Home > "altri" animali, acqua, aree urbane, biodiversità, difesa del territorio, inquinamento, salute pubblica, società, sostenibilità ambientale, zone umide > Ennesima morìa di pesci nel Canale di Terramaini, nell’area vasta di Cagliari.

Ennesima morìa di pesci nel Canale di Terramaini, nell’area vasta di Cagliari.


pesce morto

pesce morto

L’1 novembre 2016 ancora una morìa di pesci nel Canale di Terramaini, che attraversa l’area vasta di Cagliari, da Monserrato al capoluogo isolano, fino al mare.

Sono ormai decine i casi analoghi negli ultimi anni. 

In precedenza, i Comuni di Cagliari e di Monserrato, la A.S.L. n. 8 e la Soc. Abbanoa s.p.a. (gestore del servizio idrico integrato) avevano ipotizzato un afflusso di sostanze organiche in conseguenza di forti piogge, l’abbassamento della quantità di ossigeno nelle acque, ma anche la presenza di scarichi non autorizzati.

Ora siamo in autunno, le temperature non sono elevate e non ci sono state piogge sostenute nei giorni precedenti alla morìa.   Difficile pensare a una nuova anossìa.

Sarebbe ora di avere finalmente efficienti controlli ambientali su autospurghi e altri sversamenti illeciti.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Cagliari, Canali di Terramaini e di Mezzo, morìa di pesci (11 aprile 2014)

Cagliari, Canali di Terramaini e di Mezzo, morìa di pesci (11 aprile 2014)

da L’Unione Sarda, 2 novembre 2016
Terramaini, strage di pesci nel canale. “E’ colpa degli scarichi abusivi”. MOLENTARGIUS. Deliperi: «La causa va ricercata negli scarichi abusivi» (Andrea Artizzu)

Escludendo il caldo e le piogge non rimangono che due alternative. Scarichi abusivi o un autospurgo che ha scaricato nel canale di Terramaini il suo carico inquinante. Per Stefano Deliperi, presidente del Gruppo d’intervento giuridico, non ci sarebbero dubbi sul motivo che ha causato l’ennesima moria di pesci a Mammarranca . «Il problema è sempre il solito: o carenza di ossigeno o materiale in sospensione», tradotto acqua sporca e puzzolente.
Per il rappresentante dell’associazione ambientalista, la temperatura mite di ieri registrata dal termometro a provocare la morte dei muggini e dei tanti pesci (tra cui qualche carpa) morti per asfissia. L’ennesima strage su cui non sarà fatta chiarezza ma che sarà, probabilmente, congelata come «asfissia anossica», vale a dire cefali morti per mancanza di ossigeno nell’acqua.
Una soluzione di comodo. «La temperatura ieri non era così elevata», spiega Deliperi. «Neanche le piogge che contribuiscono al deposito di detriti sul fondo posso essere imputati dell’ennesimo disastro». Qual è allora la spiegazione? «Acque torbide e rifiuti. In sostanza è probabile che scarichi non ancora individuati, e quindi completamente abusivi, scarichino nel canale i reflui. «È da tempo che proponiamo di effettuare una volta per tutte i controlli lungo il canale. Senza contare l’enorme esborso per raccogliere le carcasse dei pesci, smaltirle e ripulire l’acqua. Purtroppo – conclude Deliperi – questa è solo l’ultima di una lunga serie di denunce, che sono rimaste desolatamente inascoltate».

 

Cagliari, Canale di Terramaini, morìa di pesci (25 luglio 2012)

Cagliari, Canale di Terramaini, morìa di pesci (25 luglio 2012)

(foto S.D, archivio GrIG)

Annunci
  1. novembre 14, 2016 alle 2:48 pm

    dal sito web istituzionale del Parco naturale regionale “Molentargius-Saline”
    Morie Ittiche – Novembre 2016 (http://www.parcomolentargius.it/articolo.php?art=1484)

    In relazione alla morie ittica verificatesi nei giorni scorsi nel canale del Terramaini l ‘Ente Parco ritiene opportuno informare:

    Le acque dolci degli stagni compresi nel territorio del Parco,il Bellarosa minore e il Perdalonga, vengono scaricate, in caso di livelli troppo elevati, nel Canale del Terramani ma in questo periodo non si ha deflusso dalle vasche Nord del Bellarosa minore (stramazzo visibile dal tratto terminale di via Mercalli) nel canale.

    Inoltre sono effettuate regolarmente campagne di indagine sulle caratteristiche chimico fisiche microbiologiche nelle vasche del Perdalonga e del Bellarosa minore, con frequenza stagionale e nelle acque in ingresso ed uscita all’impianto di fitodepurazione del Parco con cadenza mensile. Le analisi non rilevano particolari criticità per la fauna ittica e a sostegno di ciò non si sono verificate recentemente morie ittiche all’interno degli Stagni.

    Le cause delle morie ittiche si possono ricercare in più fattori, fra cui ma non solo, la carenza di ossigeno causata dalle alte temperature dell’acqua o la presenza di elevate concentrazioni di inquinanti, rilevabili con opportune indagini condotte dagli Enti competenti.

    Dott.ssa Laura Durante
    Servizio Ambiente

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: