Forse è salvo il Ponte Torretta di Collesalvetti.


Collesalvetti, Ponte Torretta

E’ giunta rapida la risposta (nota prot. n. 11864 del 6 agosto 2021) da parte della Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Pisa all’istanza inviata dal Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) lo scorso 2 agosto 2021 per lo svolgimento della procedura di verifica dell’interesse culturale (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) finalizzata alla tutela del Ponte Torretta, che da secoli consente di passare da una sponda all’altra del Torrente Morra, nella frazione di Torretta Vecchia, Comune di Collesalvetti (LI).

La procedura è stata avviata, anche in seguito alla precedente istanza GrIG del 19 giugno 2019, e “si è conclusa con Provvedimento di tutela del Presidente della Commissione Regionale Patrimonio Culturale della Toscana n.121/20 del 05/11/2020 ai sensi art.10 comma 1 D.Lgs.42/04”.

Ottima notizia: un bene culturale non può essere demolito, ma occorre verificare il testo del provvedimento (non ancora acquisito) per aver certezza della tutela del bene a pieno titolo.

In ogni caso, una precedente richiesta di intervento da parte del Genio civile della Regione Toscana è stata respinta da parte della Soprintendenza pisana (nota prot. n. 469 del 15 gennaio 2021), proprio per la presenza delle disposizioni di tutela.

L’opera di sicuro interesse storico, infatti, è (speriamo “era”) a rischio di radicale demolizione a causa del progetto “Adeguamenti idraulici sul Torrente Morra in loc. Torretta Vecchia – Comuni di Collesalvetti e Fauglia” predisposto dal Settore Genio Civile Valdarno Inferiore e Costa della Regione Toscana, quale soggetto avvalso del Commissario Delegato in base all’ordinanza del Capo del Dipartimento Protezione civile n. 482 del 20 settembre 2017.

Collesalvetti, Ponte Torretta

Il Ponte Torretta è riportato già nel Catasto Storico del 1826, ma è quasi certamente ben più antico, trovandosi sul tracciato storico della Via Aemilia Scauri (I sec. a. C.). Presso Torretta Vecchia sono i resti archeologici di una mansio (stazione di posta) romana con ambienti termali.

Il Torrente Morra non ha grande portata idrica, visto che gran parte delle sue acque sono captate a monte dall’Acquedotto Leopoldino (o di Colognole), tuttavia viene ritenuto fra i responsabili (minori) della tragica alluvione di Livorno del settembre 2017, in realtà una vera e propria calamità innaturale determinata in massima parte da colpevoli dabbenaggine e incuria umane.

Alla precedente istanza ecologista del giugno 2019) rispose l’allora Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi (nota prot. n. 284386 del 22 luglio 2019), assicurando il proprio interessamento: proprio per assicurare la finalità della tutela storico-culturale, era stata convocata apposita conferenza di servizi, a cui non si era presentata la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Pisa, amministrazione pubblica deputata all’avvio della procedura di verifica dell’interesse culturale.

Solo in seguito la Soprintendenza aveva imposto prescrizioni in tema di saggi archeologici preventivi e verifica archeologica in relazione a ogni movimento terra, mentre “non sono riportate indicazioni in merito agli interventi previsti sul ponte”.

In seguito, l’ordinanza commissariale contenente l’approvazione dell’intervento è stata portata a conoscenza dei soggetti pubblici e privati interessati al fine di consentire la presentazione di motivate opposizioni, finora non pervenute.

Un pezzo di storia del paesaggio agrario di quella Toscana ex regno del buon governo del territorio a rischio di un’assurda demolizione, mentre sarebbe ben più utile ripulire l’alveo del corso d’acqua da detriti vari, purtroppo presenti. Demolizione ancor più assurda visto che il tratto del corso d’acqua oggetto di intervento appare di un centinaio di metri e nulla più.

Il GrIG esprime soddisfazione per il provvedimento di tutela e auspica il definitivo superamento di ogni previsione demolitoria.           

Gruppo d’Intervento Giuridico odv  

Germano reale (Anas platyrhynchos)

(foto M.B., S.D., archivio GrIG)       

  1. donatella
    agosto 10, 2021 alle 5:20 PM

    Ringrazio di cuore il GrIG e spero che il Ponte Torretta di Collesalvetti resti in piedi a dare la sua testimonianza di storia toscana

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: