Home > biodiversità, coste, difesa del territorio, Europa, fondi comunitari, mare, paesaggio, società, sostenibilità ambientale, zone umide > Piscinnì, storia di una baia delle coste sarde, fra speculazione edilizia sventata e fondi comunitari spesi inutilmente.

Piscinnì, storia di una baia delle coste sarde, fra speculazione edilizia sventata e fondi comunitari spesi inutilmente.


Domus de Maria, baia di Piscinnì

Lungo la costa sud-occidentale della Sardegna, uno dei tratti litoranei più suggestivi e ancora sostanzialmente integri del Mediterraneo, c’è la splendida baia di Piscinnì (o  Pixinnì), in un’isola amministrativa di Domus de Maria (SU).

Rocce, mare cristallino e pieno di fauna marina, macchia mediterranea, Ginepri, Capre e Bovini, Gheppi, Cormorani e Cinghiali.

Costa sud-occidentale della Sardegna, Domus de Maria, Stagno retrodunale di Piscinnì

Uno stagno retrodunale che sfocia in mare dopo la stagione delle piogge.

Vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), vincolo di conservazione integrale (art. 10 bis della legge regionale Sardegna n. 45/1989 e s.m.i.), salvaguardia da parte del piano paesaggistico regionale (P.P.R., 1* stralcio costiero, 2006), sito di importanza comunitaria – S.I.C. /zona speciale di conservazione – Z.S.C.“Stagno di Piscinnì”, ai sensi della direttiva n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat naturali e seminaturali, la fauna e la flora, la disciplina di tutela del sito di grande interesse ambientale e naturalistico non manca.

In teoria.

Per difendere strenuamente questo gioiello naturalistico del Mediterraneo, minacciato da un progetto speculativo di 80 mila metri cubi di volumetrie, il Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) è stato in prima linea fin dagli inizi degli anni ’90 del secolo scorso.

Domus de Maria, Piscinnì, demolizione degli abusi edilizi (1999)

Il sito venne difeso in tutte le sedi possibili e immaginabili da speculatori di origine capitalista e di origine collettivista, perché il mattone vien divinizzato da fin troppi soggetti (imprenditoriali o meno), ottenendo anche la demolizione degli abusi edilizi realizzati.

Il ripristino ambientale, invece, venne progettato, autorizzato ed eseguito dal mare e dagli eventi atmosferici, per fortuna.

Successivamente, per evitare i danni dell’incombente antropizzazione, l’allora Provincia di Cagliari (oggi la Provincia del Sud Sardegna) prese parte al progetto LIFE “Providune” (complessivamente 3.352.000,00 euro, per il 71% di provenienza comunitaria), insieme alla Provincia di Matera e alla Provincia di Caserta (2008-2013).

Progetto LIFE Providune, interventi previsti a Piscinnì

L’obiettivo era ed è la tutela dei sistemi dunali.  

In Sardegna i siti d’interesse comunitario (S.I.C.) prescelti e oggetto di interventi finanziati da fondi comunitari sono Porto Campana (ITB042230);  Stagno di Piscinnì  (ITB042218); Isola dei Cavoli, Serpentara e Punta Molentis (ITB040020).

La realtà ha portato a verificare che, una volta finiti i fondi comunitari, la gestione di questi irripetibili gioielli ambientali lascia parecchio a desiderare.

Piscinnì, Progetto LIFE Providune, cartello illustrativo (oggi distrutto)
Piscinnì, Progetto LIFE Providune, cartello illustrativo distrutto (sett. 2022)

Per esempio, nella baia di Piscinnì sono state realizzate protezioni dei sistemi dunali, passerelle d’accesso, cartellonistica, materiale illustrativo e di sensibilizzazione.

Piscinnì, cartello con divieto di accesso in quanto “proprietà privata” (sett. 2022)

Finito il progetto, finiti i soldi, non è proseguita la gestione del sito in alcun modo.

Oggi vengono posti anche cartelli di “proprietà privata” in aree che risultano di titolarità demaniale nel Servizio Informativo del Demanio (S.I.D.), oggettivamente per indirizzare i veicoli verso il vicino parcheggio privato e per accogliere un furgone – bar dalla dubbia autorizzazione.

Piscinnì, furgone-bar in area indicata come “proprietà privata” (sett. 2022)

Spariti i cartelli illustrativi del S.I.C. e la benché minima salvaguardia delle dune.

Piscinnì, passerella per la protezione delle dune distrutta (sett. 2022)

Ed è per questo, per dare uno straccio di indicazioni di tutela e uno stimolo a pubbliche amministrazioni assenti che in dieci minuti di volontariato ecologista attivisti del GrIG hanno recentemente posizionato una settantina di metri di recinzione in corda e un paio di cartelli informativi per tutelare l’ambito centrale del sistema dunale di Piscinnì.

Domus de Maria, Piscinnì, spiaggia
Domus de Maria, Piscinnì, spiaggia con bovini allo stato brado

Una turista straniera tanto distratta quanto sorda alle esortazioni per la tutela ambientale è stata spintaneamente fatta uscire dal sistema dunale in questo periodo impreziosito dalla fioritura dei Gigli di mare.

Con il plauso di vari bagnanti, per dirla tutta.

Piscinnì, Gigli di mare (Pancratium maritimum) sulle dune

Sarebbe ora che anche le amministrazioni pubbliche che hanno formalmente e giuridicamente assunto l’obbligo di salvaguardare Stagno, dune e spiaggia di Piscinnì’ facciano il loro dovere.

In ogni caso il GrIG farà la sua parte, come sempre.

Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG)

Piscinnì, recinzione ripristinata degli ambienti dunali dal GrIG (sett. 2022)

Piscinnì, cartello recinzione ripristinata degli ambienti dunali dal GrIG (sett. 2022)
Piscinnì, spiaggia e rocce
Gheppio (Falco tinnunculus)
Domus de Maria, Torre costiera di Piscinnì

(foto C.B., S.D., archivio GrIG)

Pubblicità
  1. Barbara
    settembre 7, 2022 alle 9:13 am

    Bravissimi!

  2. Donatella Mercatelli
    settembre 7, 2022 alle 9:52 am

    Appare chiaro che in questa meravigliosa Italia solo gli eroi continuano a combattere , grazie per sempre GrIG!

  3. giulio
    settembre 7, 2022 alle 10:07 am

    Grazie

  4. Porico
    settembre 7, 2022 alle 12:23 PM

    Pixinnì ,non essendo edificato e antropizzato non produce redditi privati e pubblici. Il sito è una strana enclave del Comune di Domusdemaria ,poco interessato invero all’integrità ambientale.

  5. Graziano
    settembre 7, 2022 alle 3:32 PM

    vi seguo da poco e vi ringrazio per il vostro impegno per la salvaguardia dell’ambiente ! grazie per gli articoli super chiari e documentati

  6. Patrizia
    settembre 7, 2022 alle 7:50 PM

    Grazie un video bellissimo che fa capire quanto importanti siano le dune e le spiagge e poi basta con chioschi e stabilimenti che affittano ombrelloni e lettini.

  7. settembre 8, 2022 alle 8:57 PM

    da Gazzetta Sarda, 8 settembre 2022
    Piscinnì, storia di una baia delle coste sarde, fra speculazione edilizia sventata e fondi comunitari spesi inutilmente: https://www.gazzettasarda.com/contenuto/0/11/205790/piscinni-storia-di-una-baia-delle-coste-sarde-fra-speculazione-edilizia-sventata-e-fondi-comunitari-spesi-inutilmente

  1. settembre 16, 2022 alle 9:34 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: