Home > alberi, aree urbane, beni culturali, coste, difesa del territorio, difesa del verde, mare, paesaggio, pianificazione, società, sostenibilità ambientale > Santa Lucia di Siniscola, borgo “riqualificato” con ruspe e cemento?

Santa Lucia di Siniscola, borgo “riqualificato” con ruspe e cemento?


Siniscola, Santa Lucia

Siniscola, Santa Lucia

Santa Lucia è un piccolo borgo sul litorale di Siniscola (NU).

Da tempo incombe un piano di riqualificazione d’iniziativa comunale che non pare proprio rispecchiare il contesto dei luoghi e le richieste dei residenti.

Grazie all’attuale piano urbanistico comunale – P.U.C. – oggetto di vari ricorsi delle associazioni ecologiste Gruppo d’Intervento Giuridico e Amici della Terra e del locale Comitato Salviamo il Borgo di  S. Lucia – entro l’attuale pineta litoranea (circa 6 ettari, realizzata a partire dal 1934 con finalità di difesa idrogeologica) sono previsti due strutture a carattere ricettivo e servizi connessi (mc. 20.584 complessivi), viabilitàparcheggiservizi, l’incremento delle volumetrie per servizi pubblici (10%) entro i campeggi esistenti.

Santa Lucia, alberghi in progetto

Santa Lucia, alberghi in progetto

La realizzazione di strutture residenziali permanenti (30% della ricettività) entro i medesimi campeggi ha determinato una dura contestazione popolare raccolta intorno al Comitato Salviamo il Borgo di Santa Lucia con una petizione che ha raccolto oltre 7.000 adesioni.

Un primo taglio di alberi (aprile 2011), non autorizzato, aveva causato la rapida reazione popolare ed ecologista e aveva visto il successivo sequestro preventivo dell’area interessata.

Ora le ruspe riaccendono i motori e noi, come sempre, siamo al fianco dei componenti del locale Comitato che cerca di preservare i valori ambientali e paesaggistici del posto dove vivono.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

Santa Lucia, alberi tagliati senza autorizzazione (aprile 2011)

Santa Lucia, alberi tagliati senza autorizzazione (aprile 2011)

 

Il Comitato Salviamo il borgo di Santa Lucia sente il bisogno di intervenire al fine di chiarire in modo incontrovertibile la propria posizione nei confronti del piano di riqualificazione della frazione.

Il Comitato, composto in gran parte da persone che vivono Santa Lucia con continuità, è quanto mai consapevole della necessità di un intervento volto ad arginare il progressivo degrado determinato da anni di incuria amministrativa.

Già dalla presentazione del progetto preliminare, nell’unico incontro che la giunta comunale ha avuto con gli abitanti del borgo, diversi esponenti del Comitato hanno manifestato dubbi e perplessità, che si sono accentuati in seguito all’analisi degli elaborati progettuali. E proprio nella consapevolezza dell’indispensabilità di una pianificazione degli obiettivi partecipata,  sviluppata attraverso il confronto e la condivisione tra chi elabora e chi fruisce il progetto aveva chiesto, anche a mezzo stampa, un incontro pubblico agli amministratori per individuare, attraverso un contradditorio autenticamente democratico, soluzioni adeguate a risolvere bisogni e necessità reali, non invasive del contesto nel quale debbono essere adottate. Richiesta alla quale gli amministratori non si sono mai degnati di dare risposta alcuna.

Rinchiusi nel recinto ideologico del fare compulsivo, sindaco e assessori hanno continuato a ripetere, come una insignificante litania, la favoletta di una riqualificazione in grado di trasformare il volto di Santa Lucia, nonché  di rappresentare il volano per uno sviluppo turistico capace di creare lavoro e sviluppo.

Santa Lucia, progetto riqualificazione del borgo, simulazione

Santa Lucia, progetto riqualificazione del borgo, simulazione

Ma un luogo bello non si cambia: Santa Lucia non ha bisogno di essere mutata nella sua essenza, non ha bisogno di operazioni di facciata che la trasformino in una vetrina slegata dal proprio contesto identitario.

Ci pare assurdo che  la maggior parte delle risorse stanziate venga destinata alla realizzazione di una piattaforma in calcestruzzo lavato nella parte centrale del lungomare. Valutiamo scellerata la scelta di costruire tre assi stradali all’interno della pineta con il conseguente abbattimento di un cospicuo numero di alberi.

Santa Lucia necessita, invece, di interventi urgenti, diretti al recupero dell’esistente nel rispetto delle sue peculiarità ambientali e storico-culturali.

Più volte il Comitato ha cercato di riportare l’attenzione sugli interventi essenzialmente prioritari, facendo proposte concrete e circostanziate. Ancora una volta, per mezzo del manifesto apparso nei giorni scorsi sui muri di Siniscola, si sono volute ribadire alcune delle vere criticità del paesino senza intenti denigratori o polemici. Criticità che, preme ricordare, vengono affrontate solo parzialmente dal piano approntato dal Comune.

Santa Lucia, progetto riqualificazione del borgo, simulazione

Santa Lucia, progetto riqualificazione del borgo, simulazione

 

Non si può non ricordare che la rete fognaria, malfunzionante e insufficiente, sarà oggetto di un rifacimento parziale  che interesserà esclusivamente la parte centrale del lungomare. Tale intervento, peraltro, rientra tra quelli integrativi e migliorativi e non tra le nove aree funzionali individuate dal progetto di recupero complessivo.

Santa Lucia, Torre aragonese

Santa Lucia, Torre aragonese

Così come, soltanto tra gli interventi integrativi, rientrano sia  l’adeguamento della rete di smaltimento delle acque bianche che la realizzazione dell’ingresso principale.     Mentre il piano, addirittura nulla prevede per arginare il fenomeno erosivo della spiaggia adiacente al nucleo urbano, il deterioramento della pineta che circonda il borgo, determinato dalla mancata gestione del carico antropico, né per il recupero della Torre aragonese, sotto la quale già da un anno penzola il cartello “edificio pericolante”.

Ora, se si considera che la cifra  destinata ai lavori, a seguito di un ribasso di gara del 5,515%, è pari a euro 1.776.318,00 e che con tale importo si dovrà far fronte sia agli interventi individuati dalle nove aree funzionali del progetto di riqualificazione, che a quelli integrativi e migliorativi individuati nella relazione della CO.I.R., impresa aggiudicataria dei lavori, è lecito prevedere  che una parte di quanto pianificato rimarrà del tutto inattuato.

Santa Lucia, litorale

Santa Lucia, litorale

Il Comitato Salviamo il borgo di Santa Lucia è  assolutamente favorevole a interventi diretti a limitare l’avanzante decadimento della frazione, ma ribadisce che un’operazione di riqualificazione urbana della borgata non può che essere inscindibilmente collegata al recupero dell’esistente e alla rivalutazione ambientale del territorio e, in quest’ottica, sollecita l’Amministrazione comunale a  indirizzare l’azione di esecuzione progettuale verso gli interventi che, concretamente si presentino come essenziali per eliminare i difetti strutturali che affliggono Santa Lucia, tralasciando, invece, le operazioni inutili e  meramente cementificatorie che comportano il sacrificio di aree verdi in nome di asfalto e parcheggi e che determinano uno stravolgimento dei tratti distintivi del paese.

In merito alle accuse mosse nei nostri confronti dall’amministrazione comunale, ci viene spontaneo rispondere con le parole di Giorgio Todde: “quando non si hanno argomenti ci si rifugia nei toni. E quando un discorso è fatto solo di toni può essere convincente per le orecchie di chi non si documenta e non ha memoria, ma non sarà mai solido. E prima o poi viene giù”.

Il Comitato, infine, fa presente a quanti volessero conoscere il progetto senza mistificatorie interposizioni che gli elaborati progettuali sono disponibili sul sito www.salviamosantalucia.org.

Comitato Salviamo Santa Lucia

 

Santa Lucia, litorale

Santa Lucia, litorale

(foto Comitato Salviamo S. Lucia)

  1. aprile 20, 2014 alle 11:06 am

    da Siniscola Notizie,
    Lunedì delle palme (tagliate) a Santa Lucia.
    Espiantate quelle davanti alla chiesetta. Per il comitato “se era necessario avrebbero dovuto farlo a luglio-agosto” (Gianfranca Orunesu): http://www.siniscolanotizie.net/notizie/attualita/625/lunedi-delle-palme-tagliate-a-santa-lucia

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: