Home > biodiversità, coste, difesa del territorio, Europa, giustizia, Italia, paesaggio, pianificazione, sostenibilità ambientale, zone umide > Gli interventi edilizi in assenza di valutazione di incidenza in aree S.I.C. sono abusivi e costituiscono reato.

Gli interventi edilizi in assenza di valutazione di incidenza in aree S.I.C. sono abusivi e costituiscono reato.


Arbus, dune di Piscinas-Scivu

Arbus, dune di Piscinas-Scivu

Importante pronunciamento della Suprema Corte di cassazione in tema di aree rientranti nella rete Natura 2000 (S.I.C. e Z.P.S.), ripreso dalla rivista telematica di diritto ambientale Lexambiente.

La sentenza Corte cass., sez. III, 21 marzo 2013, n. 13037 ha ribadito che la realizzazione di interventi di trasformazione del territorio in aree rientranti in siti di importanza comunitaria (S.I.C.) individuate ai sensi della direttiva n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli Habitat naturali e semi-naturali, la fauna, la flora in assenza di positiva conclusione della procedura di valutazione di incidenza (art. 5 del D.P.R. n. 357/1997, come modificato e integrato dal D.P.R. n. 120/2003) integra gli estremi del reato di cui all’art. 44, comma 1°, lettera b, del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.

Per analogia stesse considerazioni possono esser svolte riguardo le zone di protezione speciale (Z.P.S.), individuate ai sensi della direttiva n. 2009/147/CE sulla tutela dell’avifauna selvatica.

Gruppo d’Intervento Giuridico onlus

Arbus, Fluminimaggiore, Capo Pecora

Arbus, Fluminimaggiore, Capo Pecora

 

 

Cass. Sez. III n. 13037 del 21 marzo 2013 (cc. 26 feb. 2013)

Pres. Mannino Est. Fiale Ric. Pizzarelli

Urbanistica. Interventi in zone individuate come siti di interesse comunitario (SIC).

L’esecuzione di interventi edilizi in zone individuate come S.I.C. (siti di interesse comunitario), assentiti con permesso di costruire non preceduto dalla valutazione d’incidenza prevista dall’art. 5, comma 8, del d.P.R. n. 357/1997, integra il reato previsto dall’art. 44, 1° comma – lett. b), del T.U. n. 380/2001.

 

qui il testo integrale della sentenza Corte cass., sez. III, 21 marzo 2013, n. 13037

Gipeto (Gypaetus barbatus) e Grifoni (Gyps fulvus)

Gipeto (Gypaetus barbatus) e Grifoni (Gyps fulvus)

(foto R.A.S., S.D., archivio GrIG)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: