Home > acqua, aree urbane, biodiversità, difesa del territorio, giustizia, inquinamento, paesaggio, rifiuti, salute pubblica, società, sostenibilità ambientale > Il traffico illecito di rifiuti industriali può integrare diverse fattispecie di reati.

Il traffico illecito di rifiuti industriali può integrare diverse fattispecie di reati.


I Giudici penali cagliaritani stanno esaminando in questi anni, nei vari gradi di giudizio, un ingente traffico illecito di rifiuti industriali provenienti dai poli di Portovesme e di San Gavino Monreale.

Si tratta di indagini condotte dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari e dai Carabinieri del N.O.E. confluite nel procedimento penale n. 5890/2007 G.I.P. (R.N.R. 2923/2007) e concernenti circa 15 mila tonnellate di rifiuti con elevati tenòri di zinco, nichel, piombo, cadmio, rame, solfati, floruri prodotti dalle lavorazioni degli impianti della Portovesme s.r.l. smaltiti illecitamente in cave del Cagliaritano e, addirittura, nella realizzazione di riempimenti stradali piazzali degli ospedali cittadini. 

La scelta di alcuni indagati in favore del rito abbreviato ha condotto alle condanne statuite con sentenza Tribunale di Cagliari n. 328 del 28 febbraio 2012, sostanzialmente confermata da sentenza Corte d’Appello di Cagliari, Sez. II, 1 marzo 2013, n. 322.       La Corte Suprema di cassazione, con sentenza Sez. III, 8 ottobre 2014, n. 2738 ha dichiarato estinto per prescrizione un reato, rinviando ad altra Sezione della Corte d’Appello cagliaritana quanto ad altre ipotesi di reato e alla quantificazione della pena.    Il 30 aprile 2015 si aprirà, quindi, l’udienza presso la Sez. I della Corte d’Appello del distretto sardo.

Portoscuso, zona industriale di Portovesme

Portoscuso, zona industriale di Portovesme

I restanti indagati hanno optato per il rito ordinario.

Il Tribunale di Cagliari, in composizione monocratica, ha emesso la sentenza n. 1 del 26 febbraio 2015 (udienza 7 gennaio 2015) con la quale sono stati condannati tre fra imprenditori e analisti (assolti invece tre camionisti) per aver realizzato sistematiche e continuative attività di gestione, trasporto e cessione rifiuti non autorizzate (art. 260 del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.), due discariche abusive di rifiuti industriali misti pericolosi (art. 256, comma 3°, del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.), numerosi trasporti di rifiuti misti pericolosi non autorizzati (art. 256, comma 1°, lettera b, del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.) e molteplici conferimenti non autorizzati di rifiuti misti pericolosi con false dichiarazioni su natura, composizione fisico-chimica e destinazione (art. 258, comma 4°, del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.).

Portoscuso, polo industriale di Portovesme

Portoscuso, polo industriale di Portovesme

I requisiti per l’integrazione delle fattispecie penali contestati sono stati ritenuti sussistenti, in particolare è stata evidenziata, oltre alla “quantità ingente dei rifiuti coinvolti” e “il carattere abusivo della gestione, sia sotto il profilo formale, che sotto quello sostanziale”,  la chiara “esistenza di una complessa organizzazione, stabilmente preordinata al compimento delle … attività, consistente nel coordinamento di almeno tre società (la Portovesme, quale produttrice dei rifiuti, la GAP SERVICE, quale gestrice dello stallo, ove i medesimi venivano provvisoriamente depositati, nonché quale intermediaria tra la Portovesme e la Tecnoscavi, e, quast’ultima, quale trasportatrice e destinataria dei rifiuti stessi); nell’approntamento di mezzi (autocarri, macchine per l’effettuazione del carico, disponibilità di immobili ove stoccare il materiale) e nell’impiego di personale dipendente delle società stesse, per l’esecuzione delle operazioni a cui ciascuna era adibita”.

Un traffico illecito di rifiuti pericolosi particolarmente lucroso in danno dell’ambiente e della salute pubblica ora venuto meno, fortunatamente.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

anatre_in_voloqui la sentenza Tribunale Cagliari, 26 febbraio 2015, n. 1

 

 

 

(foto S.D., archivio GrIG)

  1. Alessandra
    marzo 18, 2015 alle 5:23 PM

    Molto bene, ma ora che fine fanno questi rifiuti? Questi delinquenti pagheranno per l’eventuale smaltimento? Perchè in Italia non si riesce a far maturare la consapevolezza che l’ambiente è la nostra casa comune?

  2. Maggio 22, 2015 alle 6:03 PM

    A.N.S.A., 22 maggio 2015
    Traffico illecito rifiuti, 506 indagati.
    Sulcis, Gdf sequestra beni per 2 mlm. 2.500 tonnellate trattate. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2015/05/22/traffico-illecito-rifiuti-506-indagati_13a2323b-8c95-4b61-bf89-a874cf6dfbfe.html)

    CAGLIARI,22 MAG- Due milioni di euro in beni, crediti aziendali e conti correnti sequestrati e 506 le persone denunciate. È il bilancio della maxi operazione condotta dalla Guardia di finanza di Cagliari che ha scoperto un traffico illecito di rifiuti metallici e ferrosi (2.500 tonnellate).
    Sotto i riflettori dei militari del Gico è finita la “Autodemolizioni.com Limited” un’azienda con base operativa nel Sulcis Iglesiente ma iscritta nel registro delle aziende di Londra, che opera nel settore autodemolizioni.

  3. giugno 18, 2015 alle 7:36 PM

    da L’Unione Sarda, 18 giugno 2015
    Elmas, lavori nella pista dell’aeroporto. Due condanne per traffico di rifiuti: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2015/06/18/rifiuti_sotto_la_pista_dell_aeroporto_elmas_condannati_due_impren-68-423169.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: