Home > aree urbane, beni culturali, biodiversità, coste, difesa del territorio, paesaggio, parchi naturali, pianificazione, sostenibilità ambientale, zone umide > Non c’è bisogno di un “parco minestrone” per Santa Gilla, Molentargius e la Sella del Diavolo, ma di corretta e concreta gestione dei beni ambientali.

Non c’è bisogno di un “parco minestrone” per Santa Gilla, Molentargius e la Sella del Diavolo, ma di corretta e concreta gestione dei beni ambientali.


parco naturale regionale "Molentargius - Saline", motocross (23 gennaio 2015)

parco naturale regionale “Molentargius – Saline”, motocross (23 gennaio 2015)

La Giunta regionale sarda, con la deliberazione n. 32/2 del 31 maggio 2016, ha avviato, su richiesta dei Comuni interessati, un percorso istituzionale finalizzato all’istituzione di un unico parco naturale comprendente lo Stagno di Molentargius, le Saline, lo Stagno di Santa Gilla e la Sella del Diavolo.

Le intenzioni saranno pure le migliori, ma il programma sembra delineare un “parco minestrone”, dove buttar dentro tutto e il contrario di tutto e non combinare molto di buono per un’efficace salvaguardia del patrimonio naturale e storico-culturale di autentici gioielli del Mediterraneo.

Si tratta di aree naturalistiche con problematiche ben differenti fra loro, che necessitano di gestioni mirate e non di un carrozzone, come con elevata probabilità si manifesterebbe un simile consorzio di gestione.

Cagliari, Stagno di Capoterra, Progetto Gilia, percorso naturalistico, protezione in canne semi-divelta

Cagliari, Stagno di Capoterra, Progetto Gilia, percorso naturalistico, protezione in canne semi-divelta

Esclusi gli amministratori pubblici proponenti, non meraviglia che manifesti entusiasmo solo chi ha incarichi retribuiti da tempo immemorabile  – quasi infeudazioni – grazie alle aree naturali protette, ma non vede discariche abusive, morìe di pesci, vandalismi, abusivismo edilizio.

L’esempio dell’esistente parco naturale regionale “Molentargius-Saline” dovrebbe, infatti, far riflettere. Istituito fin dal 1999, dopo l’investimento di centinaia di milioni di euro di fondi pubblici, ancora si dibatte fra problemi gestionali da “a, b, c” delle aree naturali protette, come l’ordinaria vigilanza sulle zone di nidificazione dell’avifauna selvatica, la repressione dell’abusivismo edilizio, la lotta al vandalismo, il contrasto ai vari fenomeni di inquinamento.

Cagliari, Santa Gilla, presenza di scarichi incontrollati di materiali vari (2013)

Cagliari, Santa Gilla, presenza di scarichi incontrollati di materiali vari (2013)

La situazione della gestione ambientale dello Stagno di Santa Gilla è analogamente deficitaria: a fronte di centinaia di milioni di euro di fondi pubblici spesi a partire dagli anni ’80 del secolo scorso per effettuare il risanamento ambientale di discariche e scarichi abusivi di origine industriale, la zona umida è sostanzialmente in balìa del degrado.   Perdurano discariche abusive e inquinamenti di origine industriale.  Proprio per le elevate caratteristiche naturalistiche lo Stagno è stato oggetto del progetto LIFE Natura “Gilia” (1996, con piano di gestione (1 dicembre 1998) e un finanziamento di ben 2.885.445,00 euro di fondi comunitari (regolamento LIFE) in favore del consorzio intercomunale fra Cagliari (capofila), Assemini, Elmas e Capoterra, appositamente costituito (1997).

Fra i vari interventi è stato realizzato un percorso naturalistico di visita dello Stagno di CapoterraLo stato del percorso è semplicemente desolante: le canne di protezione sono in gran parte divelte, le postazioni di ricezione e la recinzione sono state semi-distrutte, l’altana per l’avvistamento dell’avifauna è stata cannibalizzata, le auto percorrono gli argini senza alcun controllo, soprattutto argini e acque sono diventati luogo di scarichi illeciti di rifiuti di ogni genere.   Nessuno cura la benché minima vigilanza.

Cagliari, canale Molentargius, morìa di pesci

Cagliari, canale Molentargius, morìa di pesci

Il consorzio intercomunale non è stato in grado di gestire nemmeno un “percorso natura” e dovrebbe gestire un intero parco naturale, anzi un parco naturale esteso sulle due zone umide fra le più importanti a livello internazionale (S. Gilla e Molentargius-Saline) più, tanto per gradire, un promontorio come la Sella del Diavolo?

La Sella del Diavolo, poi, ospitando ben due siti di importanza comunitaria (Torre del Poetto, codice ITB0422242 e Monte Sant’Elia, Cala Mosca e Cala Fighera, codice ITB0422243), è munita di unico piano di gestione dei S.I.C., approvato con decreto assessoriale n. 3 dell’11 febbraio 2011 e, sostanzialmente, per il mantenimento delle caratteristiche ambientali ha solo bisogno di vigilanza e di controllo sulla perdita di biodiversità (erosione, decespugliamenti) derivata dall’eccessiva percorrenza con mountain bike.

Cagliari, Sella del Diavolo, danni da percorrenza da mountain bike

Cagliari, Sella del Diavolo, danni da percorrenza da mountain bike

Per tutelare la Sella del Diavolo sarebbe ottimale istituire una riserva naturale regionale e affidarla in gestione direttamente al Comune di Cagliari.   Una gestione più agile e potenzialmente efficace.

Il parco naturale regionale “Molentargius-Saline” dovrebbe rendere effettiva ed efficace la propria azione dotandosi del fondamentale piano del parco (tuttora in alto mare) e rendendolo effettivo, insieme al potenziamento della vigilanza sul territorio.

Lo Stagno di Santa Gilla dovrebbe vedere un percorso istitutivo di un parco naturale regionale più ponderato, partendo dal piano di gestione del S.I.C./Z.P.S. Stagno di Cagliari, Saline di Macchiareddu, Stagno di S. Gilla (ITB040023) già esistente (decreto assessoriale n. 71 del 30 luglio 2008).

Insomma, non c’è bisogno di un “parco minestrone”, con l’ennesimo spreco di denaro pubblico, c’è bisogno di seria ed efficace salvaguardia ambientale. Quella che ancora oggi manca.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra

 

Cagliari, Stagno di Capoterra, cartello progetto LIFE Natura "Gilia"

Cagliari, Stagno di Capoterra, cartello progetto LIFE Natura “Gilia”

dal sito web istituzionale della Regione autonoma della Sardegna

Parco regionale Molentargius-Santa Gilla, via libera dalla Giunta. Paci e Spano: tutela dell’ambiente e opportunità di sviluppo.

“Questo territorio ha una straordinaria valenza ambientale con un’elevata concentrazione di valori naturalistici – dice l’assessore Paci -. Molentargius e Santa Gilla sono siti di grande importanza naturalistica e ambientale internazionale in quanto oasi di protezione faunistica, zone umide tutelate, siti di interesse comunitario e zone di protezione speciale confinanti con i Sic Torre del Poetto e Monte Sant’Elia, Cala Mosca e Cala Fighera”.

CAGLIARI, 31 MAGGIO 2016 – La Regione avvia ufficialmente il percorso per la costituzione del Parco regionale delle zone umide dell’area metropolitana di Cagliari che prevede la gestione unitaria dei compendi di Molentargius e Santa Gilla. L’ha deciso la Giunta, approvando la delibera proposta dall’assessore della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci. L’intervento rientra nella Programmazione Unitaria 2014-2020, per garantire il necessario coordinamento tecnico-amministrativo con la diretta partecipazione alla nuova entità amministrativa.

Il coinvolgimento della Regione è stato richiesto dalle Amministrazioni comunali dei sette Comuni (Cagliari, Quartu Sant’Elena, Quartucciu, Selargius, Elmas, Capoterra e Assemini), che hanno sollecitato la Regione a farsi parte attiva nelle procedure di costituzione del Parco stesso. “Questo territorio ha una straordinaria valenza ambientale con un’elevata concentrazione di valori naturalistici – dice l’assessore Paci -. Molentargius e Santa Gilla sono siti di grande importanza naturalistica e ambientale internazionale in quanto oasi di protezione faunistica, zone umide tutelate, siti di interesse comunitario e zone di protezione speciale confinanti con i Sic Torre del Poetto e Monte Sant’Elia, Cala Mosca e Cala Fighera. Il Parco regionale delle zone umide è un’opportunità di sviluppo e rafforzamento dell’intera area metropolitana di Cagliari, e la Regione è pronta a sostenere questo percorso. Non parliamo solo di tutela ambientale ma anche di potenziare le attività produttive della zona – dalle Saline alla pesca e all’itticultura -, incentivare la nascita di attività turistiche e sportive, salvaguardare e tutelare la forza lavoro occupata nelle attività economiche e promuovere nuova e qualificata occupazione”.

L’Esecutivo ha dunque deciso di incaricare l’Unità di Progetto per il coordinamento tecnico della programmazione unitaria di avviare tutti gli studi e le azioni necessari per l’attivazione del percorso di istituzione del Parco Molentargius – Sella del Diavolo – Capo S. Elia – Santa Gilla, in stretta sinergia con l’Assessorato dell’Ambiente, che avvierà le procedure, e le amministrazioni comunali interessate. “L’area metropolitana di Cagliari si prepara ad avere uno sbocco naturale di grande pregio – spiega l’assessore della Difesa dell’Ambiente, Donatella Spano -. Con la delibera di indirizzo di oggi avviamo il percorso richiesto dai sindaci. Deve essere un Parco che nasce dal basso e deve avere la massima condivisione possibile. Noi lavoreremo all’istituzione nell’ottica della multifunzionalità dei sistemi, affrontando in maniera unitaria le esigenze di tutela ambientale e valorizzazione delle zone umide”.

 

L'Unione Sarda, 4 giugno 2016

(foto J.I., S.D., archivio GrIG)

Advertisements
  1. raniero massoli novelli
    giugno 3, 2016 alle 10:16 am

    Pienamente d’accordo, Stefano: i megaparchi, come i mega progetti, purtroppo per lo più nascondono altre mire speculative.
    Il problema è sempre quello: la sorveglianza, la pulizia, la “gestione”, la “manutenzione”, i progetti ad hoc, ecc rendono poco in termini di quattrini, di immagine, di risonanza mediatico/politica. Meglio grossi progetti per altri grossi finanziamenti…

  2. Terrae
    giugno 3, 2016 alle 12:14 pm

    L’idea in sé non sarebbe male … visto che, finalmente, la Sella del Diavolo verrebbe sottratta al monopolio del GrIG! 🙂

    Ma è su quel “valorizzare” che mi viene l’orticaria. Non diversamente che per L’Asinara o per le altre mille cose su cui mette gli occhi la speculazione politica, imprenditoriale e finanziaria, ed i loro rispettivi sottobosco clientelari.

    Iron slips, paese!
    (E nascondiamo bene gli apriscatole, per favore!)

    • giugno 3, 2016 alle 9:48 pm

      …se non fosse per il GrIG, la Sella del Diavolo vedrebbe oggi una funivia, un monolito di qualche decina di metri, un localino “vip” e, probabilmente, anche qualche frana in più…naturalmente sarebbe tutto altamente ecocompatibile 😛 😛 😛

  3. giugno 3, 2016 alle 2:58 pm

    tutto va bene, madama la marchesa…

    da CagliariPad, 3 giugno 2016
    Parco Molentargius-Santa Gilla: “Sale, pesca e centri benessere”.
    La fusione di compendi naturalistici sotto una sola regia potrebbe estendersi a tutta la regione: presto l’avvio del percorso di un unico parco con lo schema deliberato martedì scorso dalla Giunta regionale potrebbe riguardare Carloforte e S.Antioco e le lagune dell’Oristanese e di Olbia: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=29565

    ____________________________________

    da La Nuova Sardegna, 2 giugno 2016
    Cagliari, il parco delle zone umide progetto pilota per la Sardegna.
    Dopo la delibera votata giunta regionale che istituisce il parco unico di Santa Gilla, Molentargius fino a Capo Sant’Elia Legambiente lancia la proposta. (Stefano Ambu): http://lanuovasardegna.gelocal.it/cagliari/cronaca/2016/06/02/news/cagliari-il-parco-delle-zone-umide-progetto-pilota-per-la-sardegna-1.13588979?ref=hfnscaec-1

  4. giugno 3, 2016 alle 3:05 pm

    da Sardinia Post, 3 giugno 2016
    Cagliari, prove di maxi-parco: da Molentargius alla Sella del Diavolo: http://www.sardiniapost.it/cronaca/cagliari-prove-di-maxi-parco-da-molentargius-alla-sella-del-diavolo/

    ____________________

    da Alguer.it, 3 giugno 2016
    A Molentargius e Santa Gilla un Parco minestrone: http://notizie.alguer.it/n?id=108067

    ____________________________________

    da Cagliari Oggi, 3 giugno 2016
    A Molentargius e Santa Gilla un Parco minestrone: http://notizie.cagliarioggi.it/n?id=108067

    ___________________________

    da Cagliari Vistanet, 3 giugno 2016
    «No al “parco minestrone”: serve una corretta gestione dei beni ambientali»: http://cagliari.vistanet.it/blog/cagliari/no-parco-minestrone-corretta-concreta-gestione-dei-beni-ambientali/

  5. giugno 4, 2016 alle 10:56 am

    ovviamente NO 😉

    da L’Unione Sarda, 4 giugno 2016
    Sondaggio. Pensate sia giusta la nascita del Parco unico per Santa Gilla, Molentargius e Sella del Diavolo: http://www.unionesarda.it/articolo/il_termometro/2016/06/03/pensate_sia_giusta_la_nascita_del_parco_unico_per_santa_gilla_mol-57-503363.html

  6. giugno 29, 2016 alle 9:22 pm

    sì, ci pensa il “parco-minestrone”.

    da Casteddu online, 29 giugno 2016
    Molentargius, chiodi disseminati sul percorso di runner e ciclisti.
    Sgomento tra i frequentatori del parco per la presenza di numerosi chiodi lungo i percorsi: http://www.castedduonline.it/cagliari/zonapoetto-santelia/37702/molentargius-chiodi-disseminati-sul-percorso-di-runner-e-ciclisti.html

  7. luglio 10, 2016 alle 1:29 pm

    e vorrebbero fare un parco-minestrone…

  8. luglio 11, 2016 alle 2:48 pm

    morìa di pesci nel canale di Terramaini e discarica di amianto nel parco. Poi polemiche sull’affidamento del servizio antincendio.

    da L’Unione Sarda, 11 luglio 2016
    Cagliari, canale di Mammarranca, morìa anomala di pesci: allarme, parte l’inchiesta. (Andrea Piras): http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/07/11/cagliari_canale_di_mammarranca_mor_a_anomala_di_pesci_allarme_par-68-514274.html

  9. luglio 16, 2016 alle 6:15 pm

    senza parole.

    da L’Unione Sarda, 15 luglio 2016
    Quartu, un violento incendio devasta nella notte il Parco di Molentargius. (Giorgia Daga): http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/07/15/quartu_incendio_notturno_all_interno_del_parco_del_molentargius-68-515722.html

    _________________

    dal sito web istituzionale del parco naturale regionale “Molentargius-Saline”,
    Incendio del 06 Luglio 2016: http://www.parcomolentargius.it/articolo.php?art=1471

    ____________________

  10. luglio 24, 2016 alle 7:20 pm

    senza parole.

    da Casteddu online, 24 luglio 2016
    Molentargius, incendi: al bando di gara disertano alcune associazioni.
    Dopo lo sfogo della VicePresidente del Comitato Quartello, Lesya Pavlova, una dura presa posizione delle associazioni di volontariato che fronteggiano da tempo (con Vigili del Fuoco e Forestale), gli incendi dei piromani: “Non parteciperemo al bando dell’Ente Parco di Molentargius”. (Alessandro Congia): http://www.castedduonline.it/area-vasta/hinterland/38503/molentargius-incendi-al-bando-di-gara-disertano-alcune-associazioni.html

  11. luglio 26, 2016 alle 9:41 pm

    ancora.

    da L’Unione Sarda, 26 luglio 2016
    Quartu, ancora fiamme a Molentargius: un elicottero per spegnere il rogo: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/07/26/quartu_ancora_fiamme_a_molentargius_un_elicottero_per_spegnere_il-68-519078.html

    ___________________________

    da Cagliaripad, 26 luglio 2016
    Non c’è pace per il parco di Molentargius: terzo incendio in meno di un mese.
    La zona colpita è nello specifico Quartu, lato via Fiume e via San Benedetto, dove le fiamme sono molto vicine all’abitato. Nonostante il tempestivo intervento dei vigili del fuoco e dei volontari, l’incendio non è stato ancora domato: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=31701

  12. agosto 4, 2016 alle 10:06 pm

    e a Santa Gilla pure un allevamento abusivo di cozze. 😮

    A.N.S.A., 4 agosto 2016
    Sequestrato impianto abusivo mitili.
    Cagliari, indagato 70enne. Distrutti 42 mila chili di molluschi: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2016/08/04/sequestrato-impianto-abusivo-mitili_68df54a1-502c-45f3-b7c3-f7092b81dcd5.html

  13. settembre 1, 2016 alle 10:27 am

    da L’Unione Sarda, 31 agosto 2016
    Una decina di giovani fenicotteri salvati dalla Forestale a Molentargius e al Poetto: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/08/31/una_decina_di_giovani_fenicotteri_salvati_dalla_forestale_a_molen-68-529331.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: