I tagli boschivi nella riserva naturale Farma andranno in Tribunale.


Maremma, bosco

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Grosseto ha chiuso le indagini riguardanti l’intervento di taglio boschivo ceduo e fustaia di conifere per un’estensione di circa 30 ettari in località Poggio Volpaio – Belagaio, in Comune di Roccastrada (GR).

Secondo quanto noto, dopo gli accertamenti compiuti dai Carabinieri Forestale, ha individuato la responsabilità di tre persone (T.B. legale rappresentante della Ditta esecutrice dei tagli, F.B. direttore dei lavori, A.S. tecnico istruttore dell’Unione dei Comuni autorizzatrice) riguardo una serie di ipotesi di reato: taglio a raso di fustaie, sconfinamento dall’area di taglio autorizzata, intervento di taglio in difformità da quanto autorizzato, mancanza di autorizzazione paesaggistica, degrado di habitat protetto.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, autrice di due istanze di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti (12 giugno 2019 e 27 giugno 2019) sui tagli boschivi nella riserva naturale “Farma”, esprime la propria soddisfazione e il sostegno alle attività di accertamento svolte da Carabinieri Forestale e Procura della Repubblica per la tutela di un patrimonio naturalistico fin troppo bistrattato.

Nei due casi di taglio boschivo sono stati coinvolti i Ministeri dell’Ambiente e per i Beni e Attività Culturali, la Regione Toscana, la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Siena,l’Unione dei Comuni Montani delle Colline Metallifere, i Comuni di Roccastrada e Monticiano, i Carabinieri Forestale, informate le Procure della Repubblica presso i Tribunali di Grosseto e di Siena.

Dalle risposte pervenute dalle varie amministrazioni pubbliche competenti era emerso un quadro autorizzativo piuttosto carente.

In particolare, l’Unione dei Comuni Montani delle Colline Metallifere aveva reso noto (nota prot. n. 8770 del 27 giugno 2019) che il taglio boschivo, effettuato a partire dal marzo 2019, era munito di:

* una dichiarazione di taglio (prot. ricezione n. 3285 del 5 marzo 2019);

* uno stringato parere positivo condizionato conclusivo della procedura di valutazione di incidenza ambientale (V.Inc.A.) sul piano di gestione forestale 2008-2022 (nota Regione Toscana – D.G. Politiche territoriali e ambientali – Settore Tutela e valorizzazione delle risorse ambientali prot. n. 145583 del 4 giugno 2009);

* il Parere specialistico sugli aspetti naturalistici e studio propedeutico alla valutazione d’incidenza ecologica del Piano diGestione della “Foresta Regonale del Belagaio” – Comunità Montana Colline Metallifere (GR) predisposto (maggio 2008) dalla società DREAM Italia ai fini della procedura di valutazione di incidenza ambientale.

Il bosco, per esplicita indicazione contenuta nella dichiarazione di taglio, è composto da fustaia di Pino marittimo, Leccio, Orniello, Quercia da sughero, Sclerofille, sporadiche Latifoglie di età superiore ai 50 anni.

Il taglio ha riguardato la fustaia e un’altra parte di bosco governata a ceduo mediante trattore gommato con carrello e pinza forestale.

Un taglio boschivo che appariva determinato da ragioni economiche e che risultava privo della necessaria autorizzazione paesaggistica.

Infatti, l’area è tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.): in proposito, si rammenta la necessità dell’autorizzazione paesaggistica per gli interventi in aree boscate determinati da finalità non strettamente di gestione naturalistica, così come indicato dalla giurisprudenza in materia (vds.  Cass. pen., Sez. III, 13 gennaio 2015, n. 962 ; Cass. pen., Sez. III, 29 settembre 2011, n. 35308Cass. pen., Sez. III, 13 maggio 2009, n. 20138Cass. pen., Sez. III, 25 gennaio 2007 n. 2864Cass. pen., Sez. III, 11 giugno 2004, n. 35689) e da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali con lo specifico parere dell’Ufficio legislativo dell’8 settembre 2016.

Cinghiali (Sus scrofa)

Inoltre, forte dubbio sulla legittimità del taglio era dato dal fatto che nel periodo primaverile ed estivosono vietati tutti gli interventi che possano disturbare la riproduzione dell’avifauna selvatica (art. 5 della direttiva n. 2009/147/CE sulla tutela dell’avifauna selvatica, esecutiva in Italia con la legge n. 157/1992 e s.m.i.,).

Il bosco rientra nella riserva naturale “Farma” (legge n. 394/1991 e s.m.i.) e nel sito di importanza comunitaria (S.I.C.) “Val di Farma” (codice IT51A0003) ai sensi della direttiva n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat naturali e semi-naturali, la fauna e la flora.     Ogni sensibile intervento di modifica deve esser autorizzato dopo conclusione positiva di specifica procedura di valutazione di incidenza ambientale (V.Inc.A.).

Capriolo (capreolus capreolus, foto di Raniero Massoli Novelli)

Sarebbe questo il metodo toscano di tutela dei boschi rientranti in aree naturali protette comunitarie (S.I.C./Z.S.C. e Z.P.S.), nazionali e regionali (parchi e riserve naturali), il taglio?

Il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus chiede il deciso intervento dei Ministeri competenti per la difesa della riserva naturale e un sussulto di buon senso da parte della Regione Toscana e degli Enti locali interessati per la profonda revisione di un modo di operare deleterio per i boschi, l’equilibrio idrogeologico e la fauna selvatica.

I boschi non sono banali cataste di legna per le centrali a biomassa, ricordiamocelo…

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Gheppio (Falco tinnunculus)

(foto Raniero Massoli Novelli, E.R., S.D., archivio GrIG)

  1. luglio 7, 2020 alle 3:05 pm

    da Maremma News, 6 luglio 2020
    I tagli boschivi nella riserva naturale Farma andranno in Tribunale’: https://www.maremmanews.it/index.php/attualita/78503-i-tagli-boschivi-nella-riserva-naturale-farma-andranno-in-tribunale?jjj=1594118424501

    _____________

    da Il Cittadino online, 6 luglio 2020
    I tagli boschivi nella riserva naturale Farma finiranno in Tribunale: https://www.ilcittadinoonline.it/ambiente/i-tagli-boschivi-nella-riserva-naturale-farma-finiranno-in-tribunale/

    ___________________

    da l’Etrusco, 6 luglio 2020
    Tagli boschivi nella riserva naturale Farma andranno in tribunale: http://www.letrusco.it/erva-naturale-farma-andranno-in-tribunale/

    _______________

    da Toscana Chianti Ambiente, 6 luglio 2020
    Finiranno in Tribunale i tagli boschivi nella riserva naturale del Farma: https://www.toscanachiantiambiente.it/finiranno-in-tribunale-i-tagli-boschivi-nella-riserva-naturale-del-farma/

    ________________

    da Il Tirreno, 7 luglio 2020
    «Taglio dei boschi, va rivisto il modo di operare». La onlus interviene sulle indagini relative al Belagaio ricordando le azioni intraprese e sollecitando gli enti a una maggiore tutela ambientale. (https://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2020/07/07/news/taglio-dei-boschi-va-rivisto-il-modo-di-operare-1.39056249)

    Nel giugno 2019 il Gruppo di intervento giuridico onlus aveva sottoscritto due istanze di accesso civico informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti (12 giugno 2019 e 27 giugno 2019) sui tagli boschivi nella riserva naturale “Farma”. Lo rende noto all’indomani della notizia della chiusura delle indagini sul taglio di circa 30 ettari a Poggio Volpaio-Belagaio, con tre indagati, esprimendo soddisfazione per l’operato dei carabinieri forestali e della Procura «per la tutela di un patrimonio naturalistico fin troppo bistrattato. Nei due casi di taglio boschivo sono stati coinvolti i ministeri dell’Ambiente e per i Beni e attività culturali, la Regione Toscana, la Soprintendenza per archeologia, belle arti e paesaggio di Siena,l’Unione dei Comuni Montani delle Colline Metallifere, i Comuni di Roccastrada e Monticiano, i Carabinieri forestali, informate le Procure della Repubblica presso i Tribunali di Grosseto e di Siena. Dalle risposte pervenute dalle varie amministrazioni pubbliche competenti era emerso un quadro autorizzativo piuttosto carente», soprattutto sul fronte paesaggistico.

    Il Gruppo ricorda che l’Unione dei Comuni aveva indicato che il taglio del bosco (iniziato nel marzo 2019) era fornito di una dichiarazione di taglio, di un parere positivo condizionato conclusivo della procedura di valutazione di incidenza ambientale sul piano di gestione forestale 2008-2022, del Parere specialistico sugli aspetti naturalistici e studio propedeutico alla valutazione d’incidenza ecologica del Piano di Gestione della “Foresta Regionale del Belagaio” – Comunità Montana Colline Metallifere predisposto (maggio 2008) dalla società Dream Italia ai fini della procedura di valutazione di incidenza ambientale. «E che il bosco, per esplicita indicazione contenuta nella dichiarazione di taglio, è composto da fustaia di pino marittimo, leccio, orniello, quercia da sughero, sclerofille, sporadiche latifoglie di età superiore ai 50 anni. Il taglio ha riguardato la fustaia e un’altra parte di bosco governata a ceduo mediante trattore gommato con carrello e pinza forestale».

    Perplessità erano state manifestate anche sul periodo in cui il taglio era stato effettuato, dacché « nel periodo primaverile ed estivo sono vietati tutti gli interventi che possano disturbare la riproduzione dell’avifauna selvatica». Inoltre, il bosco rientra nella riserva naturale “Farma” e nel sito di importanza comunitaria “Val di Farma”: «Ogni sensibile intervento di modifica deve esser autorizzato dopo conclusione positiva di specifica procedura di valutazione di incidenza ambientale». Il Gruppo d’intervento giuridico onlus «chiede il deciso intervento dei Ministeri competenti per la difesa della riserva naturale e un sussulto di buon senso da parte della Regione Toscana e degli Enti locali interessati per la profonda revisione di un modo di operare deleterio per i boschi, l’equilibrio idrogeologico e la fauna selvatica».

  2. luglio 8, 2020 alle 7:04 am

    Ottimo lavoro GRIG! Ora vediamo se la Procura della Repubblica di Siena, per il territorio di Monticiano, voglia differenziarsi, come spesso ha fatto in negativo per la tutela del territorio e dell’ambiente, dall’operato di altre Procure.
    Infatti, è già accaduto negli anni 2016 e 2017 per il territorio comunale di Sovicille quando l’allora Sost. Procuratore dott. Aldo Natalini, nel procedimento penale n. 669/2017 aperto su denuncia di cittadini e dell’attivista del M5S consigliere comunale, ebbe a chiedere ed ottenere il decreto di archiviazione delle indagini. Peraltro utilizzando parole nei confronti di un cittadino esponente avvertite essere molto sprezzanti e inadeguate quando espresse da un’Autorità che deve avere la legge come stella polare.
    Ora sarebbe giusto e necessario che i tagli boschivi avvenuti senza autorizzazione paesaggistica in zone vincolate per decreto vengano indennizzati attraverso l’elevazione di sanzioni pecuniarie per danno ambientale. La mancata elevazione di tali sanzioni costituisce danno erariale, imputabile a coloro i quali hanno il dovere di elevarla (i Comuni che esercitano la funzione autorizzatoria ex art. 146 d.lgs. 42/2004 in via delegata).

  3. donatella
    luglio 8, 2020 alle 3:34 pm

    Ottimo risultato, speriamo in giusta sentenza del tribunale, grazie GrIG

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: