Soldi sporchi sulle coste della Sardegna.


Oloturia (Holothuria poli)

Oloturia (Holothuria poli)

Anche questa è un po’ la scoperta dell’acqua calda.

La mafia, anzi, le mafie in Sardegna esistono e fanno affari.

Lo testimoniano le indagini svolte e in corso da parte della Direzione distrettuale antimafia, nonché provvedimenti giudiziari.

Lo testimonia la recente (2013) relazione conclusiva dei lavori della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali, anche straniere.

Lo testimoniano, purtroppo, i recenti procedimenti penali riguardanti i soldi ripuliti dai Casalesi sulle coste, ma non mancano gli investimenti di organizzazioni criminali locali.

La Direzione distrettuale antimafia di Cagliari, la Polizia di Stato, la Guardia di Finanza hanno effettuato complessivamente 27 arresti (tra il marzo e il dicembre 2016), sequestri di immobili e di un resort sulle coste ogliastrine (l’Ogliastra Beach) per un valore di circa 15 milioni di euro ritenuti provenienti da attività criminali di un’organizzazione made in Sardinia.

Tutto frutto di un abbaglio?

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

A.N.S.A., 19 dicembre 2016

Banda assalto portavalori: 4 arresti. Operazione della Polizia e della Guardia di Finanza.

Quattro persone arrestate e 15milioni di euro di beni sequestrati. È il colpo messo a segno dalla Polizia di Cagliari e dalla Guardia di finanza di Nuoro a carico della banda dei portavalori. Il sequestro nei confronti di due capibanda, già arrestati il 20 marzo scorso. Sotto chiave è finito anche un favoloso resort sul mare. I quattro arrestati, invece, sono accusati di aver riciclato il denaro delle rapine.

Fra i destinatari del provvedimenti restrittivi, eseguiti da Squadra mobile e Fiamme gialle, ci sono amici e parenti dell’ex vicesindaco di Villagrande Strisaili, Giovanni Olianas, già finito in manette a marzo. Le misure cautelari sono state emesse dal Gip Cristina Ornano, su richiesta del sostituto procuratore presso la Direzione Distrettuale antimafia di Cagliari, Danilo Tronci, che ha coordinato le indagini.

GLI ARRESTATI – C’è anche la moglie dell’ex vicesindaco di Villagrande Strisaili, nel nuorese, Giovanni Olianas, fra le persone arrestate questa mattina nell’ambito dell’indagine sugli assalti ai portavalori condotta dalla Polizia e dalla Guardia di finanza.

Ai domiciliari con l’accusa di riciclaggio sono finiti Silvana Conti, di 41 anni, moglie dell’ex vicesindaco arrestato nel marzo scorso; Roberto Serra, di 52, di Quartu, imprenditore intestatario del complesso alberghiero Ogliastra Beach a Cardedu; Tania Serra, di 32, di Loiri Porto San Paolo, compagna di Luca Arzu (già arrestato per gli assalti ai portavalori nel marzo scorso) e Nicolò Pasquale Bellu, di 48, di Aggius, commercialista di Luca Arzu, l’uomo che si sarebbe occupato di investire anche all’estero il denaro delle rapine e che avrebbe addirittura assunto come ragioniere lo stesso Arzu per dimostrare che non era nullatenente.

ECCO COME VENIVA RICICLATO IL DENARO – Un resort da favola acquistato da un nullatenente di 24 anni nel 1988 in Ogliastra, sei appartamenti sulla costa gallurese, auto, moto, ma anche conti correnti bancari, polizze assicurative. E’ il patrimonio da circa 15 milioni di euro sequestrato oggi dalle Squadre mobili di Cagliari e Nuoro e dal Nucleo di Polizia tributaria della Gdf di Nuoro.

I beni sono riconducibili all’ex vicesindaco di Villagrade Strisaili, nel nuorese, Giovanni Olianas, e a Luca Arzu, considerati i capi della banda che assaltò portavalori a Irgoli nel 2016 e il caveau della Vigilanza Sardegna di Nuoro nel 2015: banda sgominata il 19 marzo scorso con 23 arresti. Da quel momento la Polizia e la Guardia di finanza non hanno mai smesso di lavorare, nel tentativo di individuare i complici che li aiutavano a riciclare il denaro.

L’ex vicesindaco, secondo quanto accertato dagli investigatori, non ha mai ostentato un tenore di vita alto. Aveva uno stipendio fisso da impiegato forestale e un gettone di presenza per la sua attività politica. Ma del denaro percepito regolarmente non avrebbe utilizzato nemmeno un euro, senza mai prelevare denaro dai conti correnti, nonostante fosse sposato e padre di tre figli. Usava, invece, i soldi in contanti delle rapine. Roberto Serra (imprenditore arrestato questa mattina) gli aveva detto più volte, comunque, di prelevare soldi almeno una volta al mese per non destare sospetti. Proprio Serra, secondo quanto accertato dalle indagini, avrebbe gestito per conto di Olianas il resort Ogliastra Beach.

La società Calalunas, invece, che apparteneva alla moglie di Olianas, Silvana Conti, gestiva il resort. Poco dopo l’arresto del marito la donna ha rigirato la Calalunas ad una terza persona, per non destare sospetti.

Luca Arzu sarebbe stato, invece, meno attento di Olianas: a fronte di redditi inesistenti, infatti, spendeva ingenti somme di denaro per settimane bianche, vacanze a Venezia e viveva nel lusso. Il suo commercialista, Pasquale Nicolò Bellu, aveva investito per lui denaro in una società Lettone. Inoltre lo avrebbe assunto come ragioniere per non farlo risultante nullatenente. Tania Serra, compagna di Arzu, infine, si sarebbe occupata di far arrivare i soldi al commercialista ed effettuare i bonifici all’estero.

 

Sardegna, coste, dune

Sardegna, coste, dune

(foto S.D., archivio GrIG)

Advertisements
  1. Mara
    dicembre 19, 2016 alle 9:06 pm

    Nausea è la parola giusta.

  2. dicembre 20, 2016 alle 2:48 pm

    da L’Unione Sarda, 19 dicembre 2016
    Denaro sporco per ville e resort: quattro arresti e sequestro di beni. (Matteo Vercelli): http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/12/19/denaro_sporco_per_ville_e_resort_quattro_arresti_e_sequestro_di_b-68-554183.html

    ____________

    da La Nuova Sardegna, 19 dicembre 2016
    Assalti ai portavalori, sequestrati beni per 15 milioni di euro e un resort sul mare.
    Guardia di finanza di Nuoro e polizia di stato di Nuoro e Cagliari hanno arrestato per riciclaggio quattro persone e messo i sigilli al patrimonio dei due capibanda finiti in carcere lo scorso marzo insieme ad altri 20 complici. In manette un 52enne di Quartu, la compagna 46enne dell’ex vice sindaco di Villagrande Strisaili, un commercialista di Aggius e una 32enne di Loiri Porto San Paolo compagna di Luca Arzu: http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2016/12/19/news/assalti-ai-portavalori-sequestrati-beni-per-15-milioni-di-euro-e-resort-sul-mare-1.14592070

    ______________

    da Sardinia Post, 19 dicembre 2016
    Banda dei portavalori: quattro arresti e 15 milioni di beni sequestrati. (Pablo Sole): http://www.sardiniapost.it/cronaca/banda-dei-portavalori-quattro-arresti-e-15-milioni-di-beni-sequestrati/

    ————–

    Assalto ai portavalori, ecco come veniva riciclato il denaro: http://www.sardiniapost.it/correlati-slider/assalto-ai-portavalori-veniva-riciclato-denaro/

    ———

    Le società lussemburghesi del commercialista della banda Olianas: http://www.sardiniapost.it/inchieste/esclusivo-le-societa-lussemburghesi-del-commercialista-della-banda-olianas/

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: