Home > aree urbane, beni culturali, biodiversità, coste, difesa del territorio, dissesto idrogeologico, Italia, paesaggio, pianificazione, sostenibilità ambientale, zone umide > La Giunta Pigliaru dispone l’annullamento della deliberazione della Giunta Cappellacci di approvazione definitiva dello stravolgimento del P.P.R.

La Giunta Pigliaru dispone l’annullamento della deliberazione della Giunta Cappellacci di approvazione definitiva dello stravolgimento del P.P.R.


Villasimius, Cala Giunco

Villasimius, Cala Giunco

Venerdi 28 marzo 2014 la nuova Giunta Pigliaru ha inserito nell’ordine del giorno l’annullamento in via di autotutela della deliberazione n. 6/18 del 14 febbraio 2014 di approvazione definitiva dello stravolgimento del piano paesaggistico regionale da parte dell’Amministrazione Cappellacci.

E l’ha annullata per “palesi illegittimità”.

E’ sicuramente un primo positivo passo, un bel segnale di legalità e di rispetto dell’ambiente.

Tuttavia, è fondamentale che la Giunta Pigliaru provveda all’annullamento anche della deliberazione di Giunta regionale n. 45/2 del 25 ottobre 2013 di prima adozione dello stravolgimento del P.P.R., visto che è comunque parzialmente produttiva di effetti: come si ricorda, contro l’illegittimo stravolgimento del P.P.R., in particolare l’atto di prima adozione, è pendente un ricorso dello Stato davanti alla Corte costituzionale per conflitto di attribuzione (art. 127 cost.) e un ricorso straordinario al Capo dello Stato del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, patrocinato dall’avv. Carlo Augusto Melis Costa.

Bosa, costa di Torre Argentina

Bosa, costa di Torre Argentina

Le associazioni ecologiste Amici della Terra, Lega per l’Abolizione della Caccia, Gruppo d’Intervento Giuridico onlus hanno formalmente richiesto (15 marzo 2014) al Presidente Francesco Pigliaru e agli Assessori dell’urbanistica Cristiano Erriu e della difesa dell’ambiente Donatella Spano l‘adozione di urgenti provvedimenti di revoca/annullamento di ambedue le deliberazioni.

Auspichiamo e sosteniamo una decisa, efficace e completa azione da parte della Giunta Pigliaru per la salvaguarda dell’ambiente, la legalità, la buona pianificazione paesaggistica.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, Amici della Terra, Lega per l’Abolizione della Caccia

 

 

anatre_in_voloqui la deliberazione Giunta regionale n. 10/20 del 28 marzo 2014, “Deliberazione n. 6/18 del 14.02.2014 “L.R. 23 otto Deliberazione n. 6/18 del 14.02.2014 “L.R. 23 ottobre 2009, n. 4, art. 11. Piano re 2009, n. 4, art. 11. Piano Paesaggistico Regionale della Sardegna, primo ambito omogeneo costiero, preliminarmente approvato con deliberazione della Giunta n. 45/2 del 25.10.2013. Aggiornamento e revisione. Esame delle osservazioni e approvazione definitiva. Annullamento”.

 

 

Fluminimaggiore, area mineraria di Baueddu, forni

Fluminimaggiore, area mineraria di Baueddu, forni

 

dal sito web istituzionale della Regione autonoma della Sardegna
Prime delibere operative adottate questa mattina dalla nuova Giunta.
Il Presidente della Regione Pigliaru ha illustrato nel corso di una conferenza stampa le ragioni che hanno portato la Giunta regionale, nella seduta di questa mattina, a “congelare e sterilizzare” la delibera 6/18 adottata dal precedente esecutivo lo scorso 14 febbraio.
CAGLIARI, 28 MARZO 2014 – “La delibera che abbiamo annullato oggi era la prima azione urgente da fare, e si trattava di una delibera palesemente illegittima”. Con queste parole il Presidente della Regione Francesco Pigliaru ha illustrato questo pomeriggio nel corso di una conferenza stampa le ragioni che hanno portato la Giunta regionale, nella seduta di questa mattina, a “congelare e sterilizzare” la delibera 6/18 adottata dal precedente esecutivo lo scorso 14 febbraio. Restano in vigore le norme che riguardano la tutela dei i beni identitari, gli alberi monumentali le grotte e le caverne che non sono oggetto di modifica. “Questo annullamento – precisa Pigliaru – rende di fatto inefficaci i provvedimenti adottati preliminarmente dalla delibera 45/2 del 25 ottobre del 2013 e ci dà il tempo di aprire immediatamente il dialogo con tutti i portatori di interesse. E’ essenziale mantenere uguale il livello di tutela del paesaggio, che deve rimanere assolutamente non discutibile, alleggerendo la parte burocratica e superando le incertezze interpretative che, ad oggi, hanno creato non poche difficoltà. Il bene paesaggistico – conclude il presidente Pigliaru – è una base certa di lavoro e di prospettiva di benessere per la nostra regione”. A partire da lunedì 31 marzo inizieranno gli incontri con tutti i soggetti interessati.

Stintino, complesso turistico-edilizio Il Bagaglino

Stintino, complesso turistico-edilizio Il Bagaglino

 

da La Nuova Sardegna, 28 marzo 2014

Pigliaru: «Ppr sterilizzato e congelato, era illegittimo».

La giunta regionale azzera il piano di Cappellacci. Il presidente: «Abbiamo fatto quanto promesso in campagna elettorale».

CAGLIARI.  La Giunta regionale della Sardegna, guidata da Francesco Pigliaru, ha «sterilizzato» gli effetti dell’approvazione definitiva del nuovo piano paesaggistico adottato tra le polemiche lo scorso 14 febbraio dall’allora esecutivo di Ugo Cappellacci, a due giorni dalle elezioni che hanno portato il centrosinistra alla guida della Regione.

Con una delibera approvata oggi, la squadra di Pigliaru ha annullato il provvedimento varato dal centrodestra, con le modifiche al vecchio Piano paesaggistico dell’era Soru, per «palesi illegittimità», mentre rimane in piedi l’approvazione preliminare che riguarda il repertorio dei beni paesaggistici e beni identitari, degli alberi monumentali, delle grotte e delle caverne.

 

 

Carloforte, Stagno e miniera della Vivagna

Carloforte, Stagno e miniera della Vivagna

 

da L’Unione Sarda, 28 marzo 2014 

La giunta Pigliaru blocca il Pps di Cappellacci.

La Giunta regionale della Sardegna, guidata da Francesco Pigliaru, ha “sterilizzato” gli effetti dell’approvazione definitiva del nuovo piano paesaggistico adottato tra le polemiche lo scorso 14 febbraio dall’allora esecutivo di Ugo Cappellacci, a due giorni dalle elezioni che hanno portato il centrosinistra alla guida della Regione. Con una delibera approvata, la squadra di Pigliaru ha annullato il provvedimento varato dal centrodestra, con le modifiche al vecchio Piano paesaggistico dell’era Soru, per “palesi illegittimità”, mentre rimane in piedi l’approvazione preliminare che riguarda il repertorio dei beni paesaggistici e beni identitari, degli alberi monumentali, delle grotte e delle caverne.

Teulada, Capo Malfatano

Teulada, Capo Malfatano

La Nuova Sardegna, 29 marzo 2014

L'Unione Sarda, 29 marzo 2014

 

(foto S.D., archivio GrIG)

  1. Raimondo Cossa
    marzo 28, 2014 alle 8:01 PM

    Visto che c’erano non capisco perché non hanno fatto le cose per bene, come del resto promesso in campagna elettorale. Spero non si ricada nella vecchia logica collaudata della politica: un biscottino agli ambientalisti e uno ai barbari.

  2. marzo 28, 2014 alle 8:22 PM

    A.N.S.A., 28 marzo 2014
    Azzerato Piano paesaggio Cappellacci.
    Annullata in Giunta contestata delibera varata prima di elezioni: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2014/03/28/azzerato-piano-paesaggio-cappellacci_94f95490-e27f-40d5-935f-ae61d60a5499.html

    _____________________

    da Sardinia Post, 28 marzo 2014
    “Col Pps si svendeva l’ambiente”: http://www.sardiniapost.it/politica/col-pps-si-svendeva-lambiente/

  3. marzo 28, 2014 alle 8:46 PM

    Ottimo!

  4. Mara
    marzo 28, 2014 alle 9:05 PM

    Buona notizia, ma che tristezza leggere sui giornali isolani i commenti di tanti ignoranti..

    • marzo 29, 2014 alle 8:03 am

      cara Mara, c’è gente che ha nella scatola cranica come unica materia grigia il cemento.
      E’ un problema loro.

      Stefano Deliperi

  5. Sabs
    marzo 29, 2014 alle 10:31 am

    c’è gente che ha nella scatola cranica come unica materia grigia il cemento.
    E’ un problema loro.

    Penso che sia un problema di tutti, perché sono tanti e votano anche loro…

    • marzo 29, 2014 alle 11:07 am

      che facciamo? Un bel lavaggio del cervello?
      Cerchiamo di fare il massimo possibile di sensibilizzazione con i mezzi disponibili e proviamo a esser in numero maggiore 😉

      Stefano Deliperi

      • Sabs
        marzo 29, 2014 alle 12:12 PM

        Cerchiamo di fare il massimo possibile di sensibilizzazione con i mezzi disponibili e proviamo a esser in numero maggiore

        Concordo. Il che conferma la tesi che non è un problema loro ma di tutti noi. 😉

  6. Pietro
    marzo 29, 2014 alle 12:01 PM

    Non bisogna per forza essere degli ambientalisti per apprezzare l’annullamento del PPR di cappellacci……Perchè pensiamo sempre che bisogna essere degli ambientalisti quando si cerca di ostacolare l’abusivismo?Questa nonè una giunta di ambientalisti avra’ degli interessi diversi e lo vedremo sicuramente.

  7. Mauro
    marzo 29, 2014 alle 6:52 PM

    Capisco l’accanimento con il PPR Cappellacci che mi pare francamente indifendibile, però mi volete spiegare il silenzio di tomba di tutto il mondo ambientalista sul disastro ambientale che si stà compiendo nello Stagno del Molentargius, si dice si vogliano ripristinare gli argini e i canali come erano nel passato, ma allora era stati costruiti dai salinieri, con tanto legno e lo stesso sedimento dello stagno, ora si stanno costruendo megarilevati con un fila interminabile di camions che scaricano nello stagno roba arrivata chissà da dove, è materiale compatibile con lo stagno, non credo proprio.

    Poi un progetto UE Life di circa 1.8 M€ di interventi da fare con il bisturi per indorare la pillola di movimenti terra devastanti per circa 20 M€ ??e tutti buoni e zitti?? …ma chi ci guadagna da questo fiume di denaro??

  8. Shardana
    marzo 29, 2014 alle 7:57 PM

    Chi ci guadagna secondo tè,tutti quelli che tacciono e acconsentono.

  9. Mauro
    marzo 29, 2014 alle 8:45 PM

    Grazie per il link, mi era sfuggito, almeno una voce fuori dal coro
    però sulla stampa non ho letto praticamente nulla.

    dei 20 M€ ho letto sulla relazione generale che è disponibile in rete 7+7+ 6 non fà 20? ,
    è vero per ora formalmente nei movimenti terra ne sono indicati solo!!! 11M€, ma così come è successo per i lavori del Consorzio Ramsar alla fine temo che questo capitolo prosciugherà quasi tutto.
    Avete perfettamente ragione per lo staff assunto senza concorsi, la vs è una battaglia giustissima, infatti pare che questa perla di Progetto sia stato autoprodotto dal Consorzio Parco Molent., venuta fuori dai “geni” assunti senza concorso pubblico

  10. marzo 29, 2014 alle 10:18 PM

    Sabs :

    Cerchiamo di fare il massimo possibile di sensibilizzazione con i mezzi disponibili e proviamo a esser in numero maggiore

    Concordo. Il che conferma la tesi che non è un problema loro ma di tutti noi. 😉

    fino a un certo punto, perchè non è proprio possibile sostituirgli il cervello 😉

    Stefano Deliperi

  11. marzo 31, 2014 alle 4:30 PM

    da Sardinia Post, 31 marzo 2014
    “Subito una nuova legge urbanistica e testo unico dell’edilizia”: http://www.sardiniapost.it/politica/subito-una-nuova-legge-urbanistica-e-testo-unico-delledilizia/

  1. marzo 29, 2014 alle 11:54 am
  2. marzo 29, 2014 alle 12:02 PM
  3. marzo 29, 2014 alle 1:22 PM
  4. marzo 29, 2014 alle 3:14 PM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: