Home > biodiversità, coste, difesa del territorio, dissesto idrogeologico, mare, paesaggio, parchi naturali, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > Che cosa si vuol fare di una via ferrata priva di ogni autorizzazione?

Che cosa si vuol fare di una via ferrata priva di ogni autorizzazione?


Alghero, Isola Piana

Dalle richieste di informazioni ambientali effettuate (26 aprile 2016, 15 ottobre 2016) dalle associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Mountain Wilderness Italia è emerso che la Via Ferrata del Cabirol, sulle falesie di Capo Caccia (Alghero), non è munita di alcuna autorizzazione, di alcun genere[1].

Come tutti sanno, la parete rocciosa di Capo Caccia è tutelata con specifico vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), mentre la fascia dei mt. 300 dalla battigia marina è tutelata con specifico vincolo di conservazione integrale (legge regionale n. 23/1993). Rientra, inoltre, nella zona di protezione speciale – ZPS ITB013044 e nel sito di importanza comunitaria – SIC “Capo Caccia (con le Isole Foradada e Piana) e Punta del Giglio” (codice ITB010042) ai sensi della direttiva n.92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat e nel parco naturale regionale “Porto Conte” (leggi regionali n. 31/1989 e s.m.i. e n. 4/1999). E’, inoltre, contigua all’area marina protetta “Capo Caccia / Isola Piana”.

Gabbiano reale (Larus michahellis)

Non si può che ricordare che, solo due anni fa, (16 novembre 2015) il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, su segnalazione del direttore del Parco naturale regionale di Porto Conte”, aveva “deferito all’Autorità giudiziaria un giovane, appassionato di sport estremi di alta quota, per aver deteriorato, in concorso con altri in via di identificazione, le falesie rocciose del Promontorio di Capo Caccia, nel Parco di Porto Conte.  Le falesie si trovano infatti all’interno di un sito protetto dalla Direttiva comunitaria habitat e nel Sito di importanza comunitaria ‘Capo Caccia e Punta Giglio’ e sono quindi tutelate da diversi vincoli di natura ambientale.  Il personale forestale della Stazione e della Base navale di Alghero ha contestato al giovane di avere realizzato, senza alcuna autorizzazione, diversi fori nelle falesia del promontorio per inserirvi dei cilindri di metallo ad espansione, piastrine e bulloni di ancoraggio attraverso cui tendere nel vuoto una fettuccia elastica per praticare lo slacklining  Tra le ipotesi di reato, oltre quelle sanzionate dall’articolo 733 bis del Codice penale per deterioramento di habitat in aree protette, sono state contestate le violazioni alle norme di tutela del Parco che vietano attività e opere che possono compromettere la conservazione del paesaggio e dell’ambiente naturale.

In parole povere, per realizzare opere simili bisogna avere preventivamente le necessarie autorizzazioni ambientali.   Soprattutto quando vengono realizzate in aree di elevato interesse naturalistico.

Sembrerebbe ovvio, no?

Alghero, costa di Punta Cristallo

Al Gruppo d’Intervento Giuridico onlus non interessano minimamente diatribe in proposito fra arrampicatori su roccia, scalatori, alpinisti o chiunque altro come emergono dai social network per ragioni sconosciute e irrilevanti ai fini della salvaguardia di un ambiente straordinario e unico.

Interessa, invece, che questi interventi di “turismo attivo”, come li si voglia definire, che portano guadagni a chi accompagna comitive e gruppi, siano rispettosi delle normative di tutela ambientale – e conseguentemente autorizzati – e che la loro fruizione si svolga in condizioni di assoluta sicurezza.

Interventi, come le vie ferrate, piuttosto diffuse nell’Italia settentrionale, sembrano ormai moltiplicarsi in Sardegna, come recentemente sarebbe avvenuto a Tavolara (Via Ferrata degli Angeli) e al Pan di Zucchero di Nebida (Sentiero dei Minatori), ambedue aree di grande rilievo naturalistico e tutelate con vincoli ambientali.

Sono interventi autorizzati?  Da chi e con quali atti?

In assenza di autorizzazioni ambientali e urbanistico-edilizie sull’Appennino Parmense è stata posta sotto sequestro preventivo (maggio 2015) la Via ferrata del Monte Trevine.

Stupisce, piuttosto, per quanto è dato vedere, il sostanziale lassismo da parte delle amministrazioni pubbliche coinvolte, Regione autonoma della Sardegna in primo luogo: le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Mountain Wilderness Italia hanno recentemente sollecitato (24 novembre 2017) le amministrazioni pubbliche competenti ad adottare i provvedimenti di legge riguardo quanto emerso sulla Via Ferrata del Cabirol, auspicando definitiva chiarezza sulla reale situazione, sia con l’obiettivo della salvaguardia ambientale sia per garantire la sicurezza a escursionisti e fruitori di Capo Caccia.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

_______________________________

[1] Precisamente:

* con nota prot. n. 4518 del 3 maggio 2016 la Direzione generale dell’Agenzia regionale del Distretto idrografico della Sardegna (Servizio Difesa del suolo) ha comunicato che “l’intervento … ‘Ferrata del Cabirol’ insiste su un’area caratterizzata nella cartografia vigente del Piano di Assetto Idrogeologico (PAI) da una pericolosità molto elevata da frana di livello Hg4. Tale livello di pericolosità è stato determinato nell’ambito dello ‘Studio di dettaglio e approfondimento conoscitivo della pericolosità e del rischio di frana nel sub-bacino n. 3 Coghinas-Mannu-Temo. Progetto di variante generale e di revisione del piano di assetto idrogeologico della Regione Autonoma della Sardegna’, adottato in via definitiva con Delibera del Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino n. 1 del 16.06.2015. Il livello di pericolosità da frana molto elevato Hg4 dell’area era comunque già vigente nella cartografia PAI precedente, la cui prima approvazione delle Norme di Attuazione risale alla Deliberazione della Giunta Regionale, in qualità di Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino, n. 54/33 del 30.12.2004.  Allo stato attuale, non risulta a questo Servizio alcuna istanza di presentazione di uno studio di compatibilità geologica e geotecnica dell’intervento in questione, ai sensi dell’art. 23 delle Norme Tecniche di Attuazione del PAI. Si specifica che, a seguito dell’approvazione della L.R. n. 33 del 15 dicembre 2014, la competenza relativa all’approvazione di tale studio è attualmente attribuita ai Comuni”. La Direzione generale dell’Agenzia regionale del Distretto idrografico della Sardegna (Servizio Difesa del suolo) ha nel contempo chiesto riscontro al Comune di Alghero – Ufficio tecnico;

* con note prot. n. 9297/PNM del 4 maggio 2016 e n. 22906 del 31 ottobre 2016 il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare – Direzione generale Protezione della Natura e del mare ha chiesto al Servizio Valutazioni ambientali (S.V.A.) della Regione autonoma della Sardegna, al Comune di Alghero e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale (S.T.I.R. Sassari) informazioni in merito, “con particolare riferimento all’applicazione della Direttiva 92/43/CEE ‘Habitat’”;

* con note prot. n. 19611 del 17 maggio 2016 e n. 40686 del 20 ottobre 2016 il Servizio Tutela del Paesaggio di Sassari della Regione autonoma della Sardegna ha comunicato di aver chiesto ai competenti Servizi del Comune di Alghero informazioni in merito alle eventuali autorizzazioni paesaggistiche rilasciate in sede sub-delegata (definite “necessarie”), in quanto non risultano atti presso i propri archivi;

* con nota prot. n. 10188 del 24 maggio 2016 il Servizio Valutazioni Ambientali (S.V.A.) della Regione autonoma della Sardegna ha comunicato che “non sono presenti agli atti dello scrivente Ufficio procedimenti di valutazione ex art. 5 DPR 357/07 e s.m.i. in merito ad alcun intervento simile nella località di Capo Caccia, Alghero”;

* il Comune di Alghero (Servizio pianificazione ed edilizia privata), recentemente sollecitato (15 ottobre 2016), ha comunicato (nota prot. n. 40686 del 22 novembre 2016) “che agli atti dell’Ufficio non risultano istanze volte al rilascio di titoli abilitativi e di autorizzazione paesaggistica” e che, quindi, “per quanto di competenza, si provvederà all’avvio delle attività connesse alle funzioni di vigilanza sull’attività urbanistico – edilizia”.

 

Gabbiano reale mediterraneo (Larus michahellis)

(foto C.B., S.D., archivio GrIG)

 

Annunci
  1. Mario Bordicchia
    dicembre 5, 2017 alle 10:28 am

    si può riciclare il ferro!

  2. dicembre 5, 2017 alle 3:03 pm

    da Alguer.it, 4 dicembre 2017
    le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Mountain Wilderness Italia hanno recentemente sollecitato (24 novembre 2017) le amministrazioni pubbliche competenti ad adottare i provvedimenti di legge.
    «Via Ferrata del Cabirol priva di autorizzazioni» : http://notizie.alguer.it/n?id=128833

    ____________________

    da Cagliaripad, 4 dicembre 2017
    Capo Caccia, Grig: “Che cosa si vuol fare di una via ferrata priva di ogni autorizzazione?”: http://www.cagliaripad.it/274235/capo-caccia-grig-cosa-si-vuol-via-ferrata-priva-autorizzazione

    ______________________

    da Sassari News, 4 dicembre 2017
    le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Mountain Wilderness Italia hanno recentemente sollecitato (24 novembre 2017) le amministrazioni pubbliche competenti ad adottare i provvedimenti di legge.
    «Via Ferrata del Cabirol priva di autorizzazioni» http://notizie.sassarinews.it/n?id=128833

    ___________________

    da Cagliari Oggi, 4 dicembre 2017
    le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Mountain Wilderness Italia hanno recentemente sollecitato (24 novembre 2017) le amministrazioni pubbliche competenti ad adottare i provvedimenti di legge.
    «Via Ferrata del Cabirol priva di autorizzazioni»: http://notizie.cagliarioggi.it/n?id=128833

    ____________________

    da Porto Torres 24, 4 dicembre 2017
    le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Mountain Wilderness Italia hanno recentemente sollecitato (24 novembre 2017) le amministrazioni pubbliche competenti ad adottare i provvedimenti di legge.
    «Via Ferrata del Cabirol priva di autorizzazioni»: http://notizie.portotorres24.it/n?id=128833

    ______________________

    da Olbia 24, 4 dicembre 2017
    le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Mountain Wilderness Italia hanno recentemente sollecitato (24 novembre 2017) le amministrazioni pubbliche competenti ad adottare i provvedimenti di legge.
    «Via Ferrata del Cabirol priva di autorizzazioni»: http://notizie.olbia24.it/n?id=128833

    ____________________

    da Gogna Blog, 8 dicembre 2017
    Che fare di una via ferrata senza autorizzazioni?: http://gognablog.com/via-ferrata-senza-autorizzazioni/

  3. Luciano Di Gino
    dicembre 6, 2017 alle 10:38 am

    Ma il Club Alpino Italiano ha niente da dire su queste vicende?

  4. tophet
    dicembre 7, 2017 alle 3:58 pm

    Occorre difendere anche da queste “performance” le Wilderness della Sardegna. Anche le vie di arrampicata devono prima acquisire tutte le necessarie autorizzazioni. In parete possono fare molti danni, possono anche mettere a rischio la nidificazione di tanti rari rapaci. Occorre pensare seriamente a regolare l’impatto anche di queste attività!

  5. dicembre 13, 2017 alle 2:58 pm

    il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare – Direzione generale Protezione della Natura e del Mare ha chiesto (nota prot. n. 26797 del 12 dicembre 2017) al Servizio valutazioni ambientali della Regione autonoma della Sardegna, al Comune di Alghero e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale di provvedere “alla tutela degli aspetti ambientali tutelati dai siti Natura 2000 ivi presenti”.

  6. dicembre 15, 2017 alle 10:07 pm

    i’Agenzia del Distretto Idrografico della Sardegna ha comunicato (nota prot. n. 10102 del 15 dicembre 2017) che la “Ferrata del Cabirol insiste su un’area caratterizzata nella cartografia vigente del Piano di assetto idrogeologico (PAI) da una pericolosità di frana molto elevata da frana di livello Hg4 … Allo stato attuale, non risulta … alcuna istanza di presentazione di uno studio di compatibilità geologica e geotecnica dell’intervento … ai sensi dell’art. 23 delle Norme Tecniche di Attuazione del PAI”. La competenza è dei Comuni (legge regionale n. 33/2014).

    Il Servizio valutazioni ambientali (S.V.A.) della Regione autonoma della Sardegna ha confermato (nota prot. n. 26516 del 14 dicembre 2017) l’assenza di qualsiasi procedura di valutazione di incidenza ambientale (V.Inc.A.).

  1. dicembre 8, 2017 alle 5:28 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: