Chiuse temporaneamente sei cave con estrazioni di marmo abusive sulle Alpi Apuane.


Alpi Apuane

Sei cave che han visto estrazioni di marmo abusive superiori a mille metri cubi sono state temporaneamente chiuse nel territorio comunale di Carrara.

L’ha reso noto lo stesso Comune di Carrara, rispondendo (nota prot. n. 98344 del 28 dicembre 2018) all’istanza di accesso civico, informazione ambientale e adozione degli opportuni provvedimenti (12 novembre 2018) inoltrata dall’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus riguardo le attività che i Comuni devono porre in essere in riferimento alle estrazioni abusive di marmo superiori a 1.000 metri cubi rispetto a quanto autorizzato nei rispettivi siti estrattivi ai sensi dell’art. 58 bis della legge regionale Toscana n. 35/2015 e s.m.i., recentemente introdotto[1].

Alpi Apuane, cave del Sagro

Si tratta delle seguenti cave:

* cava n. 21 – “Lorano II”, ordinanza di sospensione lavori n. 986/18 del 27 novembre 2018;

* cava n. 22 – “Lorano I”, ordinanza di sospensione lavori n. 883/18 del 9 novembre 2018;

* cava n. 64 – “La Madonna”, ordinanza di sospensione lavori n. 989/18 del 27 novembre 2018;

* cava n. 95 – “Canalgrande B”, ordinanza di sospensione lavori n. 985/18 del 27 novembre 2018;

* cava n. 150 – “Fossaficola A”, ordinanza di sospensione lavori n. 988/18 del 27 novembre 2018;

* cava n. 175 – “La Piana A”, ordinanza di sospensione lavori n. 987/18 del 27 novembre 2018.

Alpi Apuane, Massa, panoramica fra Padulello e Focolaccia

Si tratta di cave dove è stata dichiarata e/o accertata “una difformità volumetrica superiore ai 1000 metri cubi rispetto al progetto di coltivazione autorizzato, ma comunque all’interno dell’area in disponibilità a destinazione estrattiva” e conseguentemente è stata ordinata “la cessazione immediata dell’attività nell’area oggetto della difformità e la presentazione di una perizia giurata attestante la ricorrenza del presupposto” della realizzazione dei lavori abusivi “sino alla data dell’entrata in vigore della legge regionale 2 ottobre, 2018, n. 54”, nonché sia stata ordinata la “presentazione e realizzazione di un progetto di messa in sicurezza e risistemazione ambientale dell’area che tenga conto degli impatti complessivi derivanti dalle lavorazioni difformi” e l’irrogazione delle sanzioni amministrative (art. 52, comma 4°, della legge regionale Toscana n. 35/2015 e s.m.i.).

La disposizione recentemente entrata in vigore prevede, di fatto, una possibilità di sanatoria condizionata per le estrazioni abusive di marmo mediante una perizia giurata e un “progetto di messa in sicurezza e risistemazione ambientale dell’area che tenga conto degli impatti complessivi derivanti dalle lavorazioni difformi”, ma, nei casi più gravi, sanzioni fino alla decadenza dalla concessione estrattiva oltre che agli aspetti penalmente rilevanti.

Certamente situazioni come queste possono creare allarme sociale per il sensibile numero di lavoratori coinvolti, ma non si può certamente tralasciare che si tratta di attività estrattive abusive, con tutte le intuitive conseguenze ambientali, di dissesto idrogeologico e, non ultime, della legalità violata.

Con l’istanza del novembre 2018, l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha coinvolto i Ministeri dell’ambiente e per i beni e attività culturali, la Regione Toscana, la Soprintendenza per archeologia, belle arti e paesaggio di Lucca, il parco naturale regionale delle Alpi Apuane, i Carabinieri Forestale, i Comuni di Massa, Carrara, Minucciano, Careggine, Molazzana, Fabbriche di Vergemoli, Gallicano, Pescaglia, Vagli Sotto, Stazzema, Seravezza e, per opportuna conoscenza, le Procure della Repubblica presso i Tribunali di Massa e di Lucca.

La Regione Toscana ha chiesto il nullaosta della magistratura per il rilascio delle informazioni ambientali richieste, in quanto interessano svariati procedimenti penali in corso.

Alpi Apuane, Fivizzano, Cava Vittoria, scarico detriti (15 luglio 2016)

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ormai da anni conduce una vera e propria campagna permanente per il ripristino della legalità e la tutela dell’ambiente unico e irripetibile delle Alpi Apuane e c’è davvero bisogno del sostegno di tutti i cittadini sensibili.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus


[1]Art. 58 bis

Disposizioni transitorie per il sanzionamento di difformità volumetriche sino all’approvazione dei piani attuativi dei bacini estrattivi delle Alpi Apuane

1.Fino all’approvazione dei piani attuativi previsti dall’articolo 113 della l.r. 65/2014 e comunque non oltre la data del 5 giugno 2019, qualora il titolare di un’autorizzazione in corso di validità abbia realizzato una difformità volumetrica superiore ai 1000 metri cubi rispetto al progetto di coltivazione autorizzato, ma comunque all’interno dell’area in disponibilità a destinazione estrattiva, il comune ordina la cessazione immediata dell’attività nell’area oggetto della difformità e la presentazione di una perizia giurata attestante la ricorrenza del presupposto di cui al comma 4 del presente articolo. L’ordinanza dispone altresì la presentazione e realizzazione di un progetto di messa in sicurezza e risistemazione ambientale dell’area che tenga conto degli impatti complessivi derivanti dalle lavorazioni difformi, nonché l’applicazione delle sanzioni amministrative previste dall’articolo 52, comma 4.

2.L’autorizzazione in essere è sospesa sino all’approvazione del progetto di cui al comma 1 ed al completamento delle opere di messa in sicurezza dell’area in conformità al medesimo progetto. Il comune, in deroga a quanto disposto dall’articolo 19, comma 3, approva il progetto entro sessanta giorni dalla sua presentazione, fermi restando i termini previsti per il rilascio di autorizzazioni o atti di assenso comunque denominati previsti dalla normativa statale di riferimento.

3.Nel caso in cui il titolare non ottemperi agli obblighi stabiliti con l’ordinanza di cui al comma 1 nei termini assegnati, e non realizzi le opere di risistemazione ambientale entro centottanta giorni dall’approvazione del relativo progetto, nonché nel caso in cui, a seguito di nuovo accertamento, venga rilevata una ulteriore difformità, il comune dispone la decadenza dell’autorizzazione ai sensi dell’articolo 21, comma 3, e, qualora si tratti di beni appartenenti al patrimonio indisponibile comunale, la conseguente decadenza della concessione ai sensi dell’articolo 37, comma 1, lettera f).

4.La presente disposizione si applica esclusivamente alle difformità eseguite sino alla data dell’entrata in vigore della legge regionale 2 ottobre, 2018, n. 54 (Modifiche alla legge regionale 25 marzo 2015, n. 35 (Disposizioni in materia di cave. Modifiche alla l.r. 104/1995, l.r. 65/1997, l.r. 78/1998, l.r.10/2010 e l.r. 65/2014).

5.Nelle aree di cui al comma 1, ottemperati gli obblighi stabiliti con l’ordinanza di cui al medesimo comma 1 nei termini assegnati e realizzate le opere di risistemazione ambientale entro centottanta giorni dall’approvazione del progetto, può essere autorizzato un nuovo progetto di coltivazione ai sensi dell’articolo 17, nei limiti e alle condizioni previsti nel piano di indirizzo territoriale con valenza di piano paesaggistico, approvato con deliberazione del Consiglio regionale 27 marzo 2015, n. 37 (Atto di integrazione del piano di indirizzo territoriale “PIT” con valenza di piano paesaggistico. Approvazione ai sensi dell’articolo 19 della legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 “Norme per il governo del territorio”).

6.I comuni provvedono, ove necessario, entro e non oltre trenta giorni dalla data di entrata in vigore della l.r. 54/2018, all’adeguamento delle autorizzazioni rilasciate, in conformità al progetto di coltivazione autorizzato.

Alpi Apuane, marmettola cementata in un corso d’acqua

(foto A.G., E.P., archivio GrIG)

Annunci
  1. gennaio 2, 2019 alle 6:01 pm

    da La Voce Apuana, 2 gennaio 2019
    Cave chiuse e operai a rischio, il Grig: «Non si possono ignorare legalità e ambiente».
    Intanto giovedì 3 gennaio la Cooperativa di Lorano tornerà al lavoro dopo circa 40 giorni di stop: http://www.voceapuana.com/carrara/attualita/cave-chiuse-e-operai-a-rischio-il-grig-non-si-possono-ignorare-legalita-e-ambiente-15265.aspx

    __________________

    da La gazzetta di Massa e Carrara, 2 gennaio 2019
    GrIG: “Chiuse temporaneamente sei cave con estrazioni di marmo abusive sulle Alpi Apuane”: https://www.lagazzettadimassaecarrara.it/cronaca/2019/01/grig-chiuse-temporaneamente-sei-cave-con-estrazioni-di-marmo-abusive-sulle-alpi-apuane/

  2. gennaio 5, 2019 alle 12:57 pm

    da Il Tirreno, 5 gennaio 2019
    Cave “sospese”, arrivati quattro progetti ma è già partito anche il primo ricorso.
    Dopo la coop Lorano (che ha ricominciato a lavorare) si sono mosse altre tre aziende, Canalgrande per vie legali. (Alessandra Vivoli): http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2019/01/04/news/cave-sospese-arrivati-quattro-progetti-ma-e-gia-partito-anche-il-primo-ricorso-1.17620484?ref=hftimcer-1

  3. aprile 13, 2019 alle 5:41 pm

    da La Nazione, 13 aprile 2019
    “Sul marmo partita tutt’altro che chiusa”.
    Il presidente della cooperativa Gioia commenta la decisione del Tar: https://www.lanazione.it/massa-carrara/cronaca/sul-marmo-partita-tutt-altro-che-chiusa-1.4540067

    ——————

    11 aprile 2019
    Il Tar dà ragione alla Regione: il parere era giusto.
    La sentenza non ammette varianti postume al progetto di coltivazione: https://www.lanazione.it/massa-carrara/cronaca/il-tar-d%C3%A0-ragione-alla-regione-il-parere-era-giusto-1.4537105

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: