Home > acqua, aree urbane, difesa del territorio, inquinamento, rifiuti, salute pubblica, società, sostenibilità ambientale > Ancora e sempre roghi di rifiuti lungo la S.S. n. 554: fino a quando?

Ancora e sempre roghi di rifiuti lungo la S.S. n. 554: fino a quando?


Cagliari, campo nomadi abusivo, scarico di rifiuti da un furgone (15 novembre 2015)

Cagliari, campo nomadi abusivo, scarico di rifiuti da un furgone (15 novembre 2015)

Le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra hanno inoltrato (24 novembre 2015) un nuovo esposto con la richiesta di interventi rapidi e risolutori nei confronti dei roghi che vengono appiccati a cumuli di rifiuti presso il campo nomadi abusivo vicino alla S. S. n. 554, nel territorio comunale di Cagliari.

Coinvolti il Comune di Cagliari, i Carabinieri del N.O.E., il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, nonché la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari.

Infatti, ancora roghi, a tutte le ore del giorno, che affumicano i quartieri di Mulinu Becciu (Cagliari) e Su Planu (Selargius), come già denunciato nell’estate scorsa (31 luglio 2015) dalle associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra.    Ancora pericoli per la salute, ancora degrado, con cittadini che si sentono impotenti e Istituzioni che non sempre svolgono un’adeguata attività di controllo e di prevenzione di tali fenomeni illeciti.

Infatti, mai come in casi del genere, così dannosi per la salute pubblica, la prevenzione è obbligatoria, poiché tutti gli interventi successivi potrebbero essere tardivi e inserirsi in situazioni già gravemente compromesse sia sotto il profilo ambientale che sanitario, oltre che sotto quello sociale. Per non parlare degli eventuali, pesanti costi delle bonifiche ambientali delle aree interessate.

Cagliari, campo nomadi abusivo, accatastamento di rifiuti (15 novembre 2015)

Cagliari, campo nomadi abusivo, accatastamento di rifiuti (15 novembre 2015)

Come noto, già in passato, l’area lungo la strada statale n. 554 è stata interessata da un fenomeno di grave inquinamento ambientale, legato allo svolgimento all’interno del campo nomadi comunale di Cagliari di un’illecita attività di incenerimento di rifiuti, con la realizzazione una vera e propria discarica abusiva. Gli effetti dell’inquinamento ambientale si sono riversati per lunghi anni sul quartiere cagliaritano di Mulinu Becciu e sulle varie attività imprenditoriali della zona, con gravi rischi per la salute pubblica, tanto da esser oggetto di reiterate azioni legali delle associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus a sostegno dei cittadini inquinati, accompagnate da proficui incontri con il Sindaco di Cagliari Massimo Zedda e con il Procuratore della Repubblica Mauro Mura (estate 2011).

Le conseguenti indagini della magistratura hanno portato ad accertare un vasto traffico illecito di rifiuti pericolosi e hanno indotto  il G.I.P. del Tribunale di Cagliari ad adottare con il decreto del 31 maggio 2012 la misura cautelare del sequestro preventivo dell’area (art. 321 cod. proc. pen.).

Cagliari, campo nomadi abusivo, rogo di rifiuti (15 novembre 2015)

Cagliari, campo nomadi abusivo, rogo di rifiuti (15 novembre 2015)

Come riconosciuto dall’Autorità Giudiziaria nel provvedimento di sequestro, oltre alla sussistenza della fattispecie illecita, la persistenza della situazione avrebbe potuto portare a intuitivi peggioramenti delle condizioni ambientali e igienico-sanitarie posto che “la situazione di pericolo per la salute umana e di grave compromissione dell’ambiente naturale in tutte le sue componenti, aria, acqua, suolo e sottosuolo, non è solo una conclusione suggerita dall’esperienza e dal senso comune – ciò di fronte alla situazione più sopra rappresentata sarebbe di per sé sufficiente a giustificare il provvedimento cautelare richiesto – ma attestata dalle ripetute segnalazioni inviate dalla A.S.L. al sindaco di Cagliari”.

Pertanto, riteniamo sia necessario prevenire una nuova situazione di degrado ambientale altamente rischiosa per la salute pubblica dei residenti e di tutti coloro che anche per ragioni di lavoro, si trovano a dover trascorrere gran parte del tempo nell’area interessata dai roghi, e quindi di intensificare l’attività di vigilanza sull’area, al fine di evitare ulteriori fenomeni di degrado e pericolo.

A questo punto, ogni giorno che passa crescono i pericoli ambientali e sanitari.

Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

Cagliari, incendio di rifiuti lungo la S. S. n. 554 (luglio 2015)

Cagliari, incendio di rifiuti lungo la S. S. n. 554 (luglio 2015)

 

L'Unione Sarda, 13 febbraio 2016, rom

(foto per conto GrIG)

Annunci
  1. capitonegatto
    novembre 25, 2015 alle 11:15 am

    Gli abitanti dei quartieri interessati sono andati a protestare davanti al comune ? Quali sono gli interventi , se promessi, dalla amministrazione comunale , che paradossalmente si fa mettere sotto sequestro un suo territorio ? O si aspetta che scatti l’ormai famoso intervento di bonifica ambientale, che si sa non bonifica niente, ma serve per dare guadagni a qualche ruspa..nte imprenditore ?

  2. novembre 25, 2015 alle 3:03 pm

    da L’Unione Sarda, 25 novembre 2015
    ESPOSTO. «Campo nomadi i roghi inquinano». (http://www.comunecagliarinews.it/rassegnastampa.php?pagina=48062)

    «Ancora pericoli per la salute, ancora degrado, cittadini impotenti e istituzioni che non sempre svolgono un’adeguata attività di controllo e di prevenzione di tali fenomeni illeciti». Lamentano tutto questo e anche tanto altro le associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico onlus e Amici della Terra che ieri mattina si sono rivolte nuovamente alla Procura della Repubblica per denunciare il pericolo di inquinamento alle porte della città. Nell’esposto consegnato al terzo piano del Palazzo di giustizia vengono chiesti interventi rapidi e risolutori per mettere fine ai numerosi roghi di cumuli di rifiuti nel campo nomadi vicino alla strada statale 554.
    «Riteniamo necessario prevenire una nuova situazione di degrado ambientale», scrivono gli ecologisti, «altamente rischiosa per la salute pubblica dei residenti e di tutti coloro che, anche per ragioni di lavoro, si trovano a dover trascorrere gran parte del tempo nell’area interessata». (v. n.)

    ____________________________________________________________________

    da Sardinia Post, 24 novembre 2015
    Campo nomadi abusivo sulla 554, Grig: “Ancora roghi di rifiuti: fino a quando?”: http://www.sardiniapost.it/in-evidenza-13/campo-nomadi-abusivo-sulla-554-grig-ancora-roghi-di-rifiuti-fino-a-quando/

    _____________________________________________________________

    da Sardegna Oggi, 24 novembre 2015
    Ss 554, rifiuti bruciati nel campo nomadi abusivo. Denuncia ambientalista: http://www.sardegnaoggi.it/Cronaca/2015-11-24/30917/Ss_554_rifiuti_bruciati_nel_campo_nomadi_abusivo_Denuncia_ambientalista.html

    _____________________________________________________________

    da CagliariPad, 24 novembre 2015
    Allarme ecologisti: “Roghi da campo nomadi 554, pericoli per la salute”.
    “A tutte le ore del giorno, che affumicano i quartieri di Mulinu Becciu (Cagliari) e Su Planu (Selargius)”, denunciano; “ancora pericoli per la salute, ancora degrado”: http://www.cagliaripad.it/news.php?page_id=23837

    ________________________________________________________________

    da Casteddu online, 24 novembre 2015
    Continui roghi nel campo rom abusivo di Cagliari: il caso in Procura
    Dossier degli ecologisti del Gruppo di Intervento Giuridico: perchè si continuano a tollerare gli incendi nel campo nomadi abusivo della statrale 554?: http://www.castedduonline.it/area-vasta/oltre-la-554/29564/continui-roghi-nel-campo-rom-abusivo-di-cagliari-il-caso-in-procura.html#sthash.9mgOhPb5.dpuf

  3. Carlo Forte
    novembre 26, 2015 alle 9:34 am

    Se quei fuochi li avesse appiccati un cittadino qualsiasi sarebbe già dentro.Non è razzismo,ma è ora che qualcuno li faccia smettere,per rispetto di chi vive nei dintorni e non

  4. dicembre 15, 2015 alle 2:58 pm

    a Sassari.

    A.N.S.A., 15 dicembre 2015
    Roghi e discarica abusiva, 13 persone arrestate.
    Operazione carabinieri a Sassari con provvedimenti restrittivi: http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2015/12/15/discariche-abusive-13-persone-indagate_f2afeb71-edbf-4176-9dd7-6e8519954177.html

    ____________________________________________________________

    da La Nuova Sardegna, 15 dicembre 2015
    Bruciavano rifiuti nel campo nomadi e i fumi finivano nell’ospedale: 13 arrestati.
    Sassari, i carabinieri sono intervenuti in seguito alle numerose segnalazioni per il fumo proveniente dal campo nomadi di Piandanna che aveva reso insalubre l’aria in particolare nei reparti di Neonatologia e Terapia intensiva: http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2015/12/15/news/bruciavano-rifiuti-nel-campo-nomadi-e-i-fumi-finivano-in-ospedale-13-arrestati-1.12622995

    _________________________________________________________________________

    da Sardinia Post, 15 dicembre 2015
    Sassari, piccola “terra dei fuochi”: 12 arresti per combustione illecita di rifiuti: http://www.sardiniapost.it/cronaca/sassari-piccola-terra-dei-fuochi-12-arresti-per-combustione-illecita-di-rifiuti/

    —————————————————————————-

  5. dicembre 20, 2015 alle 10:45 pm

    con nota del 2 dicembre 2015 la Sezione ambientale del Corpo di Polizia municipale di Cagliari ha reso noto di aver provveduto a denunciare all’Autorità giudiziaria competente “le violazioni penali riscontrate” e di aver segnalato i fatti al Servizio Edilizia privata e al Servizio Igiene del suolo del Comune di Cagliari per i provvedimenti di competenza.
    “Per altro il sito continua a esser monitorato dal personale della Sezione, purtroppo con scarsi risultati, vista la morfologia dello stesso e gli orari in cui vengono effettuati gli sbruciamenti di rifiuti, che permette di individuare in anticipo eventuali controlli, impedendo agli operatori di P.G. di identificare il o i responsabili”.

  6. febbraio 13, 2016 alle 6:50 pm

    da L’Unione Sarda, 13 febbraio 2016
    Veleni e pericoli nel campo nomadi abusivo mai chiuso sulla 554. (Matteo Vercelli): http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2016/02/13/veleni_e_pericoli_nel_campo_nomadi_abusivo_mai_chiuso_sulla_554-68-468245.html

  7. marzo 17, 2016 alle 3:01 pm

    discariche abusive e rifiuti inquinanti, compresi quelli presso i campi nomadi.

    Buongiorno Sardegna, RAI 3, 16 marzo 2015
    ore 7.30: http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/basic/PublishingBlock-c9be07a1-4453-4cfd-b296-30d47339bd1a-archivio.html?smtarget=buongiorno-regione&item=ContentItem-766c23bf-32b6-4bc0-8968-261beba674a6#

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: