Home > alberi, biodiversità, coste, difesa del territorio, difesa del verde, mare, paesaggio, società, sostenibilità ambientale > Un Ginepro massacrato sulle dune di Maria Pia (Alghero).

Un Ginepro massacrato sulle dune di Maria Pia (Alghero).


Alghero, dune boscate di Maria Pia, Ginepro (gen. Juniperus) tagliato (febb. 2022)

Lì, sulle dune boscate di Maria Pia, a due passi da Alghero (SS), un povero esemplare secolare di Ginepro (gen. Juniperus) è stato recentemente massacrato senza ritegno.

Perché?

Alghero, dune e spiaggia di Maria Pia

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG), raccogliendo segnalazioni indignate di residenti, ha inoltrato (4 febbraio 2022) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti al Ministero della Cultura, alla Regione autonoma della Sardegna, alla Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Sassari, al Comune di Alghero (titolare dell’area), ai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale, al Corpo forestale e di vigilanza ambientale e, per quanto di competenza, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari.

L’area è tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e con vincolo di conservazione integrale (art. 10 bis della legge regionale Sardegna n. 45/1989 e s.m.i.), mentre rientra in zona di massima salvaguardia ai sensi del piano paesaggistico regionale (P.P.R. – 1° stralcio costiero).

Il GrIG auspica l’individuazione delle responsabilità per lo scempio ambientale e una più efficace vigilanza su un bene ambientale di così rilevante importanza.

Gruppo d’Intervento Giuridico odv

Alghero, Bastioni e centro storico

(foto per conto GrIG, archivio GrIG)

  1. febbraio 5, 2022 alle 12:49 PM

    A.N.S.A., 4 febbraio 2022
    Alghero,abbattuto ginepro secolare nella pineta di Maria Pia.
    Esposto degli ecologisti del Grig in Procura a Sassari. (https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2022/02/04/algheroabbattuto-ginepro-secolare-nella-pineta-di-maria-pia_41b1259b-7c97-4d2c-9027-7465e6a90706.html)

    Un ginepro secolare è stato abbattuto nella pineta di Maria Pia, ad Alghero.

    Tranciato di netto, non si sa da chi né perché.

    Dell’albero resta solo il ceppo ormai rinsecchito. A segnalare il fatto è l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico (Grig), che dopo aver raccolto le lamentele di diversi residenti della zona ha inoltrato una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti alla Procura di Sassari e ad altre autorità, fra cui il ministero della Cultura, la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Sassari e la Regione.

    “L’area – spiega il Grig – è tutelata con vincolo paesaggistico e con vincolo di conservazione integrale e rientra in zona di massima salvaguardia ai sensi del Piano paesaggistico regionale. Auspichiamo l’individuazione delle responsabilità per lo scempio ambientale e una più efficace vigilanza su un bene ambientale di così rilevante importanza”.

    _________________________

    da Sky TG 24, 4 febbraio 2022
    Alghero, abbattuto ginepro secolare nella pineta di Maria Pia. Esposto degli ecologisti del Grig in Procura a Sassari: https://tg24.sky.it/cagliari/2022/02/04/algheroabbattuto-ginepro-secolare-nella-pineta-di-maria-pia

    ______________________

    da L’Unione Sarda, 4 febbraio 2022
    Alghero, è giallo sul ginepro secolare abbattuto nella pineta di Maria Pia.
    Esposto degli ecologisti del Grig in Procura a Sassari: dell’albero resta ormai solo il ceppo rinsecchito: https://www.unionesarda.it/news-sardegna/sassari-provincia/alghero-e-giallo-sul-ginepro-secolare-abbattuto-nella-pineta-di-maria-pia-q3rq72cf

    _________________________

    da Sardinia Post, 4 febbraio 2022
    Alghero, la denuncia del Grig: “Abbattuto un ginepro secolare”: https://www.sardiniapost.it/ambiente/alghero-la-denuncia-del-grig-abbattuto-un-ginepro-secolare/

    _____________________

    da Alguer.it, 4 febbraio 2022
    Ginepro secolare abbattuto a Maria Pia.
    Un esemplare secolare è stato abbattuto sulle dune boscate della pineta algherese. La denuncia dell´associazione ambientalista Gruppo d’Intervento Giuridico: https://www.alguer.it/notizie/n.php?id=165911

    ___________________________

    da Sassari Notizie, 4 febbraio 2022
    Un Ginepro secolare massacrato sulle dune di Maria Pia ad Alghero: http://www.sassarinotizie.com/articolo-67241-un_ginepro_secolare_massacrato_sulle_dune_di_maria_pia_ad_alghero.aspx

    __________________

    da Alghero Live, 4 febbraio 2022
    “Un Ginepro massacrato sulle dune di Maria Pia”: http://algherolive.it/2022/02/04/un-ginepro-massacrato-sulle-dune-di-maria-pia/

    ___________________________

    da gazzetta Sarda, 4 febbraio 2022
    Alghero, GrIG: Un Ginepro massacrato sulle dune di Maria Pia: https://www.gazzettasarda.com/contenuto/0/11/191734/alghero-grig-un-ginepro-massacrato-sulle-dune-di-maria-pia

    • febbraio 9, 2022 alle 2:52 PM

      da La Nuova Sardegna, 9 febbraio 2022
      «Maria Pia, ecosistema a rischio». Dopo la distruzione del ginepro parla Emmanuele Farris, docente di Botanica all’università di Sassari. (Nicola Nieddu): https://www.lanuovasardegna.it/alghero/cronaca/2022/02/08/news/maria-pia-ecosistema-a-rischio-1.41211662

      • febbraio 22, 2022 alle 8:51 PM

        sarà stato pure a suo tempo colpito da un fulmine, ma i segni della motosega – prima ancora del taglio effettuato dalla soc. Alghero in House – sono inequivocabili.

        da Alguer.it, 7 febbraio 2022
        «La Pineta di Maria Pia è in pericolo».
        L´allarme è del professor Emmanuele Farris, docente di Botanica all´Università di Sassari e presidente della sezione sarda della Società Botanica Italiana. Servono regole, numero limitato degli ingressi e un cambio culturale, dalle scuole agli operatori economici: https://www.alguer.it/notizie/n.php?id=165948

        ——————-

        10 febbraio 2022
        «Ginepro colpito da un fulmine».
        Ha fatto discutere per giorni ad Alghero la denuncia circa l´abbattimento di un grosso ginepro secolare nella pineta di Maria Pia. Oggi arriva la secca smentita da un folto gruppo di operatori. Saranno le competenti autorità a dissipare la questione: https://www.alguer.it/notizie/n.php?id=166030

  2. febbraio 5, 2022 alle 8:04 PM

    In giro con un’accetta a tagliare un Ginepro secolare? La demenza personificata.

  3. Riccardo Pusceddu
    febbraio 7, 2022 alle 2:44 am

    Questo non sarebbe successo se si attuasse la mia idea di dotare ogni spiaggia di una residenza fissa per un costode anziche’ i soliti chioschi.

    • febbraio 7, 2022 alle 6:35 am

      davvero soluzione affascinante, un po’ di metri cubi in ogni spiaggia con un custode fisso stipendiato da non si sa chi per fare quello che dovrebbero fare Forze dell’ordine e varie Amministrazioni pubbliche competenti. Complessivamente, in tutta Italia, milioni di metri cubi e decine di migliaia di custodi dipendenti e stipendiati da non si sa chi.
      Vabbè, Riccardo, buona giornata 😉

      Stefano Deliperi

      • Riccardo Pusceddu
        febbraio 12, 2022 alle 1:53 am

        Non si tratterebbe di case “normali” ma di case Plus Energy (una sigla che denomina edifici che producono energia in eccesso a quella di cui abbisognano e quindi capaci di alimentare anche i mezzi di trasporto su gomme per chi ci vive) costruite con i materiali piu’ ecologici che ci siano, magari come le Earthships.
        Sarebbe una splendida opportunita’ per costruire questo tipo di abitazioni, con custodi non stipendiati che invece siano disposti a prodursi il cibo in proprio con le altre spese magari coperte dalla possibilita’ di ospitare pochi turisti con la modalita’ Bed & Breakfast.
        Le forze dell’ordine e le amministrazioni pubbliche lo sappiamo tutti che non fanno il loro dovere altrimenti non ci sarebbero tutti questi abusi che vengono scoperti sempre troppo tardi e che rendono necessario l’intervento delle ruspe con conseguente emissione di CO2. E nessuno paga per i mancati controlli mentre un costode fisso in spiaggia si dovrebbe far carico di tali controlli.
        Ripeto: quel cipresso sarebbe ancora se si adottasse la mia soluzione.

      • febbraio 12, 2022 alle 11:09 am

        …cioè vorresti aprire bed & breakfast su spiagge e dune?
        Vabbè Riccardo, buon fine settimana!

        Stefano Deliperi

      • Riccardo Pusceddu
        febbraio 15, 2022 alle 12:32 am

        Si ma solo onde evitare che i custodi siano un onere per il diggia’ troppo sfruttato contribuente italiano.
        Invece la tua soluzione qual’e’? Sperare ingenuamente che le forze dell’ordine all’improvviso comincino a fare il proprio dovere?Oppure demolire le opere abusive aggiungendo la beffa al danno ovvero distruzione per costruire e distruzione per demolire?
        Con questo atteggiamento l’ambientalismo che propugnate arrivera’ sempre troppo tardi e nel complesso in maniera inefficace.
        Un’ambientalismo tappa buchi insomma, senza soluzioni radicali e funzionali abbastanza da invertire la rotta di autodistruzione che la nostra specie sta continuando imperterrita a percorrere.

      • febbraio 15, 2022 alle 6:15 am

        buongiorno Riccardo, la tua soluzione, con tutto il rispetto, non sta in Cielo né in Terra né in Mare, perché va contro le minime esigenze di salvaguardia ambientale di spiagge e dune oltre che della normativa vigente. Tutta l’attività del GrIG è sempre stata orientata al rafforzamento dei controlli ambientali e dell’efficacia delle sanzioni, finora troppo blande.
        Buona giornata 🌈

        Stefano Deliperi

  1. febbraio 15, 2022 alle 3:38 PM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: