Home > alberi, biodiversità, coste, difesa del territorio, grandi opere, mare, paesaggio, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > A Torregrande (Oristano) devono crescere Pini, non mattoni!

A Torregrande (Oristano) devono crescere Pini, non mattoni!


Oristano, pineta litoranea di Torregrande

Ancora insistono.

Noi pure.

A Oristano il 19 febbraio 2020 si svolge l’inchiesta pubblica nell’ambito del procedimento di valutazione di impatto ambientale (V.I.A.) relativo al progetto immobiliare Ivi Petrolifera s.p.a. previsto sul litorale di Torregrande, a Oristano (un complesso ricettivo da 350 posti letto complessivi, 27 villette, un campo da golf a 18 buche, servizi turisticiopere di urbanizzazioneclub houseservizi commerciali) nella Pineta litoranea di Torregrande, in gran parte di proprietà pubblica.

Fra dicembre 2019 e gennaio 2020 la Società petrolifera-immobiliare ha presentato integrazioni alla documentazione, ma la sostanza non cambia.

Oristano, Torregrande, progetto Ivi Petrolifera s.p.a., planimetria generale

Anzi, emerge che la bonifica ambientale di parte dell’area (utilizzata per decenni per attività industriale relativa a prodotti petroliferi) non è ancora conclusa, pur essendo doverosa, mentre vien chiesta l’autorizzazione ad avviare i lavori…

Il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e ben 488 Oristanesi hanno già depositato i loro atti di intervento con “osservazioni” nell’ambito del procedimento di valutazione di impatto ambientale (V.I.A.) e ora segue un nuovo atto ecologista per ribadire l’inattuabilità giuridica del progetto immobiliare.

Un progetto privo di legittimità che andrebbe a degradare ambiente e pineta costiera, zona costiera di conservazione integrale e in radicale contrasto con l’art. 10 bis della legge regionale n. 45/1989 e s.m.i. e con l’art. 20 delle norme tecniche di attuazione del piano paesaggistico regionale.

Oristano, Torregrande, planimetria delle proprietà delle aree del proposto intervento immobiliare: in GIALLO i confini delle aree pubbliche, in NERO quelle di proprietà privata

Infatti: “Sono dichiarati … sottoposti a vincolo di integrale conservazione dei singoli caratteri naturalistici, storico-morfologici e dei rispettivi insiemi … i terreni costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea della battigia, anche se elevati sul mare, con esclusione di quelli ricadenti nelle zone omogenee A, B, e D, nonché nelle zone C e G contermini agli abitati … “ (art. 10 bis, comma 1°, lettera a, della legge regionale n. 45/1989, come integrato dall’art. 2, comma 1°, lettera a, della legge regionale n. 23/1993).

Inoltre, “Nella fascia costiera … si osserva la seguente disciplina … Non è ammessa comunque la realizzazione di … strutture ricettive connesse a campi da golf” (art. 20, comma 1°, lettera b, delle norme tecniche di attuazione del P.P.R.).

Tali aspetti sono già stati evidenziati dal Servizio regionale Tutela paesaggistica per le Province di Oristano e del Medio Campidano (nota prot. n. 32806 del 23 luglio 2014).

Di che stiamo parlando se non di un tentativo di arroganza immobiliare, fra l’altro su beni ambientali pubblici?

Vi si oppone – con l’ignavia di troppi amministratori pubblici – una grandissima partecipazione popolare promossa dal Comitato per la Tutela e lo Sviluppo di Torregrande e dal Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, che ha visto anche una partecipata assemblea pubblica a Oristano

A Torregrande devono continuare a crescere i Pini, non i mattoni.

Gruppo d’intervento Giuridico onlus

P.S. cemento e mattoni sulle coste è lo scenario che piace tanto all’Amministrazione regionale Solinas, ma puoi far sentire la tua voce firmando e facendo firmare la petizione popolare per la salvaguardia delle coste della Sardegna, qui: http://chng.it/M4Kmxy7LtJ

Oristano, pineta litoranea di Torregrande

(foto G.C.F., S.D., archivio GrIG)

  1. febbraio 18, 2020 alle 3:01 pm

    da Link Oristano, 12 febbraio 2020
    Progetto Ivi a Torre Grande: incontro degli ambientalisti.
    Prima della pubblica assemblea per la presentazione dello studio di impatto ambientale: https://www.linkoristano.it/prima-categoria/2020/02/12/progetto-ivi-torre-grande-incontro-degli-ambientalisti/

  2. febbraio 21, 2020 alle 3:07 pm

    da La Nuova Sardegna, 21 febbraio 2020
    Progetto Ivi nella Pineta, ambientalisti non convinti .
    L’investimento a Torre Grande attende solo il via libera della Regione Le bonifiche e la pulizia dell’area alberata sono stati già avviati. (Valentina Atzeni): https://www.lanuovasardegna.it/oristano/cronaca/2020/02/20/news/progetto-ivi-nella-pineta-ambientalisti-non-convinti-1.38496936

  3. Mara machtub
    febbraio 23, 2020 alle 10:34 pm

    – 40 professionisti impegnati da anni nel progetto
    – 2,7 milioni di euro di investimenti in opere di urbanizzazione secondaria
    Sarà dura, ma la battaglia per conservare la pineta è giusta.

  4. Roberto Ruggiu
    febbraio 28, 2020 alle 9:25 pm

    Chiedo scusa, ma se è in corso la valutazione di impatto ambientale perché stanno già tagliando gli alberi. Ci sono i tagliaboschi che si stanno limitando agli alberi di eucalyptus. Perché ? Anche quelli svolgono una loro funzione importantissima.

  5. luglio 23, 2020 alle 4:56 pm

    da L’Unione Sarda, 23 luglio 2020
    ORISTANO. Progetto Ivi Petrolifera a Torregrande, l’interpellanza in Consiglio regionale.
    E’ prevista la realizzazione di 800 posti letto e un campo da golf a 18 buche. (Elia Sanna): https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/oristano-provincia/2020/07/23/progetto-ivi-petrolifera-nella-pineta-di-torregrande-l-interpella-136-1042470.html

  6. luglio 27, 2020 alle 12:17 pm

    da La Nuova Sardegna, 26 luglio 2020
    La Ivi dimezza: campo da golf a 9 buche. Presentata la nuova versione ridotta del progetto nella pineta di Torregrande. Entro 30 giorni la riunione decisiva. (Enrico Carta): https://www.lanuovasardegna.it/oristano/cronaca/2020/07/25/news/la-ivi-dimezza-campo-da-golf-a-9-buche-1.39125471

    • Mara machtub
      luglio 27, 2020 alle 4:01 pm

      Coraggio, ci siamo quasi. Quando avranno ridotto a 1 buca più 1 fabbricato per alloggiare il custode della buca…. saremo tutti d’accordo.
      Piuttosto il Comune si preoccupi di mantenerla punita, la pineta. Vero che i maleducati sono ancora tanti, ma se li tocchi pesantemente nelle tasche, diminuiscono di sicuro.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: