Se non è un disastro ambientale, che cos’è?


parco naturale Molentargius – Saline, incendio notturno (luglio 2019)

Ormai il notiziario incendi è ogni giorno un granello in più del rosario di morte per la Sardegna.

Al 13 agosto 2019 sono stati contati 1.902 incendi che hanno percorso ben 4.096 ettari di boschi e pascoli.

Quasi 900 incendi in più e il doppio della superficie bruciata rispetto al 2018 (1.016 incendi per 1.899 ettari a fuoco).

7.246 uomini e donne fra Corpo forestale e di vigilanza ambientale Agenzia Forestas, Vigili del Fuoco, Barracelli, A.R.P.A.S., Protezione civile e volontari si impegnano ogni giorno – e a loro va la massima gratitudine – ma basta la delinquenza di pochi incendiari per uccidere con il fuoco l’Isola, un po’ alla volta.

La gran parte sono incendi dolosi, una ventina gli indagati, finora.

La cartografia delle aree percorse dal fuoco indica inesorabilmente le profonde ferite ambientali.

Siamo al disastro ambientale

Ci sarà il tempo per le riflessioni sul miglioramento della necessaria attività antincendio, ma ora, subito, dobbiamo opporci, senza riserve.

E’ fondamentale la predisposizione dei piani regionali antincendio e dei catasti comunali delle terre percorse dal fuoco, con i conseguenti divieti di trasformazionedi pascolo, ecc. previsti dall’art. 10 della legge n. 353/2000 e s.m.i.

E’ fondamentale la prevenzione, la bonifica delle discariche abusive (fra le fonti principali degli incendi), la vigilanza.

Ma è fondamentale che ognuno di noi faccia la sua parte.

E’ fondamentale che ogni cittadino, residente o turista, collabori per la difesa del patrimonio ambientale comune: oltre alle prescrizioni, ricordiamoci che il numero verde 1515 mette in collegamento con la sala operativa del Corpo forestale e di vigilanza ambientale. 

La rapidità della comunicazione delle informazioni e degli interventi contribuisce a salvare boschi, pascoli, coste e vite umane minacciate dagli incendi, non dimentichiamolo mai!

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Sardegna, incendio

Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi. Triennio 2017-2019. Anno 2019. 
DELIBERAZIONE N. 20/32 DEL 30.05.2019

Piano generale [file .pdf]
– Rete avvistamento e risorse idriche 2019[file .pdf]
– Presidi Territoriali AIB [file .pdf]
– Cartografia Regionale 2018 [file .pdf]
– Superfici percorse dal fuoco e insorgenze ultimo quinquennio [file .pdf]
– Pianificazione comunale e Indice di Rischio e Pericolosità Comunale [file .pdf]
– Piani dei Parchi nazionali di La Maddalena e dell’Asinara [file. pdf]

Cagliari, Molentargius, incendio (17 giugno 2012)

(foto J.I., S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Mara machtub
    agosto 19, 2019 alle 8:53 am

    Di fronte a questa emergenza ambientale c’è bisogno di strumenti eccezionali. Penso che si dovrebbe mettere in campo un’apposita task force di Servizi Segreti che indaghi a tutto campo e tutto l’anno, in modo da fermare gli incendiari “prima” che vigliaccamente colpiscano, e individuarli con certezza “dopo”. Galera certa e obbligo di lavorare a vita, tutti i sabati e domeniche, al ripristino ambientale. A costo di farli sorvegliare uno ad uno da appositi “barracelli volontari”.
    Sono le nove del mattino e ho bevuto solo caffélatte, ma sono furibonda. Ogni foglia che brucia è una fibra del mio vecchio cuore che si infiamma.

    • G.Maiuscolo
      agosto 19, 2019 alle 9:45 am

      Cara Mara, tu invochi una “task force di Servizi Segreti”!
      Si potesse…Quanto alla galera per i mostri…metterli dentro e buttare la chiave.

      Sarà la maturità ( non mi permetto di parlare di saggezza…) ma non ho tutte queste speranze.
      In questo nostro bellissimo Paese, non si riesce nemmeno a salvare la vita ad un povero ragazzo che, caduto in un burrone, deve vivere la propria agonia e rassegnarsi ad andarsene, prima che i soccorsi lo raggiungano. Spero gli sia partito anche il cervello, oltre alle gambe, mentre aspettava, egli sì…con speranza.

      Eh sì che…la tecnologia ( vedi CORRIERE) poteva salvarlo. In altri paesi europei, non nel nostro!

      • Mara machtub
        agosto 19, 2019 alle 11:50 am

        Cara G, ho seguito con angoscia la vicenda del ragazzo francese e sono molto triste per la sua fine assurda ma.
        Ma è stato un po’ sprovveduto, credo, come sovente accade purtroppo. Se avesse avuto una semplice app che si collega in automatico con il satellite e dà la posizione esatta nel raggio di 50 metri. Se avesse lasciato detto DOVE esattamente andava, come deve fare ogni trekker solitario con cervello. Se avesse potuto contare su una batteria cell. di ricambio.
        Anche io spero tanto che la fine sia stata rapida e incosciente, penso ai poveri genitori. Invece le due ragazze che si son perse sui sentieri impervi in quel di Masua, sono salve. Grazie al satellitare.
        In quanto agli incendiari, non ho davvero più parole: provo troppa pena per la Sardegna mia, tanto amata.
        Buona giornata a te.

  2. G.Maiuscolo
    agosto 19, 2019 alle 9:04 am

    (…) “Al 13 agosto 2019 sono stati contati 1.902 incendi che hanno percorso ben 4.096 ettari di boschi e pascoli.
    Quasi 900 incendi in più e il doppio della superficie bruciata rispetto al 2018 (1.016 incendi per 1.899 ettari a fuoco).
    “La gran parte sono incendi dolosi, una ventina gli indagati, finora.
    La cartografia delle aree percorse dal fuoco indica inesorabilmente le profonde ferite ambientali.”

    Che altro: un vero disastro ambientale e la nostra povera Isola, bella, umiliata e devastata è lì, quasi annientata da chi dimostra di non amarla. Davvero si può fare così tanto male a chi ti ha generato?
    Si può essere invidiosi di tanta bellezza che, comunque, a nessuno è preclusa?

    Certo che ognuno di noi…deve e può fare la propria parte, ma intanto siamo davanti a questo sfacelo, praticamente impotenti e anche noi, in qualche modo, umiliati, con pochi, pochissimi mezzi per evitare ciò che sta accadendo.

    Isola bella e amata, ti abbraccio, con tutto l’affetto possibile.
    Sorrisi tristi

  3. agosto 19, 2019 alle 2:50 pm

    disastro ambientale anche nelle Isole Canarie.

    A.N.S.A., 19 agosto 2019
    Incendio Gran Canaria, numero evacuati aumenta a 8.000.
    Presidente Canarie, fiamme avanzano ‘inarrestabili’. (http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2019/08/19/incendio-gran-canariaora-8.000-evacuati_c1f6e94e-29a2-4e6d-8df3-e8f816197981.html)

    Continua a salire il numero degli evacuati sull’isola di Gran Canaria a causa del violento incendio scoppiato sabato pomeriggio che ha già bruciato 3.400 ettari di vegetazione: secondo quanto riporta il quotidiano spagnolo El Pais, sono già ben 8.000 le persone che sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni nel nord dell’isola mentre le fiamme avanzano “inarrestabili”, ha detto questa mattina il presidente delle Canarie Angel Victor Torres.

    La notte scorsa Torres aveva detto che le fiamme non potranno essere domate nelle prossime ore. Il fronte principale dell’incendio si trova nel parco naturale di Tamadaba, che si estende per 7.500 ettari all’interno di un’area dichiarata dall’Unesco Riserva della Biosfera.

    ____________

    ———–

  4. agosto 19, 2019 alle 2:52 pm

    da La Nuova Sardegna, 18 agosto 2019
    Domenica nera sul fronte incendi: 5 roghi dell’isola.
    Il più vasto quello nelle campagne di Bono che ha impegnato 5 mezzi aerei della flotta regionale: http://www.lanuovasardegna.it/regione/2019/08/18/news/domenica-nera-sul-fronte-incendi-5-roghi-dell-isola-1.17868493

    —————

    Rogo a ridosso della 131, strada chiusa al traffico per il fumo.
    L’incendio nella zona di Abbasanta in località Losa: http://www.lanuovasardegna.it/oristano/cronaca/2019/08/19/news/rogo-a-ridosso-della-131-strada-chiusa-al-traffico-per-il-fumo-1.17868908?ref=hfnsorea-1

  5. Tiziana
    agosto 19, 2019 alle 8:00 pm

    Ho conosciuto persone che hanno pianto davanti ad un terreno bruciato dal fuoco non perché era tutto devastato, non perché degli alberi erano rimasti solo i mozziconi, non perché in mezzo alle fiamme erano morti tanti animali ma, per la paura di non poter ottenere le concessioni edilizie…ma poi una mano dall’alto ha risolto il problema e le sue lacrime salate alla fine sono diventate dolci come il miele per la gioia…ed ancora sta gioiendo…

  6. agosto 21, 2019 alle 5:46 pm

    incendi, ancora.

    da L’Unione Sarda, 21 agosto 2019
    IL ROGO. Un incendio minaccia il rimboschimento nel Monte Arci.
    C’è il rischio che il vento possa alimentare le fiamme: https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/oristano-provincia/2019/08/21/un-incendio-minaccia-il-rimboschimento-nel-monte-grighine-136-918940.html

    __________________

    da La Nuova Sardegna, 21 agosto 2019
    Paura a Castelsardo, un incendio doloso minaccia gli animali degli allevamenti.
    Elicotteri in azione sul rogo divampato nelle campagne alla periferia del paese. (Salvatore Santoni): http://www.lanuovasardegna.it/sassari/cronaca/2019/08/21/news/paura-a-castelsardo-un-incendio-doloso-minaccia-gli-animali-degli-allevamenti-1.17869617

  7. agosto 22, 2019 alle 2:46 pm

    anche questo…

    A.N.S.A., 22 agosto 2019
    Rogo dopo fuochi d’artificio a G.Aranci.
    Indagine del Corpo Forestale per giochi non autorizzati: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/22/rogo-dopo-fuochi-dartificio-a-g.aranci_045067f5-00d5-4220-aee2-70f2677e0eec.html

  8. agosto 24, 2019 alle 5:35 pm

    A.N.S.A., 24 agosto 2019
    Rogo minaccia abitazioni a Carloforte.
    Al lavoro tre mezzi aerei della flotta regionale: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/08/24/rogo-minaccia-abitazioni-a-carloforte_7038d75c-0ebe-4b8f-b75e-8fc64c535eb6.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: