. Chi pensa a posizioni stagnanti, a un’ecologia cristallizzata nella negazione di tutto, dovrebbe leggere e cercare di capire». Nel frattempo lui, fra una galoppata in sella a Fantasy e l’allestimento di un’armata di militari in miniatura, la sua strada vuole continuare a percorrerla: «Negli anni il Grig si è allargato – spiega Deliperi – oggi abbiamo sedi operative in Sardegna, Toscana, Lazio, Abruzzo, Veneto, Emilia Romagna, Campania e Marche. Stiamo aprendo in Puglia, dove ci occuperemo degli ulivi segati col pretesto della xylella. C’è molto da fare e qualcuno deve farlo».

Cagliari, Sella del Diavolo, ruderi della Torre costiera del Poetto


Rimpianti? «Se mi guardo indietro non vedo grandi errori e insuccessi. Semmai trovo episodi divertenti, come il tentativo del comune di Cagliari di installare una colossale funivia tra il molo Martello di Marina Piccola e la Sella del Diavolo. Riuscimmo a bloccare tutto, come altre volte. È dell’anno scorso l’idea di un bronzetto alto venticinque metri da piazzare sul porto di Cagliari, ho sentito anche di un nuraghe ciclopico, anni fa si parlò di un’ovovia che avrebbe sovrastato il centro della città. Tutte cose da accogliere con un sorriso ma anche con molta prudenza, perché dalla barzelletta alla realtà si passa davvero in un attimo». Ma la più bella di tutte è stata la strabiliante corsa dei dromedari, che la giunta Delogu voleva organizzare sulla spiaggia del Poetto: «Era tutto pronto, i quadrupedi dovevano arrivare dal nord Africa per un evento davvero irripetibile nella sua assurdità. Quando la Nuova Sardegna diffuse la notizia – ricorda ridendo Deliperi – gli amministratori comunali vennero sommersi dagli sberleffi dei cagliaritani, malgrado al tempo non esistessero i social. Così l’operazione dromedari venne annullata. Ecco – sorride Deliperi – forse quello posso considerarlo un rimpianto, ci siamo persi le risate per un avvenimento che a Sassari ci avrebbero rinfacciato per i prossimi secoli».

Lupo europeo (Canis lupus lupus)

(foto J.I., S.D., archivio GrIG) 

Annunci
  1. G.Maiuscolo
    agosto 21, 2019 alle 9:04 am

    Questa pagina va conservata: una sorta di …CV de “Su Dottori”, tra soldatini di piombo (Che bello…) e la sua Fantasy.Chi l’avrebbe mai detto di un mastino!

    Dell’articolo mi piace e salvo tutto tranne quell’ “eminenza”… Mi sa di …uhmmm…
    No, no, su Dottori è… una persona speciale, davvero una persona speciale. E basta.
    🙂

    • donatella
      agosto 26, 2019 alle 11:58 pm

      Sì , sono d’accordo, pagina salvata e conservata , io l’ho messa da parte, da rileggere sempre, per ammirazione, per consolazione, per non essere capace di fare niente altro per aiutare. GRAZIE , persona davvero speciale .E basta.

  2. Mara machtub
    agosto 21, 2019 alle 11:14 am

    Il Sig. Tendas farebbe bene a meditare sul prefisso “ex” davanti al suo nome: se i cittadini oristanesi non l’hanno riconfermato c’è di sicuro una ragione. E poi questa favola dei NO perenni ha stufato, solo ieri c’è stata una brillante pubblica smentita da parte del Prof. Conte nei confronti dell’ex “Capitano”. Credo che il Dott. Deliperi potrebbe altrettanto bene smentire la storia dei NO a prescindere, per fortuna nostra e dell’ambiente ha di meglio da fare.
    p.s.: la storia dei dromedari è irresistibile, possiamo saperne di più?

  3. capitonegatto
    agosto 21, 2019 alle 3:39 pm

    Il SI e’ una bella parola e Suona bene , come una nota. Ma chi la vuole per puro interesse politico e di lobby , se ne faccia una ragione , se qualcuno dice NO con ragionamenti sensati : salvaguardia dell’ambiente e attivita’ produttive esistenti delle sue popolazioni .
    Le risorse energetiche sono importanti , ma non quando questi progetti hanno nel guadagno l’interesse primario , e non della tutela del territorio e delle sue attivita’ imprtantissime , come la produzione di cibo : dai campi, alla zootecnia, alla industria di trasformazione.

  4. Claudio
    agosto 22, 2019 alle 5:01 am

    Rompo il doveroso silenzio per scrivere che, riguardo ai soldatini e forse diorami, m’é venuto in mente il film “RONIN”
    PS: su “dottori” é veramente in gamba…

    • agosto 22, 2019 alle 6:29 am

      grazie Claudio 😊 si, faccio anche diorami e Ronin é un bellissimo film. Il GrIG é fatto da tante persone che fanno del loro meglio per difendere ambiente e salute 😉

      Stefano Deliperi

  5. Porico
    agosto 22, 2019 alle 12:01 pm

    Breve commento sull’argomento servendomi di un moto di saggezza popolare ” Olidi accappiai su cani con funi de satizzu” Traduco: pretende di legare il cane con fune di salsiccia . La dialettica ,con pretese vagamente sofistiche , vorrebbe giustificare il trucco del Golf , vero cavallo di Troia per imporre l’ oro grigio (cemento) . Da queste parti ne siamo esperti consapevoli ,potremmo essere utili ad allargare la visuale del Sig. Tendas , a cui vanno i miei amichevoli saluti.

  6. G.Maiuscolo
    agosto 23, 2019 alle 6:24 pm

    Gentile Porico, bellissimo il detto citato:
    “Olidi accappiai su cani con funi de satizzu”;
    io avrei scritto…in luogo di “funi”, “spagu de sattiztu”. Ma, ciascuno scrive e tramanda quel che gli è noto, così come lo ricorda e come gli è stato trasmesso.
    Evviva i differenti motti, evviva le diverse tradizioni linguistiche.
    Grazie 🙂

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: