Assemblea della Rete dei Comitati e dei Movimenti in Toscana.


assemblea Rete dei Comitati e Movimenti , Firenze (3 febbraio 2013)

assemblea Rete dei Comitati e Movimenti , Firenze (3 febbraio 2013)

Grande successo dell’assemblea della Rete dei Comitati e dei Movimenti in Toscana per discutere della realizzazione di una vera e propria Piattaforma Toscana con contenuti condivisi per difendere ambiente e salute pubblica.

Assemblea molto partecipata, quella della giornata di domenica 3 Febbraio 2013 all’Istituto Stensen, dove più di 50, tra comitati e associazioni provenienti dai quattro angoli della Toscana, hanno presieduto all’incontro.

Molte le vertenze presenti sulla piattaforma, dalla Piana fiorentina alla Geotermia sull’Amiata, dal tunnel Tav sotto Firenze, all’ampliamento della Tirrenica.     Presenti l’assessore all’Urbanistica regionale Anna Marson e il Presidente della Regione Enrico Rossi.

Si è discusso sulla necessità di porre le basi per una vera legge sulla partecipazione tra istituzioni e cittadinanza, e di proporre sulla piattaforma le idee e le risoluzioni emerse nel dibattito.

Il Presidente della Regione Toscana apre alla Rete dichiarandosi disponibile a incontri in giunta, tesi a relazionarsi e a presentare le proposte illustrate dalla piattaforma. Malgrado la nota positiva, restano ovviamente le forti divergenze, ma negare le aperture per partito preso non è nostra abitudine, per cui continueremo il nostro lavoro di lotta e di sensibilizzazione, guardando fiduciosi al futuro e a quello in cui più crediamo, ovvero nella risposta data dai fatti concreti.

Elena Romoli, Gruppo d’Intervento Giuridico onlus – Toscana

 

Firenze by night

Firenze by night

qui l’intervento del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus – Toscana

qui l’intervento del Comitato per Campiglia

 

 

 

 

da La Repubblica, Firenze, 4 febbraio 2013

Rossi apre ai comitati “Parliamone in giunta”. Massimo Vanni

RETE dei comitati, Rossi apre al dialogo. Davanti ai paladini del territorio e dell’ambiente che nella loro «Piattaforma Toscana» non gli risparmiano niente, dalla geotermia «inquinante e pericolosa» alla legge urbanistica che «abdica in favore dei Comuni» e al tunnel Tav «che non serve», il governatore toscano Enrico Rossi offre la mano al presidente della Rete Alberto Asor Rosa. «Venite in giunta a relazionare, venite a presentarci la vostra piattaforma. Restano ovviamente le differenze, ma possiamo anche p ensare ad un sistema di rapporti continuativi», dice il governatore Rossi a fianco dei suo assessore all’urbanistica Anna Marson, chiudendo la mattinata di interventi all’assemblea all’Istituto Stensen.
«Il lavoro di Marson sul Piano paesistico mi convince e una volta che sarà entrato in vigore, dopo una fase di sviluppo immobiliare – sostiene Rossi questa regione può entrare in una fase nuova. Anche la legge urbanistica potrà essere rivista di conseguenza». SullaTirrenica si va avanti: «Siamo pronti ad un approfondimento ambientale quando ci verranno consegnati i nuovi progetti», dice Rossi. Ma contro Sibilla Della Gherardesca del Fai (Fondo ambiente italiano) che dice «la Tirrenica non la vogliamo perché non serve», lo stesso Asor Rosa interviene: «Siamo di idee diametralmente opposte». E se i comitati ribadiscono il no allo sviluppo dell’aeroporto di Peretola, Rossi assicura che almeno «6mila ettari di parco agricolo verranno tutelati per le future generazioni».

Firenze, manifestazione contro alta velocità in sotterranea (2010)

Firenze, manifestazione contro alta velocità in sotterranea (2010)

NON siamo stati noi a prevedere nella Piana inceneritore, aeroporto e centro commerciale. Siamo stati noi invece a dire chela Piana deve essere riordinata, perché l’aeroporto così com’è non è adeguato», sostiene il governatore toscano. Nessuno stop neppure per il tunnel Tav, che i comitati vorrebbero cancellare: «Lo Stato ha però dimostrato debolezza: uno Stato che non è in grado di rifare l’Osservatorio ambientale che noi avevamo chiesto, è il segno di dieci anni di abbandono delle funzioni dello Stato. Noi la nostra parte l’abbiamo fatta», sostiene Rossi. Annunciando entro l’anno il Piano energetico: «Stiamo discutendo con Enel della chiusura delle due centrali ad olio combustibile di Livorno e Piombino».   Non solo la Regione. Dall’assemblea dello Stensen si è anche attaccato il Comune. In particolare, sul nuovo Regolamento urbanistico e sull’invito che l’assessore Titta Meucci ha rivolto ai proprietari di grandi immobili vuoti («Diteci cosa volete farci»). Claudio Greppi ha duramente richiamato Palazzo Vecchio: «Quell’invito non è che una nuova proposta di`urbanistica contrattata’, anziché fissare prima le regole si invitano i proprietari ad esprimersi per poter contrattare il cambiamento. E’ una logica rovesciata». Ornella De Zordo ha criticato poi la giunta Renzi per non aver ancora predisposto «un piano del centro storico, della mobilità e della sosta». Quella di Renzi, secondo De Zordo, è una città «omologata e standardizzata, un po’ come Mc Donald’s sta al cibo». Tanto che il presidente Rossi ne ha approfittato per una battuta: «Se si parla di politici e cibo, paragonatemi alla Pappa al pomodoro, sono affezionato al rosso per tante ragioni e molta passione».

 

Toscana, Castell'Azzara, bosco e cavalli

Toscana, Castell’Azzara, bosco e cavalli

 

(foto E.R., S.D., archivio GrIG)

  1. febbraio 11, 2013 alle 10:25 PM

    Reblogged this on Il blog di Fabio Argiolas.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: