Home > aree urbane, biodiversità, coste, difesa del territorio, mare, paesaggio, parchi naturali, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > Alghero, da Calabona a Porto Conte: scempi ambientali, interessi economici e “pasticci” amministrativi.

Alghero, da Calabona a Porto Conte: scempi ambientali, interessi economici e “pasticci” amministrativi.


Alghero, catapulta sui Bastioni

Quanto sta accadendo in queste settimane sulla coste algheresi, da Calabona a Porto Conte, è davvero emblematico di come gli interessi economici non “governati” energicamente possano portare al degrado dei valori ambientali di una città.

Alghero e il suo territorio sono uno straordinario concentrato di valori naturalistici, ambientali, storico-culturali di primaria grandezza nel Mediterraneo.

Alghero, dune e spiaggia di Maria Pia

Al tempo stesso, su di essi si concentrano da sempre interessi economici e appetiti speculativi di altrettanta dimensione.       Conseguentemente non mancano gli scempi ambientali e finanziari, che talvolta portano a veri e propri disastri.

E uno scempio ambientale, per ben concreti interessi economici e appetiti speculativi è quello che rischia di accadere a Calabona.

La MP Finance s.r.l. di Alghero è una società immobiliare attiva dal 2012, ha già realizzato tre complessi edilizi e ora punta alla realizzazione di due complessi di appartamenti sul mare altri 21 metri, a circa 40 metri dalla battigia, a Calabona.

L’area rientra in zona urbanistica “B 3” del piano regolatore generale (P.R.G.) e un edificio è già stato realizzato,nel silenzio generale, in forza di provvedimento unico SUAP n. 712 del 23 gennaio 2017.

Alghero, Calabona, veduta dell’area interessata

Il secondo edificio, invece, ha causato vivacissime polemiche in sede locale, tanto da portare a un’annunciata sospensione dell’efficacia del provvedimento unico SUAP n. 985 del 15 novembre 2017, che autorizzava il secondo complesso di appartamenti.

In realtà, però, il titolo abilitativo per il secondo edificio non poteva esser rilasciato, perché in assenza di autorizzazione paesaggistica, come ricordato dalla nota Servizio Tutela del Paesaggio e Vigilanza edilizia di Sassari n. 45904 del 27 novembre 2017, e, soprattutto, perché, secondo quanto risulta dagli atti pubblici, chi ha firmato in vece del dirigente titolare non era più abilitato a farlo, visto che la specifica delega era scadutafin dal 25 ottobre 2017.

Sembrerebbe, però, che il provvedimento unico SUAP n. 985 del 15 novembre 2017, che autorizza il secondo complesso di appartamenti.porti la firma del dirigente competente Guido Calzia, sebbene per un mero refuso informatico compaia la firma del già delegato Baldassarre Riu.

Alghero, costa di Punta Cristallo

Tutto questo aggiungerebbe ulteriore assurdità alla vicenda.

Se così non fosse, saremmo, in realtà, in presenza di un atto nullo (art. 21 septies della legge n. 241/1990 e s.m.i.), in quanto carente di uno degli elementi essenziali dell’atto amministrativo, la mancanza di titolarità della competenza della persona che l’ha sottoscritto.

Ora, in qualche modo, l’Amministrazione comunale algherese ha un sussulto di buon senso e chiede il pronunciamento di Servizio Tutela del Paesaggio e di Soprintendenza in tema di tutela del paesaggio?

Bene, benissimo.

Ancora.

Anche la Calabona s.r.l., titolare dell’omonimo albergo, ha chiesto lo scorso 9 agosto 2017 il titolo abilitativo per la realizzazione di un “fabbricato residenziale”, sempre a Calabona, in zona urbanistica “B 3”.

Si è svolta la relativa conferenza di servizi tra il 21 e il 31 ottobre 2017, ma non se ne conosce l’esito.

Lì, in zona urbanistica “B 3”, a pochi passi dal mare, possono esser realizzati palazzoni alti fino a 21 metri.  Lo afferma il vecchio P.R.G. algherese.

Alghero, Capo Caccia

Ma non finisce qui.

Sulla costa di Porto Conte, a Mugoni, nel bel mezzo dell’omonimo parco naturale regionale, è stato recentemente rilasciato in favore della società sassarese Baia del Sole s.r.l. il provvedimento unico S.U.A.P. Alghero n. 912 del 4 ottobre 2017 per demolizione e ricostruzione ai sensi delle leggi regionali n. 4/2009 e n. 21/2011 di un fabbricato rurale. Si ignora se siano state acquisite le necessarie autorizzazioni ambientali e quale sia l’esatta ubicazione dei lavori.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (14 novembre 2017) alle varie Amministrazioni pubbliche competenti una specifica richiesta di informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti.

Ed ecco una sorpresa: il Comune di Alghero – Settore Pianificazione del Territorio e Sviluppo Economico ha comunicato (nota prot. n. 83853 del 15 dicembre 2017) di aver “ritenuto opportuno sospendere in autotutela i lavori autorizzati con Provvedimento Unico n. 912 del 04.10.2017”, in quanto, dopo approfondimenti con il Servizio valutazioni ambientali (S.V.A.) della Regione autonoma della Sardegna, non sembra sia provvedimento di competenza del S.U.A.P.

Un bel pasticcio, per non dire altro.

E’ ora di finirla con lo sdoganare questo o quel cantiere edilizio, spesso pura speculazione edilizia in danno del territorio, con procedimenti che di legalità hanno una mera parvenza.

Sarà ora di voltare pagina, una volta per tutte?

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Alghero, Bastioni e centro storico

 

La Nuova Sardegna, 18 dicembre 2017

 

(foto da http://algheroinchiaro.blogspot.it/, S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. dicembre 17, 2017 alle 12:19 pm

    su Il Manifesto Sardo, 17 dicembre 2017
    Alghero, Calabona: scempi ambientali dovuti a interessi economici: http://www.manifestosardo.org/alghero-calabona-scempi-ambientali-dovuti-interessi-economici/

  2. Juri
    dicembre 17, 2017 alle 3:56 pm

    Queste vergognose speculazioni edilizie in riva al mare hanno almeno il pregio di spiegare perfettamente perché quasi nessun comune sardo abbia adeguato il proprio piano urbanistico al PPR. Vuoi mettere le formidabili zone B et simili anziché quegli odiosi vincoli del PPR che costringerebbero a cancellarle sostituendole con orribili zone di non edificabilità?
    E poi le palazzine di 21 m sulla battigia come le fai?

    p.s. è davvero ammirevole la solerzia dell’Amministrazione comunale di Alghero nel voler bruciare i tempi dell’approvazione, anche a costo di inventarsi inesistenti assensi del Servizio Tutela Paesaggio, E poi dicono che gli uffici pubblici sono lenti..

  3. Carlo Forte
    dicembre 17, 2017 alle 4:28 pm

    “Pasticci amministrativi”……Che buoni….

  4. antonio
    dicembre 22, 2017 alle 6:02 pm

    consiglierei di tenere d’occhio anche le varie pianificazioni del territorio, Piano di Valorizzazione delle Borgate, P.U.L., Piano e Regolamento del Parco di Porto Conte, tutti legati tra loro con in previsione cubature ovunque, più di quanto non venga consentito nelle altre aree meno pregiate e vincolate della nostra Terra.

  5. gennaio 11, 2018 alle 3:49 pm

    ecco come van le cose…

    da L’Unione Sarda, 11 gennaio 2018
    L’Unione Sarda.it » Cronaca » Alghero, per una “dimenticanza” il Comune perde un immobile da un milione di euro: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2018/01/11/alghero_per_una_dimenticanza_il_comune_perde_un_immobile_da_un_mi-68-685481.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: