Home > "altri" animali, biodiversità, coste, difesa del territorio, giustizia, Italia, paesaggio, parchi naturali, pianificazione, sostenibilità ambientale, zone umide > I siti della Rete Natura 2000 (S.I.C. e Z.P.S.) sono aree naturali protette.

I siti della Rete Natura 2000 (S.I.C. e Z.P.S.) sono aree naturali protette.


Arbus, Fluminimaggiore, Capo Pecora

Arbus, Fluminimaggiore, Capo Pecora

La Suprema Corte di cassazione ha confermato un recente importante orientamento giurisprudenziale (in precedenza vds. Cass. pen., Sez. III, 7 ottobre 2003, n. 44409) in campo ambientale.

Prima la sentenza Cons. Stato, sez. VI, 18 maggio 2012, n. 2885 aveva seguito contrario orientamento.

La sentenza Cass. pen., Sez. III, 14 marzo 2014, n. 11875 ha affermato che anche le zone umide d’interesse internazionale e le aree ricadenti nelle zone di protezione speciale, nelle zone speciali di conservazione devono considerarsi “aree naturali protette” ai sensi della legge n. 394/1991 e s.m.i., quindi tutelate anche ai sensi del decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i. (art. 142, comma 1°, lettera f).

Si tratta delle aree appartenenti alla Rete Natura 2000 (S.I.C., Z.P.S.), individuate ai sensi della direttiva n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat naturali e semi-naturali, della fauna e della flora e ai sensi della direttiva n. 2009/147/CE sulla tutela dell’avifauna selvatica.

Un importante elemento di rinforzo del sistema di protezione ambientale.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

 

 

 

Carloforte, Capo Sandalo

Carloforte, Capo Sandalo

 

dalla Rivista telematica di diritto ambientale Lexambiente, 27 marzo 2014

Cass. Sez. III n. 11875 del 12 marzo 2014 (Ud. 31 gen. 2014)
Pres. Gentile Est. Pezzella Ric. Lorè
Beni Ambientali. Aree naturali protette e ZPS

Il concetto di “aree naturali protette” è più  ampio di quello comprendente le categorie dei parchi nazionali, riserve naturali  statali, parchi naturali interregionali, parchi naturali regionali e riserve naturali  regionali, in quanto ricomprende anche le zone umide, le zone di protezione speciale, le zone speciali di conservazione ed altre aree naturali protette. Le ZPS – per principio ormai consolidato – rientrano nell’ambito delle aree  protette, in quanto “parchi e riserve” (art. 142 co. 1, lett. f) d. lgs. 42/2004).

 

qui la sentenza Cass. pen., Sez. III, 12 marzo 2014, n. 11875.

 

 

Cavallino della Giara (Equus caballus jarae) nelle acque di Pauli Piccia

Cavallino della Giara (Equus caballus jarae) nelle acque di Pauli Piccia

(foto S.D., archivio GrIG)

  1. marzo 31, 2014 alle 7:15 am

    ..interessante…grazie!

  2. Shardana
    aprile 1, 2014 alle 7:06 pm

    Allora come possono a molentargius stravolgere gli argini in quella maniera?

  3. Pietro Pirredda - Arzachena (Sardegna)
    aprile 3, 2014 alle 12:50 pm

    Scusate ma la Sentenza della Corte di Cassazione Penale è ben circostanziata ad un fatto specifico, in questo caso infatti la Suprema Corte si è espressa su una violazione del Codice Penale su mendaci dichiarazioni al fine di ottenere un ingiusto profitto dall’Abitazione fatta sorgere abusivamente in area SIC-ZPS. La Sentenza del Consiglio di Stato invece è a carattere amministrativo.
    Per la materia “caccia” insomma non ci si inventino strane cose perchè sul tema vale la Sentenza del Consiglio di Stato.

  4. Rudy Valfiorito
    aprile 4, 2014 alle 4:43 pm

    Come può essere un’area considerata protetta sul piano Penale e non su quello Amministrativo?

  5. aprile 4, 2014 alle 9:53 pm

    il principio giurisprudenziale espresso dalla Corte di cassazione è naturalmente valido sul piano interpretativo per l’intero ordinamento giuridico.

  6. Pietro Pirredda - Arzachena (ss)
    aprile 5, 2014 alle 10:21 pm

    Rudy Valfiorito :
    Come può essere un’area considerata protetta sul piano Penale e non su quello Amministrativo?

    Il dispositivo della Sentenza della Suprema corte – penale è in relazione ai piani di fabbricazione, PUC, ecc. I piani di attuabilitá edilizia tengono presente i vincoli ambientali, vale per le sic e zps come per le zone H, queste aree sono tutte territorio libero per l’attivitá venatoria. I vincoli di cui in sentenza riguardano solo la parte di edificabilitá nelle aree poste a vincolo, come i parchi in genere….

  1. maggio 4, 2014 alle 7:01 am
  2. maggio 4, 2014 alle 9:23 am
  3. aprile 20, 2017 alle 12:05 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: