Un New Deal per l’Italia.


 

L’Italia ha bisogno di riprendere in mano la gestione del proprio territorio, ha bisogno di far ripartire la propria economia su basi nuove, ha bisogno di responsabilità e di fiducia.

L’Italia ha bisogno di un New Deal.

L’abbiamo proposto e lo proponiamo.

Da Eddyburg un bellissimo articolo sul New Deal di Franklin Delano Roosevelt del prof. Giorgio Nebbia, uno dei padri dell’ecologismo in Italia.

Da segnalare l’approvazione negli anni ’20 del secolo scorso di alcuni provvedimenti in Italia sulla difesa del suolo (regio decreto n. 3267/1923, tutela idrogeologica), bonifiche agricole e infrastrutture (c.d. legge del miliardo del 1924, leggi Serpieri del 1924 e del 1933) che – secondo alcuni – costituirono spunti utili per il New Deal.

E di un New Deal ha bisogno oggi l’Italia.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

crisi del 1929, disoccupati

crisi del 1929, disoccupati

 

 

da Eddyburg, 21 marzo 2013

A ottant’anni dal New DealGiorgio Nebbia

Un uomo di cinquant’anni, colpito dodici anni prima da un attacco di poliomielite, scende dalla carrozzella e, pallidissimo, percorre faticosamente a piedi, appoggiandosi al braccio del figlio, i trenta metri che lo separano dal podio in cui lo attende il Giudice Supremo degli Stati Uniti per accogliere il suo giuramento di presidente degli Stati Uniti. E’ il 4 marzo del 1933, una fredda e piovosa mattinata di Washington, e il nuovo presidente è Franklin Delano Roosevelt. L’America — che lo ha eletto più per sfiducia nei confronti del suo predecessore, il repubblicano Hoover, che per convinta ammirazione per il democratico Roosevelt — è un paese senza fiducia.
Rigurgiti di consumismo sfacciato si alternano con la disperazione di milioni di disoccupati pieni di debiti; l’agricoltura è allo sbando, con i silos pieni di cereali e di cotone che nessuno compera e con le famiglie rurali alla fame; il divieto di consumo degli alcolici ha dato vita a bande criminali organizzate di spacciatori, di distillatori clandestini di alcol, di importatori di bevande alcoliche che prosperano con la copertura della diffusa corruzione di funzionari e uomini politici.
L’America lasciata da Hoover non era soltanto quella delle banche e delle borse dissestate, del debito pubblico avanzante, ma si presentava con il suolo impoverito da decenni di sfruttamento, esposto all’erosione dovuta alle piogge e al vento, con le foreste devastate da incendi, con paesi e città senza fogne e senza discariche dei rifiuti, con città violente e inquinate, solcate da lunghe code di disoccupati pieni di debiti. Nell’America ereditata da Roosevelt era crollata la produzione di acciaio, di alimenti, di automobili, di petrolio. I negozi contenevano merci contaminate con residui di pesticidi e con sostanze velenose, al punto che due giornalisti, Kalleth e Schlink, potevano scrivere un libro di successo, intitolato: “Cento milioni di cavie”, per denunciare le frodi alimentari.
Roosevelt aveva impostato la sua campagna promettendo un nuovo patto, un “nuovo corso”— il “New Deal” — per sconfiggere depressione e sfiducia, e cominciò il suo discorso di investitura con le celebri parole: “L’unica cosa di cui si deve avere paura è la paura stessa”. Gli eventi di quel 4 marzo 1933, raccontati da Arthur Schlesinger nei tre volumi del libro: “Il New Deal”, pubblicati da Il Mulino nel 1959-65, ritornano alla mente in questi primi turbolenti anni del XXI secolo, perché forse le azioni politiche — nei settori dell’agricoltura, della produzione industriale, delle merci, dell’ambiente — dell’amministrazione Roosevelt negli anni trenta del Novecento potrebbero suggerire qualche idea sulle cose da fare per lanciare un vero nuovo corso politico ed economico nel nostro paese.

 


Roosevelt e le risorse naturali 

Il programma “ecologico” di Roosevelt, riletto a settanta anni di distanza, pensando che allora non si parlava di ecologia, di ambientalismo e di verdi, ha molti aspetti sorprendenti. Intanto va ricordato che agli inizi del secolo Teodoro Roosevelt (solo un lontano parente di Franklin Delano), presidente dal 1901 al 1908, nel 1905 aveva già varato un grande programma governativo americano di conservazione della natura.

F.D. Roosevelt capì che la salvezza dell’America dipendeva anche dalla regolazione del corso dei fiumi e dalla lotta all’erosione, dalla ricostruzione della fertilità dei suoli agricoli e dei pascoli e dalla regolamentazione dell’estrazione di minerali, carbone e petrolio, da una nuova politica urbanistica e da un nuovo rapporto città-campagna, da un controllo della produzione delle merci e dalla lotta alle frodi praticate a danno dei consumatori, dalla salvaguardia delle foreste e dall’estensione dei parchi.
Tutte le competenze nel campo delle risorse naturali — acqua, foreste, difesa del suolo, opere pubbliche, urbanistica, parchi, miniere, rifiuti, eccetera — furono concentrate in due ministeri, quello dell’agricoltura e quello dell’interno, affidati a due persone, H.A. Wallace e Harold L. Ickes, singolari come competenze e devozione al loro mandato.
E quanto sia opportuna una politica coordinata nel campo delle risorse naturali lo dimostrano la lentezza e l’inefficacia delle azioni dei nostri governi, sparpagliate fra le competenze dei ministeri dell’ambiente, delle infrastrutture, dell’agricoltura, dell’economia, continuamente mutevoli non solo per il succedersi delle persone e dei funzionari e dei nomi, uniti solo nella mancanza di una linea politica, dispersione comoda al fine di moltiplicare uffici e appalti, ma catastrofica per la difesa della natura e dell’ambiente.

 

acqua

acqua

 

Acqua 
Gli anni che precedettero la vittoria di Roosevelt erano stati caratterizzati da un seguito di siccità e di degrado del suolo. I lavori intrapresi dalle amministrazioni precedenti per la regolazione del corso dei fiumi andavano a rilento: era stata completata soltanto la grande diga Hoover sul Colorado.
La nuova amministrazione affrontò subito il problema della regolazione del corso dei fiumi. L’aumento e la razionale utilizzazione delle risorse idriche, la lotta alla siccità e all’erosione, potevano essere condotti soltanto per grandi bacini idrografici: poiché questi si stendevano attraverso i confini di vari stati, le relative opere erano di competenza e responsabilità federale.
Uno dei più grandi fiumi e bacini idrografici del Nord America è il Tennessee che scorre dalle montagne innevate ai campi esposti all’erosione, fino a immettersi nell’Ohio poco prima che questo si getti nel Mississippi. Sul Tennessee erano state costruite, durante la prima guerra mondiale, delle dighe per la produzione dell’energia idroelettrica che serviva a produrre acido nitrico sintetico per l’industria degli esplosivi.
Il governo del New Deal decise di affrontare la regolazione delle acque della valle del Tennessee costruendo una serie di dighe e di centrali idroelettriche, realizzando la prima industria elettrica di proprietà del governo federale. Il 18 maggio 1933, due mesi dopo l’insediamento di Roosevelt alla Casa Bianca, fu creata una speciale agenzia, la Tennessee Valley Authority, il più noto esempio di pianificazione territoriale e industriale del New Deal. La costruzione delle dighe attirò nella zona lavoratori disoccupati da tutta l’America; fu rettificato il corso del fiume, furono fatte opere per fermare l’erosione del suolo e per il rimboschimento delle valli.
L’elettricità “governativa” permise di alimentare fabbriche, pure di proprietà del governo federale, per il trattamento dei minerali fosfatici e per la produzione di concimi: concimi di stato da distribuire agli agricoltori a prezzi politici per ridare fertilità alle terre impoverite dall’erosione. Curiosamente il New Deal fece uscire l’America dalla crisi, fra l’altro, con iniziative di “nazionalizzazione” proprio in direzione contraria alla privatizzazione delle industrie statali e delle imprese pubbliche che si pratica oggi in Italia.

 


Boschi e occupazione 
Lo stato di erosione del suolo dell’America richiedeva interventi immediati e le opere di regolazione del corso dei fiumi sarebbero state vanificate se non fossero state accompagnate da una vasta azione di rimboschimento delle valli. Roosevelt aveva sottolineato, fin dalla campagna elettorale, l’importanza delle foreste. Gli alberi — disse — trattengono la terra fertile sui declivi e l’umidità del suolo, regolano il fluire delle acque nei ruscelli, moderano i grandi freddi e i grandi caldi: sono i “polmoni” dell’America perché purificano l’aria e danno nuova forza agli Americani.
Il 14 marzo 1933, dieci giorni dopo essersi insediato alla Casa Bianca, Roosevelt predispose un grande progetto per impiegare un esercito di giovani disoccupati al lavoro nelle foreste. Nell’estate del 1933 300.000 americani, celibi, dai 18 ai 25 anni, figli di famiglie assistite, organizzati nei Civilian Conservation Corps, erano nei boschi, impegnati nei lavori di difesa del suolo che da molti anni erano stati trascurati.
Negli anni successivi, in varie campagne, due milioni di giovani lavoratori, complessivamente, piantarono 200 milioni di alberi, ripulirono il greto dei torrenti, prepararono laghetti artificiali per la pesca, costruirono dighe, scavarono canali per l’irrigazione, costruirono ponti e torri antincendio, combatterono le malattie dei pini e degli olmi, ripulirono spiagge e terreni per campeggi.
Nell’aprile 1935 fu creato il Soil Conservation Service col compito di difendere il suolo, anche se era di proprietà privata, per conto della collettività.

 

bosco e girasoli

bosco e girasoli

 

Terreni demaniali 
All’inizio del New Deal l’America aveva ancora vasti terreni demaniali; nei decenni precedenti il governo non aveva esitato a vendere a prezzi irrisori molti terreni di proprietà federale a chi voleva aprire miniere, installare pozzi petroliferi, utilizzare i pascoli. Nelle terre demaniali residue gli allevatori dell’ovest da sempre avevano portato a pascolare il bestiame senza alcun controllo nè pagamento, con la conseguenza che l’eccessivo pascolo aveva distrutto l’erba e aveva fatto avanzare l’erosione e il deserto.
Nel 1933 il governo decise di far pagare un affitto a coloro che usavano risorse naturali — pascoli o miniere — demaniali e di fermare la svendita dei terreni collettivi. Ancora una volta un’azione che va in direzione esattamente contraria a quella, in corso in Italia dalla fine del Novecento, caratterizzata proprio dalla svendita ai privati dei beni collettivi, come sono gli spazi demaniali o le terre soggette a usi civici.

 

campo di mais

campo di mais

 

Agricoltura e materie prime 
Nell’America della grande crisi c’era sovrabbondanza di raccolti ma prezzi così bassi che gli agricoltori soffrivano la fame. L’erosione del suolo dovuto alle acque e al vento aveva spinto milioni di piccoli proprietari o affittuari ad abbandonare le proprie terre per andare a lavorare come miserabili salariati nelle terre ancora fertili. Le grandi compagnie finanziarie compravano a prezzi stracciati i terreni dei piccoli coltivatori soffocati dai debiti. La drammatica situazione è descritta, fra l’altro, nel libro “Furore” di Steinbeck, del 1939, da cui l’anno dopo fu tratto un celebre film.
Il 12 marzo 1933 il governo Roosevelt propose una serie di incentivi finanziari intesi a trattenere nei campi i piccoli coltivatori e a difendere i prezzi. “Distruggere un raccolto va contro i migliori istinti della natura umana”, sosteneva il ministro dell’agricoltura Wallace, e così furono organizzate le distribuzioni, alle classi meno abbienti e povere urbane, di cibo acquistato dal governo e furono incentivati i mezzi per risollevare il mercato.
Fra questi ultimi va ricordato lo sforzo per la utilizzazione industriale dei prodotti e sottoprodotti agricoli. La chimica avrebbe avuto un ruolo fondamentale e William Hale coniò il termine “chemiurgia” per indicare le tecniche capaci di trasformare le materie di origine agricola, zootecnica e forestale in merci: dall’alcol etilico, da usare come carburante e come materia prima per la gomma sintetica, alla cellulosa e alle proteine per ottenere fibre artificiali, dall’amido alle materie plastiche. Le stesse proposte odierne di manufatti di plastica “ecologica”, a base di amido, erano già state elaborate negli anni trenta del secolo scorso. Il successo delle merci ottenute dal petrolio ha oscurato un insieme di realizzazioni che ancora oggi potrebbero dare lavoro e reddito all’agricoltura.
Il Dipartimento dell’agricoltura fin dal 1933 creò una rete di stazioni di sperimentazione che furono all’avanguardia nelle tecniche di chemiurgia e incoraggiarono nuove coltivazioni e industrie. Furono studiate nuove materie agro-industriali, che sono state “riscoperte”, alla fine del Novecento, alla luce dell’ecologia: dalle cere ricavate dalla jojoba, alla gomma guayule, dalle fibre tessili cellulosiche naturali ottenute da ginestra, canapa, yucca, a nuove materie cellulosiche industriali, eccetera.
In questo periodo venne lanciata la campagna per ridare orgoglio agli agricoltori, ridivenuti consci del ruolo primario del loro lavoro: “I’m proud to be a farmer” (Sono orgoglioso di essere un agricoltore), si leggeva nelle fattorie in quegli anni. Questo orgoglio era indispensabile per coinvolgere gli agricoltori nelle opere di difesa del suolo, di rimboschimento, di innovazione nelle colture.

 


La lotta alle frodi 
Il Dipartimento dell’agricoltura assunse anche un ruolo vigoroso nella lotta contro le frodi. Proprio come nel 1906 il libro: “La giungla” dello scrittore Upton Sinclair aveva denunciato le drammatiche condizioni di lavoro nelle grandi fabbriche di carne in scatola, il libro: “Cento milioni di cavie” denunciava i pericoli per la salute di molti prodotti alimentari, medicinali, cosmetici. Uno degli autori, F.J. Schlink, pochi anni prima aveva fondato la Consumers’ Research Inc., per effettuare analisi delle merci nell’interesse dei consumatori, che cominciarono a diventare soggetti e protagonisti politici.
Tugwell, sottosegretario all’agricoltura del governo Roosevelt, subito nella primavera del 1933 decise di abbassare da 1,3 a 0,9 milligrammi la massima quantità di arseniato di piombo, un antiparassitario, tollerata negli alimenti. La Food and Drug Administration, una agenzia del Dipartimento dell’agricoltura fino allora sonnacchiosa, organizzò, per ordine di Tugwell, una mostra delle frodi e dei veleni che finivano sulla tavola degli americani.
Naturalmente le proposte di riforme merceologiche incontrarono la forte opposizione dei produttori industriali e solo nel 1938 fu approvata la nuova legge sulla purezza di alimenti, cosmetici e medicinali, il Pure Food, Drug and Cosmetic Act.

 

Franklin Delano Roosevelt

Franklin Delano Roosevelt

 

La comunità e la città 

La rinascita delle città fu un altro dei punti importanti del New Deal: come risposta alla congestione urbana e alla sua violenza fu avviato un progetto per portare al di fuori dei ghetti urbani la popolazione povera, in modo che gli abitanti potessero vivere alla luce del sole, respirare aria buona e anche avere una piccola superficie di terreno da coltivare. Furono così costruiti quartieri residenziali autosufficienti nei quali le famiglie, ridotte sul lastrico dalla povertà urbana e rurale, potessero trovare rifugio occupandosi di artigianato, di coltivazione della terra anche per trarne il proprio cibo.
Il progetto prevedeva di localizzare le fabbriche in zone aperte e distanti fra loro, di sviluppare un nuovo tipo di città industriale suburbana, resa possibile dall’era dell’automobile. Queste idee ebbero fra l’altro il sostegno di un architetto-pensatore come Lewis Mumford che, proprio nel 1934, scrisse: “Tecnica e cultura”, proponendo la transizione ad una società “neotecnica”, meno violenta ed inquinata.
Il programma rimase in gran parte sulla carta, ma mostra l’ambiente culturale dei primi anni dell’amministrazione Roosevelt e la vivacità degli studiosi, urbanisti, progettisti che riuscì a mobilitare. Comunque il governo del New Deal avviò un processo di bonifica urbana, opere di edilizia popolare, sia nelle città, sia nelle campagne, per eliminare le abitazioni malsane e fatiscenti e ridare così, con case adeguate, anche una dignità alle famiglie dei diseredati. Una pagina dei conflitti fra il nuovo corso urbanistico e le forze frenanti della speculazione edilizia si ha nel film “La vita è meravigliosa”.

 

manifesto New Deal

manifesto New Deal

 

Merci e ambiente 
Roosevelt capì che la crisi economica e dell’occupazione dipendeva anche dalla mancanza di un coordinamento e di pianificazione nella produzione delle merci.
Negli anni venti una scelta merceologica ispirata ad un finto moralismo aveva provocato, con il divieto della vendita di bevande alcoliche, un commercio clandestino di alcolici e quindi la crescita della più grande organizzazione criminale e di corruzione pubblica mai vista fino allora, e certamente lontana progenitrice di quella criminalità organizzata con cui ci dobbiamo confrontare oggi in Italia.
Roosevelt comprese che solo mettendo un freno a questa violenza il paese avrebbe potuto affrontare la crisi. Il lunedi 13 marzo 1933, nove giorni dopo il suo insediamento, propose una legge che autorizzava la produzione e la vendita della birra a 3,2 gradi alcolici. Il venerdi successivo la proposta era già approvata dal Congresso; non era ancora la legalizzazione delle bevande alcoliche, ma l’inizio e il segnale di una politica antiproibizionistica che diede un grave colpo alla criminalità e alla corruzione.
Il 16 giugno 1933 fu approvata la legge che creava la National Recovery Administration, un organismo con funzioni di studio e di proposta nel campo della pianificazione delle opere pubbliche e della produzione industriale. Per sconfiggere la povertà e la disoccupazione occorreva concordare con gli imprenditori orari di lavoro e salari tali da consentire la ripresa della produzione dell’industria e dei consumi delle famiglie. Le aziende che aderivano all’accordo potevano contrassegnare i loro prodotti e merci con l'”Aquila blu” (“Blue Eagle”), un marchio che assicurava i consumatori che le aziende stesse contribuivano, anche con sacrifici dei propri profitti, allo sforzo di ricostruzione del paese e che pertanto i loro prodotti andavano preferiti.
La ripresa della produzione, industriale ed agricola, assicurata dalla politica di pianificazione, diede di nuovo fiducia anche alla ricerca e all’innovazione. Attraverso una simbiosi con la ricerca universitaria, negli anni dell’amministrazione Roosevelt furono fatte alcune scoperte industriali di grande importanza. Solo per citarne alcune: furono messi a punto dei processi per la produzione della gomma sintetica partendo sia da sottoprodotti agricoli, sia da prodotti petroliferi. Furono messe a punto benzine ad alto numero di ottano che consentirono lo sviluppo dell’aviazione e dei trasporti aerei civili. Furono messi a punto processi per la produzione di fibre tessili artificiali, dalle proteine del latte, della soia e dell’arachide, dai residui della lavorazione del cotone, e furono inventate fibre tessili sintetiche destinate a rivoluzionare l’industria e il modo di vivere e di consumare di tutto il mondo, come il nylon presentato ai consumatori nel 1938.
In questa atmosfera ebbe sviluppo anche la ricerca universitaria “pura”; gli scienziati ebrei sfuggiti alle persecuzioni razziali in Europa trovarono in America non solo libertà d’insegnamento, ma anche apparecchiature e mezzi finanziari che portarono a scoperte destinate ad avere effetti lontani.
Non tutto, nell’era di Roosevelt, andò liscio. Molti progetti non furono realizzati, ma di certo l’epoca del New Deal fu un periodo di speranze e di fiducia nel futuro a cui si può guardare ancora oggi.

 


Il New Deal e l’Italia 
Il New Deal di Roosevelt fu seguito con attenzione in Italia fin dai tempi fascisti. Gli anni trenta sono stati anni di crisi anche in Europa e in Italia e gli economisti e gli studiosi che conoscevano l’America prestarono attenzione a questo strano esperimento di pianificazione nella democrazia, di intervento dello stato nel rispetto della libera iniziativa. Non si deve dimenticare che sono gli anni della pianificazione sovietica e Roosevelt fu accusato, dalle forze conservatrici americane, di essere un comunista, o, peggio, un bolscevico.
Anche sotto l’influenza sollecitata dal New Deal americano nel 1933 fu creato in Italia l’Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI) con fini di coordinamento e di intervento statale nei settori disastrati dell’industria.
Ma l’interesse scientifico e politico per il New Deal si fecero sentire soprattutto negli anni dopo la Liberazione, quando si trattava di ricostruire l’Italia uscita dalla guerra e di colmare gli squilibri fra nord industriale e sud agricolo. Gli intellettuali radicali e socialisti antifascisti, rientrati in Italia dagli Stati Uniti portarono la conoscenza e l’interesse per il New Deal in un’Italia rimasta, anche nella sua nuova classe dirigente, provinciale ed esclusa dal grande giro internazionale. Adriano Olivetti, con il suo movimento di “Comunità”, fece conoscere in Italia le opere del New Deal e di Mumford, le nuove correnti di pensiero sulla pianificazione democratica e su una nuova urbanistica.
Al New Deal si ispirarono coloro che proposero i grandi programmi di opere pubbliche e una struttura di finanziamento e pianificazione dell’uso delle risorse naturali nel Mezzogiorno, quella che divenne poi, nel bene e nel male, la Cassa per il Mezzogiorno. Al New Deal si ispirarono coloro che, nel primo centro-sinistra, si batterono per la nazionalizzazione delle imprese elettriche e per l’estensione al ministero del bilancio di competenze anche nel campo della programmazione, con la creazione di un apposito ufficio.
A dire la verità le attività della programmazione italiana (il più celebre documento è il “progetto ottanta”, predisposto alla fine degli anni sessanta) erano più attente agli aspetti economici che alla salvaguardia e alla valorizzazione delle risorse naturali o alle scelte produttive e merceologiche. Ciò forse perché la classe dominante era costituita da economisti e giuristi, più che da studiosi di agricoltura, chimici, forestali, urbanisti, ingegneri.

Maremma, bosco

Maremma, bosco

Ogni tanto gli economisti e alcuni uomini politici hanno dichiarato l’opportunità di fare di nuovo riferimento al New Deal, che sarebbe necessario un New Deal italiano, ma le buone intenzioni non hanno fermato il degrado morale ed economico, e anche ambientale, quest’ultimo, del resto, figlio dei primi due e della crisi del senso dello Stato. Il successo del New Deal di Roosevelt era invece proprio basato sul recupero del senso della comunità e dello Stato.
Si potrebbe pensare adesso, in questo inizio del XXI secolo, di far uscire l’Italia dalla crisi economica e morale con un “nuovo corso”?     Se nascesse una nuova classe dirigente con un nuovo senso dello Stato quali azioni dovrebbe intraprendere ?
Immaginiamo che improvvisamente le autorità centrali e regionali mettano da parte i cavilli giuridici e “istituzionali” (dietro cui spesso si nascondono gelosie di centri di potere e di affari) ed avviino un grande programma di sistemazione delle acque, di difesa del suolo contro l’erosione, di rimboschimento. Tale programma può essere condotto soltanto nell’ambito dei bacini idrografici che devono diventare — come del resto prescrive la legge italiana — le nuove unità geografico-politiche in cui svolgere le azioni di pianificazione territoriale e di difesa delle risorse naturali.
In ciascun bacino idrografico la “autorità” prevista dalla legge dovrebbe predisporre opere per fermare l’erosione attraverso la pulizia e la sistemazione degli argini e del greto dei fiumi, il rimboschimento dei pendii delle valli. La forza delle acque fluenti potrebbe essere utilizzata per ottenere energia idroelettrica — una fonte di energia rinnovabile — attraverso la costruzione di bacini artificiali e centrali progettate non per massimizzare i profitti delle imprese elettriche, ma a fini multipli, per regolare il moto delle acque, assicurare riserve di acqua nei mesi di scarse piogge, e creare spazi per attività ricreative.
Una pianificazione di questo genere presuppone di far cessare l’appropriazione privata delle golene e delle rive dei fiumi, di regolare (e anche vietare, in certe zone) i prelevamenti di sabbia e ghiaia dal greto dei fiumi; una vera autorità di bacino dovrebbe avere il potere di intervenire sulla proprietà privata e sull’iniziativa privata quando queste assumono carattere speculativo e di rapina e danneggiano i beni collettivi.
Difesa del suolo significa soprattutto ricostruzione del manto vegetale nelle sue varie forme, attraverso il rimboschimento con alberi, la ricostruzione della macchia, attraverso tecniche colturali che impediscano l’asportazione della terra fertile e consentano la protezione e formazione dell’humus, che è l’unico modo in cui può essere rallentato il moto violento ed erosivo delle acque. La difesa del suolo presuppone una lungimirante politica di riutilizzo delle zone in cui sono state sospese o sono scoraggiate le coltivazioni agricole tradizionali. Significa una nuova cultura forestale popolare diffusa.
Eserciti di “forestali” sono stati messi, nei decenni passati, al lavoro in varie zone d’Italia, soprattutto nel Mezzogiorno, spesso tollerando che gli stessi disoccupati, per poter essere ingaggiati l’anno successivo, lasciassero degradare o magari divorare dal fuoco le giovani piante.
In un New Deal italiano del XXI secolo l’agricoltura dovrebbe tornare ad essere il settore “primario” dell’economia. La libera circolazione delle merci e dei servizi in Europa e una nuova disciplina contro gli sprechi imposta dall’Unione Europea porteranno a limitare sempre più le sovvenzioni alle produzioni agricole eccedentarie. Invece di continuare a piagnucolare per ottenere la proroga delle protezioni, un New Deal agricolo potrebbe pensare ad un ritorno dell’agricoltura al suo ruolo primario nella gestione delle risorse naturali.
Le opere di razionale sistemazione delle risorse idriche e di difesa del suolo contro l’erosione potrebbero creare proprio nella collina e nella montagna disponibilità di materie prime agricole, zootecniche e forestali suscettibili di trasformazione sul posto, grazie anche a nuove fonti di energia idroelettrica, con operazioni di “chemiurgia”, in nuove materie prime e merci: carburanti alternativi al petrolio (come l’alcol etilico), fibre tessili artificiali, materie prime per la produzione della carta, materiali da costruzione ottenuti dal legno, fonti di proteine alimentari. Chi sa che un giorno non si legga anche nelle case di campagna italiane la scritta: “Sono orgoglioso di essere un agricoltore”?


Ad un New Deal di questo genere aveva del resto pensato Adriano Olivetti negli anni cinquanta del Novecento col suo progetto di integrazione della fabbrica e dell’agricoltura nelle zone povere di collina o nel Mezzogiorno; e è già avvenuto, in questa direzione, anche se in forma spontanea e non pianificata e spesso piena di contraddizioni, in certe zone (Veneto, Marche) del cosiddetto NEC (Nord-Est-Centro).
L’operazione sarebbe di particolare importanza nel Mezzogiorno e nelle isole dove solo il lavoro e la produzione agricola e industriale di merci, basata sulle risorse naturali locali, può sconfiggere la criminalità organizzata che attecchisce solo nello sconforto.
In senso contrario ad un New Deal vanno le iniziative per far abbandonare la coltivazione di grandi estensioni delle nostre colline e montagne, addirittura finanziando l’abbandono con soldi della Comunità europea; oppure i grandi insediamenti con effetti sconvolgenti sull’agricoltura, sulle acque, sulle colline, con avanzata dell’erosione del suolo.
Nel senso del New Deal andrebbe una nuova moralità nell’uso dei beni collettivi; la privatizzazione, in corso in Italia, di coste, spiagge, rive dei fiumi, spazi demaniali, non fa invece che accelerare il degrado territoriale, l’erosione delle spiagge, la distruzione delle foreste e delle dune, che sono poi le protezioni naturali dell’entroterra.
Un New Deal dovrebbe ricuperare all’uso pubblico e pianificato proprio pascoli, terre e spazi demaniali e collettivi, oggi ancora soggetti ad usi civici, le acque.La salvezza potrebbe essere cercata in un ministero delle risorse naturali, con competenze ben diverse da quelle dell’attuale ministero dell’ambiente che finisce per essere il ministero dei depuratori e delle discariche.

dune

dune

Un nuovo corso italiano richiederebbe il recupero della cultura e del gusto dell’urbanistica, intesa come scienza della pianificazione degli insediamenti, delle vie di comunicazione, dei modi di trasporto. Ad una politica della città e della mobilità, oggi governata dalla case automobilistiche, della compagnie petrolifere e dagli speculatori immobiliari, dovrebbe essere contrapposto un reale potenziamento dei trasporti collettivi basati non sullo spreco — come l'”alta velocità”— ma sui reali bisogni della popolazione, anche ai fini del decentramento delle attività produttive e dei servizi.
Un Deal Deal ecologico presuppone dei controlli e una pianificazione sulla produzione, sulla quantità e sul tipo delle merci, alla luce dei vincoli posti dalla necessità di diminuire sprechi di risorse naturali scarse, inquinamenti e rifiuti. Da qui la necessità di uffici governativi per gli standard di qualità delle merci, per il controllo di tale qualità, di uffici di analisi e di controllo contro le frodi, di attività di previsione e di scrutinio delle scelte anche legislative.
Negli Stati Uniti nel 1970 è stato creato, presso il Congresso, un ufficio per lo scrutinio tecnologico (l’Office of Technology Assessment) che avvertiva i parlamentari e il governo sugli effetti tecnici, ecologici, sociali delle scelte legislative. Ad esempio: il finanziamento di una rete ferroviaria ad alta velocità quali conseguenze può avere sul territorio, sul trasporto aereo, sulla sicurezza delle persone ? Scrutinio tecnologico è molto più della semplice valutazione dell’impatto ambientale, da noi ridotta a mascheratura di scelte prese al di fuori del Parlamento.
Infine il New Deal qui prospettato — o sognato ? — comporterebbe il coinvolgimento dell’Università e della ricerca in progetti socialmente ben definiti e compatibili con la difesa e la valorizzazione delle risorse naturali.
Inutile dire che i progetti sopra accennati richiedono lavoratori e specialisti dall’ingegneria all’ecologia, dall’economia alla chimica, alle scienze agrarie e forestali. Sarebbe anche questo un modo per sollecitare nei giovani laureati un senso di servizio della collettività, oggi così labile, per farli sentire, come i giovani intellettuali del 1933, orgogliosi di lavorare per lo Stato e non per un governo o per una struttura di partito e di clientele.

 

Apecchio, torrente in ambito appenninico

Apecchio, torrente in ambito appenninico

(foto d’epoca, A.C., E.R., S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. max
    marzo 28, 2013 alle 3:12 pm

    articolo splendido; complimenti…!
    purtroppo, anche se la speranza e’ l’ultima a morire,le circostanze e la proiezione delle stesse sul futuro prossimo non lasciano presagire nulla di buono.forse tutti dovremmo comprendere che siamo ad una svolta.
    e x il bene del pianeta, quindi x il ns, dovremmo comprendere quali sono le priorita’cambiando abito mentale e quindi stili di vita.chi ha fatto il suo tempo deve cedere il passo e chi sopraggiunge deve assumersi le sue responsabilita’.il profitto ad ogni costo non puo’ + essere il fine che giustifica qualunque mezzo.il profitto e’corretto quando consente investimenti in attivita’ecocompatibili e socioauspicabili x il benessere di tutti ed il rispetto dell’ambiente.
    dovremo cercare di non essere la cagione della ns fine.

  2. Bio IX
    aprile 4, 2013 alle 10:30 am

    New Deal “all’italiana”
    Si bruciano rifiuti nei cementifici e il decreto piace a Legambiente: La Commissione ambiente alla Camera non era d’accordo e ha pure espresso parere negativo, ma dal 29 marzo è legale bruciare rifiuti nei cementifici ( http://www.ecoblog.it/post/61695/si-bruciano-rifiuti-nei-cementifici-e-il-decreto-piace-a-legambiente )

  3. aprile 11, 2013 alle 10:17 pm

    A.N.S.A., 11 aprile 2013
    Suolo ‘fragile’ in 8 comuni su 10, 28 milioni di italiani esposti. Rapporto Anbi piano anti-dissesto. Gargano,7,4mld per 3400 opere: http://www.ansa.it/web/notizie/specializzati/energiaeambiente/2013/04/11/Suolo-fragile-8-comuni-10-28-mln-italiani-esposti_8536707.html

  1. marzo 28, 2013 alle 7:08 am
  2. ottobre 11, 2018 alle 9:19 am
  3. novembre 7, 2018 alle 4:51 pm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: