Per decenza, correggete quel cartello!


Foresta demaniale "Sette Fratelli", cartello informativo sul Grifone (ottobre 2015)

Foresta demaniale “Sette Fratelli”, cartello informativo sul Grifone (ottobre 2015)

Foresta demaniale dei Sette Fratelli, gestita dall’Ente Foreste della Sardegna, una mattina di ottobre 2015.

Una splendida foresta mediterranea, con i colori, i suoni, gli odori della Terra e della Natura.

Un cartello posto su uno dei sentieri attira l’attenzione: “Il Grifone … Areale di distribuzione: oggi è presente solamente nella Sardegna costiera Nord Occidentale, tra Bosa e Capo Caccia. Gli esemplari presenti in Sardegna sono stati importati dalla Spagna e dalla Francia.

Grifone (Gyps fulvus)

Grifone (Gyps fulvus)

“… importati dalla Spagna e dalla Francia”?   Ma da dove salta fuori questa “perla” d’informazione?

Grazie al Cielo, il Grifone (Gyps fulvus) è autoctono, la colonia nidificante fra Bosa e Alghero c’è da sempre.

Come ricorda lo stesso sito web istituzionale Sardegna Foreste, “nel 1987 e 1989 con un progetto di ‘Restocking’ effettuato in collaborazione dalla L.I.P.U. (Lega Italiana Protezione Uccelli) e dalla Regione Sardegna, sono stati immessi nel Monte Ferru di Cuglieri 36 Grifoni provenienti dalla Spagna e dalla Francia.

Gli esemplari immessi nel Montiferru (pochi, diversi sono rimasti per anni nella voliera) sono confluiti nella colonia che nidifica sulle alte coste di Bosa.

Per cortesia e per decenza, correggete quel cartello…

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

Grifone (Gyps fulvus)

Grifone (Gyps fulvus)

 

Sette Fratelli, Foresta demaniale, sentiero nel bosco

Sette Fratelli, Foresta demaniale, sentiero nel bosco

 

aggiornamento: è passato un mese e non è cambiato nulla (29 novembre 2015)

Foresta demaniale "Sette Fratelli", cartello didattico sul Grifone con richiesta di correzione

Foresta demaniale “Sette Fratelli”, cartello didattico sul Grifone con richiesta di correzione

(foto S.D., archivio GrIG)

Annunci
  1. novembre 2, 2015 alle 6:01 pm

    è pervenuta una pronta risposta da parte dell’Ente Foreste della Sardegna – Servizio territoriale di Cagliari, che assicura un immediato interessamento: è stata già effettuata una “verifica sul campo da parte della direzione lavori della Foresta Demaniale ma da un primo controllo non sembrerebbe un cartello apposto dall’Ente Foreste anche perchè è ampiamente noto e confermato quanto da Voi osservato”.

    Ringraziamo l’Ente Foreste della Sardegna – Servizio territoriale di Cagliari per il rapido intervento e auspichiamo una correzione della cartellonistica, sia per una corretta informazione, ma anche per sottolineare la positiva azione svolta proprio dall’E.F.S. per la salvaguardia del “nostro” Grifone 😉

  2. Terrae
    novembre 3, 2015 alle 9:33 am

    Bel colpo GrIG!

    Ma se in Sardegna c’è poca acqua, c’era bisogno c’era di farci portare da Spagna e Francia altri rubinetti!?

    Ajò, rimettiamo in funzione i grifoni delle fontanelle pubbliche.

    😮 🙂 😀 😀 😀

  3. Luca Carta Escana
    novembre 3, 2015 alle 6:15 pm

    Con una segnalazione pure a Sardegna Foreste, la quale storpia allegramente il nome della regione del Montiferru. Alla faccia del sito istituzionale sardo.

  4. Terrae
    novembre 4, 2015 alle 11:15 am

    Luca Carta Escana, più in generale, solleva un problema non da poco.

    La toponomastica isolana è vittima di ignoranza e sciatteria già dentro le sedi istituzionali di Regione, Comuni e altre istituzioni locali e nazionali.

    Per rendersene conto è sufficiente dare una scorsa, a mò d’esempio, alla Carta Tecnica Regionale 1:10000, un documento ufficiale basilare, pagato con i soldi di tutti, strapieno di errori e strafalcioni.

    Un esempio tra i tanti.

    Comune di Fluminimaggiore (CI); nei pressi della stazione balneare di Portixeddu la spiaggia di SA PERDIXEDDA è un punto di controllo delle acque di balneazione.

    Sul Portale Acque del Ministero della Salute il toponimo cambia in SA PERDISCHEDDA.

    Ancora peggio (visto che è cosa di casa nostra), sulla Carta Tecnica Regionale (F°546, tav. 130) il toponimo (ufficiale!) è storpiato in SA PERDISCXEDDA.

    Alla faccia dell’identità! … i cartografi Piemontesi fecero molti meno danni. Sicuro.

    • Terrae
      novembre 10, 2015 alle 8:50 pm

      Per decenza mi correggo da solo.

      Sentiti alcuni conoscenti di Fluminimaggiore, pare che il toponimo della spiaggia sia proprio SA PERDISCHEDDA (nel senso di una pietra o roccia non piccolissima).

      Mi scuso e faccio ammenda, anche se resta l’errore sulla Carta Tecnica Regionale.

  5. novembre 29, 2015 alle 10:55 pm

    c’è un aggiornamento.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: