Home > aree urbane, biodiversità, coste, difesa del territorio, inquinamento, mare, salute pubblica, società > Il depuratore di Pula è fonte di inquinamento e non depura un bel niente.

Il depuratore di Pula è fonte di inquinamento e non depura un bel niente.


Pula, litorale e Isolotto di San Macario

Pula, litorale e Isolotto di San Macario

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha inoltrato (9 maggio 2016) una specifica richiesta di informazioni a carattere ambientale e di adozione degli opportuni provvedimenti riguardo le condizioni di operatività del depuratore comunale di Pula (CA) che scarica i relativi reflui nel Rio di Pula e, conseguentemente, in mare.

Infatti, l’A.R.P.A.S. ha recentemente diffuso il “Rapporto sulle attività espletate e sullo stato dei depuratori fognari controllati. Anno 2015. Dipartimento Cagliari e Medio Campidano” relativo ai controlli effettuati sugli impianti di depurazione fognaria dai tecnici del Dipartimento di Cagliari e del Medio Campidano, ai fini della verifica del rispetto dei limiti tabellari di emissione.   I risultati delle analisi chimiche relative al prelievo effettuato in data 23 aprile 2015 presso il Rio Pula, hanno evidenziato, sul campione prelevato, valori di Escherichia coli pari a 1920000Ufc/100ml (limite massimo di legge 5000 UFC/ 100 ml); BOD5 pari a 500mg/l; Ammoniaca pari a 16,53mg/l; Nitriti pari a 0,88mg/l; Tensioattivi pari a 3mg/l.

Già nel 2014, in seguito a richiesta di informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti del Gruppo d’Intervento Giuridico onlus (22 agosto 2014), erano stati individuati risultati estremamente preoccupanti. In proposito, la campagna di monitoraggio dell’A.R.P.A.S. (1-2 settembre 2014) aveva reso noto: “gli accertamenti eseguiti hanno evidenziato che il punto P1 (posto a circa 40 m. a valle dello scarico del depuratore presenta indici di inquinamento microbico di elevatissima entità (Escherichia colii 2.000.000 ufc/250 ml; Coliformi totali 3.000.000 ufc/100 ml; Enterococchi 2.500.000 ufc/100 ml, n.d.r.) e concentrazione di azoto ammoniacale (16,12 mg/l. n.d.r.) superiore al valore limite di emissione per gli scarichi in acque superficiali indicato nella tab. 3 dell’allegato 5 alla parte terza del D. Lgs. 152/06”.

Pula, Rio di Pula, punti di campionamento A.R.P.A.S. (settembre 2014)

Pula, Rio di Pula, punti di campionamento A.R.P.A.S. (settembre 2014)

Con nota prot. 26759 del 25 settembre 2014 erano stati trasmessi gli accertamenti anche ad Abbanoa s.p.a. (soggetto gestore dell’impianto di depurazione) e alla Provincia di Cagliari per l’irrogazione della sanzione amministrativa prevista dall’art. 133, comma 1°, del decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i. (da euro 3.000 a euro 30.000).

Durante il sopralluogo all’impianto (1 settembre 2014) erano stati riscontrati “notevoli segni di deterioramento” del “sistema di grigliatura automatica posto in testa all’impianto”, una “perdita …convogliata in un pozzetto dal quale ritorna al medesimo impianto” di sollevamento, una “perdita che scarica a terra per poi confluire in un pozzetto” nel “canale in muratura che raccoglie lo scarico dei percolatori” e “una notevole quantità di schiume … nel canale di clorazione”.     I dati A.R.P.A.S. erano stati anche trasmessi alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari.

Pula, Foxi

Pula, Foxi

Ormai da troppi anni, i cittadini di Pula e i turisti, che ad ogni stagione estiva arrivano a migliaia per godere delle belle spiagge della zona, convivono, quasi rassegnati, con una situazione senza dubbio non degna di un Paese civile: la presenza di un depuratore palesemente non adeguato alle esigenze di una località turistica frequentatissima, soprattutto nei mesi di luglio e agosto.

Un depuratore già oggetto di azioni legali ecologiste e già risultato fuorilegge e inquinante almeno dal settembre 2011[1].

Hanno tranquillizzato molto poco, pertanto, le rassicurazioni del sindaco di Pula Carla Medau nell’estate 2014, al momento dell’apertura del cordone ciottoloso che chiudeva la foce del Rio di Pula per far defluire a mare le acque torbide e maleodoranti.   In questi casi, sarebbe quantomeno necessaria una adeguata informazione al pubblico, relativamente a eventuali divieti di balneazione, anche solo temporanei. Informazione e divieti invece assenti.

Tranquillizzano ancora meno le recenti, ennesime, dichiarazioni del primo cittadino pulese, venate d’uno stupore quasi infantile: “attendo di conoscere i dati dell’Arpas … c’è un filo di preoccupazione e la consapevolezza che il problema non debba essere sottovalutato” (L’Unione Sarda, 6 maggio 2016).

La situazione dell’inquinamento e ben nota e a poco valgono le giustificazioni relative ai ritardi dei lavori di completamento del nuovo depuratore, in corso da parecchi anni.

L’associazione Gruppo d’Intervento Giuridico auspica, quindi, che i lavori per la realizzazione del nuovo impianto di depurazione siano rapidamente conclusi a regola d’arte per superare definitivamente i gravi problemi di inquinamento e di rischio per la salute pubblica. Ma fin da subito devono essere adottati tutti i correttivi tecnici possibili per evitare un’altra stagione estiva al profumo di miasmi intollerabili.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

___________________________________________

[1] Si tratta, purtroppo, di fenomeni di inquinamento ricorrenti: già lo scorso anno, in base ai dati riportati dalla Direzione generale Agenzia del distretto idrografico della Sardegna nella Circolare regionale per la stagione balneare 2014, durante la stagione balneare 2013, si sono verificati fenomeni riconducibili a “inquinamento di breve durata” (con superamento dei limiti previsti dall’All. A del D.M. 30 marzo 2010) nelle acque di balneazione 100mt a nord foce del Rio Pula.

 

Pula, depuratore, cartello "inizio lavori"

Pula, depuratore, cartello “inizio lavori” (2011)

(foto S.D., archivio GrIG)

Advertisements
  1. andre
    maggio 12, 2016 alle 3:19 pm

    un sindaco totalmente incoerente con le promesse fatte 2 anni fa.un menefreghismo totale, circondata da incopetenti e nullafacenti…. una fogna a cielo aperto anche a nora proveniente dal locale sulla terrazza ma nessuno fa niente. Dimettiti invece di comprare 40 panchine e cazzate varie

  2. maggio 12, 2016 alle 4:03 pm

    Scandaloso….non si può usare altro termine che questo…ch un paese come il nostro, debba vivere come se fossimo ancora negli anni 50…. non lo meritiamo noi che, paghiamo tasse “profumate” figuriamoci chi viene a Pula per godere delle nostre belle e rinomate spiaggie….non si può lasciare una popolazione in balia di miasmi fognari, e non la si può costringere a barricarsi in casa, specialmente d’estate……avrei preferito di gran lunga si fosse risolto QUESTO problema, che altre piccole cose in verità rimandabili….

  3. giugno 28, 2016 alle 2:44 pm

    la Provincia di Cagliari (nota prot. n. 22373 del 23 maggio 2016) conferma che l’attuale impianto è autorizzato provvisoriamente allo scarico (atto n. 1261 del 7 novembre 2012) in attesa del completamento dei “lavori di adeguamento dello Schema fognario depurativo n. 326 – Pula depuratore”. La Provincia di Cagliari conferma di essere a conoscenza delle problematiche derivanti dal superamento della capacità dell’impianto.

    __________________________________________________

    da Casteddu online, 28 giugno 2016
    Pula, la svolta del depuratore: 4 milioni e addio inquinamento. (Ignazia Melis): http://www.castedduonline.it/area-vasta/sulla-sulcitana/37647/pula-la-svolta-del-depuratore-4-milioni-e-addio-inquinamento-video.html

  4. Massimo
    luglio 23, 2016 alle 1:05 am

    Sono un turista e con mia moglie veniamo dalla provincia di Milano. 3 anni fa ero già stato a Pula e avevo vissuto una sorta di invasione di blatte (prima di venire qui non ne conoscevo nemmeno l’esistenza). Ci dicevano fosse dovuta ad una sorta di collasso del sistema fognario. Avevamo pensato ad una questione occasionale. Quest’anno decidiamo di tornare a Pula in vacanza per le belle spiagge e l’ospitalità degli abitanti. Purtroppo abbiamo affittato un appartamento abbastanza in centro (tra via Nora e via Nazario Sauro). Dico purtroppo perché ci siamo resi conto di trovarci a meno di 200 metri in linea d’aria dal famigerato “depuratore” che sta appestando l’aria giorno e (soprattutto) notte, obbligandoci a tenere chiuse le finestre (casa senza aria condizionata). Troviamo questa situazione assurda e al limite di un paese civile. Sembra di essere tornati in un paese delle campagne lombarde da dove veniamo ma di 70 anni fa. Situazione da terzo mondo. Credo anche che questa situazione possa avere gravi risvolti di tipo igienico sanitario. Assurda un’amministrazione di un potenziale polo di turismo di grande sviluppo che non fa nulla di concreto ed immediato se non scatenare e sguinzagliare dal mattino alla sera poveri, disperati, sudati, ausiliari del traffico aizzati a raccattare multe su multe. Bell’esempio di efficienza e coerenza. Complimenti! Non vedo l’ora di riprendermi il traghetto per tornare a casa e di certo Pula non ci vedrà più né tanto meno la consiglieremo una volta rientrati. Non ce ne vogliano i simpatici Pulini o Pulesi (non so come si dice). Hanno tutta la nostra solidarietà non meritando un’amministrazione così aberrante che certamente non li rappresenta. A mai più rivederci.

    • Buone vacanze
      luglio 24, 2016 alle 8:21 pm

      È giusto che lasciate spazio ad altri turisti che vorrebbero venire a pula ma non trovano posto.
      Finalmente il nuovo depuratore, già costruito, sta entrando in funzione questi giorni. In questi ultimi 30 anni era argomento principale di ogni campagna elettorale, e questi ultimi 4 anni Pula é stata coinvolta in lavori di sistemazione fognaria imponenti, cosi pure il nuovo depuratore distante circa 2 km nelle campagne.
      il problema (conosciuto) é in via di risolvimento, il mare accoglierà altri turisti che lo apprezzeranno.
      Buone vacanze

      • luglio 24, 2016 alle 9:41 pm

        vede “Buone vacanze”, purtroppo non siamo così ottimisti come lei, che pare molto informato.
        La Provincia di Cagliari (nota prot. n. 22373 del 23 maggio 2016) non ha dato tempi così certi e, soprattutto, immediati.
        C’è poco da offendersi: la vicenda pluriennale del nuovo depuratore di Pula è semplicemente scandalosa.
        Il vecchio depuratore è palesemente, “a naso”, sottodimensionato e, pur essendo gestito al meglio di quanto possibile, nel periodo estivo continua a “non depurare”.
        La Provincia di Cagliari ha confermato di essere a conoscenza delle problematiche derivanti dal superamento della capacità dell’impianto. Così le altre Amministrazioni pubbliche competenti, così come ne è a conoscenza la magistratura.
        Ripetiamo: c’è ben poco da offendersi e da richiamare campagne elettorali che interessano meno di zero.
        Ci sarebbe, invece, da chiedere scusa a cittadini (in primo luogo) e turisti. E alla nostra Terra, se non dispiace.
        Anni di lungaggini e di ritardi, anni di inquinamento ambientale e di minacce alla salute pubblica.

        Stefano Deliperi

  5. agosto 3, 2016 alle 11:01 pm

    sarà la volta buona? Andrà a regime in un mese, a fine stagione turistica.

    A.N.S.A., 3 agosto 2016
    Abbanoa: nuovo deputatore a Pula. In futuro ampliamento per servire località turistiche. (http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2016/08/03/abbanoa-nuovo-deputatore-a-pula_cbe6ab05-61d9-47dd-a24b-d261713a3bb2.html)

    Quasi quattro milioni di euro investiti per una struttura all’avanguardia, modulabile in base alle presenze stagionali nel territorio servito e che consente di mandare in pensione il vecchio impianto a ridosso del centro abitato. E’ stato inaugurato l nuovo depuratore di Pula, atteso da vent’anni e che Abbanoa ha realizzato con i fondi Por della Regione. Il taglio del nastro è stato effettuato dal sindaco Carla Medau, dall’assessore regionale dei Lavori pubblici, Paolo Maninchedda, e dall’amministratore unico di Abbanoa, Alessandro Ramazzotti.

    “Si tratta di un importante intervento che consente di risolvere i problemi legati alla scarsa efficienza del vecchio depuratore a ridosso del centro abitato – spiega Alessandro Ramazzotti – in futuro l’impianto sarà ampliato per servire anche tutta la fascia costiera di Santa Margherita”. L’impianto garantirà una maggiore elasticità, essenziale per affrontare efficientemente le fluttuazioni di portata e di carico legate alla variabilità della presenza turistica stagionale (estate) e settimanale (weekend) riscontrabili nel territorio da servire. Inoltre farà fronte all’esigenza di ridurre l’impatto dell’opera dal punto di vista delle emissioni rumorose, con l’insonorizzazione dei macchinari, e odorigene mediante la cura delle fasi più invasive quali i pretrattamenti e la manipolazione dei materiali di risulta.

    Nei prossimi trenta giorni il nuovo depuratore, realizzato in località Squiddaxiu oltre la statale 195, entrerà gradualmente a pieno regime con il riempimento delle vasche. In prospettiva il tracciato si estenderà fino a servire le strutture alberghiere e i camping di Cala d’Ostia, nonché la borgata di Santa Margherita. Lo schema completo arriverà sino al km 42 della statale 195, al confine con il comune di Domus de Maria. In futuro l’acqua depurata sarà riutilizzata a fini irrigui, come previsto nel master plan di Is Molas.

    _____________________________

    da Casteddu online, 3 agosto 2016
    Pula, finalmente il nuovo depuratore: “Per noi un giorno storico”.
    Dopo anni di inquinamento, finalmente un depuratore nuovo e moderno per Pula e la sua costa: http://www.castedduonline.it/area-vasta/sulla-sulcitana/38755/pula-finalmente-il-nuovo-depuratore-per-noi-un-giorno-storico.html

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: