Cambiano le norme sulla procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA.


Airone bianco maggiore (Ardea alba)

Airone bianco maggiore (Ardea alba)

La legge n. 116/2014 (art. 15, comma 1°, lettera c) ha stabilito che – temporaneamente – non esistono più soglie dimensionali per le procedure di verifica di assoggettabilità alla valutazione di impatto ambientale.

Centrali a biomassa, centrali eoliche, tanti altri progetti nel concreto effettivamente impattanti sull’ambiente e sui contesti economico-sociali in via transitoria devono essere concretamente valutati in tutti i casi.

La giurisprudenza l’aveva già affermato.

Ora il Consiglio dei Ministri, dopo l’approvazione in sede di Conferenza unificata Stato-Regioni durante la seduta del 18 dicembre 2014, acquisiti i necessari pareri parlamentari, sta per emanare le“Linee guida per la verifica di assoggettabilità a valutazione d’impatto ambientale (V.I.A.) dei progetti di competenza delle Regioni e delle Province autonome, contenente le nuove prescrizioni.

A breve, quindi, il nuovo quadro normativo in materia, con luci e ombre.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

anatre_in_voloqui lo Schema di decreto ministeriale recante linee guida per la verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale dei progetti di competenza delle regioni e delle province autonome.

 

****************************

aggiornamento (17 marzo 2015)

il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare informa  che le Commissioni Ambiente della Camera dei Deputati e del Senato hanno espresso il proprio parere in merito allo Schema di decreto ministeriale recante le “Linee guida per la verifica di assoggettabilità a valutazione di impatto ambientale dei progetti di competenza delle regioni e delle province autonome”, previsto dall’articolo 15 del Decreto Legge 91/2014.

A breve il Ministero emanerà il provvedimento definitivo.

parere Commissione Ambiente – Camera dei Deputati

parere Commissione Ambiente – Senato

 

Fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus) in volo e centrale eolica

Fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus) in volo e centrale eolica

da Sardinia Post, 1 febbraio 2015

Ambiente, più restrizioni per industrie e rigassificatori. Salvo eccezioni. (Piero Loi)

Approderà a giorni sul tavolo del Consiglio dei ministri “l’atto recante le linee guida per la verifica di assoggettabilità a valutazione d’impatto ambientale (v.i.a) dei progetti di competenza delle regioni e delle province autonome”. Dopo l’intesa raggiunta lo scorso 18 dicembre nell’ambito della Conferenza Stato-regioni, la conversione in decreto delle nuove norme appare infatti scontata. Al contrario, meno prevedibili appaiono gli effetti innescati dal nuovo atto di governo. Tant’è che l’assessore regionale all’Ambiente, Donatella Spano ha dato mandato “agli uffici dell’Assessorato di valutare le implicazioni dello schema del decreto ministeriale” ancora al vaglio della Commissione Ambiente della Camera. Se, infatti, da una parte le regioni autonome sono chiamate ad adeguare i criteri per l’attivazione delle procedure di screening alle direttive comunitarie (più intransigenti rispetto a quelle italiane), dall’altra viene prevista la possibilità di derogare a tali principi.

Decimoputzu, cisterna presso la centrale a biomassa

Decimoputzu, cisterna presso la centrale a biomassa

In altri termini, i criteri in base ai quali si deciderà se attivare o meno la v.i.a sono sì stringenti (per esempio, d’ora in avanti si terrà conto del cumulo con altre iniziative– le nuove norme contrastano dunque la pratica di suddividere in più parti un unico progetto, mossa questa che in più occasioni ha consentito alle aziende di aggirare le valutazioni ambientali), ma non verranno applicati sempre. Su richiesta delle regioni e delle province autonome, il ministero dell’Ambiente potrà infatti permettere delle eccezioni “per specifiche situazioni ambientali o determinate categorie progettuali, che finiranno così per non essere assoggettate a valutazione d’impatto ambientale”. E per ricevere il via libera. L’altro effetto – non dichiarato – sarà quello di dispensare le regioni dall’onere di prendere delle decisioni non sempre popolari.

centrale eolica

centrale eolica

Questo per quanto riguarda i progetti di opere civili e industriali. Per gli interventi relativi ad aree più vaste (un’intera regione o aree più limitate di esse), la procedura da seguire per la valutazione degli effetti sull’ambiente si chiama V.a.s. Anche in questo caso esiste una divisione delle competenze tra Stato e regione, solo che la V.a.s  – tanto quella statale quanto quella regionale  – non è necessaria quando gli interventi rientrano nell’ambito di un un piano d’investimenti sottoscritto da azienda e governo. Potrebbe dunque essere questo il caso della centrale a carbone che l’Eurallumina dovrebbe realizzare a Portovesme – all’interno, cioè, di un’area fortemente inquinata – nell’ambito dell’accordo sottoscritto a Palazzo Chigi lo scorso 22 luglio.  In tutto, 100 milioni di euro, 67 dei quali concessi a tasso agevolato da restituire in dieci anni e 7 a fondo perduto.

Sempre nell’ambito della verifica di assoggettabilità a Vas, sono opere di competenza statale i rigassificatori (che potrebbero essere costruiti anche nell’isola), gli impianti di combustione con potenza termica di almeno 300 Mw (si pensi al quinto gruppo a carbone della centrale di Fiumesanto), i siti per lo stoccaggio di anidride carbonica (è il caso del progetto della Sotacarbo per le miniere della Carbosulcis, ormai naufragato). Insomma,c’è’ tanta Sardegna nelle nuove norme. Buon ultimo il sito per lo stoccaggio dei rifiuti radioattivi, su cui oggi interviene Vincenzo Migaleddu, presidente di Isde . Medici per l’ambiente Sardegna: “Nonostante la competenza assolutamente limitata sul deposito delle scorie nucleari, la regione dovrebbe aprire un contenzioso con lo Stato, forte dell’esito del referendum del 2011 e della recente posizione espressa dalla maggioranza dei sindaci dei comuni sardi”.

campo di mais

campo di mais

Dopo i decreti “Destinazione Italia” (che attribuisce allo sfruttamento delle risorse geotermiche il bollino dell’interesse strategico), “Ambiente protetto”(che ha aumentato i livelli d’inquinamento per fabbriche e grandi industrie) e il più noto “Sblocca Italia”, l’ultima mossa che accentra le decisioni riguardanti energia e industria nelle mani dello Stato è di pochi giorni fa. Sono, infatti, in procinto di essere convertite in decreto legge le norme che trasferiscono dalle regioni allo Stato il rilascio dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia) per centrali elettriche la cui potenza termica supera i 100 Mw, bioraffinerie (è il caso della Chimica Verde a Porto Torres o degli impianti che la Mossi&Ghisolfi intende realizzare a Portovesme), cementifici e acciaierie di fusione secondaria, siti di stoccaggio della Co2). Per le grandi raffinerie, così come per i siti di stoccaggio delle scorie nucleari, l’Aia è già statale. In pratica, ovunque è aia di Stato.

 

canna (al vento)

canna (al vento)

(foto per conto GrIG, S.D., archivio GrIG)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: