Home > acqua, aree urbane, coste, difesa del territorio, diritti civili, energia, inquinamento, mare, paesaggio, rifiuti, salute pubblica, società, sostenibilità ambientale > Ancora una volta l’aria del Cagliaritano è stata “appestata” serenamente.

Ancora una volta l’aria del Cagliaritano è stata “appestata” serenamente.


Oggi, per svariate ore, l’aria di Sarroch (CA) è stata appestata ancora una volta.

Ancora una volta fumi e miasmi dagli impianti della raffineria Saras s.p.a., a dispetto dei risultati vantati in materia ambientale, si sono visti e sentiti da decine di chilometri.

Il problema, spiega in una nota la Sarlux del gruppo Saras, ‘è legato a un guasto elettrico cominciato intorno alle 12.30, che ha determinato l’intervento dei sistemi di protezione con conseguente interruzione di energia elettrica e blocco degli impianti di raffinazione.

Questo blocco – prosegue l’azienda – ha causato come conseguenza l’attivazione del sistema di sicurezza delle torce con associata fumosità. Siamo in contatto con gli organi istituzionali e di controllo – assicura Sarlux – si stanno approfondendo le cause del guasto che ha generato la disalimentazione elettrica’” (A.N.S.A., 29 giugno 2021, ore 18.25).

Non è una novità, è capitato tante volte.

Sarroch, impianti Gruppo Saras s.p.a., fumo nero (23 dicembre 2015)

Ma la situazione ambientale e sanitaria di Sarroch non è mai stata completamente pubblicizzata con la trasparenza che merita

Troppo spesso silenzio da parte di amministratori pubblici e residenti sulle cose davvero rilevanti.

I 75 bambini delle scuole elementari e medie di Sarroch (CA) costituenti il campione della ricerca “presentano incrementi significativi di danni e di alterazioni del Dna rispetto al campione di confronto estratto dalle aree di campagna” (Burcei, in Provincia di Cagliari).

Questo è uno dei passaggi fondamentali della ricerca svolta da otto ricercatori di assoluta fama internazionale (Marco Peluso, Armelle Munnia, Marcello Ceppi, Roger W. Giese, Dolores Catelan, Franca Rusconi, Roger W.L. Godschalk e Annibale Biggeri) e pubblicata nel 2013 sulla prestigiosa rivista internazionale di epidemiologia dell’Università di Oxford Mutagenesis.

Risultati altamente preoccupanti (a tacer oltre) “in linea con quelli ottenuti da altri studi simili come quelli compiuti alla centrale termica di Taichung in Taiwan e a Pancevo, dove si trova il più grande polo petrolchimico della Serbia”, due fra i siti più conosciuti dagli epidemiologi quali luoghi a rischio di neoplasie e altre malattie provocate dall’inquinamento atmosferico.

Sarroch, raffineria gruppo Saras

Ancora.

Quattordici casi di tumore al sistema emo-linfatico su 5.500 residenti. Le leucemie colpiscono a Sarroch il 30 per cento in più al resto della Sardegna e potrebbero esser collegate al benzene distribuito nell’aria dalle grandi industrie a stretto contatto con case e palazzine” (L’Unione Sarda, 29 novembre 2014).

Nel mentre a Sarroch, nel 2018 (ultimi dati disponibili), gli impianti Saras s.p.a. hanno emesso 6.348.593,748  tonnellate di anidride carbonica (CO2) nell’aria (dati Registro europeo delle emissioniEuropean Pollutant Release and Transfer Register, E-PRTR).

Eppure su queste cose tacciono tutti, anzi talvolta si offendono in difesa del buon nome del paese.

Nel nome del lavoro e del dio petrolio che tutto garantisce.

Per quanto ancora?

Il Gruppo d’Intervento Giuridico odv svolge il proprio ruolo di associazione ecologista con documentate denunce nelle sedi opportune e con attività di sensibilizzazione.

Anche oggi ha provveduto a segnalare al Corpo forestale e di vigilenza ambientale, ai Carabinieri del N.O.E., informando nel contempo la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari.

Ma tutto questo serve a poco se non cambia l’atteggiamento di chi a Sarroch vive e opera.

Gruppo d’Intervento Giuridico odv

Sarroch, impianti Saras s.p.a. (da Sardinia Post)

“Un’altissima lingua di fuoco, notte e giorno, secondo la legge del ciclo continuo del petrolio, illumina le antiche tanche: è la Fiaccola, la lunghissima torcia che brucia tutti i gas di scarico della Raffineria e li scaglia, simile ad un drago vampante fiamme, contro l’azzurra indifferenza del mare e del cielo.

Il petrolio grezzo esce dal ventre delle navi petroliere, nero e giallo come l’occhio della vipera, scorre freddo dentro i tubi, va a scaldarsi le vene nei forni di distillazione, entra in orgasmo nei talami a serpentina, si accoppia come una bestia immonda dai mille sessi dentro le torri di frazionamento e, infine, partorisce migliaia di figli: benzina, vaselina, glicerina, paraffina, metano, butano, esano, ottano, etilene, acetilene, propilene, polisti-rene, alchilati, nitrati, clorati, solfonati, eccetera, eccetera, eccetera …

Gli operai di Sarrok non hanno più bisogno di Dio. Se c’è buio, Lui, il Petrolio, fa luce. Se c’è freddo, Lui, il Petrolio, aziona i termosifoni. Se c’è caldo, Lui avvia i condizionatori d’aria. Se l’acqua non viene dal cielo, Lui la cava fuori dal mare col dissalatore … il Petrolio, col suo ciclo continuo, non permette nemmeno di santificare le feste, non permette che s’interrompa il lavoro neppure la Domenica, giorno del Signore, neppure a Natale, neppure a Pasqua.

Il vero, unico, Dio, a Sarrok, è Lui, il Petrolio. Non c’è altro Dio all’infuori di Lui.” (Francesco Masala, Il parroco di Arasolè [Il dio Petrolio], Ed. Il Maestrale, 2001).

Sarroch, impianti Gruppo Saras s.p.a., fumo nero (23 dicembre 2015)

(foto da Sardinia Post, per conto GrIG, S.D., archivio GrIG)

  1. giugno 29, 2021 alle 7:58 PM

  2. Mara machtub
    giugno 29, 2021 alle 9:27 PM

    Quando finalmente i responsabili saranno messi sotto accusa sarà troppo troppo troppo tardi, come a Taranto.

  3. giugno 29, 2021 alle 10:37 PM

    A.N.S.A., 29 giugno 2021
    Colonne di fumo nero da impianto Saras per guasto elettrico.
    Nube visibile fino a Cagliari, raffineria rassicura: https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2021/06/29/colonne-di-fumo-nero-da-impianto-saras-per-guasto-elettrico_6b80d0e4-c3c0-4007-8046-890545b8d1dc.html

    ______________________

    da L’Unione Sarda, 29 giugno 2021
    Colonne di fumo nero dall’impianto della Saras: “Un guasto elettrico”.
    La nube era visibile fino a Cagliari, le rassicurazioni da parte della raffineria : https://www.unionesarda.it/news-sardegna/provincia-cagliari/colonne-di-fumo-nero-dallimpianto-della-saras-un-guasto-elettrico-cywtentt

    ___________________

    da Sardinia Post, 29 giugno 2021
    Fumo nero dagli impianti della Saras, l’azienda parla di “guasto elettrico”: https://www.sardiniapost.it/cronaca/fumo-nero-dagli-impianti-della-saras-lazienda-parla-di-guasto-elettrico/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: