Home > acqua, aree urbane, biodiversità, difesa del territorio, giustizia, inquinamento, mare, rifiuti, salute pubblica, sostenibilità ambientale > La Corte di cassazione riforma parzialmente le prime condanne per il traffico di rifiuti industriali a Portovesme.

La Corte di cassazione riforma parzialmente le prime condanne per il traffico di rifiuti industriali a Portovesme.


La Corte di cassazione ha depositato il dispositivo dell’udienza dell’8 ottobre 2014 concernente il procedimento penale nei confronti di due dirigenti della Portovesme s.r.l. riguardo al  traffico di rifiuti altamente pericolosi prodotti dagli impianti della Portovesme s.r.l. smaltiti illecitamente in cave del Cagliaritano e, addirittura, nella realizzazione di riempimenti stradali e piazzali degli ospedali.

I Giudici di legittimità hanno deciso per la parziale riforma della sentenza della Corte d’Appello di Cagliari, dichiarando prescritto un reato contravvenzionale e rinviando ad altra Sezione della Corte d’Appello per la rideterminazione della pena per il reato di falso e per l’esame dell’ipotesi accusatoria relativa al traffico illecito di rifiuti industriali.

In precedenza, la Corte d’Appello di Cagliari, sez. II penale, aveva sostanzialmente confermato (1 marzo 2013) in sede di appello la condanna del primo grado.

Un anno e dieci mesi di reclusione per Maria Vittoria Asara (responsabile della gestione rifiuti dello stabilimento Portovesme s.r.l.) e due anni e due mesi di reclusione per Aldo Zucca (responsabile del sistema Gestione ambientale della Portovesme s.r.l.), 900 euro per spese legali e separata liquidazione in sede civile per il risarcimento in favore delle parti civili.

Portoscuso, polo industriale di Portovesme

Portoscuso, polo industriale di Portovesme

Questo, a oggi, lo stato dell’arte relativo al primo troncone dell’unico procedimento n. 5890/2007 G.I.P. (e R.N.R. 2930/2007) concernente l’importantissima indagine condotta dai Carabinieri del N.O.E. di Cagliari su disposizione della Procura della Repubblica del capoluogo (p.m. Daniele Caria) relativa al più ingente traffico illecito di rifiuti industriali finora riscontrato in Sardegna.

In primo grado c’era stata la dura sentenza del 28 febbraio 2012 del Tribunale di Cagliari (G.I.P. Giovanni Massidda) al termine del processo con rito abbreviato nei confronti dei due dirigenti della Portovesme s.r.l.due anni e due mesi di reclusione per Maria Vittoria Asara e due anni e otto mesi di reclusione per Aldo Zucca1.800 euro per spese legali e separata liquidazione in sede civile per il risarcimento in favore delle parti civili.

Il Lo scorso secondo troncone del procedimento penale è davanti al Tribunale di Cagliari, Sez. II, in composizione monocratica (giudice Massimo Poddighe), nei confronti di Massimo Pistoia (amministratore unico della Tecnoscavi), Lamberto Barca (gestore della società Gap service s.r.l.), di Stefano PuggioniGiampaolo PuggioniLarbi El Oualladi (dipendenti della Tecnoscavi) e Danilo Baldini (socio e coordinatore dell’area chimico-analitica del laboratorio di analisi Tecnochem s.r.l.) e si è aperto  il 13 marzo 2012.

La prossima udienza è prevista per il 17 novembre 2014, con la requisitoria del pubblico ministero Daniele Caria.

Si ricorda che la Portovesme s.r.l. (gruppo Glencore) è stata più volte coinvolta nell’arrivo di fumi di acciaieria radioattivi in Sardegna.

In occasione di numerose udienze si sono svolti sit in promossi dal Comitato popolare Carlofortini preoccupati all’ingresso del Palazzo di Giustizia di Cagliari con le richieste di giustiziamonitoraggi ambientali e sanitarisalute pubblica.

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra – parti civili nel presente procedimento penale grazie al prezioso operato dell’avv. Lia Pacifico – esprimono un fortissimo auspicio per il raggiungimento di un pronunciamento definitivo in favore della giustizia, della salvaguardia ambientale, della tutela della salute pubblica e assegnano grande importanza alle conclusioni di questi procedimenti penali, i primi in Sardegna relativi a traffici illeciti di rifiuti di origine industriale di tali proporzioni.

Ora si attendono i pronunciamenti definitivi, importantissimi per il popolo inquinato, per l’ambiente, per la salute pubblica.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra

 

 

 

da La Nuova Sardegna, 16 ottobre 2014

Processo scorie a Portovesme, riformata la sentenza per due imputati.

La Corte di cassazione ha riformato in parte la sentenza d condanna per due degli imputati condannati in secondo grado col giudizio abbreviato per il traffico di rifiuti pericolosi da Portovesme a Cagliari, dove le scorie sono state usate per la pavimentazione di strade e del piazzale dell’ospedale oncologico Businco.

Aldo Zucca, responsabile del sistema gestione ambientale della Portovesme srl, era stato condannato a due anni e due mesi, mentre Maria Vittoria Asara, responsabile della gestione rifiuti, a un anno e dieci mesi: i giudici supremi di Roma hanno dichiarato prescritto un reato contravvenzionale e rinviato il processo a una nuova Corte d’Appello per l’esame dell’accusa di traffico di rifiuti pericolosi e la rideterminazione della pena per il reato di falso. Il prossimo 17 novembre il pm Daniele Caria farà le sue richieste nel processo ordinario agli altri quattro imputati.

 

 

 

(foto S.D., archivio GrIG)

 

 

  1. Capitonegatto
    ottobre 17, 2014 alle 9:10 am

    Domiciliari,patteggiamento, depenalizzazione falso in bilancio, leggi ad personam, cavillazioni,ecc,ecc. Il tutto per combattere meglio la corruzione e il mal’affare !!!
    Dulcis in fundo : chi ignora ( ma e’ furbo ) viene assolto !!!

  2. Shardana
    ottobre 17, 2014 alle 4:56 PM

    Infatti vedrai che gira che ti rigira l assolveranno……..il potere della chiesa è forte.Come faranno se arrestano il chierichetto eh!?!?!?!

  3. romano
    ottobre 18, 2014 alle 11:26 am

    io non riesco a capire giuridicamente:
    ” rinviando ad altra Sezione della Corte d’Appello per la rideterminazione della pena per il reato di falso e per l’esame dell’ipotesi accusatoria relativa al traffico illecito di rifiuti industriali.”
    Va bene riderminare la pena per reato di falso,ma perché bisogna riesaminare il reato di traffico illecito di rifiuti ?Il terzo grado dovrebbe solamente riguardare vizi di forma,il primo e il secondo l’hanno già provato inequivocabilmente !
    Perchè i potenti possono godere del quarto e quinto grado di giudizio e della prescrizione ?
    qwuesta domanda è retorica a differenza della precedente

    • ottobre 18, 2014 alle 11:44 am

      non lo so, Romano. Attendiamo le motivazioni della sentenza e poi vedremo quali argomentazioni migliori utilizzare nel successivo giudizio.

      Stefano Deliperi

  4. Shardana
    ottobre 18, 2014 alle 3:02 PM

    Perchè il sistema protegge i potenti che tengono sù il sistema.È normale, tutti mangiano dal vergognoso caso di smaltimento scorie in sardegna.Ne hanno del tempo a preoccuparsi i carlofortini…….Lolliri non si tocca

  5. novembre 1, 2014 alle 10:41 PM

    Chiedo a Stefano se il 17 novembre e’ importante essere davanti al tribunale per attirare ancora l’attenzione su questa farsa o e’inutile spreco di tempo ???

    • novembre 1, 2014 alle 11:07 PM

      è sempre importante: è un processo, non una farsa. Chiediamo giustizia per il popolo inquinato.

      Stefano Deliperi

  6. settembre 4, 2016 alle 10:36 PM

    quando la stessa “massima attenzione” per l’ambiente e la salute?

    A.N.S.A., 4 settembre 2016
    Spano, massima attenzione Portovesme srl.
    “Capienza discarica quasi al limite, al via approfondimenti”: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2016/09/03/spano-massima-attenzione-portovesme-srl_ca7060de-258b-4a59-b465-cdd3245345dd.html

  7. ottobre 25, 2016 alle 11:10 PM

    Delibera n. 57/17 del 25 ottobre 2016
    Realizzazione del IX argine e conseguente modifica della quantità massima abbancabile presso la discarica di Genna Luas della Portovesme S.r.l. ubicata nei territori dei Comuni di Iglesias e di Carbonia. Soggetto proponente: Portovesme Srl. Procedura di VIA. D.Lgs. n. 152/2006. (ancora non pubblicata sul sito web istituzionale della Regione autonoma della Sardegna).

    ——-

    da L’Unione Sarda, 25 ottobre 2016
    Portovesme srl, la Regione dice sì all’ampliamento della discarica: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/10/25/portovesme_srl_la_regione_dice_s_all_ampliamento_della_discarica-68-544287.html

  8. Srdn
    novembre 2, 2019 alle 10:42 am

    Buondi grig, cosa é successo a portovesme? Continuano a nascondere i veleni chei stanno uccidendo? Forti coni deboli e deboli e complici con i forti……..

  9. Srdn
    novembre 2, 2019 alle 3:39 PM

    Non so niente, ho visto il servizio ieri pranzando, a videolina e si parlava di un controllo dei carabinieri allarmati da un via vai di camion verso un capannone ad iglesias, dove un privato stoccava i famosi sacchi bianchi della porkovesmo perché non sapevano dove. metterli.

  10. Srdn
    novembre 4, 2019 alle 6:13 PM

    Quindi niente……….notizia oscurata, nessuna notizia sui quotidiani sardi. Ridateci Antony Muroni almeno ci teneva informati sui movimenti dei veleni i sardegna. Tra poco ci diranno che erano fertilizzanti per l’agricoltura biologica. Che bella cricca opera nel sulcis, dei veri intoccabili. Grazie grig…………

  11. Srdn
    novembre 4, 2019 alle 6:23 PM

    Speriamo anche che qualcuno ci informi, i silenzi sui veleni che circolano nel sulcis sono in odore di m…..

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: