Oltre 30 mila cittadini per le coste della Sardegna!


Domus de Maria, Torre costiera di Piscinnì

Sono giorni molto importanti per il futuro delle coste della Sardegna, veri e propri gioielli del Mediterraneo.

In questi giorni il Consiglio regionale della Sardegna sta esaminando la proposta di legge che permetterebbe a una maggioranza “mattonara” di riscrivere in perfetta solitudine il piano paesaggistico regionale[1], consentendo il ritorno di ruspe e cemento anche a due passi dal mare. Nelle prossime settimane andrà in discussione l’altra proposta di legge, della stessa Giunta regionale, che prevede aumenti di volumetria lungo i litorali e nelle aree agricole[2].

Badesi, dune, pubblicità immobiliare

Grazie all’ostruzionismo delle forze politiche di opposizione, l’esame della proposta di legge è stato sospeso per alcuni giorni, ma riprenderà il prossimo giovedi 9 luglio.

Buggerru, Portixeddu, dune e spiaggia

E’ un assalto senza precedenti alla parte più pregiata (e appetita) del patrimonio ambientale dell’Isola.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ritiene che oltre alle azioni legali che saranno messe in campo, ci sia bisogno di un grande sostegno popolare per contrastare questa deriva speculativa.

S. Teresa di Gallura, Residence La Marmorata

Ed è così: siamo sempre di più, siamo già oltre 30 mila cittadini ad aver aderito alla petizione per la salvaguardia delle coste della Sardegna, per il mantenimento dei vincoli di inedificabilità costieri, i vincoli di inedificabilità nella fascia dei 300 metri dalla battigia marina, stabiliti dalle normative vigenti e dalla disciplina del piano paesaggistico regionale (P.P.R.).

Migliaia e migliaia di cittadini chiedono a gran voce una scelta di salvaguardia ambientale, una scelta per preservare il futuro, una scelta di civiltà.

Altro cemento sulle coste non vuol dire turismo, significa solo degrado ambientale e perdita di attrattiva.

Forza e coraggio, per la nostra Terra, per il nostro futuro!

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

La petizione per la salvaguardia delle coste sarde si firma qui http://chng.it/M4Kmxy7LtJ


[1]  Si tratta della proposta di legge regionale n. 153 del 28 maggio 2020, con cui gli Onorevoli proponenti intendono giungere a una pretesa interpretazione autentica che svuoti di contenuti la disciplina di tutela delle coste contenuta nel piano paesaggistico regionale (P.P.R.).

[2]  deliberazione Giunta regionale n. 52/40 del 23 dicembre 2019relazione illustrativatesto della proposta.

Alghero, Isola Piana

( pubblicità immobiliare, foto S.D., archivio GrIG)

  1. Lino Monaco
    luglio 6, 2020 alle 3:24 am

    Trecento metri nelle zone turistiche, ma nei centri urbani anche zero.

  2. Srdn
    luglio 6, 2020 alle 8:51 am

    Cosa intendi per sostegno popolare grig?

    • luglio 6, 2020 alle 9:50 am

      …non penserai che abbiamo 30 mila iscritti? Significa, fra le tante cose, che ci sono ben più di 30 mila cittadini che ci mettono la faccia per difendere le coste della Sardegna.
      Se non è “sostegno popolare”, che cosa mai sarebbe?

      Stefano Deliperi

      P.S. pensa un po’, han firmato pure a u’ Paìze 😀

      • Srdn
        luglio 6, 2020 alle 2:40 pm

        Immagino.. però quando costruiscono i mostri, dove siamo? Comunque come si dice au paize”aggi fede”🙄

  3. luglio 6, 2020 alle 10:51 am

    A.N.S.A., 6 luglio 2020
    “Stop cemento sulle coste”, petizione supera le 30mila firme. Leggina sul Piano paesaggistico in Aula Consiglio forse giovedì. (https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2020/07/06/stop-cemento-sulle-coste-petizione-supera-le-30mila-firme_cc35f6d0-b26c-4332-9481-5e79cf0982ed.html)

    Ha superato le 30mila fime la petizione on line per il mantenimento dei vincoli di inedificabilità costieri in Sardegna promossa on line dal Gruppo d’Intervento giuridico Onlus. La sottoscrizione, avviata sulla piattaforma change.org, è arrivata nel momento in cui si riparla in Consiglio regione di aggiornare il piano paesaggisticop regionale e la legge Salvacoste. In particolare all’esame dell’Aula, probabilmente giovedì 9, ritorna il testo della maggioranza di centrodestra per sbloccare la strada a 4 corsie Sassari-Alghero stoppata dalla sovrintendenza del Mibact. Una leggine rimasta ferma al palo dopo l’ostruzuionisimo del centrosinistra cheè contratio al varo dell’interpretazione autentica del Piano paesaggistico regionale.

    Ora la petizione vine rilanciata anche dall’associazione ambientalista Sardegna rubata e depredata, un gruppo di “sentinelle” che lottano contro i furti di sabbia, ciottoli e conchiglie dai litorali della Sardegna.

    ______________________

    da Sky TG 24, 6 luglio 2020
    “Stop cemento sulle coste”, petizione supera le 30mila firme: https://tg24.sky.it/cagliari/2020/07/06/stop-cemento-sulle-coste-petizione-supera-le-30mila-firme

    ________________

    da La Nuova Sardegna, 6 luglio 2020
    Salvaguardia delle coste sarde: la petizione raggiunge 30mila firme. Il Gruppo di intervento giuridico: “Giorni cruciale per evitare le cementificazione sognata da questa giunta regionale mattonara”: https://www.lanuovasardegna.it/regione/2020/07/06/news/salvaguardia-delle-coste-sarde-la-petizione-raggiunge-30mila-firme-1.39050007

    _______________

    da L’Unione Sarda, 6 luglio 2020
    AMBIENTE. “Stop cemento sulle coste sarde”, la petizione supera le 30mila firme.
    La legge proposta dal centrodestra torna in Aula giovedì. Grande ostruzionismo delle opposizioni: https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/cagliari/2020/07/06/stop-cemento-sulle-coste-sarde-la-petizione-supera-le-30mila-firm-136-1036560.html

    ________________

    da Alghero Live, 6 luglio 2020
    Oltre 30 mila cittadini per le coste della Sardegna!: http://algherolive.it/2020/07/06/oltre-30-mila-cittadini-per-le-coste-della-sardegna/

    ____________________

    da Cagliaripad, 6 luglio 2020
    La petizione “Stop cemento sulle coste” ha superato le 30mila firme: https://www.cagliaripad.it/474865/la-petizione-stop-cemento-sulle-coste-ha-superato-le-30mila-firme/

    ________________

    da Sardinia Post, 5 luglio 2020
    Ppr, petizione ambientalista del Grig: “Oltre 30mila firme per tutelare coste”: https://www.sardiniapost.it/cronaca/ppr-petizione-ambientalista-del-grig-oltre-30mila-firme-per-tutelare-coste/

    ______________

    da Gallura Oggi, 5 luglio 2020
    La petizione per salvare le coste della Sardegna supera le 30mila fime: https://www.galluraoggi.it/cronaca/petizione-coste-sardegna-supera-30mila-fime-5-luglio-2020/

  4. luglio 9, 2020 alle 11:50 am

    la ridicola commedia che si recita in questi giorni nel Consiglio regionale della Sardegna sta per aver fine: il Consiglio dei Ministri deciderà come completare i lavori della nuova strada statale n. 291 “Sassari – Alghero”.
    Quale altra farsa reciteranno gli esponenti del centro-destra al governo regionale per giustificare la loro libidine mattonara?

    A.N.S.A., 9 luglio 2020
    Sassari-Alghero: De Micheli, sblocco dell’opera in Cdm. Ministra, infrastruttura moderna per la Sardegna. (https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2020/07/09/sassari-alghero-de-micheli-sblocco-dellopera-in-cdm_8a58b103-71f8-4216-aa9a-3e28fdb776eb.html)

    Lo sblocco del completamento della strada Sassari-Alghero avverrà in Consiglio dei Ministri attraverso una decisione collegiale per superare l’impasse a seguito della bocciatura da parte della sovrintendenza del Mibact del tratto finale a 4 corsie, oggetto di uno scontro in Consiglio regionale tra maggioranza e opposizione per una norma sul Piano paesaggistico (Ppr) che il centrodestra vuole approvare proprio per consentire la fine dell’infrastruttura viaria. ma che secondo il centrosinistra rappresenta solo il cavallo di Troia per nuove costruzioni sulle coste e nell’agro, espressamente vietate dal Ppr attualmente in vigore. L’annuncio dell’approdo in Cdm, che permette di superare l’impasse, è stato dato dalla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli.
    “Abbiamo ascoltato con attenzione le richieste dei sindaci del nord della Sardegna e quelle dei parlamentari sardi della maggioranza, per questo ho scelto di rimettere la questione alla decisione del Consiglio dei ministri. Nella sua collegialità – spiega la ministra – il Cdm potrà superare gli ultimi ostacoli e consentire la completa realizzazione dell’opera che permetterà di collegare l’aeroporto di Alghero, il porto di Porto Torres e l’aeroporto di Olbia, dotando così di una infrastruttura moderna il territorio della Sardegna, essenziale per la mobilità dei cittadini sardi e lo sviluppo del turismo”.

    • luglio 9, 2020 alle 7:17 pm

      ovviamente perseverano.

      A.N.S.A., 9 luglio 2020
      Sassari-Alghero: De Micheli, sblocco dell’opera in Cdm. Ministra, infrastruttura moderna per la Sardegna. (https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2020/07/09/sassari-alghero-de-micheli-sblocco-dellopera-in-cdm_8a58b103-71f8-4216-aa9a-3e28fdb776eb.html)

      L’eco dell’annuncio della ministra sullo sblocco della Sassari-Alghero in Cdm è arrivato nell’Aula del Consiglio regionale dove si sta discutendo l’interpretazione autentica del Ppr finalizzata proprio al completamento della quattro corsie. E tuttavia i lavori proseguono. “Si tratta solo di un annuncio, non di una decisione – commenta il capogruppo del Psd’Az Franco Mula – la Sassari-Alghero sarebbe dovuta entrare anche nel decreto semplificazioni, invece non c’era. Sinora il Governo non ha fatto nulla”. Stamattina, alla luce delle comunicazioni della ministra De Micheli, il consigliere di Leu Eugenio Lai ha chiesto il ritorno formale del progetto di legge in commissione.

      Ma l’Assemblea ha respinto la richiesta con 28 voti favorevoli e 21 contrari. Quindi si continua con l’esame degli emendamenti. Di cinquecento rimasti da discutere ne sono stati ammessi sedici. L’opposizione insiste nella sua battaglia e attacca ancora il centrodestra. “La comunicazione del Governo – dice il consigliere del M5s Roberto Li Gioi – ha smascherato la bugia colossale, cioè il fatto che giustifichiate il provvedimento del Ppr con la Sassari-Alghero, quindi continuiamo imperterriti in questo atteggiamento di opposizione”. La minoranza è convinta che la quattro corsie sia solo un grimaldello per scardinare il Ppr e costruire nella fascia costiera e nell’agro. “Continuando con la discussione del testo state sottoscrivendo tutto quello che abbiamo detto sinora”, chiarisce l’esponente dei Progressiti Maria Laura Orrù rivolgendosi alla maggioranza.

      L’ANNUNCIO DELLA MINISTRA DE MICHELI – Lo sblocco del completamento della strada Sassari-Alghero avverrà in Consiglio dei Ministri attraverso una decisione collegiale per superare l’impasse a seguito della bocciatura da parte della sovrintendenza del Mibact del tratto finale a 4 corsie, oggetto di uno scontro in Consiglio regionale tra maggioranza e opposizione per una norma sul Piano paesaggistico (Ppr) che il centrodestra vuole approvare proprio per consentire la fine dell’infrastruttura viaria, ma che secondo il centrosinistra rappresenta solo il cavallo di Troia per nuove costruzioni sulle coste e nell’agro, espressamente vietate dal Ppr attualmente in vigore.

      L’annuncio dell’approdo in Cdm, che permette di superare l’impasse, è stato dato dalla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli. “Abbiamo ascoltato con attenzione le richieste dei sindaci del nord della Sardegna e quelle dei parlamentari sardi della maggioranza, per questo ho scelto di rimettere la questione alla decisione del Consiglio dei ministri. Nella sua collegialità – spiega la ministra – il Cdm potrà superare gli ultimi ostacoli e consentire la completa realizzazione dell’opera che permetterà di collegare l’aeroporto di Alghero, il porto di Porto Torres e l’aeroporto di Olbia, dotando così di una infrastruttura moderna il territorio della Sardegna, essenziale per la mobilità dei cittadini sardi e lo sviluppo del turismo.

      L’eco dell’annuncio della ministra sullo sblocco della Sassari-Alghero in Cdm è arrivato nell’Aula del Consiglio regionale sardo dove si sta discutendo l’interpretazione autentica del Ppr finalizzata proprio al completamento della quattro corsie. E tuttavia i lavori proseguono. “Si tratta solo di un annuncio, non di una decisione – commenta il capogruppo del Psd’Az Franco Mula – la Sassari-Alghero sarebbe dovuta entrare anche nel decreto semplificazioni, invece non c’era. Sinora il Governo non ha fatto nulla”.

      Stamattina, alla luce delle comunicazioni della ministra De Micheli, il consigliere di Leu Eugenio Lai ha chiesto il ritorno formale del progetto di legge in commissione. Ma l’Assemblea ha respinto la richiesta con 28 voti favorevoli e 21 contrari. Quindi si continua con l’esame degli emendamenti. Di cinquecento rimasti da discutere ne sono stati ammessi sedici. L’opposizione insiste nella sua battaglia e attacca ancora il centrodestra. “La comunicazione del Governo – dice il consigliere del M5s Roberto Li Gioi – ha smascherato la bugia colossale, cioè il fatto che giustifichiate il provvedimento del Ppr con la Sassari-Alghero, quindi continuiamo imperterriti in questo atteggiamento di opposizione”.

      La minoranza è convinta che la quattro corsie sia solo un grimaldello per scardinare il Ppr e costruire nella fascia costiera e nell’agro. “Continuando con la discussione del testo state sottoscrivendo tutto quello che abbiamo detto sinora”, chiarisce l’esponente dei Progressiti Maria Laura Orrù rivolgendosi alla maggioranza.

  5. settembre 30, 2020 alle 10:14 pm

    A.N.S.A., 30 settembre 2020
    Sassari-Alghero: via libera Cipe a progetto definitivo.
    Calvisi, ottima notizia per tutto il nord Sardegna: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2020/09/29/sassari-alghero-via-libera-cipe-a-progetto-definitivo_fa515302-7ee3-44d4-8a07-676b2ea8c464.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: