Giustizia per tutti i Lorenzi d’Italia.


Mauro Zaratta (Taranto, 17 agosto 2012, da http://www.gettyimages.com)

Lorenzo Zaratta è morto a soli 5 anni per tumore al cervello, a Taranto.

Il padre Mauro non ha taciuto e ha chiesto giustizia.

Alla sbarra, dal luglio 2015, ci sono amministratori e funzionari pubblici, dirigenti industriali, consulenti, preti che hanno permesso all’Ilva di inquinare per decenni.

Recentemente la Procura della Repubblica di Taranto ha chiuso l’inchiesta concernente il decesso di Lorenzo e accusa di omicidio colposo nove dirigenti dell’Ilva nel periodo della gestione Riva.

L’Italia è piena di Lorenzi, anche a Sarroch e a Portoscuso, per esempio.

Ma i genitori come Mauro sono troppo spesso merce rara.

Troppo spesso basta il lavoro, magari sottopagato, o la semplice promessa del lavoro per tacitare bocche e coscienze. 

Quando non difendere l’indifendibile.

Gruppo d’Intervento Giuridico odv

Taranto, acciaieria Ilva

da Il Fatto Quotidiano, 15 gennaio 2021

Taranto, morì a 5 anni di cancro al cervello: 9 dirigenti ex Ilva indagati per omicidio colposo. “Malattia causata da polveri dell’acciaieria”.

Chiusa l’inchiesta sulla morte di Lorenzo Zaratta, deceduto nel 2014. I pm Remo Epifani e Mariano Buccoliero accusano 9 dirigenti del siderurgico e sostengono che la vittima “assumeva le sostanze velenose durante il periodo in cui era allo stato fetale”. La perizia dei consulenti della famiglia: “Numerosi corpi estranei” nel cervello tra cui ferro, acciaio, zinco e persino silicio e alluminio. (Francesco Casula)

Sono state le emissioni velenose dell’ex Ilva di Taranto a causare la morte del piccolo Lorenzo Zarattaucciso il 30 luglio 2014 da un tumore al cervello. Ne è convinta la procura di Taranto che ha chiuso l’inchiesta sulle cause della malattia di Lorenzo e ha iscritto nel registro degli indagati 9 dirigenti che guidavano la fabbrica negli anni della gestione Riva. L’accusa è di omicidio colposo: secondo i pubblici ministeri Remo Epifani e Mariano Buccoliero, i dirigenti ”consentivano la dispersione di polveri e sostanze nocive provenienti dalle lavorazioni delle Aree: Parchi Minerali, Cokerie, Agglomerato, Acciaierie e Gestione Rottami Ferrosi dello stabilimento siderurgico, omettendo l’adozione delle misure di prevenzione contro gli infortuni sul lavoro e malattie professionali” e questo avrebbe causato “una grave malattia neurologica al piccolo Lorenzo Zaratta che assumeva le sostanze velenose durante il periodo in cui era allo stato fetale” che avrebbe così sviluppato una “malattia neoplastica che lo conduceva a morte”.

L’accusa è nata dagli studi che i consulenti dell’avvocato Leonardo La Porta, che assiste la famiglia di Lorenzo, hanno portato avanti. Nella loro relazione hanno infatti sostenuto che nel cervello di Lorenzo c’erano “numerosi corpi estranei” tra cui ferroacciaiozinco e persino silicio e alluminio. In quel documento, Antonietta Gatti, fisica e bioingegnera, autrice di una serie di analisi sui campioni biologici del piccolo Lorenzo, ha parlato di caso “emblematico” perché “trattandosi di un bambino la cui patologia tumorale si è resa manifesta nei primi mesi di vita quando le esposizioni ambientali sono molto limitate se non quasi nulle stante lo stile di vita caratteristico dell’età”.

Portoscuso, polo industriale di Portovesme

Insomma un neonato non dovrebbe aver generato un malattia così grave. La causa, quindi, per Gatti, “è da ricercare nell’esposizione della madre durante la gravidanza”. La mamma di Lorenzo, durante nove mesi di attesa, lavorava infatti nel quartiere Tamburi, a pochi metri dalle ciminiere e dalle emissioni nocive dell’Ilva. “La possibile spiegazione – si legge in una relazione – della presenza di polveri d’acciaio” nel corpo di Lorenzo “è legata al fatto che, all’epoca della gravidanza, la madre viveva a Taranto e lavorava in una zona notoriamente soggetta a inquinamento di polveri da acciaieria” e di “numerose altre polveri come quelle di magnesio e di zinco” che risultano “compatibili con la stessa provenienza”. A questo bisogna aggiungere il quadro storico: diversi membri della famiglia dei genitori erano morti di tumore e il nonno materno di Lorenzo lavorava nello stabilimento siderurgico tarantino.

Per Maria Grazia Andreassi dell’Unità di epidemiologia molecolare e genetica dell’istituto di fisiologia clinica del Cnr di Pisa e per Emilio Luca Antonio Gianicolo dell’Unità epidemiologia e statistica dell’istituto di Fisiologia Clinica del Cnr di Lecce (anche loro consulenti di difesa) “solo vivere e lavorare nel quartiere Tamburi di Taranto ha conferito, alla nascita, un rischio aumentato di sviluppare cancro, e in particolare cancro al cervello” che si è concretizzato nella “abnorme presenza di particelle potenzialmente tossiche nei tessuti”. Insomma vivere ai Tamburi fa aumentare il rischio di sviluppare tumori, eppure non sarebbe bastata questa “documentata predisposizione genetica a sviluppare e/o trasmettere un danno oncologico” a uccidere Lorenzo.

Gli esperti hanno stabilito che il “dito sul grilletto” è stato “premuto dai tossici ambientali”: senza di loro la “predisposizione genetica sarebbe rimasta caricata a salve per tutta la vita”.
“Abbiamo sempre confidato nella giustizia – ha commentato Mauro Zaratta, padre del piccolo Lorenzo – affinché il dolore che ha falciato le nostre vite non colpisca altre famiglie. Se qualcuno ha colpe dovrà pagare, ma non posso oggi non chiedermi dove fosse lo Stato in quegli anni. E dov’è oggi? Si cerca di tenere in vita uno stabilimento che ha diffuso, secondo gli esperti, malattie e morte: lo Stato ritorna addirittura nella gestione della fabbrica, quasi a dimostrare che la morte di Lorenzo e di tanti altri bambini non hanno insegnato nulla. È un copione triste, purtroppo già visto che ci fa sentire ancora una volta abbandonati a noi stessi”.

Lorenzo e Mauro Zaratta (da http://www.lastampa.it)

(foto http://www.gettyimages.com, La Stampa, A.N.S.A., S.D., archivio GrIG)

  1. capitonegatto
    gennaio 16, 2021 alle 12:08 PM

    Se tutti vogliamo la modernita’, ovviamente le acciaierie servono . Quello che non torna e continua a non tornare e’ come questa dell’Ilva e’ stata progettata e costruita, e non riammodernata per tempo : parco minerario a cielo apero, impianti di rilevazione e filtrazione adeguati alle ciminiere. Ma in primo luogo, la scelta sconsiderata di fare un impianto di questo tipo a ridosso di una citta’ meravigliosa che meritava e merita lavoro ma non inquinamento.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi a capitonegatto Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: