La speculazione energetica divora i terreni agricoli sardi.


funghi nel sottobosco

funghi nel sottobosco

anche su Il Manifesto Sardo (“La speculazione energetica divora l’agricoltura sarda”), n. 186, 16 febbraio 2015

 

Questi che seguono sono i “numeri” dell’energia in Sardegna, come emergono dai dati Terna s.p.a. (31 dicembre 2012) e dal P.E.A.R.S. (il piano energetico) adottato con deliberazione Giunta regionale n. 4/3 del 5 febbraio 2014:

* 18 impianti idroelettrici (potenza efficiente lorda MW 466,7; producibilità media annua GWh 699)

* 44 impianti termoelettrici (potenza efficiente lorda MW 2.822,5)

* 47 impianti eolici (potenza efficiente lorda MW 988,6)

* 22.287 impianti fotovoltaici (potenza efficiente lorda MW 558,2)

* energia richiesta in Sardegna: GWh 10.998,8; energia prodotta in più rispetto alla richiesta: GWh 2.348 (+ 21,3%)

* produzione energia: GWh 14.535; produzione netta per il consumo: GWh 13.346,8

* energia esportata verso la Penisola: GWh 1.632,5; energia esportata verso l’Estero (Corsica): Gwh 715,6; Terna s.p.a. stima un’esportazione complessiva di energia pari GWh 4.000 per l’anno 2013; perdita complessiva della rete: MWh 600

* fonte di  produzione: 78% termoelettrica, 11% eolica, 5% bioenergie, 5% fotovoltaico, 1% idroelettrico.

Bombo (gen. Bombus) su un fiore

Bombo (gen. Bombus) su un fiore

Come si vede, la Sardegna, ormai da anni, produce molta più energia di quanto necessita per il proprio fabbisogno (+ 21,3%) e ne esporta verso la Penisola e verso la Corsica.

Domanda banalissima: a chi e a che cosa servono allora i tanti progetti di centrali per la produzione energetica da fonte rinnovabile (termodinamica, biomassa, eolica, ecc.) che vengono quasi quotidianamente presentati nell’Isola, spesso e volentieri nelle aree agricole?

Risposta di mero buon senso: gli impianti in progetto appaiono avere quasi sempre finalità puramente speculative: certificati verdi e benefici vari derivanti dalla produzione energetica da fonti rinnovabili.

California, deserto del Mojave, centrale solare termodinamica

California, deserto del Mojave, centrale solare termodinamica

Sembra proprio il caso anche di uno dei progetti recentemente presentati, il progetto ibrido di centrale solare termodinamica + centrale a biomassa (potenza complessiva lorda 10,8 MW elettrici) della società bolzanina San Quirico Solar Power s.r.l., nella località agricola di San Quirico, verso le pendici del Monte Arci, in Comune di Oristano, interessante circa 55 ettari.

Per tali motivi l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (9 febbraio 2015) uno specifico atto di intervento con “osservazioni” nel procedimento di valutazione di impatto ambientale (V.I.A.), diffondendo gratuitamente in contemporanea un fac simile di analogo atto per chiunque volesse intervenire nel procedimento come singolo cittadino.

Sono stati interessati il Servizio sostenibilità ambientale (S.A.V.I.) della Regione autonoma della Sardegna (titolare del procedimento), la Commissione europea, il Ministero dell’ambiente, il Comune di Oristano.

Il progetto ha caratteristiche propriamente industriali, ha natura ibrida, comprendendo una centrale solare termodinamica (superficie 48 ettari, specchi solari parabolici con diametro mt. 7,5 e altezza mt. 1,7 dal suolo) + una centrale a biomassa (potenza 4 MW elettrici) + opere connesse (linea ad alta tensione 150 kv lunga km. 7, stazione, ecc.) interessante complessivamente circa 55 ettari con potenza complessiva lorda 10,8 MW elettrici.

campo di grano

campo di grano

L’area individuata è parzialmente tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) perché attraversata da corsi d’acqua (Rio Merd’e Cani, Canale Adduttore Tirso-Arborea, Canale di Bonifica Spinarba), è classificata in “zona agricola E” (E2, E3, E5) e (piccola parte) in “zona di rispetto H” (HAR 2) del vigente P.U.C. di Oristano.     Si ricorda, in proposito, che nelle zone agricole “E” degli strumenti urbanistici comunali, possono essere autorizzati soltanto interventi relativi ad attività agricole e/o strettamente connesse, in particolar modo in Sardegna (art. 13 bis della legge regionale n. 4/2009 e s.m.i. e art. 3 del D.P.G.R.  3 agosto 1994 , n. 228, direttive per le zone agricole).

Pesanti gli impatti sull’ambiente e il contesto socio-economico locale.

La zona ha vocazione strettamente agricola e l’impianto complesso in progetto è di sicura natura industriale, come tale dovrebbe trovare collocazione in aree industriali a tali fini già infrastrutturate.  La prevista centrale a biomassa prevede poi l’utilizzo giornaliero di ben 70-75 tonnellate di biomassa legnosa per sette mesi (210 giorni), cioè ben 14.700-15.750 tonnellate annue di biomassa legnosa all’anno: da dove arriveranno?      I quantitativi idrici necessari al funzionamento dell’impianto complesso sono stimati in 117.000 metri cubi di acqua/anno, sarebbero prelevati da due pozzi da realizzare nel sito e sarebbero sottratti alle attività agricole esistenti nell’area interessata dal progetto;

campo di grano

campo di grano

Come ben noto alla stessa Società industriale, il progetto interferisce con uno degli habitat delle residue popolazioni di Gallina prataiola, rispetto alla quale, nell’ambito del Piano d’azione per la salvaguardia e il monitoraggio della Gallina prataiola e del suo habitat in Sardegna (Assessorato della Difesa dell’Ambiente – RAS, 2011), sono state evidenziate due aree riproduttive. In una di queste, ubicata a sud rispetto al sito d’intervento progettuale e distante dallo stesso circa 1,2 km, è stata accertata la presenza di un maschio territoriale, mentre nell’altra, ubicata ancora più a sud a circa 5,2 km, sono stati censiti 15 maschi territoriali. Una parte dell’area interessata dall’intervento progettuale proposto comporta la sottrazione di potenziale habitat di alimentazione pari ad una superficie di circa 30 ettari, mentre non vi è nessuna interazione negativa con le aree riproduttive segnalate” (Sintesi non tecnica, pag. 73).

Cavallo e Gallina prataiola

Cavallo e Gallina prataiola

La Gallina prataiola (Tetrax tetrax) è in grave pericolo di estinzione e come tale è inserita nell’allegato I della direttiva n. 2009/147/CE sulla tutela dell’avifauna selvatica.

Inoltre, un evidente saldo negativo potenziale emerge dallo studio di impatto ambientale (S.I.A.) dove vengono ipotizzati 90 posti di lavoro in fase di realizzazione e 20 posti di lavoro in fase di gestione,  ma sarebbero a rischio 28 posti di lavoro già esistenti (13 Agriturismo e Fattoria didattica Archelao, 5 agrimacelleria Accareddu,  8 Aziende agricole cugini Tolu, 2 vigneto biologico locale). Una vera e propria beffa in proposito.

Spiace che sia il Comune di Oristano abbia dato la disponibilità politica in cambio di 50 mila euro all’anno.

Vogliamo cambiare registro una volta per tutte?

Stefano Deliperi, Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Papaveri (foto di Cristiana Verrazza)

Papaveri (foto di Cristiana Verrazza)

(foto Il Menhir, da mailing list ambientalista, Cristiana Verazza, C.B., S.D., archivio GrIG)

  1. Fabrizio De Andrè
    febbraio 18, 2015 alle 1:53 pm

    Ennesima rapina ai danni della sardegna e dei sardi perpetrata dallo Stato per mantenere gruppi di potere,politici e multinazionali

  2. brado
    febbraio 18, 2015 alle 7:46 pm

    E con la scusa ci possono passare tanti altri terreni non solo “agricoli”

  3. Mauro
    febbraio 28, 2015 alle 7:32 pm

    Vorrei sapere se si è mai affrontato il discorso di una bella class action contro gli speculatori e contro gli amministratori che non sanno resistere al depauperamento delle risorse naturali a vantaggio di pochi.

  4. Pietro
    marzo 1, 2015 alle 10:43 am

    Un’idea niente male,Mauro

  5. brado
    marzo 1, 2015 alle 9:50 pm

    Ottima idea ma occorre prenderli.

  6. giugno 3, 2015 alle 2:50 pm

    da L’Unione Sarda, 3 giugno 2015
    Isili: falso e truffa col fotovoltaico. Processo per 5 persone: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2015/06/03/isili_falso_e_truffa_col_fotovoltaico_processo_per_5_persone-68-421349.html

  7. ottobre 3, 2017 alle 2:50 pm

    A.N.S.A., 3 ottobre 2017
    Corruzione, cinque arresti in Sardegna.
    Tangente per appalto da 9,5 mln, coinvolto ex portiere Copparoni. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2017/10/03/corruzione-cinque-arresti-in-sardegna_36871f50-5fb1-44bf-994e-61e3797c9a2a.html)

    CAGLIARI, 3 OTT – Avrebbero pagato una tangente da circa 90 mila euro per vincere un appalto da 9,5 milioni di euro per la progettazione e l’esecuzione di un impianto di produzione di energia rinnovabile solare in un’area industriale in provincia di Nuoro, ma sono stati scoperti dagli uomini delle Fiamme gialle del nucleo di polizia tributaria di Cagliari che questa mattina hanno arrestato cinque persone per corruzione. Ai domiciliari sono finiti Davide Galantuomo, 56 anni, ex presidente dell’Ente acque Sardegna che avrebbe intascato una parte della tangente (ed ex sindaco di Quartu Sant’Elena); Gianni Lolli, 64 anni di Modena, dirigente del consorzio che si aggiudicò l’appalto; Luigi Betti di Forlì; Salvatore Paolo Pinna, 54 anni, già finito nella maxi inchiesta sugli appalti truccati della Procura di Oristano e l’ex calciatore Renato Copparoni, 64 anni, che è stato il portiere di Cagliari, Torino e Verona.

    __________________

    da L’Unione Sarda, 3 ottobre 2017
    Corruzione per un appalto. Arresti “eccellenti” in Sardegna: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2017/10/03/corruzione_blitz_della_finanza_arresti_nel_cagliaritano_e_nel_nuo-68-651199.html

    ————

    “Sono tagli da 500 euro?”. Gli indagati intercettati: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2017/10/03/sono_tagli_da_500_euro_le_intercettazioni_degli_inquirenti-68-651352.html

    ________________

    da La Nuova Sardegna, 3 ottobre 2017
    Corruzione, arrestati l’ex sindaco di Quartu e l’ex portiere Copparoni.
    L’operazione della Guardia di Finanza a Cagliari, Nuoro, Modena e Forlì. Ai domiciliari Davide Galantuomo e l’ex campione di Cagliari, Torino e Verona. (Luciano Onnis): http://www.lanuovasardegna.it/cagliari/cronaca/2017/10/03/news/corruzione-cinque-arresti-tra-la-sardegna-e-l-emilia-romagna-1.15936335

    _________________

    da Sardinia Post, 3 ottobre 2017
    Corruzione, blitz Finanza: 5 arresti: anche Davide Galantuomo – ex Enas – e l’ex calciatore Copparoni: http://www.sardiniapost.it/cronaca/corruzione-blitz-finanza-5-arresti-anche-davide-galantuomo-ex-enas-e-lex-calciatore-copparoni/

    ————

    Corruzione a Ottana, il Gip: “Sviamento pubblici poteri e finalità privata del profitto”: http://www.sardiniapost.it/cronaca/corruzione-ottana-gip-sviamento-pubblici-poteri-finalita-privata-del-profitto/

    Le intercettazioni/1. Galantuomo: “Per quella cosa tutto bene, da copione?”: http://www.sardiniapost.it/cronaca/le-intercettazioni1-galantuomo-quella-cosa-bene-copione/

    Le intercettazioni/2. La spartizione: “Allora gli dici: 40 a lui e 40 a me”: http://www.sardiniapost.it/cronaca/le-intercettazioni2-la-spartizione-allora-gli-dici-quaranta-quaranta/

    Le intercettazioni/3. “Qui salta tutto”. Poi si trova l’accordo: “Soldi arrivati”: http://www.sardiniapost.it/cronaca/le-intercettazioni3-salta-si-trova-laccordo-soldi-arrivati/

    Le intercettazioni/4. La spartizione della tangente, Galantuomo e l’Enas: http://www.sardiniapost.it/cronaca/le-intercettazioni4-la-spartizione-della-tangente-gli-amici-galantuomo-allenas/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi a Gruppo d'Intervento Giuridico Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: