Report, RAI 3, domenica 17 aprile 2016. I fossilizzati.


Portoscuso, centrale eolica

Portoscuso, centrale eolica

Ovviamente anche la Sardegna fa la sua parte.

Buona visione.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Portoscuso, zona industriale di Portovesme, impianti Alcoa

Portoscuso, zona industriale di Portovesme, impianti Alcoa

 

Report, RAI 3, domenica 17 aprile 2016, ore 21.45

I Fossilizzati (di Roberto Pozzan)

Nell’Italia in cui il crollo del prezzo del petrolio non crea la sperata ripresa dell’economia, le combustioni del riscaldamento domestico salgono sul podio dei peggiori inquinatori, la regione più votata alle rinnovabili approva un piano energetico a metano e carbone, si fa strada per fortuna la realtà del risparmio, attraverso l’efficientamento del patrimonio edilizio. Intanto, in attesa di soluzioni la popolazione deve fare i conti con i blocchi del traffico determinati dalle pericolosissime polveri sottili.

 

anatre_in_volo qui la puntata di Report di domenica 17 aprile 2016

 

 

(foto S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Terrae
    aprile 18, 2016 alle 12:16 am

    Visto. E comunque a urne aperte non era reportage da trasmettere oggi.

    Figuraccia Sardegna, figuraccia assessore ambiente. Se chi ha promosso il referendum sulle trivelle è la stessa persona, c’è poco da stare allegri.

    Mi sembra che la Gabanelli abbia bacchettato anche l’ambientalismo isolano.

    • aprile 18, 2016 alle 6:43 am

      la Gabanelli ha fatto uno spot per i progetti di centrali solari termodinamiche a concentrazione della galassia Angelantoni “dimenticandosi” del pesante impatto ambientale su aree agricole produttive. Vada a dirlo ai Cualbu che i loro terreni sono improduttivi. É troppo comodo pensare alla Sardegna come piattaforma di produzione energetica al servizio del mondo per diminuire l’inquinamento da polveri sottili della “sua” Bologna. Le ” lungaggini burocratiche” di cui si parla nel servizio sono in realtà i procedimenti di valutazione di impatto ambientale. Beata la Gabanelli, che può cucire e tagliare interviste a piacimento…

      Stefano Deliperi

      • Terrae
        aprile 18, 2016 alle 10:57 am

        “Beata la Gabanelli, che può cucire e tagliare interviste a piacimento…”.

        Ma perché, l’intervento di Stefano Deliperi è stato “tagliato e cucito a piacimento”?

      • Fabbrizio De Andrè
        aprile 18, 2016 alle 12:54 pm

        Tute le interviste sono ritagliate a piacimento,il sistema è questo e di noi se ne fottono.

    • lucam
      aprile 18, 2016 alle 11:39 am

      Neanche Mastrota avrebbe potuto fare di meglio per Angelantoni.

  2. Giusi
    aprile 18, 2016 alle 8:39 am

    Maria Grazia Piras è assessore dell’indistria e non dell’ambiente. Sono d’accordo sulla figuraccia.

    • Terrae
      aprile 18, 2016 alle 9:28 am

      Si, certo, dell’indUstria. Mi scuso con l’assessore Spano.
      Grazie per la precisazione Giusi.

  3. lucam
    aprile 18, 2016 alle 11:19 am

    Nelle 350 pagine di piano energetico si parla quasi esclusivamente di smart-grid, efficienza energetica, mobilità elettrica ed autoconsumo. Mi chiedo se qualcuno della redazione di Report lo abbia letto.

  4. aprile 18, 2016 alle 9:32 pm

    è pervenuto il seguente commento di Juri che pubblichiamo volentieri.

    ——————————

    Questa volta Report non ha fatto buona informazione. Anzi ha fatto disinformazione, dimenticando di riferire piccoli particolari quali:

    -il consumo di suolo, per il solare termodinamico, ha dimensioni enormi, 150-200 ettari a installazione (200-250 campi di calcio) sottratti all’uso agricolo. Report è stata sempre in prima linea nel denunciare la gravità e dimensione di tale depauperamento e quindi lascia veramente allibiti la presa di posizione di ieri in cui tale nefasta conseguenza viene derubricata a fastidioso effetto collaterale e nulla più;

    -la presenza in Sardegna di grandissime aree ex-industriali che si presterebbero perfettamente alle installazioni termodinamiche. La questione è stata liquidata con un “gli imprenditori dicono che le bonifiche costano troppo”. Era un punto fondamentale che perciò andava approfondito. E farlo sarebbe stato molto semplice.

    -il consumo idrico del termodinamico solare è pari a diverse centinaia di migliaia di metri cubi l’anno.

    -soprattutto, Report ha dimenticato di dire che lo scopo degli impianti sardi sarebbe quello di realizzare prototipi dimostrativi per poter entrare nel ricco mercato degli Emirati Arabi. Sarebbe bastata questa informazione per far cadere come un castello di carte tutta la retorica dell’imprenditore illuminato respinto dall’inetta e autolesionistica Sardegna che si sottrarrebbe alle magnifiche sorti e progressive delle centrali solari termodinamiche.

    L’argomento è stato trattato con molta più correttezza da TG2 dossier (da 12′:40”)

    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-b4586c09-4e58-4776-ad64-963624d0a0dc-tg2.html

  5. Luca Carta Escana
    aprile 20, 2016 alle 10:33 pm

    E, quando c’è modo di dilungarsi, sentite un po’ come si intendano il già ministro Alfonso Pecoraro Scanio e l’attuale membro del governo italiano Benedetto Della Vedova: http://www.radioradicale.it/scheda/472179/verso-il-referendum-del-17-aprile-dibattito-con-alfonso-pecoraro-scanio-e-benedetto (da 29:25 a 36:25).

  6. Arpia
    aprile 21, 2016 alle 12:15 pm

    A me hanno colpito le pale eoliche che appaiono in Gallura, roba scaricata e vecchia, monnezza, per dirla alla napoletana. Chi si vende per due soldi! Non mi va’ che la terra sarda e i panorami vengano continuamente venduti o svenduti nel nome di due soldi e di chi con ignoranza svende alla mafia se stessi e beni come il panorama che sono un bene di tutti. La Gallura ha la ricchezza nelle proprie bellezze naturali, vado a fare una passeggiate negli stazzi galluresi per respirare e ossigenare il mio cervello non per avere un ictus vedendo quelle c…. di pale eoliche, ma cosa cavolo avete in testa? Partecipare nel distrugger l’ambiente e’ un delitto contro l’umanita’, chi fa queste cose merita di essere punito. Non voglio mai piu’ sentire scuse. I miei occhi sono stufi di vedere violenze ambientali, dal cemento alle pale. I sardi che svendono i panorama e beni comuni sono responsabili come chi li corrompe non voglio piu’ sentire scuse di nessun tipo, stanno distruggendo tutto, corrotti e corrompibili devono essere puniti in modo uguale, basta scuse, basta. Questa prostituzione ambientale deve finire, mi esce il fumo delle orecchie.

  7. maggio 8, 2016 alle 7:39 pm

    da Sardegna Soprattutto, 18 aprile 2016
    Land grabbing, Gabanelli, Piano Energetico Regionale della Sardegna e altro ancora! (Sergio Vacca): http://www.sardegnasoprattutto.com/archives/9998

    _________________________

    da Sardegna Blogger, 20 aprile 2016
    Il personaggio del giorno: Milena Gabanelli. (Fiorenzo Caterini): http://www.sardegnablogger.it/personaggio-del-giorno-milena-gabanelli/

    ____________________________

    da Italia Nostra Sardegna blog, 21 aprile 2016
    La disinformazione di Report: uno spot al servizio della speculazione delle rinnovabili: http://italianostrasardegna.blogspot.it/2016/04/la-disinformazione-di-report.html?spref=fb

  1. agosto 28, 2016 alle 11:56 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: