Home > "altri" animali, acqua, biodiversità, difesa del territorio, dissesto idrogeologico, giustizia, grandi opere, paesaggio, pianificazione, società, sostenibilità ambientale, zone umide > Ecco il vero “colpevole” della tragica alluvione del Ciclone Cleopatra: il Pollo sultano!

Ecco il vero “colpevole” della tragica alluvione del Ciclone Cleopatra: il Pollo sultano!


Pollo sultano (Porphyrio porphyrio)

Pollo sultano (Porphyrio porphyrio)

Qualcuno avverta i Procuratori della Repubblica di Tempio Pausania e di Nuoro: alt, sospendere le indagini sulle responsabilità dei tragici fatti che hanno determinato lutti e danni con l’alluvione del Ciclone Cleopatra!

Il sindaco di Orosei Franco Mula, consigliere regionale dei Riformatori e uno dei padri del nuovo editto delle chiudende ai danni dei demani civici, ha scoperto il colpevole: è il Pollo sultano, che sia maledetto!

Non è colpa del Consorzio di bonifica della Sardegna centrale, ente attuatore, già autorizzato sotto il profilo ambientale dal 2009, è colpa del pollaccio se non sono stati effettuati gli interventi di messa in sicurezza del letto del Fiume Cedrino…..

Il sindaco di Orosei ha perso un’altra occasione per tacere.

Nessuno, poi, è riuscito e riesce a proteggerci da certi amministratori pubblici….

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

 

 

da L’Unione Sarda, 29 novembre 2013

Pollo sultano e oasi protette «Il fiume è una foresta».

Il pollo sultano che abita sulla foce del Cedrino, ad esempio, sarà stato pure protetto e tutelato, ma dopo l’ondata di piena anche il re pennuto della foce del Cedrino è stato spazzato via con tutto il resto. «Si è sacrificata la sicurezza del territorio per salvaguardare l’oasi naturalistica – ha spiegato il sindaco di Orosei Franco Mula -. Ci sono 8 milioni di euro in mano al Consorzio di Bonifica, ma questo non riesce ad appaltare i lavori. Chiedo che tutto passi al Comune». La fauna da proteggere ha bloccato gli interventi di pulizia dell’alveo del fiume anche a Dorgali. «Una cosa inaudita – ha detto ieri Angelo Carta -. Che senso ha parlare di patto di stabilità e grandi opere se non si fanno le cose elementari? I fiumi sono foreste. Vanno puliti, ma non ce li fanno toccare perché ci sono le specie da proteggere».

(foto R.M.N., archivio GrIG)

  1. Giovanni
    novembre 29, 2013 alle 8:25 am

    madonna mia che razza di idiota. non ho parole

  2. Terrestrep
    novembre 29, 2013 alle 8:35 am

    Aspettiamo che il fiumi si porti via anche certe affermazioni e con loro chi le fa.

  3. Mara
    novembre 29, 2013 alle 9:06 am

    Ma poveretto… lui ha ragione, se i lavori passano al Comune potrà gustarsi anche un regale arrosto di pollo.

  4. arpia
    novembre 29, 2013 alle 3:27 PM

    Speriamo che non si finisca a tarallucci e vino. Comme d’abitude!!!

  5. Juri
    novembre 29, 2013 alle 10:00 PM

    Se la Sardegna è ridotta come è ridotta un motivo ci sarà. Leggendo queste dichiarazioni lo si identifica subito con certezza.

  6. Alessio Rivola
    novembre 29, 2013 alle 10:50 PM

    Vorrei dire tanto ma è meglio che taccia, altrimenti mi arrestano!!!!
    Ma non cercano volontari per sminare l’Afghanistan?
    Io uno lo proporrei!!!

    Saluti amari e … in bocca agli “amministratori” (degli interessi proprii!!!)

  7. novembre 30, 2013 alle 8:14 am

    da Greenreport, 29 novembre 2013
    Trovato il colpevole dell’alluvione in Sardegna: è il pollo sultano…: http://www.greenreport.it/news/acqua/trovato-colpevole-alluvione-sardegna/#sthash.pyciWR4B.dpuf

  8. novembre 30, 2013 alle 1:52 PM

    A giugno di quest’anno ho inviato questo commento ad un professionista edile ed amministratore di Immobili di un Paese della Sardegna del Nord. Era in discussione se conveviva seguire il riferimento, la strada sella Legalità o scorciatoie di convenienza. Di seguito una parte del dialogo.

    Non so quanto Lei abbia passione sportiva, senz’altro conoscenza, si. Un campo di Calcio, un Campo di Tennis, sono delimitati da linee senza le quali non può esserci partita, competizione provata.
    La Civiltà raggiunta dall’Umanità, anche se limitata, è stata possibile solamente per merito delle Regole che l’uomo è riuscito a darsi. Al di fuori delle Regole consolidate nei secoli è il Caos e la miseria. Era quello che ribadiva una delle mie maestre elementari quando spiegava il passaggio dall’Impero Romano al Medio Evo. Quell’insegnante aveva l’ossessione della prova del Nove nelle operazioni di aritmetica, non guardava il risultato dell’operazione ma se quel risultato era stato confermato dalla prova del 9.

    La prova del 9 , cioè i fatti dovuti alle conseguenze dell’uragano e le testimonianze, confermano la mia teterminazione nel ammettere sempre che i risultati positivi sono la conferma dei percorsi attenti alle linee della legalità e del buonsenso. Il codice civile afferma : del buon padre di famiglia. O si riprende la regola della legge in tutte le situazioni o è il caos e la miseria. Il professionista non mi ha inviato nessuna risposta

    Azzoni

  9. dicembre 1, 2013 alle 12:31 PM

    e il Pollo sultano non c’entra nulla…

    da La Nuova Sardegna, 1 sicembre 2013
    Cedrino, Mula scrive al prefetto
    Il sindaco di Orosei chiede una conferenza di servizi per la messa in sicurezza. (Angelo Fontanesi)

    OROSEI. Chiede l’interessamento personale del nuovo prefetto di Nuoro, Giovanni Meloni, il sindaco di Orosei, Franco Mula, per arrivare quanto prima alla messa in opera di alcuni interventi ormai improcrastinabili, per la messa in sicurezza del tratto finale del Cedrino. Il primo cittadino oroseino ha infatti invitato il prefetto a «farsi promotore di una conferenza di servizi tra gli enti competenti in materia volta ad accelerare le procedure di approvazione dei progetti in oggetto». E sono quindici in totale, tra enti, uffici, istituzioni, autorità e consorzi, i soggetti che a vario titolo debbono esprimersi sull’iter autorizzativo di una serie di interventi già finanziati da anni con fondi regionali per un totale di circa 8 milioni di euro e in avanzato stato di studio e progettazione da parte del Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale destinatario dei fondi. Opere che nel loro complesso dovrebbero sanare le maggiori criticità idrauliche che presenta la parte finale del Cedrino dal ponte di Onifai sino alla foce della Marina di Orosei che a casa di diverse occlusioni risulta incapace a contenere e quindi smaltire senza rischi la mole d’acqua portata delle piene del Cedrino e del Sologo. Due corsi d’acqua a regime torrenziale che in casi di alluvione esondano dagli argini naturali creando gravissimi danni alle campagne ma mettendo seriamente a rischio anche i centri abitati di Galtellì, Irgoli, Onifai e Orosei. Quattro, le maggiori fonti di rischio denunciate da anni: il vecchio ponte di Onifai, l’enorme massa di detriti e inerti che ostruisce l’alveo e il letto del fiume tra i ponti di Onifai e Orosei, il parziale cedimento strutturale dell’argine destro del fiume a ridosso del centro abitato di Orosei e infine la regolamentazione delle piene alla foce della Marina.

  10. gennaio 24, 2014 alle 2:52 PM

    con questa gente non c’è speranza.

    da Il Corriere della Sera, 24 gennaio 2014
    EMILIA. «L’alluvione a Modena? Colpa delle nutrie». Roditori sotto accusa per il Secchia straripato. L’interpellanza di Giovanardi (Ncd): «Argini rotti per via delle tane». La replica: «Mancanza di controlli sul fiume»: http://www.corriere.it/cronache/14_gennaio_22/alluvione-modena-colpa-nutrie-roditori-sotto-accusa-il-secchia-straripato-23bd7008-8375-11e3-9ab1-851e2181383b.shtml

  11. gennaio 3, 2017 alle 6:53 PM

    A.N.S.A., 3 gennaio 2017
    Alluvione Sardegna: 38 a processo. Alla sbarra il 5 aprile per omicidio e disastro colposo: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2017/01/03/alluvione-sardegna-38-a-processo_bcb5b6a9-c8a3-45b4-b8c1-2175b9dd2b63.html

  12. aprile 5, 2017 alle 7:18 PM

    fra gli indagati non c’è il Pollo sultano…

    A.N.S.A., 4 aprile 2017
    Alluvione: Nuoro, processo a 68 imputati. Aperto processo a Nuoro ma subito rinviato per vizi notifiche. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2017/04/05/alluvione-nuoro-processo-a-68-imputati_6707e2f4-d2e0-4e60-9611-5cf46a3492a2.html)

    Si è aperto a Nuoro, ma è stato subito rinviato al 5 luglio per problemi di notifiche ad alcuni imputati, il maxi processo per la morte dell’agente di Polizia Luca Tanzi e della pensionata Maria Frigiolini, entrambi uccisi dal passaggio devastante in Sardegna del ciclone Cleopatra nel novembre 2013. Tanzi venne inghiottito con l’auto nel crollo del ponte di Oloè, sulla provinciale Oliena-Dorgali, l’anziana invece rimase intrappolata in casa dall’esondazione della diga di Maccheronis.

    Sessantotto gli imputati alla sbarra fra amministratori locali, tecnici e dirigenti della Provincia di Nuoro, dell’Ente Foreste e del Corpo Forestale: 30 dovranno rispondere della morte dell’agente e 38 di quella dell’anziana. Alcuni degli imputati sono comuni ai due tronconi di inchiesta. Si tratta di Roberto Deriu, ex presidente della Provincia, Carlo Masnata, ex direttore generale del Corpo Forestale, Gavino Diana, all’epoca comandante provinciale del Corpo Forestale, Sugli ex assessori provinciali Franco Corosu e Paolo Porcu, il responsabile della Protezione civile Paolo Marras. Sotto processo anche i dirigenti provinciali Antonio Gaddeo, Mario Viola, Giovanni Deiana, Giovanni Pirisi, Maria Lucia Fraghì e Sebastiano Bussalai.

    In aula questa mattina erano presenti solo alcuni tecnici ma nessun amministratore pubblico nè dirigenti di enti. Assenti anche i familiari delle vittime. Davanti al collegio dei giudici, presieduto da Giorgio Cannas (a latere Tommaso Bellei e Maria Usai), alcuni dei difensori hanno sollevato il problema logistico del processo: troppo piccola l’aula del tribunale per contenere tutti. “In questa condizione non è possibile che gli avvocati svolgano la loro funzione, perché non ci sono posti a sedere – hanno sottolineato Pietro Pittalis e Francesco Lai – Va trovata subito una soluzione logistica adeguata che ci consenta di svolgere il nostro compito nel migliore dei modi”. Su questo il tribunale si è riservato di decidere.

  13. giugno 13, 2018 alle 9:56 PM

    da La Nuova Sardegna, 12 giugno 2018
    Alluvione, via al processo per sessantuno imputati.
    Il dibattimento per il crollo a Oloè, la diga e il ponte su rio Sologo. E il viadotto sulla sp 46 nel frattempo non è stato ancora messo in sicurezza. (Valeria Gianoglio): http://www.lanuovasardegna.it/nuoro/cronaca/2018/06/12/news/alluvione-via-al-processo-per-sessantuno-imputati-1.16957764

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: