Il Comune di Montefiascone si schiera contro la speculazione energetica nella Tuscia.


Lago di Bolsena, con l’Isola Bisentina in primo piano e la centrale eolica di Piansano sullo sfondo

Il Comune di Montefiascone ha preso (nota prot. n. 28166 del 18 novembre 2021) una netta posizione avverso la speculazione energetica che negli ultimi anni sta radicalmente stravolgendo la Tuscia.

Nell’ambito della procedura di approvazione della costruzione ed esercizio (art. 12 del decreto legislativo n. 387/2003 e s.m.i.) di un impianto eolico avente potenza di poco inferiore a 1 MW proposto nella zona agricola del paese da parte della EWT Italia s.r.l., in corso presso la Provincia di Viterbo, ha dato parere negativo, chiedendo lo svolgimento delle procedure di valutazione di incidenza ambientale (V.Inc.A.) e della verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale (V.I.A.), in quanto il sito interessato è contiguo alla ZPS/ZSC IT6010008 ‘Monti Vulsini’  (distante 1 chilometro) e alla ZSC IT6010007 ‘Lago di Bolsena’ (distante 4,5 chilometri) e a un progetto di centrale fotovoltaica (potenza 48 MW) proposto nelle località La Spessa e Pozzitello.

Infatti, l’area è interessata dal vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), e da aree ricadenti nella Rete Natura 2000, di cui alle direttive n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat naturali e semi-naturali, la fauna e la flora e n. 09/147/CE sulla salvaguardia dell’avifauna selvatica.[1]  

Quanto richiesto dall’Amministrazione comunale di Montefiascone, guidata dal sindaco Giulia De Santis, è quanto chiesto proprio dal GrIG con l’istanza del giugno 2021: lo svolgimento dei procedimenti di valutazione di incidenza ambientale (V.Inc.A.) e di verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale, nonché l’adozione di provvedimenti inibitori finalizzati provvedimenti di vincolo paesaggistico. 

Lago di Bolsena, con l’Isola Bisentina in primo piano e la centrale eolica di Piansano sullo sfondo

La stessa posizione è sostanzialmente stata espressa anche dal Ministero della Transizione Ecologica e dalla Regione Lazio, che hanno risposto all’istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni interventi inviata (6 giugno 2021) dall’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) riguardo ai progetti di impianti eolici presso il Lago di Bolsena e Civita di Bagnoregio.

Sono stati coinvolti i Ministeri della Transizione Ecologica e della Cultura, la Regione Lazio, la Provincia di Viterbo, la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale, i Comuni di Bagnoregio e Montefiascone, informata per le opportune verifiche di competenza la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Viterbo.

Il Ministero della Transizione Ecologica – D.G. Patrimonio naturalistico, con nota prot. n. 62905 dell’11 giugno 2021 ha chiesto alla Regione Lazio, titolare della competenza, sui provvedimenti adottati in merito alla valutazione di incidenza ambientale, “considerato che i progetti segnalati, riguardanti l’installazione di più aerogeneratori in diverse località dei Comuni di Bagnoregio e Montefiascone, potrebbero interessare vari siti Natura 2000, tra cui la ZPS/ZSC ‘Calanchi di Civita di Bagnoregio’ (IT6010009), la ZPS/ZSC IT6010008 ‘Monti Vulsini’ e la ZSC IT6010007 ‘Lago di Bolsena’, con conseguenti possibili ricadute sugli habitat ivi presenti e con possibili effetti cumulativi, e tenuto conto della necessità di ottemperare all’espletamento della Valutazione di incidenza secondo quanto previsto dall’art. 6, par. 3, della Direttiva 92/43/CEE ‘Habitat’”.

Civita di Bagnoregio, loc. Mercatelli, frana (giugno 2021)

La Regione Lazio – D.G. Politiche Abitative e Pianificazione Territoriale, Paesistica e Urbanistica ha comunicato (nota prot. n. 586482 del 6 luglio 2021) di aver accolto l’istanza ecologista, respingendo gli atti di opposizione presentati dalle Società energetiche, in quanto trova applicazione l’art. 5, comma 2°, del decreto legislativo n. 33/2913 e s.m.i. (“Allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico, chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti secondo quanto previsto dall’articolo 5-bis”).

La Regione Lazio – D.G. Politiche Abitative e Pianificazione Territoriale, Paesistica e Urbanistica ha reso noto:

“* Per l’aerogeneratore (altezza metri 100, diametro rotore metri 61, potenza 0,975 MWp) in località Campo Pantano, in Comune di Bagnoregio, proposto da Mc Wind s.r.l., è pervenuta … istanza con prot. n. 741455/2020, avente per oggetto ‘Provincia di Viterbo – Istanza di autorizzazione unica, ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs. n. 387/03, per la costruzione e l’esercizio di un impianto di produzione di energia elettrica e delle relative opere ed infrastrutture connesse alimentato da fonte rinnovabile eolica, sito in Bagnoregio (VT), loc. Campo Pantano snc, di potenza nominale 0,999 MWp – Società MC WIND Srl. Verifica coinvolgimento delle strutture regionali interessate’. Presso questo ufficio è tuttora in corso la fase istruttoria le cui attività sono finalizzate all’espressione per le materie di competenza;

* Per l’aerogeneratore (altezza metri 100, diametro rotore metri 61, potenza 0,975 MWp) in loc. Podere Rosignolo, in Comune di Bagnoregio, proposto da s.r.l., è pervenuta … istanza prot. 191477/2020, avente per oggetto ‘Provincia di Viterbo – Istanza di autorizzazione unica, ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs. n. 387/03, per la costruzione e l’esercizio di un impianto di produzione di energia elettrica e delle relative opere ed infrastrutture connesse alimentato da fonte rinnovabile eolico sito in Bagnoregio (VT), loc. Podere Rosignolo di potenza nominale 0,975 MWp – Società EWT Italia Development srl. Coinvolgimento delle strutture regionali interessate’. Esaminati gli atti trasmessi a corredo dell’istanza, questo Ufficio ha comunicato con nota prot. n. 213502 del 2020, che l’intervento non necessita di parere in merito agli aspetti urbanistici e paesaggistici;

* Per l’aerogeneratore (altezza metri 100, diametro rotore metri 61, potenza 0.975 MWp) in loc. Le Guardie, in Comune di Montefiascone, proposto da EWind Sviluppo s.r.l. si evidenza che presso questo Ufficio non è mai pervenuta alcuna istanza;

* Per l’aerogeneratore (altezza metri 100, diametro rotore metri 61, potenza 0.975 MWp) in loc. Strada Umbro-Casentinese, in Comune di Montefiascone, proposto da Ewt Italia s.r.l., è pervenuta, presso la scrivente Area, istanza con prot. n. 981924/2020, avente per oggetto ‘Provincia di Viterbo – Autorizzazione Unica, ai sensi dell’art. 12 del D.Lgs. n. 387/03, per la costruzione e l’esercizio di un impianto di produzione energia elettrica e delle relative opere ed infrastrutture connesse alimentato da fonte rinnovabile eolica, sito in Montefiascone (VT) – Via Umbro-Casentinese snc di potenza nominale 0,975 MWp – Società EWT ITALIA Srl. Indizione della Conferenza di servizi interna, individuazione del rappresentante unico regionale e fissazione del termine per le richieste di integrazioni documentali’. Presso questo ufficio è tuttora in corso la fase istruttoria le cui attività sono finalizzate all’espressione per le materie di competenza”.

Quindi, per due impianti la fase istruttoria era ancora in corso, uno “non necessita di parere in merito agli aspetti urbanistici e paesaggistici”, per l’ultimo non era pervenuta alcuna istanza alla Regione Lazio.

Tuscia, boschi e vallate

Tuttavia, la stessa Direzione generale afferma (nota prot. n. 213502 del 10 marzo 2020) che la Provincia di Viterbo nel rilasciare l’eventuale autorizzazione unica (art. 12 del decreto legislativo n. 387/2003 e s.m.i.) e le altre Amministrazioni pubbliche competenti nel rilasciare i pareri di legge,  dovranno considerare che “nell’ubicazione di tali impianti si deve in ogni caso tener conto delle disposizioni in materia di sostegno nel settore agricolo, con particolare riferimento alla valorizzazione delle tradizioni agroalimentari locali, alla tutela della biodiversità, così come del patrimonio culturale e del paesaggio rurale di cui alla legge 5 marzo 2001, n. 57, articoli 7 e 8, nonché del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228, articolo 14. A tal riguardo i terreni oggetto di intervento non dovrebbero risultare interessati da progetti e programmi di vocazione agricola, quali ad esempio i PUA ex L.R.38/1999”, comunque “ferma restando la necessaria valutazione in merito degli impatti cumulativi che saranno effettuati dall’Area valutazione impatto ambientale, anche con considerazione della componente paesaggio”.

Quindi nessun impianto eolico in aree interessate da piani relativi a colture tradizionali o per la salvaguardia di paesaggio e biodiversità, nonché valutazione degli impatti ambientali cumulativi fra i vari progetti.

Appare piuttosto evidente che, in realtà, per almeno tre aerogeneratori ci si trova davanti a un progetto unico, spezzettato per evitare l’applicazione della normativa sulla valutazione degli impatti ambientali.

Tuscia, paesaggio agrario

La Valle dei Calanchi di Civita di Bagnoregio, centro medievale di grande suggestione noto in tutto il mondo, e le colline che digradano sul Lago di Bolsena attualmente vedono anche una richiesta di inclusione nel patrimonio dell’umanità a cura dell’UNESCO.

La speculazione energetica, purtroppo da anni, ha aggredito la Tuscia: siamo di fronte a ben 51 progetti di campi fotovoltaici presentati, in parte approvati e solo in minima parte respinti in pochi anni, complessivamente oltre 2.100 ettari di terreni agricoli e boschi. Analogamente sono ormai numerosi i progetti di centrali eoliche presentati o già in esecuzione.

Terreni talvolta affittati, altre volte espropriati per due soldi.

Centinaia e centinaia di ettari di terreni agricoli e boscati stravolti dalla speculazione energetica, senza che vi sia alcuna assicurazione sulla chiusura di almeno una centrale elettrica alimentata da fonti fossili.

centrale eolica

La realizzazione di questi progetti energetici snaturerebbe radicalmente alcuni dei più pregiati paesaggi agrari della Tuscia con pesanti impatti sull’ambiente e sui contesti economico-sociali locali. Stupisce, infatti, l’assenza di alcuna seria e adeguata analisi preventiva sugli impatti negativi anche sul piano economico-sociale di decine di migliaia di ettari di paesaggio storico della Tuscia sulle attività turistiche.

La Provincia di Viterbo detiene il non invidiabile primato per il consumo del suolo per abitante (rapporto ISPRA sul consumo del suolo 2019), 1,91 metri quadri per residente rispetto alla media regionale di 0,47 e nazionale di 0,80.

Consumo del suolo che va in direzione opposta agli obiettivi tanto decantati della transizione ecologica.

Legalità ed effettiva salvaguardia ambientale sono l’unica efficace garanzia anche per il turismo e il futuro del tessuto economico-sociale locale.

Sembra averlo compreso bene il Comune di Montefiascone che, avendo anche rilevato numerosi errori e incongruenze nell’istanza rivolta dalla società energetica, ha chiesto formalmente lo svolgimento delle necessarie procedure di valutazione degli effettivi impatti – anche cumulativi – sull’ambiente e sul contesto economico-sociale locale.

Gruppo d’Intervento Giuridico odv


[1]  precisamente i siti di importanza comunitaria (S.I.C.) “Lago di Bolsena” (IT6010007), “Isole Bisentina e Martana” (IT6010041), la zona di protezione speciale (Z.P.S.) “Lago di Bolsena, Isole Bisentina e Martana” (IT6010055), il S.I.C./Z.P.S. “Monti Vulsini” (IT6010008), il S.I.C./Z.P.S. “Calanchi di Civita di Bagnoregio” (IT6010009), il S.I.C. “Fiume Marta (alto corso)” (IT6010020).

Tuscia, acquedotto romano

(foto per conto GrIG, L.B., A.P., S.D., archivio GrIG)

  1. maurizio conticelli
    novembre 26, 2021 alle 10:28 am

    Riporto di seguito un mio post su FB attinente la pubblicità ingannevole sulle rinnovabili.
    “E’ in atto una inaccettabile campagna pubblicitaria in favore di eolico e fotovoltaico, sponsorizzata da grandi gruppi im-prenditoriali (il trattino non è un refuso) sui principali mezzi di informazione in Italia. Non manca trasmissione in cui ragazzi e ragazze animate da un apprezzabile spirito green, preoccupandosi delle sorti del pianeta o, meglio, dell’umanità che lo abita, pensano di risolvere il problema con la installazione di pale e pannelli. La campagna è ideata e sostenuta da THECLIMATEPLEDGE (https://www.theclimatepledge.com/it/it), un soggetto cofondato nel 2019 da Amazon e Global Optimism con l’impegno a raggiungere zero emissioni nette entro il 2040, ben 10 anni prima dei termini fissati dagli Accordi di Parigi del 2015 sul clima. Ben vengano gli impegni ad “attuare strategie di decarbonizzazione attraverso cambiamenti e innovazioni aziendali, inclusi miglioramenti dell’efficienza, energia rinnovabile, riduzione dei materiali e altre strategie di eliminazione delle emissioni di carbonio”, ma si ragioni sulle scelte/interventi da fare. Gli enormi investimenti nell’eolico e nel fotovoltaico previsti in Italia (5.000 km di pale quando il nostro Appennino ne misura 1.200 e 4.000 kmq di pannelli su una superficie complessiva come il Molise), non sono proponibili per il nostro Bel Paese, al punto che lo stesso Ministro Cingolani ha commentato che si tratterà di un’operazione “lacrime e sangue”. Ma allora perché procedere a testa bassa, peraltro avendo consapevolezza del misero contributo che le nuove rinnovabili potranno dare al settore elettrico, del fatto che a causa della loro intermittenza saranno comunque affiancate necessariamente da altre fonti – fossili in primis – della situazione italiana che vede i principali settori di uso dell’energia in campo termico (45%) e nei trasporti (33%), mentre l’energia elettrica si attesta su valori del 22%? No riesco a intravedere una illuminata strategia, ma solo un’operazione industriale ed inquinante ambiente e società, destinata a “sputtanare” il Bel Paese”.

  2. Amico
    • Mara machtub
      novembre 27, 2021 alle 4:55 PM

      Forza Signor Sindaco! Ce ne fossero di amministratori come Lei!

  3. novembre 26, 2021 alle 3:05 PM

    da New Tuscia, 26 novembre 2021
    Il Comune di Montefiascone si schiera contro la speculazione energetica nella Tuscia: http://www.newtuscia.it/2021/11/26/il-comune-di-montefiascone-si-schiera-contro-la-speculazione-energetica-nella-tuscia/

    ____________________

    da On Tuscia, 26 novembre 2021
    Il Comune di Montefiascone si schiera contro la speculazione energetica nella Tuscia: https://www.ontuscia.it/montefiascone/il-comune-di-montefiascone-si-schiera-contro-la-speculazione-energetica-nella-tuscia-348878

    ______________________

    da Le Muse News, 26 novembre 2021
    Il Comune di Montefiascone si schiera contro la speculazione energetica nella Tuscia: https://www.lemusenews.it/il-comune-di-montefiascone-si-schiera-contro-la-speculazione-energetica-nella-tuscia/

  4. donatella
    novembre 27, 2021 alle 9:54 am

    spero che si comprenda da parte di tutti che si tratta sempre di speculazione ogni volta che ci sono incentivi così consistenti in nome di qualunque cosa , specialmente ora che siamo in piena “speculazione green” le illegalità più o meno mascherate e ingarbugliate ci vanno a nozze

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: