Home > "altri" animali, biodiversità, bracconaggio, difesa del territorio, società, sostenibilità ambientale > Un altro Lupo liberato presso il Ranch di Valentino Rossi.

Un altro Lupo liberato presso il Ranch di Valentino Rossi.


Tavullia, Lupo preso al laccio (3 maggio 2020 – foto Il Corriere Adriatico)

Sembra davvero incredibile, ma nel giro di pochissimi giorni dal ritrovamento del lupo intrappolato in un laccio e poi ribattezzato “Valentino” (30 aprile 2020), un secondo lupo è stato preso in trappola e liberato nella giornata del 3 maggio, sempre lungo la recinzione del Ranch di Valentino Rossi, in via delle Vigne a Tavullia, a soli 50 metri di distanza dall’ultimo salvataggio!

Stavolta si tratterebbe di una femmina, che è stata prontamente liberata dalla rete di guardie volontarie dell’associazione Foxes, che collabora con il CRAS della Regione Marche.

La lupa è gravemente ferita, a causa delle lesioni procurate dal laccio metallico, ma per fortuna non è in pericolo di vita, ed è stata anch’essa trasportata al Centro bolognese di Monte Adone, specializzato per la tutela della fauna selvatica e in particolare proprio per i lupi.

L’azione di un laccio di acciaio è micidiale – spiega il responsabile del Centro recupero animali selvatici, Angelo Giuliani – Come una morsa il gancio si stringe sempre di più mentre l’animale cerca di fuggire: è ovviamente un metodo di cattura del tutto illegale e di una crudeltà assoluta! Per questo abbiamo subito presentato una denuncia penale, aggravata dal fatto che è stato gravemente ferito un animale particolarmente protetto dalla legge. Ho personalmente denunciato il caso anche al CITES nazionale!”.

La cosa strana è che il ritrovamento sia avvenuto due volte a distanza di 48 ore e questo fa pensare a due ipotesi: se il laccio è “vecchio”, è molto probabile che lungo la recinzione della proprietà di Valentino Rossi ce ne siano altri e che non sia stata effettuata la bonifica di tutta l’area. Se invece il laccio è “nuovo”, allora ci troviamo di fronte ad un pericoloso delinquente e recidivo, dotato di grande senso di impunità e di sfregio per la legge e per la vita della fauna selvatica.

Lupo (Canis lupus, foto Raniero Massoli Novelli)

Diffusasi la notizia, anche lo zoologo Massimo Pandolfi è intervenuto per condannare l’atto efferato e per chiedere l’intervento deciso degli organi inquirenti: “Il posizionamento dei lacci non è una tecnica semplice per dei principianti – spiega lo zoologo -, chi la usa, sa bene quello che fa e conosce perfettamente anche l’alto rischio di morte che può causare”.

Come LAC, LAV, ENPA,  la Lupus in Fabula e GRIG, condanniamo fermamente questo ennesimo atto di vile bracconaggio nei confronti di un lupo (Canis lupus), una specie al vertice della piramide biologica tra i mammiferi e quindi un predatore indispensabile per il contenimento degli ungulati e in particolare dei cinghiali, loro preda naturale.

Una specie, quella del cinghiale, che proprio “grazie” all’attività venatoria, negli ultimi anni si è moltiplicata in modo esponenziale, diffondendosi su tutto il territorio nazionale.

 Chiediamo quindi agli inquirenti che le indagini si indirizzino verso quegli ambienti interessati al commercio clandestino dei cinghiali, perché è altamente probabile che quei lacci siano stati posizionati per catturare i cinghiali e che i lupi ci siano finiti proprio perché erano sulle loro tracce. Inoltre, chiediamo agli addetti alla sorveglianza del Ranch di Valentino Rossi di controllare lungo tutta la recinzione se siano stati collocati altri lacci o trappole, ed auspichiamo una ferma e decisa condanna da parte dello stesso Valentino Rossi per questi incivili atti di bracconaggio avvenuti nella sua proprietà.

Le nostre associazioni sono comunque pronte a costituirsi come parte civile nel processo a carico del bracconieri, nella eventualità, come speriamo, che essi vengano assicurati alla giustizia.

LAC MarcheLAV Marche – ENPA PesaroLa Lupus in FabulaGruppo d’Intervento Giuridico onlus Marche

Lupo europeo (Canis lupus)

(foto Il Corriere Adriatico, Raniero Massoli Novelli, S.D., archivio GrIG)

  1. G.Maiuscolo
    maggio 6, 2020 alle 9:55 am

    …”La cosa strana è che il ritrovamento sia avvenuto due volte a distanza di 48 ore e questo fa pensare a due ipotesi: se il laccio è “vecchio”, è molto probabile che lungo la recinzione della proprietà (…) ce ne siano altri e che non sia stata effettuata la bonifica di tutta l’area. Se invece il laccio è “nuovo”, allora ci troviamo di fronte ad un pericoloso delinquente e recidivo, dotato di grande senso di impunità e di sfregio per la legge e per la vita della fauna selvatica.
    (…) “Il posizionamento dei lacci non è una tecnica semplice per dei principianti – spiega lo zoologo -, chi la usa, sa bene quello che fa e conosce perfettamente anche l’alto rischio di morte che può causare”.
    Quindi trattasi di …”artigianato raffinato”… Però!

    LUPO, tieni duro e non lasciarti intimorire da questi altri animali spietati. Coraggio 💖

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: