Home > acqua, biodiversità, difesa del territorio, giustizia, inquinamento, paesaggio, parchi naturali, pianificazione, salute pubblica, società, sostenibilità ambientale, zone umide > Ricorso popolare ed ecologista contro il raddoppio di un impianto per lo smaltimento di rifiuti industriali.

Ricorso popolare ed ecologista contro il raddoppio di un impianto per lo smaltimento di rifiuti industriali.


fumi industriali

 

 

Diversi cittadini residenti ad Assemini (CA) e l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus hanno effettuato un ricorso al T.A.R. Sardegna, patrocinati dall’avv. Giovanni Ledda del Foro di Cagliari, avverso il provvedimento conclusivo della procedura di valutazione d’impatto ambientale (V.I.A., deliberazione Giunta regionale n. 40/15 del 7 agosto 2015) e l’autorizzazione integrata ambientale (A.I.A., determinazione della Provincia di Cagliari – Settore Ambiente n. 94 del 25 novembre 2015) con cui è stato autorizzato il raddoppio degli impianti di stoccaggio, trattamento e incenerimento di rifiuti pericolosi e non pericolosi di origine industriale della Ecotec s.r.l., nella zona industriale di Macchiareddu (Assemini).

Come indicato nel provvedimento regionale impugnato, “la proposta progettuale, del costo di euro 2.600.000, è relativa all’installazione di nuove sezioni impiantistiche, tali da consentire il trattamento di ulteriori tipologie di rifiuti, all’aumento della potenzialità annua di ulteriori 100.000 m3 e all’aumento della capacità di stoccaggio.  In proposito, il progetto beneficia di un finanziamento di euro 628.827,50 … (Decreto di Concessione Provvisoria prot. 9290 rep. 1123 del 13.11.2012)”.

Diversi i punti contestati sotto il profilo della legittimità delle autorizzazioni.

Fenicottero rosa (Phoenicopter roseus)

Fenicottero rosa (Phoenicopter roseus)

Infatti, il sito rientra nel sito di interesse nazionale (S.I.N.) per le bonifiche ambientali del Sulcis-Iglesiente-Guspinese (D.M. n. 468/2001), dove non è possibile ubicare nuovi impianti di trattamento e gestione dei rifiuti in sito per giunta ancora da bonificare (art. 242 del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.) ai sensi del piano regionale di gestione dei rifiuti speciali (deliberazione Giunta regionale n. 50/17 del 21 dicembre 2012) e del piano regionale di gestione dei rifiuti urbani (deliberazione Giunta regionale n. 73/7 del 20 dicembre 2008).    Inoltre, a differenza di quanto osservato dal Servizio regionale Tutela paesaggistica di Cagliari nel corso della procedura di V.I.A., la distanza dell’impianto dallo Stagno di S. Gilla, ampiamente tutelato sul piano ambientale, secondo specifica perizia è di soli mt. 210, quindi sarebbe necessario il conseguimento dell’autorizzazione paesaggistica (art. 146 del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), rientrando nella fascia dei mt. 300 dalla zona umida, attualmente nemmeno richiesta.

Soprattutto non c’è alcuna necessità di nuovi impianti simili, perché non c’è in Sardegna una gran quantità di rifiuti industriali da trattare, a differenza di quanto richiesto dal piano regionale per la gestione dei rifiuti speciali e come hanno inutilmente osservato durante la procedura di V.I.A. sia il Cacip che la Tecnocasic s.p.a., la quale a breve distanza gestisce la piattaforma integrata ambientale che tratta analoghi rifiuti e funziona a ritmo ridotto proprio per la scarsità di “materia prima”.

Arriveranno allora rifiuti industriali da fuori Sardegna?

L’ipotesi non sembra così campata per aria.

Di non secondario rilievo anche la carenza di pubblicità delle fasi della procedura di V.I.A. nei confronti dei cittadini residenti ad Assemini, tanto da far andare deserta (8 settembre 2014) la presentazione al pubblico del progetto e dello studio di impatto ambientale.

I cittadini ricorrenti e l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus hanno chiesto ai Giudici amministrativi sardi l’annullamento delle autorizzazioni al potenziamento degli impianti.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus) e Cormorani (Phalacrocorax carbo)

Fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus) e Cormorani (Phalacrocorax carbo)

(foto da mailing list ambientalista, S.D., archivio GrIG)

 

 

Annunci
  1. max
    gennaio 30, 2016 alle 6:44 am

    la raccolta differenziata funziona e funziona se la cittadinanza la rende attuabile collaborando. ‘e inutile lagnarsi x l’inquinamento da termovalorizzatori se poi si e’ pigri nel separare carta da plastica da vetro da organico e da secco che e’ l’unico che va bruciato. siamo un popolo di immaturi.

  2. gennaio 30, 2016 alle 7:46 pm

    da Sardinia Post, 29 gennaio 2016
    Grig, ricorso contro nuovo impianto per rifiuti pericolosi a Macchiareddu: http://www.sardiniapost.it/in-evidenza-4/grig-ricorso-impianto-rifiuti-pericolosi-macchiareddu/

    ______________________________________________________________

    da CagliariPad, 29 gennaio 2016
    Assemini, allarme ecologisti: “Inceneritore per rifiuti da fuori Sardegna”.
    Nel mirino l’autorizzazione integrata ambientale con cui è stato autorizzato il raddoppio degli impianti di stoccaggio, trattamento e incenerimento di rifiuti pericolosi e non pericolosi di origine industriale della Ecotec, nella zona industriale di Macchiareddu: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=25832

    ______________________________________________________________

    da Casteddu online, 29 gennaio 2016
    Discarica di Macchiareddu, ricorso al Tar: “Qui i rifiuti non sardi”.
    Clamoroso ricorso al Tar degli ambientalisti e di decine di cittadini di Assemini contro la nuova discarica di Macchiareddu: “Abbiamo il forte sospetto che vogliano portare qui, a poca distanza dalle nostre case, i rifiuti di mezza Italia”: http://www.castedduonline.it/area-vasta/hinterland/31887/discarica-di-macchiareddu-ricorso-al-tar-qui-i-rifiuti-non-sardi.html

  3. febbraio 15, 2016 alle 2:48 pm

    qui l’inceneritore Tecnocasic s.p.a.

    da L’Unione Sarda, 15 febbraio 2016
    Inquinamento al Tecnocasic, altolà della Provincia: “Rispettate le regole o chiudete”: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/02/15/inquinamento_al_tecnocasic_altol_della_provincia_rispettate_le_re-68-468744.html

  4. Carlo Forte
    febbraio 15, 2016 alle 4:39 pm

    Per me si caccano addosso.

  5. gennaio 24, 2017 alle 3:03 pm

    il T.A.R. Sardegna, con sentenza Sez. I, 23 gennaio 2017, n. 40, non ha accolto il ricorso, purtroppo: https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?ddocname=ZB6UXDHUNY6OTFI7WI2KF6MINE&q=

    L’inceneritore raddoppia. 😦

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: