Home > aree urbane, biodiversità, difesa del territorio, diritti civili, energia, grandi opere, inquinamento, Italia, pianificazione, salute pubblica, società, sostenibilità ambientale > Quanti morti ogni anno per le emissioni inquinanti della centrale a carbone di Brindisi?

Quanti morti ogni anno per le emissioni inquinanti della centrale a carbone di Brindisi?


fumi industriali

Lo smog provoca il tumore ai polmoni, ormai lo sappiamo.

Ora giungono anche studi specifici sugli effetti delle emissioni delle centrali a carbone.

Non si tratta di aria fresca, tutt’altro.

La centrale a carbone di Cerano (Brindisi), gestita dal gruppo Enel s.p.a., per esempio, è fra le più grandi in Europa e provocherebbe con le sue emissioni inquinanti “fino a 44 decessi all’anno.

Sono le conclusioni dello studio scientifico “Acute effects of urban and industrial pollution in a government-designated ‘Environmental risk area’: The case of Brindisi, Italy, effettuato da Cristina MangiaMarco Cervino ed Emilio Gianicolo, ricercatori del C.N.R. di Lecce e Bologna, pubblicato dalla rivista International Journal of Environmental Research and Public Health.

Ora anche la magistratura se ne interessa.   Finalmente.

E i casi simili sono numerosi: da Porto Tolle a Vado Ligure, da Porto Torres a Portoscuso.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

Cerano (Brindisi), centrale a carbone Enel s.p.a.

Cerano (Brindisi), centrale a carbone Enel s.p.a.

da Il Fatto Quotidiano, 11 luglio 2015

Brindisi, lo studio: “Centrale Enel di Cerano provoca fino a 44 morti l’anno”.

Tre ricercatori del Cnr di Lecce e Bologna pubblicano gli esiti del loro lavoro sui decessi nella zona della centrale a carbone: nella Puglia meridionale ogni dodici mesi ben 44 decessi sarebbero da collegare all’inquinamento. L’Enel: “Non c’è pericolo”. Ma anche la procura inizia a muoversi. (Tiziana Colluto)

La centrale Enel di Cerano provocherebbe “fino a 44 decessi” l’anno nella zona di BrindisiTaranto e Lecce. In altre parole, fino a un massimo di quattro morti ogni 100mila abitanti si potrebbero evitare, se non ci fossero le emissioni inquinanti della centrale termoelettrica a carbone Federico II, tra le più grandi d’Europa. Questo dice uno studio che ora ha tutti i crismi scientifici, dato che è stato pubblicato dalla rivista International Journal of Environmental Research and Public Health . “Fuorviante”, secondo Enel che, riferendosi ad una relazione di Arpa Puglia-Asl-Ares, ribadisce: “non c’è pericolo per la salute”. Quella ricerca, tuttavia, è destinata ad approdare subito in Procura, a Brindisi, dove è già in corso un processo per la dispersione delle polveri di carbone e dove si sta affinando la lente sugli effetti dell’inquinamento industriale sui cittadini.

Ecco perché non passerà inosservato lo studio choc elaborato da Cristina MangiaMarco Cervino ed Emilio Gianicolo, ricercatori del Cnr di Lecce e Bologna. Le conclusioni a cui sono giunti sono dure: “Emerge in modo inequivocabile – scrivono – come in presenza di emissioni provenienti da installazioni industriali che portano alla formazione di particolato secondario, questo debba essere considerato nelle valutazioni di impatto ambientale e sanitario. L’indagine condotta nel caso di studio specifico della centrale di Brindisi ha evidenziato, infatti, che ignorare il ruolo del particolato secondario conduce ad una sottostima notevole dell’impatto che la centrale ha sulla salute delle popolazioni”.

Porto Torres, zona industriale

Porto Torres, zona industriale

Qual è la novità più importante? Per la prima volta, si indaga, appunto, il ruolo del particolato secondario, la miscela frutto di reazioni chimiche fra ossidi di azoto e ossidi di zolfo emessi dopo il processo industriale con altre sostanze presenti nell’atmosfera. A ciò si associa, soprattutto, l’insorgenza di tumori al polmone e di malattie dell’apparato cardiovascolare e respiratorio.Tutte patologie che attribuiscono al Salento tristi primati .

Finora, si era pensato che questa sostanza si formasse in quantità trascurabili in area locale. Invece? “Se viene considerato anche il particolato secondario – spiegano dal Cnr – aumenta l’area geografica interessata dalle ricadute e dunque la popolazione esposta all’inquinamento originato dalla centrale termoelettrica. Aumenta, conseguentemente, il numero dei decessi a questa attribuibile”. A quanto ammontano? Sarebbero mediamente quattro all’anno, se si considera solo il particolato primario, che ha il suo massimo di concentrazione ad una distanza di circa sei chilometri dalla fonte. Se si esplorano anche gli effetti del particolato secondario, i cui picchi si registrano ad una distanza tra i dieci e i trenta chilometri, il numero delle morti oscilla da un minimo di 7 ad un massimo di 44.

Impatto che, anche tenendo conto dell’incertezza fisiologica delle stime, “emerge come non trascurabile”. Le zone a sud-est di Cerano sono quelle più esposte tra i 120 comuni indagati delle tre province della Puglia meridionale (popolazione di circa 1 milione e 200 mila abitanti).  Sono dati elaborati avendo come anno di riferimento il 2006, intermedio del periodo totale di funzionamento. La centrale Enel, infatti, è stata costruita su 270 ettari di Lido Cerano, a 12 chilometri a sud di Brindisi, alla fine degli anni Ottanta. Le quattro sezioni a vapore a ridosso della costa sono entrate in servizio tra l’ottobre del ’91 e il novembre del ’93, per un totale di 2.640 mw installati.

Solo di recente sono stati avviati i lavori di ambientalizzazione con la copertura dei parchi minerari. Cosa sarebbe successo nel frattempo lo ricostruisce questo studio sull’impianto che è in cima alle classifiche dell’agenzia europea per l’Ambiente per emissioni di sostanze inquinanti. Non un dettaglio, si diceva. Come confermano al fattoquotidiano.it fonti della procura di Brindisi, è certo che la pubblicazione sarà studiata dagli inquirentiPorto Tolle e Vado Ligure non sono poi così lontani.

 

 

Portoscuso, zona industriale di Portovesme

Portoscuso, zona industriale di Portovesme

(foto da www.2duerighe.com, da mailing list ecologista, S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. luglio 19, 2015 alle 11:54 am

    da Il Fatto Quotidiano, 15 luglio 2015
    Centrale Enel di Brindisi, il direttore dell’Arpa Assennato chiede la revoca del ‘bollino verde’ (approvato dall’Arpa). (Andrea Tundo): http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/15/centrale-enel-di-brindisi-il-direttore-dellarpa-assennato-chiede-la-revoca-del-bollino-verde-rilasciato-dallarpa/1875641/

  2. luglio 25, 2015 alle 6:39 pm

    da Il Fatto Quotidiano, 24 luglio 2015
    Brindisi, l’Arpa accusa: “Incremento di benzene nell’aria al petrolchimico”. (Andrea Tundo): http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/24/brindisi-larpa-accusa-incremento-di-benzene-nellaria-al-petrolchimico/1905203/

  3. settembre 28, 2017 alle 4:12 pm

    A.N.S.A., 28 settembre 2017
    Rifiuti:sequestro centrale Enel Brindisi.
    Concessa facoltà d’uso,Procura Lecce contesta smaltimento ceneri: http://www.ansa.it/puglia/notizie/2017/09/28/rifiutisequestro-centrale-enel-brindisi_b772f4b8-ec5b-4b05-b2a3-8251fd1e4fe2.html

    __________________________

    da Il Fatto Quotidiano, 29 settembre 2017
    Sequestro Enel-Cementir, non solo ambiente. Il pm: “Con quei veleni il cemento perde resistenza”.
    C’è un passaggio nella richiesta di sequestro degli impianti di Brindisi e Taranto che apre uno squarcio sui potenziali pericoli conseguenti all’ipotesi che la multinazionale elettrica abbia potuto vendere ceneri da destinare allo smaltimento perché contenevano ammoniaca, nichel, vanadio e mercurio e invece utilizzate per produrre cemento: “Lo ione ammonio può causare decalcificazione” e “perdita di resistenza meccanica”. Tradotto: materiale meno resistente. Le intercettazioni: come volevano sviare le indagini e la paura dei titoli di giornale. (Andrea Tundo): http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/29/sequestro-enel-cementir-non-solo-ambiente-il-pm-con-quei-veleni-il-cemento-perde-resistenza/3883734/

    ————-

    28 settembre 2017
    Rifiuti, sequestrate centrale Enel di Cerano, Cementir di Taranto e parte di Ilva: “Sostanze pericolose nel cemento”.
    Trentuno gli indagati. Secondo gli investigatori le ceneri leggere vendute al cementificio sono state prodotte utilizzando anche gasolio, olio combustibile denso e carbone. Al gruppo dell’energia elettrica sequestrati per equivalente oltre 500 milioni di “ingiusto profitto”: ha “trasformato una voce di costo legata allo smaltimento di rifiuti in una fonte di introiti”.
    (Andrea Tundo): http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/09/28/rifiuti-sequestrate-la-centrale-enel-di-cerano-la-cementir-di-taranto-e-parte-dellilva-sostanze-pericolose-nel-cemento/3882744/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: