Stop alla legge regionale liberticida veneta!


Sergio Antonio Berlato è un consigliere regionale veneto, già assessore regionale ed europarlamentare, piuttosto monomaniaco.

Si occupa pressochè esclusivamente di caccia e di tutto quanto possa garantire la possibilità di ammazzare quei pochi esseri viventi che in Veneto riescono a sfuggire a quella giungla di pedemontane, svincoli, capannoni, villette a schiera, diserbanti, città mercato, tangenziali, inquinamenti che ammorbano la un tempo ridente campagna veneta.

In un Paese normale, cioè non in Italia, non lo calcolerebbe nessuno, in Veneto, invece, fa il legislatore.

La sua è un’attività continua – dall’amputazione del parco naturale regionale dei Colli Euganei, ai monolocali per la caccia, al nomadismo venatorio –  che inizia a stufare pure gli alleati della Lega Nord, che pure sono di bocca buona in materia.

Fagiano (Phasianus colchicus, foto Bottazzo)

Fagiano (Phasianus colchicus, foto Bottazzo)

L’ultima perla giuridica frutto dell’on. Berlato e dell’accondiscendenza un po’ succube della maggioranza di centro-destra della Regione Veneto è la legge regionale Veneto n. 1 del 17 gennaio 2017, che dispone sanzioni amministrative da 600 a 3.600 euro nei confronti di “chiunque … ponga in essere atti di ostruzionismo o di disturbo” contro la caccia o la pesca sportiva.

Nelle intenzioni del buon Berlato, così verrebbero sanzionati i partecipanti alle manifestazioni anti-caccia in occasione delle aperture delle stagioni venatorie.

Una norma liberticida, in palese contrasto con il diritto di esprimere la propria opinione e la connessa libertà di manifestazione sanciti dagli artt. 17 e 21 della Costituzione.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha, quindi, provveduto (19 gennaio 2017) a interessare con una motivata istanza il Governo nazionale perché impugni la legge regionale Veneto n. 1/2017 davanti alla Corte costituzionale per lesione dei diritti fondamentali del cittadino e delle competenze statali esclusive (art. 127 Cost.).

Non solo.

Mette gratuitamente a disposizione di associazioni, comitati, cittadini un fac simile di analoga istanza da completare e spedire direttamente al Governo. Per ottenerla basta richiederla all’indirizzo di posta elettronica grigsardegna5@gmail.com.

E’ ora di difendere le libertà fondamentali contro questi beceri tentativi.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Allodola (Alauda arvensis)

Allodola (Alauda arvensis)

(foto S. Bottazzo. M.F., archivio GrIG)

Advertisements
  1. rosella
    gennaio 20, 2017 alle 7:30 pm

    bravi! grazie di esistere!
    rosella

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: