Home > acqua, aree urbane, beni culturali, biodiversità, difesa del territorio, energia, energia nucleare, inquinamento, Italia, mare, pianificazione, rifiuti, salute pubblica, società, sostenibilità ambientale, trasporti > Intervento del GrIG nella procedura di consultazione pubblica di individuazione del deposito unico nazionale delle scorie radioattive.

Intervento del GrIG nella procedura di consultazione pubblica di individuazione del deposito unico nazionale delle scorie radioattive.


Italia, siti potenzialmente idonei per il deposito unico delle scorie radioattive

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG), dopo un’ampia verifica fra i propri Soci, ha inoltrato (24 giugno 2021) uno specifico atto nell’ambito della procedura di consultazione pubblica nell’ambito della procedura complessa prevista dal Governo per l’individuazione del sito unico nazionale per le scorie radioattive.

Qui i circa 95 mila metri cubi di materiali radioattivi (residui del ciclo energetico delle centrali nucleari dismesse, rifiuti industriali, residui di attività mediche, ecc.) devono esser custoditi a lungo termine in estrema sicurezza.

Come si ricorda, la Commissione VIA/VAS ha espresso il proprio parere ambientale (n. PRR-2577-12122017 del 12 dicembre 2017) nell’ambito della procedura di valutazione ambientale strategica (V.A.S.) relativa al Programma Nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi.

deposito unico scorie radioattive, progetto preliminare

Predisposto, poi, il progetto preliminare, tolto il segreto di Stato, è stata pubblicata la carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (CNAPI) ed è stata avviata (5 gennaio 2021) la fase di consultazione pubblica.

Seguirà un seminario nazionale e poi la decisione definitiva.

Il GrIG, sulla base degli stessi principi e criteri enunciati da I.S.P.R.A. e dalle altre strutture tecnico-scientifiche pubbliche, ha espresso forte contrarietà nei confronti della scelta di alcuni dei 67 siti potenzialmente idonei individuati, e precisamente:

  1. i siti individuati in Sardegna, nella zona pianeggiante-collinare del Campidano e della Marmilla (Comuni di Siapiccia, Albagiara, Assolo, Mogorella, Usellus, Villa Sant’Antonio, Nuragus, Nurri, Genuri, Setzu, Turri, Pauli Arbarei, Tuili, Ussaramanna, Gergei, Las Plassas, Villamar, Mandas, Siurgus Donigala, Segariu, Guasila, Ortacesus) risultano interessare direttamente e/o indirettamente aree tutelate con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), nonché siti rientranti nella Rete Natura 2000 (S.I.C., Z.P.S., Z.S.C. “Giara di Gesturi”, ITB041112) ai sensi delle direttive n. 92/42/CEE sulla salvaguardia di habitat naturali e semi-naturali, la fauna e la flora e n. 09/147/CE sulla tutela dell’avifauna selvatica, nonché beni culturali specificamente tutelati (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) rientranti nel patrimonio dell’umanità sotto l’egida dall’UNESCO (area nuragica di Barumini).
CNAPI, aree potenzialmente idonee (Sardegna)

Si deve rimarcare, sul piano sociale, rimarcarsi il fatto che in Sardegna si è svolto in data 15-16 maggio 2011 un referendum popolare consultivo con il seguente testo referendario:

Sei contrario all’installazione in Sardegna di centrali nucleari e di siti per lo stoccaggio di scorie radioattive da esse residuate o preesistenti?

Al referendum hanno partecipato il 59.98% degli elettori, con la vittoria del “si” al 97,13% dei votanti (vds. http://www.regione.sardegna.it/j/v/25?s=166748&v=2&c=86&t=1).  Sul piano sociale, appare, quindi, improponibile un’eventuale ubicazione del deposito unico nazionale sul territorio regionale sardo;

Gran Bretagna, deposito scorie radioattive
  • i siti individuati nella Tuscia viterbese o Etruria meridionale (Ischia di Castro, Canino-Cellere-Ischia di Castro, Montalto di Castro 1, Montalto di Castro 2, Canino 1 e 2, Tessennano-Tuscania, Arlena di Castro-Piansano-Tuscania, Piansano-Tuscania, Tuscania, Canino-Montalto di Castro 1 e 2, Arlena di Castro-Tessennano-Tuscania, Arlena di Castro-Tuscania 1 e 2, Tarquinia-Tuscania, Soriano nel Cimino, Soriano nel Cimino-Vasanello-Vignanello, Gallese-Vignanello, Corchiano-Vignanello, Corchiano-Gallese, Corchiano) risultano interessare direttamente e/o indirettamente aree tutelate con vincolo paesaggistico, nonché numerosi siti rientranti nella Rete Natura 2000 (vds. http://www.provincia.vt.it/ambiente/natura2000/siti.asp), nonché beni culturali specificamente tutelati, alcuni dei quali rientranti nel patrimonio dell’umanità sotto l’egida dall’UNESCO (necropoli etrusca di Tarquinia, Faggete di Soriano nel Cimino e di Monte Raschio di Oriolo Romano).   Com’è noto, poi, l’area è stata interessata dagli eventi sismici del 6 febbraio 1971 (terremoto di Tuscania, 1971), classificati fra l’VIII e il IX grado della Scala Mercalli (vds. http://storing.ingv.it/cfti/cfti5/quake.php?36932IT);
  • i siti individuati in Toscana, in Provincia di Siena (in Val d’Orcia, fra Pienza e Trequanda) e in Provincia di Grosseto (Campagnatico) risultano interessare direttamente e/o indirettamente aree tutelate con vincolo paesaggistico, siti rientranti nella Rete Natura 2000 (S.I.C., Z.P.S., Z.S.C.) (vds. https://docplayer.it/9963370-A-cura-del-servizio-aree-protette-della-provincia-di-siena.html), nonché beni culturali specificamente tutelati, alcuni dei quali rientranti nel patrimonio dell’umanità sotto l’egida dall’UNESCO (Val d’Orcia).  

L’individuazione del sito del deposito unico nazionale per i rifiuti radioattivi e il connesso parco tecnologico, nonostante i forti incentivi economici previsti sarà certamente una  decisione non semplice per la quale sarà necessaria la (difficile) massima condivisione.

Gruppo d’Intervento Giuridico odv

scorie nucleari

qui la carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (CNAPI)

CNAPI NAVIGABILE

scorie radioattive

Sono, inoltre, disponibili le tavole in formato pdf

DNGS00195 – Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 1
DNGS00195 – Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 2
DNGS00195 – Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 3
DNGS00195 – Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 4
DNGS00195 – Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 5
DNGS00195 – Proposta di Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee Tav 6​​

Cagliari, manifestazione antinucleare

(foto da mailing list ambientaliste, rendering progettuale deposito unico)

  1. giugno 24, 2021 alle 3:50 PM

    da Il Cittadino online, 24 giugno 2021
    Scorie radioattive: il Grig interviene sulla procedura di individuazione.
    95mila metri cubi devono essere custoditi in un sito unico nazionale: https://www.ilcittadinoonline.it/ambiente/scorie-radioattive-il-grig-interviene-sulla-procedura-di-individuazione/

  2. donatella
    giugno 25, 2021 alle 1:08 PM

    Grazie GrIG a nome di tutta la Toscana e della Val D’Orcia in modo particolare!

  3. Mara machtub
    giugno 28, 2021 alle 4:30 PM

    GRAZIE GRIG. Su questo argomento spinoso i sardi si sono espressi con chiarezza, non credo che dal Governo Centrale si voglia ingaggiare una lotta a lungo termine con la popolazione. Abbiamo già dato…

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: