A caccia dentro lo stagno di Mistras?


Falco pescatore (Pandion haliaetus, foto Iosto Doneddu)

Allo Stagno di Mistras, importantissima zona umida fra Oristano e Cabras, numerosi ornitologi intenti all’osservazione dell’avifauna selvatica, in particolare del raro Falco pescatore (Pandion haliaetus), all’imbrunire del 25 e del 26 novembre 2019 si sono trovati davanti a uno spettacolo non certo memorabile: da postazioni fisse e da barchini partiva una nutrita serie di fucilate per far fuori i Cormorani (Phalacrocorax carbo).

Non sarebbe stato presente personale del Corpo forestale e di vigilanza ambientale, come necessario nell’eventuale caso si trattasse di un piano di abbattimento controllato.

Cormorano (Phalacrocorax carbo)

Il risultato – oltre all’abbattimento di numerosi esemplari di Cormorano – sarebbero stati il palese disturbo e il precipitoso allontanamento di tutte l’avifauna selvatica presente, dai Fenicotteri al Falco pescatore, dai Limicoli agli Anatidi.

E questo in una zona umida d’importanza internazionale, in un sito di importanza comunitaria (S.I.C.), in una zona di protezione speciale (Z.P.S.) proprio per la rilevantissima presenza di avifauna selvatica protetta.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha, quindi, inviato (28 novembre 2019) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti al Ministero dell’Ambiente, al Servizio tutela della natura della Regione autonoma della Sardegna, all’I.S.P.R.A. e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale per verificare se tali battute di caccia – con quelle modalità – siano o meno autorizzate.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Fenicottero rosa (Phoenicopter roseus)

(foto Iosto Doneddu, S.D., archivio GrIG)

  1. donatella
    novembre 29, 2019 alle 1:15 am

    La gente è fuori di testa, deve essere l’inquinamento e il cambiamento climatico con il surriscaldamento della scatola cranica che fa friggere quel poco di corteccia cerebrale pensante residua…Mah!

  2. novembre 29, 2019 alle 3:05 pm

    da L’Unione Sarda, 28 novembre 2019
    Stagno di Mistras. Cabras: bacchettati i pescatori che abbattono i cormorani. (Sara Pinna): https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/oristano-provincia/2019/11/28/cabras-bacchettati-i-pescatori-che-abbattono-i-cormorani-136-958334.html

    ________________

    da Link Oristano, 28 novembre 2019
    Abbattimento dei cormorani a Mistras: esposto degli ambientalisti.
    Iniziativa del Gruppo di intervento giuridico: https://www.linkoristano.it/prima-categoria/2019/11/28/abbattimento-dei-cormorani-mistras-esposto-degli-ambientalisti/

    ________________

    da Cagliaripad, 28 novembre 2019
    Grig contro cacciatori di Cormorani: “Autorizzati a sparare dentro stagno di Mistras?”: https://www.cagliaripad.it/424775/grig-contro-cacciatori-di-cormorani-autorizzati-a-cacciare-dentro-stagno-di-mistras

    __________________

    da Buongiorno Alghero, 28 novembre 2019
    Nello stagno di Mistras si spara – Denuncia di GrlG: https://www.buongiornoalghero.it/contenuto/0/30/119948/nello-stagno-di-mistras-si-spara-denuncia-di-grlg

    ________________________

    da La Nuova Sardegna, 1 dicembre 2019
    Il Grig: «Caccia non autorizzata nella laguna di Mistras»: https://www.lanuovasardegna.it/oristano/cronaca/2019/11/30/news/il-grig-caccia-non-autorizzata-nella-laguna-di-mistras-1.38038536

  3. Mara machtub
    novembre 30, 2019 alle 3:58 pm

    In effetti i cormorani sono tantissimi, un vero problema. Ma penso che ci dovrebbero essere metodi più scientifici per regolarne il numero, senza distruggere il resto dell’avifauna.
    CHI è responsabile e deve prendere la decisione di abbattimento, non detta anche le regole?

  4. dicembre 3, 2019 alle 5:32 pm

    quindi si tratterebbe dell’ennesima “sparatoria” contro i Cormorani, che causa disastri per l’intera avifauna protetta e non risolve nulla?
    E quando sarebbe stata autorizzata?
    Che pena, come al solito i Cormorani sono il capro espiatorio di una pessima gestione degli stagni.

    da L’Unione Sarda, 3 dicembre 2019
    CABRAS. “Fate sparire i falchi”. “Pensate agli uccelli, ma non ai padri di famiglia”: scontro ambientalisti-pescatori.
    Botta e risposta al veleno tra Gruppo di intervento giuridico e il presidente del Consorzio. (Sara Pinna) https://www.unionesarda.it/articolo/news-sardegna/oristano-provincia/2019/12/03/fate-sparire-i-falchi-pensate-agli-uccelli-ma-non-ai-padri-di-fam-136-960349.html:

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: