Uccidere le spiagge per la propria avidità.


Stintino, spiaggia il Gabbiano, cartello di sequestro preventivo (maggio 2020)

Emblematico episodio di avidità e cialtronaggine illecita ai danni dell’ambiente e dei beni demaniali quello accertato dai Carabinieri e posto sotto sequestro dalla Magistratura sassarese sul litorale di Stintino.

Un imprenditore turistico, titolare di concessione demaniale marittima sulla spiaggia del Gabbiano, contigua alla spiaggia della Pelosa, ha pensato bene di inventarsi un po’ di spazio in più dove sistemare ombrelloni e sdraio da affittare a caro prezzo effettuando un ripascimento con sabbia di ignota provenienza e accertata incompatibilità senza alcuna autorizzazione.

Oltre alle sanzioni penali e amministrative del caso, nonché il ripristino ambientale, la decadenza immediata dalla concessione demaniale marittima dovrebbe essere d’obbligo.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Giglio di mare (Pancratium maritimum)

da La Nuova Sardegna, 23 maggio 2020

Ripascimento non autorizzato vicino alla Pelosa: sigilli in spiaggia e denuncia per un 43enne di Porto Torres.

Deturpamento di bellezze naturali l’accusa per il concessionario di uno stabilimento balneare.

STINTINO. I carabinieri della stazione di Stintino e della compagnia di Porto Torres hanno messo i sigilli a un tratto di arenile accanto alla spiaggia della Pelosa e in concessione a uno stabilimento privato. Il titolare – un imprenditore di 43 anni di Porto Torres – è stato denunciato per il reato di deturpamento di bellezze naturali.

Secondo quanto accertato dai carabinieri, nella giornata di ieri 22 maggio nel tratto di arenile sono stati eseguiti lavori con l’impiego di mezzi meccanici per una operazione di ripascimento e il conferimento di nuova sabbia (con tipologia non compatibile) e in assenza delle relative autorizzazioni della Tutela del paesaggio e del Demanio. Sono in corso le indagini per accertare eventuali ulteriori responsabilità e il coinvolgimento di altre persone.

Mare

da L’Unione Sarda, 23 maggio 2020

SOTTO SEQUESTRO. Stintino, sigilli allo stabilimento balneare Il Gabbiano.

Con mezzi meccanici era stata cosparsa la sabbia prelevata da altri lidi per estendere il tratto di sabbia. (Mariangela Pala)

Sigilli allo stabilimento balneare Il Gabbiano, lungo la spiaggia La Pelosa a Stintino.

I carabinieri della stazione locale hanno messo sotto sequestro un’area di 256 metri quadri nel litorale il Gabbiano, a causa di un ripascimento abusivo del tratto sabbioso realizzato allo scopo di ampliare l’area destinata al posizionamento di ombrelloni e sdraio.

Con mezzi meccanici era stata cosparsa la sabbia prelevata da altri lidi per estendere il tratto di sabbia. Denunciato all’Autorità giudiziaria il titolare, originario di Porto Torres, amministratore della società che gestisce il complesso di Roccaruja con ristorante, albergo e stabilimento Il Gabbiano..

E’ accusato di modifica dello stato dei luoghi sottoposti a tutela e deturpamento di bellezze naturali.

Sono in corso le indagini dei carabinieri della stazione di Stintino in collaborazione con i colleghi della compagnia di Porto Torres per individuare la provenienza del materiale sabbioso.

Ripascimento abusivo lungo La Pelosa: “Pronti a revocare la concessione”. Le parole del sindaco di Stintino, Antonio Diana.

cerchi nella sabbia

(foto da La Nuova Sardegna, S.D., archivio GrIG)

  1. G.Maiuscolo
    maggio 25, 2020 alle 8:58 am

    (…)” Emblematico episodio di avidità e cialtronaggine illecita ai danni dell’ambiente e dei beni demaniali quello accertato dai Carabinieri e posto sotto sequestro dalla Magistratura sassarese”.
    (…) “Oltre alle sanzioni penali e amministrative del caso, nonché il ripristino ambientale, la decadenza immediata dalla concessione demaniale marittima dovrebbe essere d’obbligo.”
    Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

    DOVREBBE? Nossignori. Non il modo condizionale ma l’INDICATIVO: il modo della contemporaneità e della REALTA’.

    Ma chi ni è custu? ( Ma chi è costui?).

    Ecco come ci si comporta nella nostra bella TERRA; ognuno fa e disfa, come caspita gli pare e piace; invece così non si fa! Noooooooooooooooooooo.

    Cordialità e buon lunedì a tutti

  2. capitonegatto
    maggio 25, 2020 alle 9:02 am

    E questo sarebbe un imprenditore ? Meglio definirlo prenditore, gente che vuole fare soldi senza avere ne parte ne arte, ma solo furbizia , che in questo caso si e’ dimostrata inutile e idiota. Gli si dovrebbe togliere la concessione a vita.

  3. Patrizia
    maggio 25, 2020 alle 4:02 pm

    Vergognoso, non gli bastava la concessione ? E che molta gente pensa che tutto sia a proprio uso e consumo. Spero che gli venga revocata la concessione, non è capace di gestirla.

  4. Miriana
    maggio 25, 2020 alle 9:20 pm

    Abominio. A questo non andrebbe revocata solo la concessione, ma tutti i guadagni accumulati maltrattando l’ambiente.

    Una domanda sorge spontanea, no? Nessuno si è accorto del ripascimento quando era in corso d’opera? Che si tenti la strada della sanatoria?

    L’aspetto più triste della vicenda è che per questi reati nessuno finisce in galera, e che ci saranno avvocati pronti a difendere questo “prenditore”, come lo ha chiamato capitonegat

  5. Srdn
    maggio 26, 2020 alle 6:41 pm

    Premesso che non ci sono parole all’ennesimo atto vandalico ai danni del patrimonio comune, ma qual’é la differenza tra le altre ruspe che abbiamo visto in azione in questo periodo sulle spiagge sarde? I danni al patrimonio naturalistico, storico e ambientale sardo sono allarmanti, non é piú tempo di lasciare agire indisturbati questi devastatori,che in nome di una concessione diventano padroni anche nel decidere l’operato da seguire, in totale tranquillità. La storia é sempre la stessa sembra impossibile ma in sardegna………. se pò fa se pò fa

  6. maggio 27, 2020 alle 10:45 am

    da La Nuova Sardegna, 27 maggio 2020
    Sopralluogo del Comune nella concessione messa sotto sequestro da sabato.
    Gabbiano, si valutano i danni alle dune.

    STINTINO. Sopralluogo congiunto ieri mattina dell’ufficio tecnico comunale e della polizia municipale nella spiaggia del Gabbiano, da sabato sotto sequestro per un ripascimento non autorizzato dell’arenile, fatto usando sabbia presumibilmente arrivata da una cava, senza l’autorizzazione né dal Comune, né dalla Tutela del paesaggio e neppure dall’ufficio del Demanio. I tecnici del Comune vogliono infatti verificare, tramite anche rilievi topografici, l’eventuale danno nel sistema dunale della zona, per valutare se siano necessari interventi per il ripristino e, in caso di dolo confermato, se si possa procedere a una revoca della concessione, con il Comune che sarebbe delegato dal Demanio regionale a farlo.Prosegue nel mente l’indagine giudiziaria. I carabinieri della Stazione di Stintino in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Porto Torres hanno messo i sigilli nell’area di 256 metri quadri nella parte iniziale della Pelosa, e denunciato il titolare dello stabilimento, un imprenditore di 43 anni di Porto Torres, che dovrà rispondere dei reati di modifica dello stato dei luoghi sottoposti a tutela e deturpamento di bellezze naturali. Secondo gli accertamenti dei militari dell’Arma, avrebbe usato sabbia di cava per ampliare il tratto della Pelosa, spiaggia-gioiello super protetta, destinato a ombrelloni e sdraio, trasportandola con mezzi pesanti di cui i militari hanno trovato le tracce. Prima del lockdown il Comune di Stintino aveva già denunciato il 43enne per aver trasformato un chiosco in legno in una struttura fissa, poggiata sul cemento, senza l’autorizzazione del Demanio.

  1. giugno 1, 2020 alle 10:36 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: