Home > aree urbane, beni culturali, difesa del territorio, giustizia, grandi opere, paesaggio, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > Indagine giudiziaria sul nuovo stadio della Roma. E pare che sia solo l’inizio…

Indagine giudiziaria sul nuovo stadio della Roma. E pare che sia solo l’inizio…


Roma, Fiume Tevere

Roma, Fiume Tevere

Il 13 giugno 2018 la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma ha proceduto a nove arresti fra imprenditori, consulenti, amministratori pubblici nell’ambito di un’indagine incentrata sulla realizzazione del complesso progetto sportivo-direzionale-commerciale proposto dalla Eurnova s.r.l. del Gruppo Luca Parnasi denominato “nuovo stadio della Roma”, in località Tor di Valle, fra il Fiume Tevere e l’Ippodromo, chiuso nel 2013 proprio per dar luogo al nuovo progetto immobiliare.

Indagati numerosi altri politici, appartenenti a Forza Italia, al Partito Democratico, al Movimento 5 Stelle.

Le ipotesi di reato sono molto gravi e riguarderebbero – secondo notizie stampa – la modifica dell’originario progetto voluta dalla Giunta Raggi (M5S), un vero e proprio progetto immobiliare con la previsione del nuovo Stadio per la Roma.

Inascoltati esperti di urbanistica e pianificazione territoriale, in proposito l’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus aveva inoltrato (19 febbraio 2017) una specifica richiesta di informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti alle varie amministrazioni pubbliche competenti (Comune di Roma Capitale, Regione Lazio, Ministeri dell’Ambiente e per i Beni e Attività Culturali, Autorità di Bacino dei Tevere).

copia-di-ippodromo-tor-di-valle-map

Roma, Tor di Valle

Numerosi i punti contestati: l’area di Tor di Valle è parzialmente tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), nonché con vincolo di inedificabilità (fascia dei mt. 150 dalle sponde del Tevere, legge regionale Lazio n. 24/1998). Sono, inoltre, presenti tre casali storici tutelati con fascia di rispetto di mt. 50 (legge regionale Lazio n. 24/1998, legge regionale Lazio n. 27/2001), mentre il Fosso del Vallerano risulta zona a rischio idraulico R 3 – R 4 del piano di assetto idrogeologico (P.A.I.).  Sull’Ippodromo di Tor di Valle, progettato da Julio Lafuente e inaugurato nel 1959) l’anno scorso giorni la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per Roma aveva avviato il procedimento per la dichiarazione dell’interesse culturale (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.), poi finito nel nulla, non per caso.

Nel vigente piano regolatore generale (P.R.G.) di Roma Capitale l’area è classificata in gran parte verde privato attrezzato (art. 87 delle norme tecniche di attuazione del P.R.G.), quindi la realizzazione del progetto necessiterebbe di una variante per la quale è stata già avviata la procedura di valutazione ambientale strategica (V.A.S.).

Ma il mega-progetto dovrebbe esser assoggettato anche alle preventive procedure di valutazione di impatto ambientale, visto che cambierebbe radicalmente le caratteristiche dell’area e il preteso interesse pubblico – dichiarato già con la deliberazione Consiglio comunale di Roma Capitale n. 132 del 22 dicembre 2014 e poi rinnovato con la deliberazione del 14 giugno 2017 – in realtà appare molto labile.

Sarebbe molto più utile e valida, anche sul piano sportivo, una seria ristrutturazione quel gioiello architettonico per il calcio (progetto di Antonio Nervi e collaborazione di Pier Luigi Nervi) dello Stadio Flaminio, oggi in semi-abbandono.

E ora?

Non finisce certo qui, altro che approvazione definitiva della variante urbanistica entro un mese…

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

scelta_del_sito-1200x480

Roma, Tor di Valle, originario progetto nuovo Stadio della Roma, rendering progettuale

 

A.N.S.A., 14 giugno 2018

Stadio della Roma: nove arresti per corruzione.

 

Stadio Roma, congelato iter. Si dovrà verificare legittimità atti amministrativi.

Stadio Roma. Parnasi: “Mai commesso reati”. Indagato il sovrintendente Prosperetti.

 

da La Repubblica, 14 giugno 2018

Arresti Stadio Roma: Lanzalone si dimette, Prosperetti indagato. Parnasi: “Non ho mai commesso reati”. Le opposizioni chiedono a gran voce le dimissioni della prima cittadina che, nella vicenda, non ha responsabilità penale ma politica. Il Mibact dispone un’ispezione. (Federica Angeli, Rory Cappelli)

 

copia-di-ptpr-tav-b

Roma, Tor di Quinto, tavola P.T.P.R.

da Il Fatto Quotidiano, 13 giugno 2018

Stadio Roma, 9 arresti tra politici e imprenditori: anche Parnasi, Lanzalone (consulente M5s), Palozzi (Fi) e Civita (Pd).

È “una corruzione sistemica e pulviscolare” quella scoperta dalla procura capitolina. Il cuore dell’inchiesta è il cambio del progetto dell’impianto con il taglio delle cubature: l’immobiliarista avrebbe elargito soldi in contanti e promesse di assunzioni e consulenze come tangenti. “Spenderò qualche soldo per le elezioni”, dice intercettato. Indagato il capogruppo pentastellato in Campidoglio, che si è autospeso. Estranea la società sportiva, ma ipotesi stop a progetto. Pallotta: “Se così mi verrete a trovare in Usa”. Di Maio: “Allertati i probiviri. Chi sbaglia paga”. (Vincenzo Bisbiglia)

Soldi in contanti, fatture per operazioni inesistenti, assunzioni e consulenze. Sono le tangenti mosse per costruire il nuovo stadio della Roma calcio. È “una corruzione sistemica pulviscolare” quella scoperta dalla procura capitolina, che stamattina ha chiesto e ordinato l’arresto di nove persone. Le misure ordinate dal gip sono state eseguite dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale: per 6 indagati è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per 3 gli arresti domiciliari. Si tratta del vicepresidente del consiglio regionale, Adriano Palozzi (coordinatore Forza Italia nella provincia di Roma, finito ai domiciliari), l’imprenditore Luca Parnasi (in carcere), il presidente di Acea e consulente del M5s Luca Lanzalone (ai domiciliari), l’ex assessore regionale Michele Civita (del Pd, ai domiciliari). I reati contestati a vario titolo sono associazione a delinquere, corruzione, traffico di influenze, frodi fiscali, finanziamenti illeciti. Il capo politico del M5s, Luigi Di Maio ha annunciato di aver allertato i probiviri del Movimento: “Chi sbaglia paga”, ha detto.

Indagato anche capogruppo M5s – Sedici in totale gli indagati. Tra questi anche e il capogruppo degli M5s in Campidoglio, Paolo Ferrara – che si è autosospeso dal Movimento – il consigliere comunale di Forza ItaliaDavide Bordoni, il presidente dell’Ordine degli Avvocati romani, Mauro Vaglio, candidato non eletto dai pentastellati alle politiche. Estranea, invece, la società calcistica, come ha spiegato il procuratore aggiunto Paolo Ielo. “L’As Roma non c’entra nulla con l’inchiesta”, ha detto il magistrato che coordina l’indagine. “Non sappiamo ancora niente, abbiamo appreso questa mattina dalle agenzie”, è il commento del direttore generale della Roma Mauro Baldisoni.

Roma, Piazza del Popolo, la Sfinge

Roma, Piazza del Popolo, la Sfinge

Il cuore dell’inchiesta: il cambio del progetto  Nata da una costola dell’indagine sull’immobiliarista Sergio Scarpellini – che aveva portato all’arresto di Raffaele Marra, ex braccio destro della sindaca Virginia Raggi – al centro dell’inchiesta c’è la modifica del primo progetto dello stadio con una riduzione delle cubature degli immobili extra impianto sportivo e la cancellazione delle due torri del grattacelo. Figura fondamentale della ricostruzione dell’accusa è il costruttore Parnasi: i carabinieri hanno perquisito fino a tarda sera i locali della sue società. “Io spenderò qualche soldo sulle elezioni, che poi con Gianluca vedremo come vanno girati ufficialmente con i partiti politici eccetera. Anche questo è importante perché in questo momento noi ci giochiamo una fetta di credibilità per il futuro ed è un investimento che io devo fare”, diceva l’imprenditore titolare della Eurnova, la società di Parnasi che acquistò i terreni dell’ippodromo di Tor di Valle, dove dovrebbe sorgere la nuova struttura, dalla società Sais della famiglia Papalia. In un’altra conversazione, citata nelle oltre trecento pagine dell’ordinanza di custodia cautelare  firmata dal gip Maria Paola Tomasello, l’imprenditore avrebbe poi aggiunto che si trattava di un “investimento” “molto moderato rispetto a quanto facevo in passato quando ho speso cifre che manco te racconto però la sostanza che la mia forza è quella che alzo il telefono…”

A Lanzalone promesse di incarico da 100mila euro- Parnasi aveva promesso a Lanzalone promesse di consulenze per il suo studio legale pari a circa 100mila euro e aveva garantito il suo aiuto nella ricerca di una casa e di uno studio a Roma. Prima dell’indicazione per il vertice della municipalizzata dell’energia (di cui il comune detiene il 51%) era stato il consulente di fiducia del M5s   portare avanti una mediazione con l’amministrazione comunale e lo stesso Parnasi. Erano i primi mesi del 2017 e la mediazione aveva fatto sbloccare il progetto. Per la Regione si occupò della questione Michele Civita, allora assessore all’urbanistica, al quale il gruppo Parnasi aveva promesso l’assunzione del figlio in una delle sue società. Alle trattative con l’imprenditore aveva partecipato anche Ferrara: secondo l’accusa avrebbe ricevuto da Parnasi un progetto per la riqualificazione del lungomare di Ostia. Per l’attuale vicepresidente della Consiglio Regionale, Palozzi, l’imprenditore avrebbe erogato fatture per operazioni inesistenti pari a 25mila euro.

Roma, Colonna Traiana e Chiesa del SS. Nome di Maria al Foro Traiano

Roma, Colonna Traiana e Chiesa del SS. Nome di Maria al Foro Traiano

Gip: “Parnasi sostenne Roberta Lombardi” – Dall’ordinanza di custodia cautelare emerge come Parnasi si fosse speso per “un’attività di promozione in favore del candidato alla Regione Roberta Lombardi” al fine di ottenere “favori del mondo 5 Stelle“.  In questo modo “egli rafforza i suoi legami con Paolo Ferrara e con Marcello De Vito – scrive il gip -, che gli hanno avanzato tale richiesta in quanto ricoprono rilevanti incarichi nell’ambito dell’amministrazione capitolina. I due svolgono un ben preciso ruolo nell’approvazione nel progetto dello stadio”‘. L’imprenditore punta creare “presupposti per lo sviluppo di ulteriori progetti imprenditoriali, essendo la Lombardi, oltre che candidata alla Regione, personaggio di spicco dei 5 Stelle a livello nazionale e quindi destinata, in ipotesi di un successo elettorale della sua compagine nelle elezioni politiche a ricoprire ruoli decisionali nel nuovo assetto che si determinerà all’esito del voto”. In riferimento al ruolo di Ferrara, il gip spiega che questa richiesta fatta a Parnasi “così come quella di elaborazione di un progetto di restyling del Lungomare di Ostia, risponda all’esigenza di guadagnarsi consenso e credibilità, seppure non non nei confronti degli elettori, ma all’interno del Movimento”.

“Da Parnasi soldi a onlus vicina alla Lega”- Nelle carte dell’indagine spuntano anche 250mila euro che Parnasi, tramite una sua società, avrebbe dato all’associazione “Più Voci” considerata vicina alla Lega. In un’intercettazione il costruttore precisa che la dazione “non è stata fatta per Salvini” ma per creare “un sistema di imprenditori, appaltatori”. Parlando del versamento alla onlus spiega che “è una cosa fatta all’epoca quando io…creare un sistema di imprenditori, appaltatori ecc. Le ho fatte con Stefano Parisi, le ho fatte con Meloni”. Parlando dell’associazione, Parnasi la definisce “un comitato di professionisti di Milano, gente non legata a Salvini. Non è una roba della Lega Nord”. In particolare l’indagato Parnasi, intercettato al telefono, in riferimento a questa organizzazione afferma: “questa è un’Associazione – si legge nell’ordinanza del gip – che ha valorizzato non solo la Lega ma ha valorizzato Stefano Parisi tutto il centrodestra diciamo  a Milano ed è stato anche un veicolo con cui io mi sono accreditato in maniera importante no. Ho organizzato cene, ho portato imprenditori, ho fatto quello che, tu mi insegni, un ragazzo di 38 anni all’epoca doveva fare per crescere a Milano“. Sui finanziamenti ad associazioni da parte di Parnasi la procura dovrà valutare se ci sono profili di natura penale. “Chi stava lavorando allo stadio della Roma ed è stato arrestato lo conosco personalmente come una persona perbene ma ora è nelle patrie galere. Non si conosce fino in fondo la gente, ma spero che possa dimostrare la sua innocenza”, ha commentato già in mattinata il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

roma-giardino-pubblico-quirinale

Roma, giardino pubblico (Rione Quirinale)

Ipotesi stop a progetto.  Pallotta: “Se così verrete a Boston”- E anche se la sindaca Virginia Raggi – che è totalmente estranea alle indagini – ha espresso speranza sul fatto che il progetto dello stadio possa andare avanti, l’inchiesta potrebbe portare allo stop della nuova opera. Proprio ieri era scaduto il termine per presentare le osservazioni al progetto e si era fissata la scadenza per le controdeduzioni per le quali è stato dato un tempo di 30 giorni. A metà luglio sarebbe prevista la delibera col progetto variato da inviare alla Regione Lazio per l’ok definitivo. “La Roma non fatto nulla di male, siamo stati trasparenti: non vedo perchè il progetto stadio si debba fermare, tutti lo vogliono e si deve andare avanti. Risolveremo tutto”, ha detto il presidente della società calcistica James Pallotta. “Se ho sentito Parnasi? Non credo che in cella si possano usare i telefonini. Cosa succede se l’inchiesta fermerà il progetto stadio? Vorrà dire che verrete a trovarmi a Boston..”.tadio Roma, Raggi: “Chi ha sbagliato pagherà. Spero che il progetto vada avanti”

Di Maio: “Contattato i probiviri del Movimento –“Ho contattato subito i probiviri del Movimento e ho detto subito di accertare tutto quello che c’è sulle persone che potrebbero essere coinvolte in questa cosa. E, per quanto mi riguarda, come abbiamo sempre dimostrato, chi sbaglia paga. E mi permetto di dire che se le accuse verso queste persone, non solo del Movimento ma in generale, dovessero esser provate, questo dimostrerebbe come la gente si rovina la vita pur avendo delle posizioni di tutto rispetto”, è il commento di Di Maio.

“Noi aspettiamo di leggere le carte sappiamo. Al momento non esprimiamo alcun giudizio. Progetto va avanti? Se tutto è regolare spero di sì. Chi ha sbagliato pagherà, noi stiamo dalla parte della legalità”, ha commentato la prima cittadina Raggi. “Per quanto riguarda l’indagine siamo molto preoccupati ma non ho informazioni per poterla commentare”, ha detto su Radio Anch’io il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli. “Voglio solo ribadire – spiega il ministro – la battaglia che M5s ha fatto, per evitare che la colata di cemento che doveva cadere a norma del primo progetto del Partito democratico di cui lo stadio era la minima parte è stata enormemente limitata e questo è un successo”.  “Lanzalone lo conosco perché è stato un consulente apprezzato in varie fasi delle nostre attività politiche. Non sono mai contento quando una persona in sé viene indagata, ma se qualcuno ha sbagliato è giusto che ne risponda”, dice Riccardo Fraccaro, Ministro dei Rapporti con il Parlamento. “Dobbiamo però capire – aggiunge il ministro – quali sono i motivi degli arresti. Solamente dopo un’analisi attenta si potranno esprimere dei commenti sensati, Ovviamente se qualcuno ha voluto fare il furbo io sono contento che una magistratura sia intervenuta”.

Milano, Galleria del Corso

Milano, Galleria Vittorio Emanuele

Offerta casa ad assessore Milano: “Mi spiace qui non usa” – Dalle carte dell’inchiesta, emerge poi come Parnasi puntasse a esportare il suo sistema corruttivo a Milano. Il gruppo imprenditoriale puntò a corrompere l’assessore all’urbanistica di Milano, Pierfrancesco Maran, proponendogli l’acquisto di una casa. Un tentativo caduto nel vuoto perché Maran respinse la “proposta in modo sdegnato”. In una intercettazione gli uomini del gruppo Parnasi dicono: “Siamo andati a parlare con l’assessore Maran, gli abbiamo proposto un appartamento ma lui ha risposto di no dicendo che qua funziona così. Qua se tu mi dici che la cosa la riesci a fare è perchè la puoi fare e lui non voleva prendere per il culo chi lo ha votato. Abbiamo fatto una brutta figura, sembravamo i romani dei film quando vanno a Milano”.

Sullo stadio già aperta un’altra inchiesta – Sono due, dunque, i procedimenti giudiziari che riguardano il nuovo stadio della Roma che dovrebbe sorgere nell’area dell’ex ippodromo di Tor di Valle. Oltre all’indagine di oggi, affidata dal procuratore aggiunto Ielo al sostituto Barbara Zuin, un altro procedimento, coordinato dal pm Mario Dovinola, è già approdato al dibattimento. Si tratta dell’indagine sui terreni per bancarotta per distrazione e omesso pagamento dell’Iva. Per questi reati sono stati rinviati a giudizio quattro ex amministratori della Sais, società della famiglia Papalia già proprietaria dell’area sul quale dovrebbe sorgere lo stadio, e della “Ippodromo di Tor di Valle”, società che gestiva l’impianto. Il processo si sta svolgendo davanti ai giudici della nona sezione penale.  Secondo la procura, il contratto di affitto del terreno fu oggetto di una serie di distrazioni da parte della società locataria, in danno dei creditori delle due società, poi fallite. Sotto processo sono finiti gli imprenditori Gaetano e Umberto Papalia, già presidente e componente del cda della Ippodromo Tor di Valle, costituita nel 2008 per la gestione del galoppatoio e fallita nel giugno 2013, nonchè soci e detentori del capitale della Sais (fallita nel 2014); inoltre Umberto Ciccozzi, liquidatore della Ippodromo Tor di Valle, e Michele Saggese, ex amministratore unico della Sais.

 

da Il Fatto Quotidiano, 14 giugno 2018

Roma, Piazza Navona

Roma, Piazza Navona

Stadio Roma, nelle carte il ruolo di Parnasi: “Forte credibilità con il M5s e la cortesia al politico Pd. Ho lista di tutti i partiti”.

Stadio Roma, chi è Luca Lanzalone: il consulente del M5s che risolveva problemi adesso è finito ai domiciliari.

Stadio Roma. L’ultima cena con il consulente Lanzalone che imbarazza Casaleggio. A tavola, Martedi il patron del portale Rousseau ha incontrato il legale. E si è parlato anche di nomine. (Luca De Carolis)

Stadio della Roma, Lanzalone si dimette da presidente Acea dopo gli arresti. Conte: “Corruzione è problema nazionale”.

Stadio Roma, indagato il soprintendente Prosperetti: sua la “mossa strategica” per togliere il vincolo sulle tribune.  Secondo i pm di Piazzale Clodio, il titolare della Soprintendenza speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Capitale era stato agganciato dall’avvocato  Claudio Santini di concerto con uno dei dirigenti di Eurnova, Luca Caporilli,  e con l’architetto  Paolo Desideri (non indagato), socio e procuratore dello studio per il quale lavora Beatrice, figlia del soprintendente. (Vincenzo Bisbiglia)

 

GLI INDAGATI – SOTTO INCHIESTA ANCHE IL CAPOGRUPPO M5S, CHE SI È AUTOSOSPESO

GLI ARRESTATI – IL POLITICO DI FORZA ITALIA E L’ASSESSORE DI ZINGARETTI: CHI SONO

LE TANGENTI – A LANZALONE INCARICO DA 100MILA EURO. A FERRARA PROGETTO SU OSTIA

“LA FIGURA DEI ROMANI NEI FILM” – L’ASSESSORE MARAN RIFIUTÒ UNA CASA: “QUI NON SI USA”

LUIGI DI MAIO: “GIÀ ALLERTATI I PROBIVIRI. CHI SBAGLIA PAGA”

 

 

Roma, Corte di cassazione

Roma, Corte di cassazione

(rendering progettuali, foto S.D., archivio GrIG)

 

Annunci
  1. Porico
    giugno 15, 2018 alle 11:02 am

    Mattone selvaggio, origine e causa dello sfaldamento morale e economico dell’ex Italia.

  2. capitonegatto
    giugno 15, 2018 alle 1:00 pm

    La sindaca dice di non avere mezzi di controllo, l’ente anticorruzione si ferma a un certo livello di mera verifica delle autorizzazioni. !! Ma allora perche’ non designare un solo e unico responsabile che abbia il potere di controllare tutto, e che ne risponda senza se e senza ma. ? Altro che togliere spesometro, redditometro, galantuometro !!

  3. giugno 15, 2018 alle 2:58 pm

    A.N.S.A., 15 giugno 2018
    Stadio Roma: stampa, cena Lanzalone-Parnasi-Giorgetti. Il 12 marzo. Per Corriere, Stampa e Messaggero, Malagò indagato: http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2018/06/15/stadio-roma-stampa-cena-lanzalone-parnasi-giorgetti_ca7b1fcf-6ab8-4e17-9873-2368e9e50242.html

    ____________________________________

    da La Stampa, 15 giugno 2018
    “Il governo? Lo faccio io”. Il sistema Parnasi e quella cena con Giorgetti.
    Nell’inchiesta sullo stadio gli scambi di favori tra il costruttore e Lanzalone. “Io parlo direttamente con Salvini”. “E io sento Di Maio tre volte al giorno”. (Francesco Grignetti, Edoardo Izzo): http://www.lastampa.it/2018/06/15/italia/il-governo-lo-faccio-io-le-manovre-di-parnasi-e-quella-cena-con-giorgetti-HTovg1d9rwkgD5UjnbR2lI/pagina.html

    ____________________________

    da Il Fatto Quotidiano, 14 giugno 2018
    Stadio Roma, l’Assemblea congela il progetto: “Venuto meno rapporto fiduciario con Parnasi”.
    La decisione del Comune di Roma arriva negli stessi minuti in cui anche il ministro ai Beni culturali e turismo, Alberto Ambrosoli, appresa l’indagine sul Soprintendente Francesco Prosperetti, ha avviato una “procedura ispettiva volta a verificare la linearità dell’azione di competenza degli organi periferici deputati alla tutela degli specifici interessi pubblici governati da questa amministrazione”. (Vincenzo Bisbiglia): https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/14/stadio-roma-lassemblea-congela-il-progetto-venuto-meno-rapporto-fiduciario-con-parnasi/4428177/

    ____________________________________

    da Tiscali Notizie, 15 giugno 2018
    Dal Pd a Fratelli d’Italia, ecco la lista di Parnasi. “Ho pagato tutti, anche i 5 Stelle”. L’elenco dei nomi.
    Il costruttore romano, arrestato per corruzione, ha tenuto un rendiconto dei pagamenti effettuati. Ci sono dentro tutti, da Fi a Fdi passando per i 5 Stelle e arrivando al Pd. Nelle intercettazioni si parla di “falsificare la documentazione per arretrare la donazione alla Lega”. Raggi chiama in causa Di Maio, Fraccaro e Bonafede: “Sono stati loro ad impormi Lanzalone”. La procura precisa che “alcuni finanziamenti sono leciti, altri illeciti, altri ancora da verificare”. Il governo Lega-5Stelle? “Un grande rapporto”. Oggi gli interrogatori: http://notizie.tiscali.it/politica/articoli/parnqasi-paga-tutti/

  4. giugno 15, 2018 alle 3:05 pm

    dal blog del Forum Salviamo il Paesaggio, 14 giugno 2018
    Indagine giudiziaria sul nuovo stadio della Roma. E pare che sia solo l’inizio… http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2018/06/indagine-giudiziaria-sul-nuovo-stadio-della-roma-e-pare-che-sia-solo-linizio/

    __________________

    dal blog di VAS onlus, 15 giugno 2018
    Indagine giudiziaria sul nuovo stadio della Roma. E pare che sia solo l’inizio… http://www.vasonlus.it/?p=63643

  5. giugno 15, 2018 alle 10:17 pm

    A.N.S.A., 15 giugno 2018
    Stadio Roma, Raggi ai pm: ì’Lanzalone presentato da Bonafede e Fraccaro’.
    L’ex presidente di Acea: ‘Mai commesso illeciti’. Parnasi: ‘Nessun asset corruttivo’: http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2018/06/15/stadio-roma-stampa-cena-lanzalone-parnasi-giorgetti_ca7b1fcf-6ab8-4e17-9873-2368e9e50242.html

    ______________________

    da Il Fatto Quotidiano, 15 giugno 2018
    Stadio della Roma, tutte le trame (e gli uomini) di Parnasi e il sogno della maxi plusvalenza da 160 milioni di euro.
    Una volta portato a termine l’iter per la variante urbanistica, secondo i pm l’imprenditore avrebbe venduto le aeree (acquistate per 42 milioni) al fondo immobiliare Dea Capital Real Estate Sgr, con cui c’era una trattativa in corso per ben 200 milioni. A leggere le carte, per concludere l’affare l’immobiliarista stava spendendo tutte le sue energie, economiche, relazionali e – secondo la Procura – corruttive. Ecco il disegno, i protagonisti e gli interessi del sistema. (Vincenzo Bisbiglia): https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/15/stadio-della-roma-tutte-le-trame-e-gli-uomini-di-parnasi-e-il-sogno-della-maxi-plusvalenza-da-160-milioni-di-euro/4429492/

  6. giugno 16, 2018 alle 7:50 pm

    da Il Manifesto, 14 giugno 2018
    A Roma si erano accesi tutti gli allarmi ma nessuno ha voluto vedere. (Paolo Berdini, ex assessore all’urbanistica della Giunta Raggi)

    Evidentemente la capitale d’Italia non riesce a far tesoro degli scandali degli ultimi anni, quelli che hanno svelato una città dominata da un mondo affaristico-malavitoso capace di mettere la politica alle proprie dipendenze.
    Era il 2 dicembre del 2014 quando prese il via l’inchiesta “mondo di mezzo” che azzerò la classe politica al governo della città. Imprese e cooperative colluse con la malavita per l’accaparramento di funzioni fino a pochi anni prima svolte egregiamente dalle amministrazioni pubbliche.

    Il sistema degli appalti fu sottoposto ad una profonda verifica, anche grazie all’Anac di Cantone. E fu sempre in risposta alla domanda di trasparenza e onestà che nel giugno 2016 Roma affidò ai 5Stelle e a Virginia Raggi le chiavi del governo della città.
    La nuova giunta si era dunque affermata per porre in essere una profonda discontinuità di metodo e di contenuti.

    In quello stesso periodo, il governo delle città, la vera radice di tutti i mali italiani, non fu però sottoposto ad identica attenzione. Anzi.
    Oggi i «piani casa» di ogni regione permettono di demolire e ricostruire immobili, anche in zone di pregio storico e ambientale, con notevoli incrementi di volumetrie. Le coste italiane, e perfino quartieri bellissimi come quello di corso Trieste a Roma, sono stati aggrediti dalla eterna speculazione immobiliare.
    Alla Camera dei deputati è stata fortunatamente bloccata una legge di cosiddetta rigenerazione urbana che avrebbe permesso alla proprietà fondiaria di intervenire ulteriormente senza alcuna regola.

    Ma identica filosofia è contenuta nella recente legge urbanistica della regione Emilia Romagna, nella legge della rigenerazione urbana del Lazio e nella proposta di legge che l’attuale giunta regionale dell’Abruzzo vuole approvare ad ogni costo.
    Si continua a pensare che solo la cancellazione del governo pubblico sia l’obiettivo da raggiungere.

    A ROMA, I SEGNALI che sull’urbanistica si sarebbero dovuti accendere i fari dell’attenzione erano stati molto espliciti.
    Il 16 dicembre 2016 viene arrestato Raffaele Marra, potente braccio destro del sindaco Raggi.
    Narrano le cronache che nel suo appartamento furono trovate alcune pratiche urbanistiche che avrebbero dovuto essere ospitate nell’assessorato che dirigevo.

    L’urbanistica mette in moto interessi così giganteschi che la trasparenza dà fastidio a chi ha il potere economico – fondiario ed è molto meglio lasciare tutto nell’ombra di oscure trattative.
    In poco tempo, anche grazie al “commissariamento” della Raggi imposto da Di Maio attraverso due uomini di sua fiducia (i deputati -oggi ministri- Fraccaro e Bonafede), l’urbanistica romana è tornata nel porto delle nebbie e nella continuità con le precedenti amministrazioni comunali.

    La vicenda dello Stadio della Roma sta tutta in questa forbice con l’esigenza di trasparenza e di moralità che la giunta Raggi aveva promesso ad una città che sperava in un cambiamento radicale.
    La stessa Raggi, ad esempio, aveva condotto una limpida battaglia contro la decisione del sindaco Marino di costruire lo stadio a Tor di Valle, salvo poi cambiare punto di vista e annullare tutto il lavoro di recupero di trasparenza e legalità che, durante il mio impegno nella giunta capitolina, avevo impostato.
    Del resto, nelle trattative oscure con la proprietà fondiaria non servono assessori competenti, servono mediatori e affaristi.

    MA LA VICENDA STADIO non è la sola. Ad Ostia, sciolta per mafia, nonostante due anni e mezzo di commissariamento è stata approvata solo una bozza di piano degli arenili che lascia in mano al potente partito dei balneari il destino del litorale.
    Del resto, le meritorie demolizioni degli abusi iniziate per merito dell’allora commissario al litorale, il magistrato Sabella, sono state abbandonate.
    Il settore del commercio ambulante è stato riportato indietro rispetto alle politiche di Ignazio Marino.

    La rete delle esperienze sociali che tengono viva la città, come la Casa internazionale delle Donne, sono ignorate e rischiano lo sgombero.
    Sulla fame di case pubbliche non si è fatto nulla e continuano le dolorose occupazione da parte della città dei poveri.

    Sull’area pubblica dei Mercati generali di Ostiense si vuole approvare un progetto che prevede il verde per gli abitanti di quel quartiere, del tutto privo di parchi, ubicato a venticinque chilometri di distanza.
    Dalla svolta urbanistica siamo tornati agli orrori dell’urbanistica contrattata.

    E’ sul tradimento delle speranze per una città migliore che doveva guardare ai bisogni delle periferie e non agli affari, che dovremmo portare la discussione.
    E’ infatti indubbio che questo ennesimo grave colpo d’immagine della capitale potrà provocare disorientamento e ulteriore distacco dalla partecipazione politica.
    Per riportare la capitale degli scandali urbanistici ad avere fiducia nel futuro è necessario un progetto di città che sappia mettere per sempre in soffitta affaristi e politica succube.

    E’ solo con una profonda svolta etica verso la città intesa come bene comune che potremo ricostruire il futuro di Roma e delle nostre città.

    _______________________________

    dal blog di Salviamo il Paesaggio, 13 giugno 2018
    Osservazioni alla variante al PRG per il nuovo Stadio della Roma: http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2018/06/osservazioni-alla-variante-al-prg-di-roma-per-il-nuovo-stadio-della-roma/

  7. giugno 17, 2018 alle 12:50 pm

    A.N.S.A., 17 giugno 2018
    Stadio Roma: Lanzalone puntava ad entrare nella vicenda Atac.
    A comizio Pomezia cori Onestà! Leader M5s non cita mai Salvini: http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2018/06/16/di-maio-inchiesta-stadio-roma-e-grande-equivoco-_e8e0b376-ec67-459a-ab63-3712adb35704.html

  8. giugno 17, 2018 alle 5:42 pm

    da Il Fatto Quotidiano, 17 giugno 2018
    Stadio della Roma, Casaleggio e la cena per caso con Lanzalone. Ma era evento organizzato dalla sua associazione.
    L’ultima sera – Il figlio del fondatore del M5s minimizza, ma l’incontro con l’avvocato era a una serata organizzata dalla Fondazione. (Luca De Carolis): https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/a-cena-per-caso-invece-era-per-rousseau/

    —————-

    Stadio della Roma, Nogarin: “Ma quale Grillo. Lanzalone è roba mia”.
    Filippo Nogarin – Il sindaco di Livorno: “Selezionai io il suo studio legale per risolvere la grana rifiuti”: https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/ma-quale-grillo-c-lanzalone-e-roba-mia/

    ______________________________________

    da La Stampa, 17 giugno 2018
    Stadio della Roma: le mail cancellate da Lanzalone, le fughe di notizie e quegli omissis che nascondono altri politici. (Edoardo Izzo): http://www.lastampa.it/2018/06/17/italia/stadio-della-roma-le-mail-cancellate-da-lanzalone-le-fughe-di-notizie-e-quegli-omissis-che-nascondono-altri-politici-XBTs9321k2YB9BBC7Z5JaJ/pagina.html

  9. giugno 18, 2018 alle 2:56 pm

    A.N.S.A., 18 giugno 2018
    Stadio Roma: Raggi convocata per la seconda volta da pm.
    Campidoglio, per ora nessuna irregolarità, se tutto corretto l’opera si farà: http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2018/06/17/stadio-roma-a-breve-deposito-nuove-carte-sistema-parnasi_d5c3e699-75c6-4bfe-a8a0-bb262b8dc868.html

    ___________________

    da Il Fatto Quotidiano, 18 giugno 2018
    Stadio della Roma, le email dell’assessore a Lanzalone che provano il suo ruolo di consulente del Campidoglio.
    L’avvocato veniva sempre informato delle decisioni che il Comune prendeva sul progetto. Nelle carte lo scambio con Montuori. (Marco Lillo, Valeria Pacelli): https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/stadio-della-roma-le-email-dellassessore-a-mr-wolf/

    ___________________

    Stadio Roma, il “sistema Parnasi”: soldi e favori leciti e illeciti a tutti i partiti. Che sarebbero rimasti ignoti senza l’indagine.
    La normativa sulla privacy contenuta dalla legge sul finanziamento alla politica, sommata alla possibilità data a fondazioni e onlus di non rendere noti i propri finanziatori, consente infatti di omettere i nomi dei sostenitori che non hanno rilasciato il consenso alla pubblicazione dei dati personali. Un vulnus pericoloso, che viene implicitamente sottolineato dall’indagine del procuratore aggiunto Paolo Ielo. Ecco tutte le elargizioni dell’imprenditore capitolino legittime e meno. (Giuseppe Pipitone): https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/18/stadio-roma-il-sistema-parnasi-soldi-e-favori-leciti-e-illeciti-a-tutti-i-partiti-che-sarebbero-rimasti-ignoti-senza-lindagine/4432395/

  10. giugno 18, 2018 alle 10:14 pm

    da Il Fatto Quotidiano, 18 giugno 2018
    Stadio Roma, la sindaca Raggi convocata per la seconda volta in procura. Bonafede: “Lanzalone lo scelse lei”.
    Nell’interrogatorio della scorsa settimana, la prima cittadina aveva ribadito che Lanzalone gli era stato indicato dagli esponenti degli M5S, Riccardo Fraccaro e Alfonso Bonafede, all’epoca dei fatti – inizio 2017 – responsabili per il Movimento degli enti locali. Ora, secondo quanto ipotizzano le agenzie di stampa, è probabile che i pm capitolini vogliano risentire la sindaca alla luce di quanto detto da Luca Lanzalone venerdì scorso al gip: https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/18/stadio-roma-virginia-raggi-convocata-per-la-seconda-volta-in-procura/4435731/

  11. giugno 19, 2018 alle 2:48 pm

    da Tiscali Notizie, 19 giugno 2018
    Il super consulente arrestato e l’incontro con il premier Conte poche ore dopo il giuramento: “Mi serve la sua firma”.
    Nell’ultima informativa dei carabinieri l’avvocato Lanzalone in quota 5 Stelle racconta ad un collega di aver conosciuto il premier alla parata militare del 2 giugno. “Una volta insediato avrò bisogno della sua firma sui fanghi”. Si tratta di un’autorizzazione legata all’area del progetto nel nuovo stadio. Nelle intercettazioni i due avvocati raccontano anche delle promesse fatte da “Alfonso per mettere su la squadra al ministero. Ieri sera nuova convocazione in procura per Virginia Raggi. Bonafede: “Nulla da spiegare”. E smentisce la sindaca: “Fu lei a scegliere il super consulente”. (Claudia Fusani): http://notizie.tiscali.it/politica/articoli/superconsulente-premier-conte/

  12. giugno 20, 2018 alle 11:41 pm

    da Il Fatto Quotidiano, 20 giugno 2018
    Stadio della Roma, Bonafede sentito dai pm prima degli arresti per chiarire la nomina di Lanzalone.
    Il guardasigilli convocato prima degli arresti per chiarire l’incarico dell’ex presidente Acea: “Lo presentai alla sindaca ma lo scelse lei”: https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/bonafede-sentito-dai-pm-sulla-nomina-di-mr-wolf/

  13. giugno 21, 2018 alle 3:57 pm

    A.N.S.A., 21 giugno 2018
    Stadio Roma: dg Comune, Lanzalone seguì iter fino aprile.
    Era già presidente Acea. “Con lui parlavo anche di Atac”: http://www.ansa.it/lazio/notizie/2018/06/21/dg-lanzalone-su-stadio-fino-aprile_16738fcf-b132-4106-b024-bd90e9904836.html

    ————–

    Per pm nessuno stop a progetto stadio.
    Lo hanno assicurato pubblici ministeri nel corso di un incontro: http://www.ansa.it/lazio/notizie/2018/06/21/per-pm-nessuno-stop-a-progetto-stadio_aec5095d-4f93-472f-af30-3fe11524af99.html

  14. giugno 21, 2018 alle 10:30 pm

    da La Stampa, 21 giugno 2018
    Stadio della Roma, scarcerato il braccio destro di Parnasi: “Ha collaborato con gli inquirenti”.
    Luca Caporilli va ai domiciliari: intanto il presidente di Eurnova si è dimesso. (Edoardo Izzo): http://www.lastampa.it/2018/06/21/italia/stadio-della-roma-scarcerato-il-braccio-destro-di-parnasi-ha-collaborato-con-gli-inquirenti-j1Ijngx1t5Pfk6hLhg1K3M/pagina.html

  15. giugno 25, 2018 alle 10:48 pm

    A.N.S.A., 25 giugno 2018
    Gip, su Lanzalone prove schiaccianti: “dichiarazioni contrastanti con dati probatori acquisiti”: http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2018/06/25/gip-su-lanzalone-prove-schiaccianti_8ca6e734-630b-4300-acf0-f1a734df40b7.html

    _______________

    da La Stampa, 26 giugno 2018
    Inchiesta stadio della Roma, restano in carcere i 4 collaboratori di Parnasi: non collaborano.
    Sono accusati di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione: http://www.lastampa.it/2018/06/26/roma/inchiesta-stadio-della-roma-restano-in-carcere-i-collaboratori-di-parnasi-non-collaborano-K5kJjrSLSdxVfGvgTvNy1N/pagina.html

  16. giugno 28, 2018 alle 2:46 pm

    da Il Corriere della Sera, 28 giugno 2018
    Stadio Roma, Parnasi adesso collabora: interrogato per quasi 6 ore.
    Il costruttore, trasferito da San Vittore a Rebibbia, parla dei suoi rapporti con i politici. L’interrogatorio riparte oggi. (Fulvio Fiano): https://www.corriere.it/cronache/18_giugno_27/stadio-roma-parnasi-adesso-collabora-interrogato-quasi-6-ore-0cfba072-7a4e-11e8-b751-1a567fb9343a.shtml

    __________________________

    A.N.S.A., 28 giugno 2018
    Parnasi ai magistrati, ‘ho pagato tutti i partiti’. Il costruttore ammette le dazioni per accreditarsi: http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2018/06/28/parnasi-ai-magistrati-ho-pagato-tutti-i-partiti_1d5127d1-5e7d-4060-ad1b-5d884f8627f8.html

  17. luglio 17, 2018 alle 11:27 pm

    un po’ di sano buon senso.

    da Il Fatto Quotidiano, 17 luglio 2018
    Roma, lo Stadio Flaminio verso la tutela della Soprintendenza: “Si riconosce il valore dell’opera. Ora il recupero”.
    Da simbolo di modernità e innovazione, negli anni lo Stadio Flaminio è diventato un esempio di incuria: venne realizzato in vista della XVII Olimpiade, ma dagli anni ’70 ospitò la nazionale di rugby italiana, per poi cadere progressivamente in disuso: https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/07/17/roma-lo-stadio-flaminio-verso-la-tutela-della-soprintendenza-si-riconosce-il-valore-dellopera-ora-il-recupero/4499515/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: