Home > aree urbane, beni culturali, danno erariale, difesa del territorio, giustizia, grandi opere, paesaggio, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > Sono stati restituiti i soldi alla Regione autonoma della Sardegna?

Sono stati restituiti i soldi alla Regione autonoma della Sardegna?


Cagliari, Tuvixeddu, area archeologica

Ormai è passato quasi un anno dalla sentenza Corte App. civile Roma, Sez. II, 9 aprile 2018, n. 2245 con cui, su ricorso della Regione autonoma della Sardegna, è stato riformato il lodo espresso dal Collegio arbitrale (il magistrato in pensione Gianni Olla, il docente universitario romano Nicolò Lipari, il presidente emerito della Corte costituzionale Franco Bilé)  con il parere contrario di uno dei componenti (il magistrato Olla) favorevole alle pretese della Nuova Iniziative Coimpresa del Gruppo Cualbu sull’annosa vicenda di Tuvixeddu (Cagliari), la più importante area archeologica sepolcrale punico-romana del Mediterraneo, interessata dal noto progetto immobiliare.

L’indennizzo di 77,8 milioni di euro previsto dal lodo arbitrale, si riduce a soli 1,2 milioni di euro, come ha affermato la Corte d’Appello di Roma.

La decisione regionale di fermare l’edificazione nell’area è stata ritenuta legittima, perché le disposizioni del piano paesaggistico – P.P.R. sono state definitivamente riconosciute legittime anche riguardo Tuvixeddu dai Giudici amministrativi (vds. Cons. Stato, Sez. VI, 3 marzo 2011, n. 1366).

P.P.R., area di Tuvixeddu

Le motivazioni dell’arbitrato poggiavano esclusivamente sull’annullamento del precedente vincolo paesaggistico (vds. Cons. Stato, Sez. VI, 4 agosto 2008, n. 3895).

Il Gruppo Cualbu è tenuto a restituire quanto percepito in eccesso, più di 85 milioni di euro, visto che il lodo era stato dichiarato esecutivo e l’indennizzo era stato versato integralmente, interessi compresi.

Cagliari, Tuvixeddu, tomba punica con disco rosso

Domanda non banale: i soldi sono stati restituiti alla Regione?

Dal canto suo, la Regione li ha richiesti?

Per chi si fosse distratto, si tratta di soldi pubblici.

E potrebbero esser utilizzati per finalità pubbliche, come la costituzione di un grande parco archeologico-ambientale a beneficio della collettività.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Cagliari, Tuvixeddu, area archeologica (tombe puniche). Sullo sfondo le “torri” del complesso Immobiliareuropea s.p.a.

(foto S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. Diego Figueras di Villarios
    febbraio 17, 2019 alle 12:54 pm

    Anche in questo clima di disfacimento morale e politico sarebbe gravissimo constatare che la restituzione del maltolto non è avvenuta per “incuria” dell’ente pubblico.

  2. febbraio 18, 2019 alle 3:07 pm

    da Cagliaipad, 18 febbraio 2019
    Il Grig: “Sono stati restituiti i soldi alla Regione autonoma della Sardegna?”: https://www.cagliaripad.it/369407/il-grig-sono-stati-restituiti-i-soldi-alla-regione-autonoma-della-sardegna

    ______________________

    da Cagliari online, 18 febbraio 2019
    Vicenda Tuvixeddu, il Grig: “Sono stati restituiti i soldi alla Regione Sardegna?”.
    “Il Gruppo Cualbu è tenuto a restituire quanto percepito in eccesso, più di 85 milioni di euro, visto che il lodo era stato dichiarato esecutivo e l’indennizzo era stato versato integralmente, interessi compresi”: http://www.castedduonline.it/vicenda-tuvixeddu-il-grig-sono-stati-restituiti-i-soldi-alla-regione-sardegna/

    _____________________

    da Salviamo il Paesaggio, 19 febbraio 2019
    Tuvixeddu: sono stati restituiti i soldi alla Regione autonoma della Sardegna? http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2019/02/tuvixeddu-sono-stati-restituiti-i-soldi-alla-regione-autonoma-della-sardegna/

    _____________________

    da L’Unione Sarda, 19 febbraio 2019
    La necropoli. Il Gruppo di intervento giuridico ripercorre la vicenda del piano immobiliare. “Tuvixeddu, Cualbu ha restituito i soldi dovuti alla Regione?”

    “Il Gruppo Cualbu deve restituire 85 milioni di euro. I soldi sono stati ridati alla Regione? E, dal canto suo, la Regione li ha richiesti? Per chi si fosse distratto, si tratta di soldi pubblici”.
    Così, in una nota, il Gruppo di intervento giuridico, associazione ambientalista guidata da Stefano Deliperi, ricorda la vicenda Tuvixeddu.
    “Ormai è passato quasi un anno dalla sentenza della Corte d’appello civile di Roma (9 aprile 2018, n. 2245) con cui, su ricorso della Regione autonoma della Sardegna, è stato riformato il lodo espresso dal Collegio arbitrale (composto dal magistrato in pensione Gianni Olla, dal docente universitario Nicolò Lipari, dal presidente emerito della Corte costituzionale Franco Bilè) con i parere contrario di Olla, favorevole alle pretese della Nuova Iniziative Coimpresa del Gruppo Cualbu sull’annosa vicenda Tuvixeddu”. Inizia così il comunicato del Gruppo di intervento giuridico, relativo alla storia della più importante area archeologica sepolcrale punico-romana del Mediterraneo, interessata dal noto progetto immobiliare.
    “L’indennizzo di 77,8 milioni di euro previsto dal lodo arbitrale si riduce a soli 1,2 milioni di euro, come ha affermato la Corte d’Appello di Roma. La decisione regionale di fermare l’edificazione nell’area è stata ritenuta legittima, perchè le disposizioni del piano paesaggistico sono state definitivamente riconosciute legittime anche riguardo Tuvixeddu dai giudici amministrativi. Le motivazioni dell’arbitrato poggiavano esclusivamente sull’annullamento del precedente vincolo paesaggistico”.
    Insomma, “il Gruppo Cualbu è tenuto a restituire quanto percepito in eccesso, più di 85 milioni di euro, vistoche il lodo è stato dichiarato esecutivo e l’indennizzo era stato versato integralmente, interessi compresi”. Dunque: “i soldi sono stati restituiti? Potrebbero esser utilizzati per finalità pubblich, come la costituzione di un grande parco archeologico-ambientale a beneficio della collettività”.

    _______________________________________________________

    da Il Corriere della Sera, 18 giugno 2018
    MANO LIBERA. La necropoli fenicia a Cagliari tormentata dai palazzinari.
    A Tuvixeddu (Cagliari) i fenici seppellivano i morti. Ora sono arrivati i costruttori edili. (Gian Antonio Stella): https://www.corriere.it/sette/mano-libera/18_giugno_28/necropoli-fenicia-cagliari-tormentata-palazzinari-cba2878c-796a-11e8-80e9-424fd8b8c17b.shtml

  3. marzo 4, 2019 alle 7:12 pm

    A.N.S.A., 4 marzo 2019
    Tuvixeddu: ecologisti all’attacco.
    Grig, Cualbu deve restituire 85mln. Con questi parco decolla: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2019/03/04/tuvixeddu-ecologisti-allattacco_e96a5fb0-44c2-4aae-9653-a51eba838d16.html

    ___________________________

    da Cagliari online, 4 marzo 2019
    Cagliari, cantieri eterni e monumenti umiliati: il grande parco mai nato di Tuvixeddu.
    Senza parcheggio e punto di ristoro e con un varco aperto in una strada senza uscita: l’area verde della necropoli punica stenta a decollare. E, a un anno dalla sentenza che ha detto no al cemento sul colle, giacciono ancora abbandonate preziose testimonianze del passato della città in grado di attrarre visitatori e turisti. (Ennio Neri): http://www.castedduonline.it/cagliari-cantieri-eterni-e-monumenti-umiliati-il-grande-parco-mai-nato-di-tuvixeddu/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: