Il Governo Gentiloni cerca di snaturare la normativa sulla valutazione di impatto ambientale!


Trieste, la “ferriera” di Servola dal mare

La direttiva n. 2014/52/UE ha integrato e modificato la direttiva n. 2011/92/UE sulla valutazione di impatto ambientale (qui il testo coordinato delle direttive sulla V.I.A.).

Ora gli Stati membri devono darvi esecuzione e il Governo Gentiloni ha approvato lo Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2014/52/UE che modifica la direttiva 2011/92/UE concernente la valutazione dell’impatto ambientale di determinati progetti pubblici e privati.

Portoscuso, zona industriale di Portovesme, impianti Alcoa

In seguito dovrà acquisire il parere delle Commissioni parlamentari competenti e il parere della Conferenza permanente Stato – Regioni – Province autonome.

Il testo proposto dal Governo Gentiloni rappresenta un salto indietro di trent’anni, con sensibili profili di incostituzionalità oltre a non costituire corretta attuazione degli obiettivi della nuova direttiva V.I.A.

Lo denunciamo a gran voce e faremo di tutto per evitare questo disastro ambientale e sociale annunciato.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

GRANDI REGALI AI PETROLIERI NEL DECRETO PROPOSTO DAL GOVERNO A REGIONI E PARLAMENTO PER LA NUOVA V.I.A.

ESCAMOTAGE PER NON FAR SMONTARE PIATTAFORME E RELATIVI GASDOTTI E OLEODOTTI SOTTOMARINI A FINE VITA: VANTAGGIO DI CENTINAIA DI MILIONI DI EURO PER LE MULTINAZIONALI.
Prospezione in mare con airgun e coltivazione di idrocarburi in mare e a terra con produzione fino a 182.500 tonnellate di petrolio o 182,5 milioni di Mc di gas annua non faranno la V.I.A. obbligatoria.
Si deciderà caso per caso se andare a V.I.A. senza alcun contraddittorio con cittadini ed enti locali.

Associazioni, movimenti e comitati a regioni e Parlamentari: cambiare radicalmente il Decreto.

Balena (da National Geographic)

Il Governo ha trasformato la bozza di Decreto per il recepimento della nuova direttiva VIA comunitaria appena inviato in Parlamento in un mega-regalo per i petrolieri mettendo il bavaglio ai cittadini e agli enti locali su decine di progetti e permettendo di non smantellare le piattaforme e i relativi gasdotti e oleodotti in mare.

Infatti nella proposta governativa si nasconde una miriade di favori grandi e piccoli alle multinazionali. Alcuni di questi riguardano tutti i progetti, come la V.I.A. “in sanatoria”, alla quale potranno accedere tutti, anche i petrolieri. Idem la norma pazzesca ed anticostituzionale secondo la quale i cantieri e le attività potranno continuare pure se si scopre che un’opera non ha fatto la V.I.A. oppure se un ente locale o un’associazione vince al TAR facendo decadere il parere favorevole.

Oggi però vogliamo concentrarci sui regali specificatamente inventati dal Governo a favore dei petrolieri.

Sarroch, impianti petrolchimico (da Google Earth)

In primo luogo all’Art.25, “Disposizioni attuative” si prevede un escamotage per evitare a fine produzione alle multinazionali di dover smontare le piattaforme oggi esistenti (o quelle ancora da costruire) nonchè gasdotti e oleodotti sottomarini a queste connessi. Infatti al comma 6 si prevede un Decreto del Ministro dello Sviluppo, di concerto con il Ministro dell’Ambiente, con semplice parere della Conferenza tra stato e regioni, con cui si prevedono le “linee guida per la dismissione mineraria o destinazione ad altri usi delle piattaforme per la coltivazione di idrocarburi in mare e delle infrastrutture connesse”. Già immaginiamo i mille e fantasiosi usi che verranno proposti per queste strutture.

Un vantaggio di centinaia di milioni di euro, visto che ci sono decine di piattaforme da smantellare e centinaia di chilometri di tubazioni posate sul fondo marino da bonificare. Materiali che rilasciano sostanze nell’ambiente.

Veniamo ora alle procedure sui progetti petroliferi da approvare e al bavaglio previsto per cittadini ed enti locali su molteplici progetti, alcuni dei quali già in corso di autorizzazione con forte opposizione sul territorio.

Gallura, cantiere edile sulla costa

Attualmente il Testo Unico dell’Ambiente D.lgs.152/2006 prevede che tutte le attività del settore siano sottoposte direttamente a Valutazione di Impatto Ambientale, dalla prospezione in mare con la tecnica dell’airgun fino alla coltivazione dei giacimenti, passando per lo scavo dei pozzi, con una fase pubblica di 60 giorni per cittadini ed enti locali per depositare osservazioni. Sui progetti di airgun, ad esempio, ci sono sempre decine di osservazioni di enti e associazioni e un dibattito fortissimo. Proprio come deve avvenire in uno stato democratico avanzato!

Le direttive comunitarie sulla VIA che si sono succedute, compresa l’ultima, la 52/2014/UE, hanno previsto due liste di progetti. Quelli inseriti nella prima devono sempre fare da subito la V.I.A. completa. Per quelli inseriti nella seconda la Direttiva demanda allo Stato membro di decidere se fare direttamente la V.I.A. o effettuare prima una verifica di assoggettabilità a V.I.A. (screening) sulla base delle condizioni specifiche del proprio territorio e anche della sensibilità della popolazione sugli specifici temi. In Italia sulla questione petrolifera negli ultimi anni c’è stata una fortissima mobilitazione di enti e cittadini.

simulazione posa gasdotto (Studio Newton, Fano)

In un paese estremamente vulnerabile per i rischi ambientali, da quello sismico a quello idrogeologico, con problemi rilevanti per la qualità dell’aria e dell’acqua, con una densità di popolazione molta alta, beni artistici diffusi, in un territorio unico per le produzioni enogastronomiche, uno si aspetterebbe la massima cautela. Per una volta era accaduto! Infatti si è optato per un regime rigoroso e cautelativo, sottoponendo anche alcuni progetti della seconda lista, le prospezioni con airgun o esplosivi, e tutti i progetti di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi, a V.I.A. diretta.

Oggi il Governo, modificando gli allegati del Testo Unico dell’Ambiente (art.22 della bozza di decreto), sceglie di abbassare le tutele invece di confermarle o aumentarle scegliendo per decine di progetti di fare prima lo screening, togliendo pure il contraddittorio con cittadini, associazioni ed enti locali.

Il mix delle nuove norme rischia infatti di essere micidiale.

Tutte le prospezioni, sia con airgun in mare sia con esplosivi, e i progetti petroliferi di coltivazione di giacimenti con produzione fino a 182.500 tonnellate di petrolio o 182 milioni di Mc di gas annua, cioè praticamente la gran parte di quelli del paese, invece di fare la V.I.A. come avviene oggi potranno partire con il semplice screening.

Masua, scarico di fanghi tossici in mare (1978)

Inoltre, mentre oggi per questo tipo di procedura il proponente deve depositare i documenti del progetto preliminare e uno studio preliminare ambientale, seguiti da una fase di 45 giorni per le osservazioni del pubblico, con il nuovo Decreto (Art.8 della bozza) scomparirà la fase delle osservazioni del pubblico e dovrà essere pubblicato esclusivamente lo Studio preliminare Ambientale (di solito alcune decine di generiche paginette) e non gli elaborati progettuali. Solo eventuali nuovi pozzi dovranno fare la V.I.A. diretta.

Esistono numerosi giacimenti in cui i pozzi sono stati scavati nel passato e vi è la procedura di V.I.A. in corso per la sola coltivazione. Ad esempio, a Comacchio, a S. Maria Nuova nelle Marche oppure a Bomba in Abruzzo. Non è che siccome i pozzi ci sono già non esistono più problemi ambientali potenziali derivanti dalla coltivazione del giacimento. Anzi! La fase estrattiva può avere effetti enormi in aree densamente abitate e delicate dal punto di vista ambientale (Comacchio è sito UNESCO!), dalla subsidenza alla sismicità indotta, passando per la modifica della qualità delle acque, alla gestione dei rifiuti prodotti. Le sole acque di produzione possono ammontare a milioni di mc. Ecco, le nuove procedure per questi progetti partiranno dal solo screening senza contraddittorio mentre le procedure di V.I.A. già in essere potranno essere pure riconvertite nel procedimento più favorevole!

macchia mediterranea, sole, mare

Il Decreto prevede l’obbligo di dare una risposta sulla necessità o meno della V.I.A. completa entro 60 giorni dal deposito. Quindi la decisione del Ministero dell’Ambiente potrà avvenire anche entro un’ora senza che nessun cittadino o ente locale possa avere anche solo il tempo per accorgersi del deposito del progetto. Una procedura totalmente illegittima in quanto la Convenzione di Aarhus, ratificata dall’Unione Europea e dall’Italia con la legge 108/2001, prevede che per tutti i progetti, anche non sottoposti a V.I.A., che possono avere impatti potenziali sull’ambiente, deve essere assicurata la possibilità e tempi congrui per il deposito di osservazioni da parte dei cittadini.

centrale eolica a mare

Ovviamente chiediamo alle Regioni che dovranno dare il parere alla Conferenza Stato-Regioni e ai parlamentari di aprire immediatamente un fronte con il Governo affinchè la tutela ambientale e sanitaria risponda a principi rigorosi con alti standard di qualità e non vi siano escamotage o giochi al ribasso assicurando il diritto dei cittadini e degli enti di partecipare alla definizione del futuro del proprio territorio.

sottoscrivono

Organizzazioni nazionali:

FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA,

COORDINAMENTO NAZIONALE NO TRIV,

ASSOCIAZIONE MEDITERRANEA PER LA NATURA ONLUS,

GRUPPO D’INTERVENTO GIURIDICO ONLUS,

RETE NAZIONALE NO GEOTERMIA ELETTRICA SPECULATIVA ED INQUINANTE,

ASSOCIAZIONE ANTIMAFIE RITA ATRIA,

PEACELINK,

NUOVO SENSO CIVICO ONLUS

ALTURA

Organizzazioni territoriali:

COMITATI AMBIENTALISTI LOMBARDIA,

COLLETTIVO ALTREMENTI VALLE PELIGNA,

LIPU ABRUZZO,

CAST (Comitato Ambiente Salute e Territorio),

ASSOCIAZIONE AMBIENTE E SALUTE NEL PICENO,

ABRUZZO BENI COMUNI,

COMITATI CITTADINI PER L’AMBIENTE DI SULMONA,

PESCARA PUNTO ZERO,

FORUM ABRUZZESE DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA,

STAZIONE ORNITOLOGICA ABRUZZESE ONLUS,

COMITATO CONTRO LO STOCCAGGIO DI SAN MARTINO SULLA MARRUCINA,

COORDINAMENTO DEI COMITATI “NO ELETTRODOTTO VILLANOVA-GISSI-FOGGIA”, COMITATO NO POWERCROP,

SALVIAMO L’ORSO,

CIRCOLO VALORIZZAZIONE TERRE PUBBLICHE,

COMITATO “LA DIFESA”, COMITATO NO INCENERITORE VAL DI SANGRO,

SALVIAMO LA PIANA

ASSOCIAZIONE “I CITTADINI” – VILLAFRANCA TIRRENA.

 

Sardegna, ginepro sul mare

(foto National Geographic, Raniero Massoli Novelli, A.N.S.A., smuluazione Studio newton – Fano, S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. marzo 28, 2017 alle 3:03 pm

    da La Nuova Sardegna, 28 marzo 2017
    Nuovo allarme ambientalista in Sardegna: un decreto apre le porte all’airgun.
    Un provvedimento del Governo potrebbe ridurre i vincoli. C’è un progetto della Nopec per un tratto di mare di fronte alla costa tra Bosa e la Corsica. Grande preoccupazione per il santuario dei cetacei: http://lanuovasardegna.gelocal.it/oristano/cronaca/2017/03/28/news/allarme-ambientalista-un-decreto-apre-la-porta-all-airgun-1.15099537

  2. Felicia
    marzo 30, 2017 alle 9:30 am

    Sul fatto che questi governi non eletti , da Monti in su , facciano gli sporchi interessi delle multinazionali , petrolieri in primis , non c’è più alcun dubbio . Scempio del territorio terrestre e marino e criminale noncuranza degli interessi dei cittadini italiani , pesca , turismo per esempio ,sono la conseguenza di tali scellerate politiche di svendita del nostro paese .
    Business coi petrolieri : La posizione del governo Renzi sul referenfum dulle piattaforme petrolifere con criminale bombardamento massmediatico perché la gente non andasse a votare ; svendita dei territori nazionali marini ricchi di pescaggio alla Francia , in vista di trivellamenti nell’arcipelago toscano a scapito della protezione ambientale e del turismo ; e ora questa legge per dar piena via libera alla depredazione del territorio .

  3. Annaloro Michele
    aprile 17, 2017 alle 10:47 am

    Buongiorno, mi chiamo Annaloro Michele, residente in Mantova, via L. Gandolfo 10, e mail m.annaloro@gmail.com, Cell. 3468492566, e in qualità di presidente del “Comitato Civico No Inceneritore” nella ex Cartiera Burgo di Mantova chiedo all’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico Onlus di sottoscrivere la vostra richiesta alle Regioni che dovranno dare il parere alla Conferenza Stato-Regioni e ai Parlamentari di aprire immediatamente un fronte con il Governo affinché la tutela ambientale e sanitaria, compromessa dal Decreto del Governo sulla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), mantengagli alti standard di qualità e garantisca il diritto dei cittadini e degli enti di partecipare alle decisioni che riguardano il futuro del proprio territorio.

  4. Porico
    agosto 20, 2017 alle 6:51 pm

    Vi è qualcosa di grottesco, di inaudito ,sul fatto che l’Italia dei cittadini debba difendersi continuamente dall’operato truffaldino dei così detti governi. Sarebbe forse utile riconoscere il golpe del 1992 e ripartire d’accapo.

  1. marzo 27, 2017 alle 1:00 am
  2. marzo 30, 2017 alle 6:23 pm
  3. giugno 4, 2017 alle 1:11 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: