Home > diritti civili, Italia, società > Dacci oggi il nostro Fatto quotidiano.

Dacci oggi il nostro Fatto quotidiano.


Furio Colombo

Furio Colombo

 

Alle volte sulla stampa, soprattutto in quella libera e senza padroni, quella che non ricevendo alcun finanziamento pubblico, tantomeno da gruppi industriali o imprenditoriali, quella che non sente il dovere o l’obbligo continuo di genuflettersi davanti al potente di turno, capita di leggere articoli che riconciliano con la parola scritta. Sul Fatto Quotidiano, quella che per molti giornali è un’eccezione, è invece la prassi, la normalità delle cose. Nelle 20 pagine di questo giornale si trova ogni giorno un intenso condensato di informazioni, inchieste, notizie ed opinioni in stretta connessione con il mondo del libero pensiero. 20 pagine potrebbero sembrare poche per 1 euro e 30 centesimi, in confronto alla assistita concorrenza editoriale, ma sono pagine intense, mai banali, e soprattutto scritte dalle menti più fulgide e indipendenti di questo Paese. Dentro queste pagine c’è talmente tanta roba che spesso non si riesce a leggere tutto in una giornata. Così qualcosa te la perdi o la salti volontariamente. E magari finisci per non leggere gli articoli delle ultime pagine. Errore clamoroso da non fare mai con il Fatto Quotidiano! Capita, infatti, che spesso proprio in penultima pagina si trovino articoli imprescindibili, roba da giornalismo di altissimo livello. L’ubicazione di tali articoli ovviamente non è punitiva nei confronti di chi scrive (o di chi legge, a seconda dei punti di vista), semplicemente è normale che su un quotidiano prima ci sia l’attualità, poi la politica e la società, ecc. La pagina 18 del Fatto è interamente dedicata alle opinioni di peso. Quelle che per l’autorevolezza dell’articolista o per l’importanza del contenuto meritano comunque uno spazio più esteso. Domenica 12 ottobre il Fatto ha ospitato un articolo di Furio Colombo, giornalista storico di cui non sempre condivido le idee, ma che rispetto per la sua indipendenza e onestà intellettuale. Le sue opinioni, infatti, non sono mai banali né asservite. Questo articolo per l’acutezza delle sue argomentazioni ritengo che meriti di essere riproposto a beneficio di coloro che se lo siano perso.

Bruno Caria

Amici della Terra

 

 

Il Fatto Quotidiano, logoda Il Fatto Quotidiano, 12 ottobre 2014

RENZI, IL NUOVO POTERE IN CAMICIA BIANCA.

C’è chi sa come stanno le cose. Non c’è ritorno. Gli uomini con la camicia bianca sono molto vicini al potere, e il potere è cambiato. Non vi starò a dire chi sposta i pezzi perché non lo so, ma i pezzi sono stati spostati. In pochissimo tempo siamo passati da una lotta politica interna a un partito, per il temporaneo controllo della segreteria, alla guida, ben ferma e non discutibile, di un partito-nazione che non ha e non accetta confini, non ha e non accetta dissenso, non ha e non accetta alternative. Questo nascente partito-nazione non è interessato ai confini istituzionali (se questo compito tocchi all’esecutivo oppure al Parlamento), non accetta e anzi ridicolizza confini ideologici (se questa sia o non sia sinistra). Quei limiti – e tutti i limiti – sono disprezzati con l’espediente di rovesciare la scena e trascinare la folla. Non sono io che travalico linee sacre. Ma sono io che, da solo, ho il coraggio di salvarvi e questo è il percorso.

Il dovere dell’obbedienza è implicito in questa formula di governo che tende a sbarazzarsi di inciampi e ribelli. Sembra chiaro che, in questa improvvisa e drammatica riorganizzazione di ciò che dobbiamo intendere per politica, non ci sono improvvisazioni. Ciascun designato sa qual è il compito e qual è il percorso e perché la scrupolosa osservanza, e non la competenza, è il requisito essenziale. Salvo che in strettissimi ambiti tecnici, la competenza è anzi considerata una distrazione o una ambizione che limita la fedeltà. Il patto è fra pochissimi, qualcosa come “la prima ora”. Altri, in numero destinato a essere crescente, seguono e seguiranno, ma destinati a restare sostenitori e seguito, più o meno ignoti, persino in Parlamento.
Ci sono ancora aree di disordine e zone di ribellione (stiamo parlando dell’interno dell’ex Pd). Quanto siano rare è un indizio che persino i presunti leader di alternative sanno, pur essendo stati tenuti fuori dal progetto, che non ci sono varchi possibili. Appaiono deboli (non tutti) perché si sono resi conto in ritardo che esclusione e inclusione non erano più materie trattabili.

Sappiamo poco del progetto, ma il progetto c’è. Per questo, assembramenti e manifestazioni di contrasto avvengono sempre in un vuoto che non ha conseguenze politiche. E questo è anche il rischio della “occupazione delle fabbriche” imprudentemente annunciato da Landini, sulla base di un altro tempo e un altro luogo. Direttori di giornali e capi azienda sono stati informati o cambiati, o arbitrariamente esclusi, suscitando furiose reazioni di alcuni nel vuoto che intanto si è creato intorno a loro. All’improvviso compaiono appelli su grandi giornali (“Noi sosteniamo Matteo Renzi”) firmati da nomi che sono o si considerano grandi. Meritano interesse per tre ragioni. La prima è che Matteo Renzi non era in pericolo e neppure in bilico, e dunque l’appello è un tributo, non un aiuto. La seconda ragione è l’uso di frasi come “andare avanti insieme a chi crede”, dove “credere” è la parola chiave, una parola di fede e sottomissione, non di politica; oppure: “sosteniamo la volontà (del premier, ndr) di non mollare”, invocazione che fa perno su “volontà” cioè la qualità superiore di chi si è messo alla guida. E dove “non mollare” annuncia rigetto (approvato dai firmatari) di ogni critica.

L’appello è importante perché ci dice con chiarezza che siamo nella fase in cui si aderisce, non più in quella in cui si partecipa alla fondazione. Potrai essere e sentirti dalla parte giusta. Ma sei tra quelli che seguono e si adeguano. Ci devono essere delle buone ragioni per farlo, anche se la maggior parte di noi non le conosce. Il renzismo infatti fa proseliti con molto successo in modo insolito, certo estraneo alla vita democratica. Non devi sapere, devi credere.

Intanto il sistema mediatico, soprattutto visivo, tempestivamente coinvolto e debole di natura, ha messo a disposizione una immensa quantità di notizie, di diretta e in replica, su una sola persona, che provvede a coprire tutte le funzioni di governo in Italia e all’estero, malamente compreso nella lingua, ma perfettamente chiaro nel gesto esclusivo di contare e di comandare senza alcuna forma di opposizione. Anzi, una efficace trovata del leader è di essersi impossessato del linguaggio della ex opposizione. Lui è “contro”, ed è in questa titanica impresa che bisogna credere, e da cui viene la “volontà di non mollare”. Tutto ciò non è tipico di chi gestisce il potere, ma di chi sta radunando masse fedeli per dare l’assalto finale alla fortezza.

Però il fervore apparentemente improvvisato dei discorsi copre ordine e ridistribuzione dei pezzi del gioco fatta per tempo, non sappiamo da chi e di cui non sappiamo il fine ultimo, che non è il potere personale. Renzi non è Attila, è un professionista in missione. Pare bravo, ma ha il grande vantaggio di giocare su un tavolo in cui gli altri si muovono alla cieca, perché tutto è già stato deciso prima. La storia è più semplice e più complicata di quel che sembra. Il fatto è che le prossime puntate sono già state filmate e certo non ti raccontano in anticipo come dovrebbe finire. Si, si può ancora fare qualcosa. Interrompere “la sceneggiata” (così il leader chiama l’opposizione in Parlamento) e fare lo sforzo che certe volte devi fare dormendo: svegliarti lottando contro lo stato di sonno. Fare ritorno alla normalità, fuori da un Truman Show già tutto serializzato.
Nei tristi filmati delle Camere vedi ancora facce vere, di vere persone (alcune stanno per essere cacciate dal Pd). Se si accostano (metti Casson e Di Maio) una vera resistenza è possibile. A volte, nella storia, ha portato liberazione.

 Furio Colombo

 

 

Roma, Pantheon

Roma, Pantheon

(foto da il Fatto Quotidiano, S.D., archivio GrIG)

  1. Ferruccio
    ottobre 18, 2014 alle 8:45 am

    Si, articolo molto bello e lucido, grazie!

  2. Genius Loci
    ottobre 18, 2014 alle 4:20 pm

    Concordo pienamente.
    Saltuariamente lo compro e volentieri lo leggo, per avere un'”altra” finestra critica sull’immondezzaio politico di questi ultimi tempi. Ho sempre apprezzato la stampa indipendente.

  3. Capitonegatto
    ottobre 18, 2014 alle 8:55 pm

    Marco Tarquinio a prima pagina , per ben due volte commentando articoli del fatto q. , li marchiava come “polemici”, altri sui predecessori a prima pagina radio rai 3, non lo rassegnavano nenneno, altri soli i titoli , ( mentre quasi tutti si dilungano su Giornale,Libero, Messagero, foglio ). Anche Santoro relega Travaglio a mezzanotte e senza tavolino, e se costui si lamenta di essere contestato da un giovincello (che poi platealmente annuiva alle parole di Burlando ), lo induce brutalmente a perdere le staffe ( giustamente ) e uscire dallo studio !!!
    Tutti nel fatto quotidiano fanno un lavoro egregio , e se non ci fossero loro molte magagne di questo paese non le sapremmo. Ben vengano dieci , cento Travaglio , Scanzi ,Padellaro e tanti altri.

  4. Lucia
    ottobre 20, 2014 alle 9:57 am

    Grandi GrIG!!! Anch’io acquisto Il Fatto Quotidiano ed è l’unico quotidiano di cui si legge TUTTO! Hanno un sito fortissimo e fanno tutti un ottimo lavoro, chiaro, pulito, scevro da condizionamenti e sincero.
    Grazie GrIG e grazie IFQ!!!

  5. mara
    ottobre 20, 2014 alle 7:14 pm

    Leggo ogni giorno il FQ sul web da quando è apparso, il primo anno ero anche abbonata, poi ho lasciato per questione di soldini. E’ per ora l’unico giornale “onesto”, e lo dico con molto rammarico per la pessima qualità attuale del Corriere della Sera, l’ex più importante quotidiano d’Italia che ora dà spazio alle bugie di Pigi Battista, e non solo. Che peccato..
    Marco Travaglio & Co. stanno facendo un ottimo lavoro, anche se pure loro non sono scevri da partigianerie.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: