L’inferno in paradiso, alla foce del Rio Irvi – Piscinas.


Arbus, foce del Rio Irvi-Piscinas “rosso” di metalli pesanti

Passano gli anni, ma non cambia nulla.

Siamo in un paradiso (ambientale), ma anche in pieno inferno (ambientale e sanitario).

Il Comune di Arbus espone le “valutazioni effettuate dall’Istituto Superiore di Sanità sugli arenili del SIN Sulcis Iglesiente Guspinese, tra cui quello di Piscinas, relativamente al rischio sanitario a causa della concentrazione di metalli derivanti dalle lavorazioni minerarie ed in particolare arsenico, cadmio, piombo e zinco” e dispensa serenità per i bagnanti e un po’ anche per i residenti.

Arbus, cartello alla foce del Rio Irvi – Piscinas

Infatti, in base all’ordinanza sindacale n. 35 del 26 agosto 2019, “l’arenile può essere usufruito in assenza di rischio per un periodo di giorni complessivi, anche frazionati:

– di 150 giorni nel lato sud
– di 90 giorni nel lato nord
– di 60 giorni nella parte centrale compresa tra la foce del Rio Piscinas e quella del Rio Naracauli
” (qui la planimetria).

Arbus, cartello alla foce del Rio Irvi – Piscinas

Tutto a posto, quindi?

Ecco che cosa è emerso in questi anni.

Già con ordinanza del Sindaco di Arbus n. 3068 del 26 gennaio 1998 (confermata con sentenza del Tribunale superiore delle acque pubbliche n. 122 del 6 dicembre 2001) veniva disposto a carico della Società Italiana Miniere – SIM s.p.a. (ora I.G.E.A. s.p.a.) la bonifica ambientale dello scarico inquinante e del letto del corso d’acqua, ma gli interventi sono tuttora ineseguiti.

Non solo. 

Per risolvere il problema del grave inquinamento ambientale venne finanziato (art. 17 della legge regionale n. 4/2000) uno specifico impianto di trattamento delle acque con un importo di euro 981.268,11 da parte della Regione autonoma della Sardegna. L’impianto è stato successivamente realizzato nel 2007-2008 dalla Provincia del Medio Campidano, ma si ignora sia il grado di funzionamento che l’efficacia, visto il perdurare dei fenomeni di inquinamento.   Da successive richieste del Comune di Arbus alla Provincia del Medio Campidano l’impianto non sembrerebbe esser mai stato attivato.

In proposito, le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra avevano chiesto (25 giugno 2012) informazioni ambientali, interventi di bonifica e l’esperimento dell’azione per danno ambientale) al Ministero dell’ambiente, l’A.R.P.A.S., la Provincia del Medio Campidano, il Comune di Arbus, il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, la Commissione europea, i Carabinieri del N.O.E. e, per gli aspetti rispettivamente di competenza penale ed erariale la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari e la Procura regionale della Corte dei conti per la Sardegna.

A.R.P.A.S., tabella analisi Rio di Naracauli
A.R.P.A.S., tabella analisi Rio Piscinas

L’A.R.P.A.S. – Dipartimento di Cagliari aveva comunicato (nota n. 22369 del 23 agosto 2012) i risultati delle analisi effettuate nel corso d’acqua del Rio Irvi – Piscinas, e nel mare prospiciente la foce in seguito alla specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e adozione degli opportuni interventi (25 giugno 2012), riguardo lo scarico di acque inquinate da metalli pesanti dal pozzo minerario dismesso di Casargiu, in Comune di Arbus (VS).

Sono stati effettuati i campionamenti “delle acque provenienti dalla galleria mineraria presente in località Casargiu (Pozzo Fais) … delle acque provenienti dalla seconda galleria situata nel promontorio che ospita la miniera di Casargiu” e “n. 3 prelievi di acqua di mare prospiciente la foce del Rio Piscinas”.  Inoltre, l’A.R.P.A.S. – Dipartimento di Cagliari effettua controlli mensili per la salvaguardia della salute pubblica (decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i. e D.M. n. 260/2010).

Cervo sardo (Cervus elaphus corsicanus)

I risultati sono stati drammatici: “nei tre campioni di acqua di mare è stato riscontrato un contenuto di Cadmio superiore allo standard di qualità previsto dal D.M. 260/2010”, cioè da 1 μg/l  a 4 μg/l.

Inoltre, “nei due campioni di acqua proveniente dalle gallerie è stata riscontrata la presenza di metalli pesantiFerro fino a 223900 μg/l, Manganese fino a 56960 μg/l, Zinco fino a 680500 μg/l, Cobalto fino a 1450 μg/l, Nichel fino a 2375 μg/l, Arsenico fino a 90 μg/l,Cadmio fino a 1100 μg/l e così via.

Elevati tenòri di metalli pesanti sono stati riscontrati nei campionamenti mensili 2011-2012 nel Rio Piscinas (soprattutto Cadmio, Rame, Nichel, Piombo, Zinco) e nel Rio di Naracauli (soprattutto Cadmio, Zinco).

I risultati delle analisi, per l’adozione degli opportuni provvedimenti di natura amministrativa e penale, erano stati inoltrati a tutti gli altri Soggetti pubblici competenti.

Arbus, Rio Irvi-Piscinas “rosso” di metalli pesanti

Ne marzo 2016 ad Arbus si era tenuto un dibattito pubblico riguardo il pesante inquinamento determinato dalla fuoruscita di metalli pesanti dai cantieri minerari dismessi di Casargiu, sempre nel territorio comunale di Arbus: l’allora amministratore delegato della società regionale Igea s.p.a. (obbligata dalla legge alle bonifiche ambientali) Michele Caria affermava che “quel fiume che nasce da Casargiu e arriva fino alle dune di Piscinas trasportando il suo carico di metalli pesanti continuerà a uscire inesorabilmente dal sottosuolo. La cosa da fare è impedirgli di arrivare a Piscinas”.

Alle parole, le ennesime, finora non è seguito alcun intervento risolutivo.

I tenori di metalli pesanti attuali non potranno essere molto diversi.

Oltre all’inquinamento ambientale e ai rischi sanitari sono evidenti i riflessi anche riguardo alla balneabilità del litorale.

Arbus, dune di Piscinas

Il litorale di Arbus appartiene al demanio marittimo (artt. 822 e ss. cod. civ.), mentre il corso del Rio Piscinas-Irvi è classificato “acqua pubblica” (regio decreto n. 1775/1933 e s.m.i.; legge n. 36/1994 e s.m.i.; decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.).     L’area in argomento ospita alcuni dei più suggestivi siti di archeologia mineraria (Ingurtosu, Naracauli, Piscinas), rientranti nel Parco geominerario, storico, ambientale della Sardegna (legge n. 388/2000, D.M. Ambiente 16 ottobre 2001).  

Arbus, Naracauli, Laveria Brassey

E’ ricoperta in buona parte di macchia mediterranea evoluta, contempla ambienti dunali unici nel Mediterraneo tutelata con specifico vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), mentre la fascia dei mt. 300 dalla battigia marina, le sponde fluviali e gli ambienti dunali sono tutelati con specifico vincolo di conservazione integrale (legge regionale n. 23/1993).  L’area è, inoltre, destinata a riserva naturale regionale “Monte Arcuentu – Rio Piscinas” (legge regionale n. 31/1989 – allegato “A”) ed è interamente classificata quale sito di importanza comunitaria (S.I.C.) “Monte Arcuentu e Rio Piscinas” (direttiva n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat naturali e semi-naturali).

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus inoltrerà nei prossimi giorni una nuova istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti alle amministrazioni pubbliche competenti per la reale bonifica ambientale di corsi d’acqua, litorale, dune interessate da un inquinamento tanto duraturo quanto frutto di lassismo e incuria, nonché azioni finalizzate al risarcimento del danno ambientale e all’accertamento delle responsabilità.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Arbus, Rio Irvi-Piscinas “rosso” di metalli pesanti

(foto per conto GrIG, Cristiana Verazza, C.B., S.D., archivio GrIG

Annunci
  1. settembre 4, 2019 alle 3:05 pm

    A.N.S.A., 3 settembre 2019
    Sos salute, a Piscinas solo 150gg/anno.
    Ordinanza con prescrizioni del Comune. Grig, “allarme metalli”. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/09/03/sos-salute-a-piscinas-solo-150gganno_34f7af4d-ba28-4acc-8431-89e5356f74de.html)

    Paradisi ambientali, ma per stare in spiaggia ed evitare possibili rischi alla salute bisogna contare i giorni: sul litorale di Piscinas, sito di interesse nazionale nel Sulcis-Iglesiente-Guspinese, si può stare davanti al mare “senza pericoli” 150 giorni nel lato sud per 10 ore per volta, 90 nel lato nord, 60 nella parte centrale compresa tra la foce del rio Piscinas e quella del rio Naracauli. Limiti imposti ora dal Comune di Arbus per l’alta concentrazione di metalli derivanti dalle vecchie lavorazioni minerarie: dall’arsenico al cadmio, dal piombo allo zinco.

    A rilanciare l’allarme inquinamento-salute sono gli ecologisti del Gruppo d’intervento giuridico (Grig), a seguito di una ordinanza firmata dal sindaco Antonello Ecca che mette in guardia sul rischio di danni alla pelle se non si osservano precise prescrizioni di esposizione all’aria sugli oltre quattro chilometri di spiaggia fra mare e dune. Appositi cartelli sono stati posizionati lungo l’arenile con le indicazioni scaturite dopo anni di analisi ambientali e certificate dall’Istituto superiore di sanità. Risale al 1998 l’obbligo imposto all’allora Società Italiana Miniere (Sim) di bonifica dello scarico inquinante e del letto del corso d’acqua.

    Ma gli interventi, denunciano gli ambientalisti, sono rimasti lettera morta. Per risolvere il problema era stato poi finanziato dalla Regione, con quasi 100mila euro, uno specifico impianto di trattamento delle acque, successivamente realizzato dalla Provincia del Medio Campidano nel 2007-2008. “Di questo impianto – precisano gli attivisti del Grig – si ignora sia il grado di funzionamento che l’efficacia, visto il perdurare dei fenomeni di inquinamento”. Ora gli ambientalisti tornano alla carica con nuove richieste di informazioni e di interventi urgenti di bonifica anche al fine di ottenere gli opportuni risarcimenti.

    _______________

    da Sardinia Post, 3 settembre 2019
    Pericoli per la salute a Piscinas, il Grig: “Dune sicure per non più di 150 giorni”: https://www.sardiniapost.it/ambiente/pericoli-per-la-salute-a-piscinas-il-grig-dune-sicure-per-non-piu-di-150-giorni/

    ________________

    da Sassari Oggi, 3 settembre 2019
    Metalli pesanti alla foce del Rio Irvi: la denuncia degli ambientalisti : https://www.sassarioggi.it/cronaca/metalli-pesanti-foce-rio-irvi-denuncia-ambientalisti-3-settembre-2019/

    _____________

    da Cagliari online, 3 settembre 2019
    Il rio dei veleni a Piscinas, oltre i due mesi in spiaggia rischi per la salute. (Paolo Rapeanu): https://www.castedduonline.it/il-rio-dei-veleni-a-piscinas-oltre-i-due-mesi-in-spiaggia-rischi-per-la-salute/

    _____________

    da Alghero Live, 3 settembre 2019
    GriG: “L’inferno in paradiso, alla foce del Rio Irvi – Piscinas”: http://algherolive.it/2019/09/03/grig-linferno-in-paradiso-alla-foce-del-rio-irvi-piscinas/

    _____________

    da La Nuova Sardegna, 3 settembre 2019
    Veleni a Piscinas, oltre i 60 giorni in spiaggia ci sono rischi per la salute.
    Troppi metalli pesanti portati dal rio Irvi che sfocia tra le dune. L’Istituto superiore di sanità segnala il potenziale pericolo che può nascere da una esposizione prolungata. (Luciano Onnis): http://www.lanuovasardegna.it/cagliari/cronaca/2019/09/03/news/veleni-a-piscinas-oltre-i-60-giorni-in-spiaggia-ci-sono-rischi-per-la-salute-1.17875782

    ——

    Piscinas, oltre i 60 giorni in spiaggia si rischia.
    Ordinanza del sindaco. Troppi metalli pesanti vicino alla foce del Rio Irvi: http://www.lanuovasardegna.it/regione/2019/09/03/news/piscinas-oltre-i-60-giorni-in-spiaggia-si-rischia-1.17876210

  2. Mara machtub
    settembre 6, 2019 alle 8:49 am

    Sarà perché non esistono né Paradiso né Inferno, ma solo la Stupidità Umana?
    Piscinas è un luogo bellissimo e ancora quasi intatto, lo visito da oltre 30 anni con amici “continentali” che ne rimangono incantati. E’ incredibile constatare quanti danni abbia fatto l’IGEA bonificando le proprie tasche anziché il territorio. Non paga mai nessuno.

  3. Riccardo Pusceddu
    settembre 6, 2019 alle 11:05 am

    A rischio di ripetermi, ribadisco quanto dico spesso di fronte a queste storie incredibili di leggi disattese e costosi impianti mai entrati in funzione: il fatto che avvengano e’ dovuto alla gente che non protesta e che non penalizza i responsabili in ambito elettorale.

  4. settembre 30, 2019 alle 11:29 pm

    anche a Masua, of course…

    da L’Unione Sarda, 30 settembre 2019
    Iglesias. Metalli pesanti a Masua, l’avviso: “Fruizione limitata della spiaggia”.
    I campionamenti risalgono al 2011/2013: https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/sulcis-iglesiente/2019/09/30/metalli-pesanti-a-masua-l-avviso-fruizione-limitata-della-spiaggi-136-934199.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: